Nordania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Dracombra)
Nordania
Nome originaleNorthrend
TipoContinente
Creazione
SagaWarcraft
IdeatoreBlizzard Entertainment
Appare inWarcraft III, World of Warcraft, fumetti e libri della serie Warcraft
Caratteristiche immaginarie
GovernoDittatura
CapoIl Re dei Lich
Nascita10.000 anni prima degli eventi di Warcraft III
PianetaAzeroth
RazzeDraghi blu, mezzorsi, troll dei ghiacci, nerubiani, tuskarr, non morti del Flagello, vrykul, taunka, senzavolto, magnatauri, nani dei ghiacci, umani, altre

Nell'universo di Warcraft prodotto da Blizzard Entertainment, Nordania (Northrend) è il continente che si trova più a nord tra i quattro di Azeroth (gli altri sono Kalimdor, Pandaria e i Regni Orientali). È una terra fredda, nota soprattutto per essere il luogo dove è nato il Flagello dei non morti e il dominio del Re dei Lich. Il continente è stato introdotto nel videogioco Warcraft III: Reign of Chaos e ripreso sia nella sua espansione The Frozen Throne che nella seconda espansione di World of Warcraft, Wrath of the Lich King. È stato inoltre scelto come ambientazione per diverse storie a fumetti e alcuni romanzi della serie Warcraft.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Inizialmente, Nordania era parte della grande pangea di nome Kalimdor che costituiva l'unico continente di Azeroth. In seguito alla Frattura, occorsa circa 10.000 anni prima degli eventi di Orcs & Humans, Nordania si staccò da Kalimdor spostandosi bruscamente più a nord[1]. Il repentino cambio di temperatura uccise buona parte della flora e della fauna del nuovo continente. Alcune razze sopravvissute, i nerubiani e i troll dei ghiacci, riuscirono a costruire due grandi e prosperi imperi, rispettivamente quello di Azjol-Nerub e quello di Zul'Drak.

Il dominio del Re dei Lich[modifica | modifica wikitesto]

Un giorno, il demone della Legione Infuocata Kil'jaeden mandò a Nordania una sua creatura, il Re dei Lich, incastonata in un blocco di ghiaccio in cima al ghiacciaio Corona di Ghiaccio. Da lì, servendosi dei suoi poteri mentali, il Re dei Lich cominciò a rendere schiave le popolazioni di Nordania. I nerubiani, immuni a questo tipo di poteri, vennero sottomessi durante la Guerra del Ragno, durata dieci anni, che lasciò il loro impero in rovina.

Tempo dopo giunse a Nordania un giovane principe umano, Arthas Menethil, che venne corrotto dal Re dei Lich e al suo ritorno in patria portò morte e distruzione. Nel tentativo di fermare il Re dei Lich Nordania venne invasa dalle armate di elfi del sangue e naga guidati da Illidan Grantempesta, Dama Vashj e Kael'thas Solealto, ma il loro piano venne sventato da Arthas, tornato lì per unirsi al suo signore. Completata la fusione, il Re dei Lich divenne un essere dal potere spaventoso, e per molto tempo nessun altro osò salpare per Nordania.

Con l'uscita dell'espansione Wrath of the Lich King del MMORPG World of Warcraft, i membri dell'Alba d'Argento - un'organizzazione neutrale volta a sconfiggere il Flagello - hanno formato la Spedizione d'Argento, una forza d'azione diretta a Nordania per distruggere il Re dei Lich. Nello stesso periodo, la città di maghi di Dalaran è stata spostata dalle Montagne d'Alterac dove si trovava in origine alla Foresta di Cristallo, per combattere contro l'Aspetto Draconico della Magia Malygos che ha dichiarato guerra a tutti gli utilizzatori di magia del mondo. Col progredire del gioco, i giocatori possono svolgere la trama fino alla caduta dell'impero di Zul'Drak, alla sconfitta di Malygos e alla progressiva ritirata delle forze del Flagello, fino ad arrivare a sconfiggere il Re dei Lich stesso.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Mappa generica del continente di Nordania.

