Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Junior Eurovision Song Contest 2011

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Junior Eurovision Song Contest 2011
EdizioneIX (9ª)
Periodo3 dicembre 2011
SedeArena Demircian, Erevan, Armenia Armenia
PresentatoreGohar Gasparyan
Avet Barseghyan
Trasmissione TVARMTV in Eurovisione
Partecipanti13
Paesi debuttanti-
RitiriMalta Malta
Serbia Serbia
RitorniBulgaria Bulgaria
VincitoreGeorgia Georgia (2) Candy, Candy Music
SecondoPaesi Bassi Paesi Bassi
TerzoBielorussia Bielorussia
Cronologia
20102012

Il Junior Eurovision Song Contest 2011 è stata la nona edizione dell'omonimo concorso della canzone europea per bambini fra i 10 ed i 15 anni e è stato ospitato all'Arena Demircian di Erevan. Il concorso si è tenuto il 3 dicembre 2011 ed è cominciato alle ore 19:30 CET. Per la prima volta nella storia del JESC, il paese organizzatore è il vincitore dell'anno precedente. In questa edizione si vedono i ritiri di Malta e Serbia ed il ritorno della Bulgaria.

Sede[modifica | modifica wikitesto]

L'emittente televisiva armena ARMTV[1] è stata eletta dal comitato guida dell'UER come padrona di casa del concorso canoro eurovisivo dei più piccoli, pertanto, l'evento è stato trasmesso dall'Armenia. La scelta sulla sede dell'evento è ricaduta su Erevan, capitale dell'Armenia, all'Arena Demircian dalla capienza di circa 7000 posti.

Spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Supervisione[modifica | modifica wikitesto]

Per il ruolo di supervisore esecutivo del concorso è stato designato Sietse Bakker[2], al posto dello svedese dimissionario Svante Stockselius[3]. Bakker lavorerà in stretta collaborazione con il nuovo supervisore esecutivo dell'Eurovision Song Contest, il norvegese Jon Ola Sand[4].
In base alle dichiarazioni di Sietse Bakker l'evento è stato trasmesso in Eurovisione e sul sito web del JESC a partire dalle 19:30 CET ossia con 45 minuti di anticipo rispetto all'anno precedente. La decisione di anticipare l'evento è dovuta al fuso orario armeno. Infatti quando è cominciato lo show in Armenia erano le 22:30 e senza quell'anticipo, l'evento sarebbe cominciato in orari poco adeguati considerando il target giovanile dello spettacolo.
Per quanto riguarda le questioni tecniche, la televisione armena ARMTV è stata assistita dalla società svedese HD Resources capitanata da Per Sundin, che ha assicurato che le condizioni in cui si trova la sede dell'evento sono conformi ai requisiti richiesti per la competizione.

Motivo e Grafica[modifica | modifica wikitesto]

[modifica | modifica wikitesto]

Il logo ufficiale dell'evento è stato reso noto il 15 luglio 2011, quando il gruppo guida del JESC si è riunito. È stato disegnato da un team composto da professionisti di: ARMTV (televisione armena), UER e di Studio Of Anton Baranov di Bielorussia, quest'ultimo, tra l'altro, aveva disegnato il logo del JESC 2010.
Il logo è fatto di barre equalizzatrici disposte a forma di montagna che alludono al Monte Ararat; monte che può essere facilmente scorto in tutta Yerevan.

(EN)

«The logo is vibrant, young and playful. The slogan "Reach For The Top!" really reflects the ambition of the contestants, and hopefully inspires a young generation of Armenians to do the same»

(IT)

«Il logo è vivace, giovanile e allegro. Lo slogan "Punta Al Top!" rispecchia davvero l'ambizione dei concorrenti e si spera ispiri lo stesso alla giovane generazione armena»

(Sietse Bakker, Supervisore UER del Junior Eurovision Song Contest)
Inno[modifica | modifica wikitesto]

La Gohar Gasparyan, capo della delegazione armena, ha fatto sapere che la rappresentante armena al concorso, Dalita, ha preso parte alle riprese del Video-Inno 2011 del JESC.

