Ken Strong

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ken Strong
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Peso 93 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Halfback
Ritirato 1947
Hall of fame Pro Football Hall of Fame (1967)
Carriera
Giovanili
New York University
Squadre di club
1929 - 1932 Staten Island Stapletons
1933 - 1935 New York Giants
1936 - 1937 New York Yankees (AFL II)
1939 New York Giants
1944 - 1947 New York Giants
Statistiche aggiornate al 06/12/2012

Elmer Kenneth Strong Jr. (West Haven, 21 aprile 1906New York, 5 ottobre 1979) è stato un giocatore di football americano statunitense che ha giocato nel ruolo di halfback per nella National Football League (NFL) e nella seconda incarcazione della American Football League tra il 1929 e il 1947. È stato indotto nella Pro Football Hall of Fame nel 1967[1].

Carriera professionistica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo una carriera al college dove fu premiato più volte come All-American alla New York University, Strong passò a giocare a football professionalmente. Nel ruolo di halfback giocò 14 stagioni nel 1929–1937, nel 1939, poi prestò servizio nella seconda guerra mondiale, facendo ritorno per l'ultimo periodo tra il 1944 e il1947. Ken giocò per gli Staten Island Stapletons e i New York Giants, entrambe nella National Football League, vincendo il titolo nel 1934 coi Giants, e per i New York Yankees della seconda versione della American Football League.

Fu il primo giocatore nella storia della NFL a tentare una giocata e a segnare dopo un fair catch kick, il 26 novembre 1933, nella vittoria in casa contro i Green Bay Packers. Quel calcio da 30 yard fu anche il più corto fair catch kick nella storia della NFL. Solo quattro giocatori, incluso Strong, sono riusciti a compiere questa impresa nella NFL.

Vittorie e premi[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Gare giocate 131
Touchdown su corsa 24
Touchdown su ricezione 7

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Member Profile, Pro Football Hall of Fame. URL consultato il 15 dicembre 2012.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]