Chiamato anche "il tetto del mondo"[2], Nordania è un continente freddo situato nel nord del mondo. È suddiviso generalmente in una decina di territori. Il continente è accessibile generalmente solo via nave per i membri dell'Alleanza (con i collegamenti Foresta di Elwynn-Tundra Boreale e Paludi Grigie-Fiordo Echeggiante) e via zeppelin per quelli dell'Orda (Durotar-Tundra Boreale e Radure di Tirisfal-Fiordo Echeggiante).

Approdo di Hrothgar[modifica | modifica wikitesto]

L'Approdo di Hrothgar (Hrothgar's Landing) è un piccolo territorio insulare aggiunto con la patch 3.4.0., inizialmente sede di un villaggio di tuskarr chiamato Tualiq, poi soverchiato e massacrato dagli kvaldir guidati dal Drottinn Hrothgar[3][4]. Il nome è probabilmente ripreso da quello del re danese Hroðgar; è la zona più piccola di World of Warcraft (era superata solo dalle Terme Fumanti, prima che venissero inglobate in Feralas con la patch 4.1.0).

Bacino di Sholazar[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Titani (Warcraft) § Un'Goro e Sholazar.

In netto contrasto col resto del continente, il Bacino di Sholazar (Sholazar Basin) è una giungla lussureggiante racchiusa fra la Tundra Boreale, Lungoinverno e Corona di Ghiaccio. In maniera simile al cratere di Un'Goro, il Bacino di Sholazar era un luogo in cui i Titani facevano i loro esperimenti (tant'è che un portale da Sholazar conduce ad un promontorio di Un'Goro). Sorgenti d'acqua bollente, bestie selvagge di ogni sorta, uccelli tropicali e insetti rendono questa regione una vera e propria anomalia a Nordania[5], ed è stata presa come base da diversi cacciatori. Il clima mite e la sicurezza dal Flagello erano mantenuti da dei piloni costruiti dai Titani stessi. Di recente, uno dei piloni è crollato, e il Flagello ne ha approfittato per cominciare l'invasione della regione.

Cime Tempestose[modifica | modifica wikitesto]

Racchiuse fra Corona di Ghiaccio ad ovest, e la Foresta di Cristallo e Zul'Drak a sud, le Cime Tempestose (Storm Peaks, tradotto anche come "Picchi Tempestosi"[6]) sono una catena montuosa altissima ed impervia, sede di diverse fortezze titaniche, talune ancora abitate da guardiani titanici e giganti della tempesta, quali il Tempio delle Tempeste e Ulduar[7] (città il cui nome è sempre accostato a quello di Uldum, a Kalimdor, e Uldaman, nelle Maleterre). Per raggiungere alcuni dei posti è necessario volare. Orda e Alleanza non hanno grandi avamposti qui, e l'unico degno di nota è quello goblin di K3 (un chiaro riferimento all'alta montagna K2).

Colli Bradi[modifica | modifica wikitesto]

I Colli Bradi (Grizzly Hills) sono un territorio boscoso situato a nord del Fiordo Echeggiante, a sud di Zul'Drak e ad est di Dracombra. Sono abitate da quasi 30.000 mezzorsi della tribù Faucebigia, i quali abitavano dentro un Albero del Mondo chiamato Vordrassil: l'influenza di un Dio Antico, Yogg-Saron, ha però portato alla follia dei mezzorsi[8] e alla distruzione di Vordrassil. Di recente inoltre l'Orda, l'Alleanza e anche la compagnia di goblin S.P.R. & Co. hanno colonizzato la regione allo scopo di procurarsi legname. È una terra pressoché vergine e piena di vita[9]. Nella regione si trovano anche molti worgen, guidati dall'arcimago Arugal redivivo[10]. Altri luoghi d'interesse sono il Forte di Drak'Tharon, fortezza dei troll dei ghiacci sul confine con Zul'Drak, e Thor Modan, una fortezza dei nani d'acciaio.

