Flagello (Warcraft)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Flagello dei non morti)
Flagello dei non morti
gruppo
UniversoWarcraft
Nome orig.Undead Scourge
Lingua orig.Inglese
AutoreBlizzard Entertainment
SpecieNon morti
Capo/leaderRe dei Lich

Il Flagello dei non morti, spesso abbreviato solo in Flagello (Scourge), è una delle tre principali fazioni di non morti presenti nell'universo di Warcraft creato da Blizzard Entertainment; le altre due sono i Reietti e i Cavalieri della Spada d'Ebano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Flagello fu creato dal Re dei Lich (all'epoca Ner'zhul) con lo scopo principale di abbattere le nazioni di Lordaeron e di Quel'Thalas e spianare così la strada al ritorno della Legione Infuocata. Grazie ai propri poteri necromantici, e aiutato dal fido luogotenente Kel'Thuzad, il Re dei Lich sparse la Piaga della Non morte a Nordania e a Lordaeron, creando un esercito di non morti ciecamente fedeli. Suo campione divenne il Principe di Lordaeron, Arthas Menethil, che corruppe con la spada runica Gelidanima.

Nel contempo, Ner'zhul cominciò a macchinare un metodo per liberarsi della Legione e riuscì anche a far uccidere il principale luogotenente di Archimonde, Tichondrius. Quando la Legione venne sconfitta pesantemente nella Battaglia del Monte Hyjal, il Re dei Lich capì che il suo momento era arrivato e tradì Kil'jaeden, scacciando tutti i signori del terrore inviati a sorvegliarlo e prendendo il controllo dei territori occupati dai non morti.

Kil'jaeden assunse così Illidan Grantempesta per distruggere il Trono Ghiacciato e dunque il Re dei Lich. Aiutato dagli Illidari, i suoi discepoli, questi marciò sulla Rocca della Corona di Ghiaccio, ma venne fermato e cacciato da Arthas, accorso in aiuto del suo padrone. Questi liberò il Re dei Lich dal trono e si fuse con lui, divenendo un'unica, potente entità. Nel frattempo, però, la ribellione attuata a Lordaeron dai Reietti non morti capeggiati da Sylvanas Ventolesto fece perdere al Flagello quell'importante regione.

Quattro anni dopo la sconfitta di Illidan, il Re dei Lich risiede ancora a Nordania e tramite il suo primo luogotenente, Kel'Thuzad, ha lanciato nuovamente pesanti attacchi contro Lordaeron. Probabilmente, il piano del signore della morte è di riconquistare i territori perduti, per poi lanciarsi alla conquista del mondo intero.

Il Flagello ad Azeroth[modifica | modifica wikitesto]

Il Flagello è concentrato soprattutto a Lordaeron e più precisamente nelle Terre Infette. La loro fortezza principale è Stratholme, controllata dal Barone Fieramorte, che oltre ai Reietti combatte anche contro gli umani della Crociata Scarlatta. Agenti e guerrieri del Re dei Lich si trovano anche nelle Radure di Tirisfal, nella Selva Pinargento e a Quel'Thalas. Hanno inoltre un avamposto nelle Savane Meridionale.

Il lich-negromante Kel'Thuzad è il comandante in capo dell'invasione del Flagello e controlla le operazioni dalla sua necropoli, Naxxramas, che levita sulle Terre Infette Orientali.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) il Flagello, in Wowpedia, Curse Inc.