Nuctenea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Nuctenea
Spaltenkreuzspinne Nuctenea umbricata 1.jpg
Nuctenea umbratica
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Chelicerata
Classe Arachnida
Ordine Araneae
Sottordine Araneomorphae
Superfamiglia Araneoidea
Famiglia Araneidae
Sottofamiglia Araneinae
Tribù Araneini
Genere Nuctenea
Simon, 1864
Serie tipo
Araneus umbraticus
Clerck, 1757
Sinonimi

Cyphepeira
Archer, 1951

Specie

Nuctenea Simon, 1864 è un genere di ragni appartenente alla famiglia Araneidae.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il nome deriva dal latino nox, cioè notte, per le abitudini di vita notturna attiva.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le tre specie oggi note di questo genere sono state rinvenute in varie località della regione paleartica: la N. cedrorum è endemica dell'Algeria, le altre due hanno areali più vasti[1].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Rimossa dalla sinonimia con Araneus (Clerck, 1757) e considerata un sinonimo anteriore di Cyphepeira Archer, 1951, secondo lo studio degli esemplari di Araneus silvicultrix (C. L. Koch, 1844), venne descritta come sottogenere di Epeira o Araneus da un lavoro di Levi del 1974[1].

A dicembre 2013, si compone di tre specie e due sottospecie[1]:

Specie trasferite[modifica | modifica wikitesto]

  • Nuctenea cornuta (Clerck, 1757); trasferita al genere Larinioides Caporiacco, 1934[1].
  • Nuctenea ixobola (Thorell, 1873); trasferita al genere Larinioides Caporiacco, 1934.
  • Nuctenea patagiata (Clerck, 1757); trasferita al genere Larinioides Caporiacco, 1934.
  • Nuctenea sclopetaria (Clerck, 1757); trasferita al genere Larinioides Caporiacco, 1934.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Clerck, C., 1757 - Svenska spindlar, uti sina hufvud-slågter indelte samt under några och sextio särskildte arter beskrefne och med illuminerade figurer uplyste. Stockholmiae, 154 pp.
  • Koch, C.L., 1835 - Arachniden. In Herrich-Schäffer, G. A. W., Deutschlands Insekten. pp. 128–133.
  • Simon, 1864 - Histoire naturelle des araignées (aranéides). Paris, p. 1-540.
  • Franganillo B., P., 1909 - Arañas de la familia de los argiópidos, observadas junto á la desembocadura del Miño. Act. Mem. Congr. nat. esp. vol.1, p. 185-189.
  • Simon, E., 1929 - Les arachnides de France. Synopsis générale et catalogue des espèces françaises de l'Insektuto, Konchuaikokai vol.26, p. 14-18

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Artropodi Portale Artropodi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di artropodi