Corona di Ghiaccio[modifica | modifica wikitesto]

Corona di Ghiaccio (Icecrown; in alcune traduzioni è lasciato invariato) è un'area formata da un gigantesco ghiacciaio (il ghiacciaio Corona di Ghiaccio, attualmente il più esteso di Azeroth) e dalle sue vicinanze situato nel nord del continente, confinante con il Bacino di Sholazar ad ovest, Lungoinverno, Dracombra e la Foresta di Cristallo a sud e le Cime Tempestose ad est. Il suolo di questa regione è composta da solido ghiaccio, ed è quindi completamente sterile. Essendo il luogo dove si trova la cittadella del Re dei Lich, è completamente controllata da lui e dalle sue truppe, e i non morti pullulano in ogni dove. Sempre in questa regione ha sede il Torneo d'Argento, un torneo amichevole fra i membri dell'Orda e dell'Alleanza.

Dracombra[modifica | modifica wikitesto]

Dracombra (Dragonblight, composto di dragon, "drago", e blight, "avvizzire"; il nome è stato usato per la prima volta per una mappa multigiocatore di Warcraft III) è un cimitero di draghi, nonché un luogo sacro per essi. Il Re dei Lich ne ha fatto la sua personale "fornace" di draghi dei ghiacci, delle mostruosità non morte ricavate dagli scheletri dei draghi qui sepolti. Al centro della regione si trova il Tempio della Lega dei Draghi (Wyrmrest Temple), una costruzione altissima in cima alla quale l'Aspetto Draconico della Vita Alexstrasza dirige la lotta contro Malygos. Fino a World of Warcraft: Wrath of the Lich King, fluttuando sopra Dracombra c'è la necropoli Naxxramas, base del lich Kel'Thuzad, maggiordomo e mano destra del Re dei Lich. Altri punti importanti della zona sono l'entrata per il regno decaduto di Azjol-Nerub, l'accampamento della Crociata Scarlatta di Nuova Valsalda (New Hearthglen) e il Santuario dei Draghi di Smeraldo, uno dei pochi punti verdeggianti dove si trova l'Aspetto Draconico del Sogno Ysera. Geograficamente, il Dragonblight confina a sud con il Mare Ghiacciato, mentre confina ad ovest con la Tundra Boreale e Lungoinverno, a nord con Corona di Ghiaccio e la Foresta di Cristallo e ad est con Zul'Drak e i Colli Bradi.

Fiordo Echeggiante[modifica | modifica wikitesto]

Il Fiordo Echeggiante (Howling Fjord) è, per l'appunto, un fiordo, che occupa la penisola orientale di Nordania. Confina solamente con i Colli Bradi a nord ed è delimitato dalle acque del Mare Ghiacciato. La baia centrale, nota come Baia delle Daghe, è dove approdò Arthas per la prima volta, e dove si trova la fortezza dell'Alleanza di Valguardia. A strapiombo sul fiordo si trova Forte Utgarde, una fortezza abitata da vrykul. Al largo della costa meridionale si trovano le Isola delle Lance, abitate perlopiù da tuskarr. Sebbene fredda, la regione è abbastanza sicura e fertile da essere coltivabile[11].

Foresta di Cristallo[modifica | modifica wikitesto]

La Foresta di Cristallo (Crystalsong Forest, letteralmente "foresta del canto di cristallo") era in origine una normale foresta, che venne tramutata in cristallo quasi per intero durante una terribile battaglia fra draghi blu e neri. Da allora è pervasa da una forte e antica magia[12], che pare difenderla dai malintenzionati: di fatto, il Re dei Lich non è mai riuscito a conquistare la foresta[12]. È una regione molto piccola, delimitata da Dracombra a sud, da Corona di Ghiaccio a nordovest e dalle Cime Tempestose a nordest; sempre a nordest confina brevemente con Zul'Drak, e costituisce un passaggio molto comodo verso queste regioni[13]. L'unico punto di interesse è la città di Dalaran (situata precedentemente nelle Montagne d'Alterac), che fluttua sospesa sopra la foresta.

