Mannoroth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mannoroth
Mannoroth.jpg
Mannoroth nel filmato di Warcraft III in cui fronteggia Grom Hellscream e Thrall
Universo Warcraft
Lingua orig. Inglese
Autore Blizzard Entertainment
Editore Blizzard Entertainment
Voci italiane
Specie Annihilan
Sesso Maschio
Abilità
  • forza e resistenza immense
  • grandi poteri magici

Mannoroth è un personaggio dell'universo di Warcraft creato da Blizzard Entertainment. È uno dei demoni più potenti mai esistiti; era il signore degli annihilan ed uno dei comandanti più importanti sotto il controllo di Archimonde.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Legione Infuocata, Guerra degli Antichi e Storia dell'universo di Warcraft § La nascita dell'Orda degli orchi.

Mannoroth fa la sua prima comparsa durante la Guerra degli Antichi; dopo il demone Hakkar, creatore dei fel stalker, fu il secondo comandante demoniaco evocato dagli Eletti su ordine di Sargeras, allo scopo di aiutarli nella creazione del portale atto all'arrivo della Legione Infuocata su Azeroth. Mannoroth non prese dunque parte diretta alla Guerra; tuttavia riuscì ad isolare il potere del Pozzo dell'Eternità solo agli Eletti, accelerando l'arrivo della Legione Infuocata e riuscendo infine a far giungere il primo luogotenente di Sargeras, Archimonde. Verso la fine della guerra, volendo colpire Azshara per la sua insolenza, scoprì con suo profondo sgomento che la regina era di gran lunga più potente di lui. Alla fine del conflitto, Mannoroth fu ricacciato nella Distorsione Fatua da Malfurion e Illidan Grantempesta[2].

Mannoroth ricompare nuovamente nella storia dell'universo di Warcraft circa 10 000 anni dopo; in quest'occasione fu evocato sul pianeta Draenor da Kil'jaeden allo scopo di far bere agli orchi il suo sangue, così da trasformarli in un esercito inarrestabile[3].

Infine, durante la Terza Grande Guerra, Mannoroth contaminò un pozzo elfico col suo sangue; di nuovo, gli orchi comandati da Grom Malogrido, percependone il potere, lo bevvero così da poter sconfiggere il loro nemico, Cenarius, che ne stava attaccando gli accampamenti[4].
Mannoroth fu più tardi ucciso dallo stesso Grom, pentitosi di aver riportato molti degli orchi sul cammino della corruzione demoniaca facendo loro bere il sangue del demone. Le fiamme magiche sprigionate dal corpo di Mannoroth morente bruciarono Malogrido, che morì[5].

Nella linea temporale alternativa creata da Garrosh quando torna nel passato con l'obiettivo di creare un'orda di orchi non corrotta, Mannoroth affronta nuovamente Grommash quando questi rifiuta l'offerta di Gul'dan, ma viene nuovamente sconfitto, e Grommash viene salvato da suo figlio che lo sposta dal letale getto di fiamme emesso dal demone morente. In seguito Gul'Dan riuscirà a resuscitare Mannoroth e a potenziarlo oltre ogni immaginazione, ma solo per vederlo sconfitto da un gruppo di avventurieri.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Mannoroth, in Wowpedia, Curse Inc.

Warcraft Portale Warcraft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Warcraft