Dalaran[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Dalaran.

Dalaran è una delle maggiori città di Azeroth, abitata quasi esclusivamente da maghi. Distrutta durante la Terza Guerra, venne ricostruita e spostata a Nordania, dove funse da base principale per gli attacchi contro le forze sia di Malygos che del Re dei Lich.

Lungoinverno[modifica | modifica wikitesto]

Lungoinverno (Wintergrasp, letteralmente "presa dell'inverno") è una piccola zona racchiusa fra la Tundra Boreale ad ovest, il Bacino di Sholazar e Corona di Ghiaccio a nord e Dracombra a sud. In origine era un vasto lago, che col tempo si è prosciugato (o ghiacciato) lasciando il terreno aperto all'esplorazione. In Wrath of the Lich King funge da area aperta per PvP, incentrato sull'uso di armi d'assedio.

Tundra Boreale[modifica | modifica wikitesto]

La Tundra Boreale (Borean Tundra, tradotto anche come "Tundra Boreana"[14]) è una tundra che occupa tutto il corno occidentale di Nordania. Cosparsa di sorgenti calde e geyser, non è così fredda ma è scarsamente popolata e fra i vari punti civilizzati si possono trovare enormi aree disabitate. Vi si trova la capitale degli uomini-tricheco tuskarr, Kaskala, mentre un altro sito di interesse sono le Rovine degli Sferzalama, attualmente occupate dai naga. Al largo della costa settentrionale si trova la grande isola di Ibernia (Coldarra), sede del Nexus, la base dell'Aspetto Draconico della magia Malygos[2]. Sia l'Orda che l'Alleanza hanno diversi accampamenti nella zona.

Zul'Drak[modifica | modifica wikitesto]

Un tempo il florido impero dei troll Drakkari, l'intervento del Flagello ha trasformato questa terra in un vero e proprio incubo. Sebbene i troll controllino ancora buona parte del loro territorio, fra cui la capitale Gundrak, e siano ancora una presenza agguerrita, i non morti sono numerosissimi ed hanno soverchiato diverse zone. I soldati della Spedizione d'Argento sono praticamente l'unica forza che è riuscita - anche se a stento - a stabilirsi nella regione. Attualmente è una delle regioni più brutte, inospitali e pericolose dell'interno continente. Zul'Drak è situata a nord dei Colli Bradi e a sudest delle Cime Tempestose, con dei limitati confini ad ovest verso Dracombra e la Foresta di Cristallo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Troll Compendium su www.worldofwarcraft.com, sezione Drakkari Tribe
  2. ^ a b Borean Tundra su www.worldofwarcraft.com
  3. ^ Testo della missione Drottin Hrotgar su Wowpedia.
  4. ^ Testo della missione The Light's Mercy su Wowpedia.
  5. ^ Ellen P. Kiley Lands of Mystery pag. 93-94.
  6. ^ Tim Campbell, Bob Fitch, Bruce Graw, Luke Johnson, Seth Johnson Warcraft-gioco di ruolo - Luce & Ombra - Supplemento Fantasy, pag. 105.
  7. ^ Robert Baxter, Tim Campbell, Bob Fitch, Luke Johnson, Seth Johnson, Mur Lafferty, Andrew J. Scott Land of Conflict, pag. 109
  8. ^ More Wrath of the Lich King impressions and informations coming out
  9. ^ Ellen P. Kiley Lands of Mystery pag. 102.
  10. ^ World of Warcraft: Wrath of the Lich King Hands On • Page 2 • Hands ons • Eurogamer.net
  11. ^ Ellen P. Kiley Lands of Mystery pag. 106.
  12. ^ a b Ellen P. Kiley Lands of Mystery pag. 97.
  13. ^ Ellen P. Kiley Lands of Mystery pag. 98.
  14. ^ Christie Golden World of Warcraft: La Distruzione: Preludio al Cataclisma, pag. 9.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

(EN) Nordania, in Wowpedia, Curse Inc.

Warcraft Portale Warcraft: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Warcraft