Cartoline[modifica | modifica wikitesto]

Come tradizione, tra una esibizione e l'altra sono state trasmesse le così chiamate cartoline. In questa edizione sono state tutte dedicate all'Armenia e alla sua gente ed in particolare ai sogni dei bambini armeni ed al loro realizzo. Diversamente da come è accaduto nelle scorse edizioni, i partecipanti del JESC non sono stati presenti nelle cartoline.
Di seguito sono elencati i contenuti delle cartoline di alcuni paesi:[5]

  • Russia Russia: Alcuni bambini giocano con aeroplanini e sognano di diventare dei piloti.
  • Moldavia Moldavia: La semina di un albero e la crescita di pesche.
  • Armenia Armenia: Uno scontro tra chi gioca a scacchi e chi gioca a calcio.
  • Bulgaria Bulgaria: Macchine e autisti.
  • Lituania Lituania: Pittura e architettura.
  • Ucraina Ucraina: Pompieri e una ragazza con un cagnolino.
  • Macedonia Macedonia: Astronomia.
  • Paesi Bassi Paesi Bassi: La Festa della mamma.
  • Svezia Svezia: Una ragazza che sogna di diventare una cantante.
Intervalli[modifica | modifica wikitesto]

Gli intervalli che vengono usati dalle televisioni nazionali per trasmettere la pubblicità sono stati tra la 5a e la 6a e tra la 10a ed 11a esibizione. Nel primo intervallo tra la quinta e la sesta esibizione sono stati fatti vedere alcuni estratti delle anteprime del JESC. Nel secondo intervallo (tra la decima ed undicesima) esibizione è stato trasmesso un video sulle attività svolte durante l'euroweek.

Presentatori ed Ospiti[modifica | modifica wikitesto]

A presentare lo spettacolo sono stati gli armeni Gohar Gasparyan e Avet Barseghyan[6]. Gohar Gasparyan è il capo della delegazione armena dell'Eurovision Song Contest oltre al Junior Eurovision Song Contest, è anche giornalista e conduttrice di diversi show televisivi. Ha cominciato la sua carriera di presentatrice all'età di undici anni ed è stata commentatrice oltre che portavoce dell'Armenia all'Eurovision Song Contest sin dal debutto del suo paese all'evento, ossia, nel 2006. Avet è un volto molto noto in Armenia. Durante la sua carriera decennale, ha presentato diversi programmi popolari nel suo paese tra cui si ricordano: le selezioni dell'Eurovision Song Contest, Armenian Idol (versione armena dell'omologo reality show americano American Idol) e del Chi vuol essere milionario? armeno. Inoltre ha composto i testi di oltre duecento canzoni in armeno ed in russo.

Ospiti speciali sono stati Sirusho e Vladimir Arzumanyan, quest'ultimo noto per aver dato la vittoria all'Armenia nella scorsa edizione del contest[7].
L'UER ha inoltre confermato la presenza di Molly Sanden come ospite speciale. Molly Sanden aveva partecipato all'edizione 2006 del JESC, ha partecipato a diverse edizioni del Melodifestivalen ed è la fidanzata di Eric Saade.

Apertura del contest[modifica | modifica wikitesto]

Il suono del Flauto armeno ed una ragazza con in mano il trofeo del vincitore dell'edizione (simile al logo di questa edizione del JESC) hanno aperto lo show. A seguire, sul palco sono salite delle ballerine che hanno fatto un numero di tap dance, tutte vestite di rosa accompagnate da un gruppo di ragazzi che suonano la batteria; l'apertura continua con bambine che portano le bandiere dei paesi partecipanti accompagnati dai rispettivi cantanti e ballerini (come di consueto i paesi si presentano in ordine di esibizione), l'apertura si conclude con l'annuncio dei presentatori del concorso.[8][9][10]

Vendita biglietti[modifica | modifica wikitesto]

L'UER ha fatto sapere che si potevano comprare i biglietti sia per il 3 dicembre, giorno in cui si è tenuto lo spettacolo in diretta, sia per il 2 dicembre, giorno in cui si è tenuta la seconda prova generale. La vendita dei biglietti del JESC 2011 è cominciata il 12 ottobre ed il costo del biglietto dello spettacolo è oscillato tra i 5 000 ed i 75 000 dram armeni (tra i 10 ed i 150€), mentre, per i biglietti della seconda prova generale il prezzo è oscillato tra i 2 000 ed i 15 000 dram armeni (dai 4 ai 30 €).

Votazioni[modifica | modifica wikitesto]

I cittadini di ogni stato partecipante hanno potuto votare chiamando da telefono fisso oppure tramite SMS, e conta per il 50% dei voti totali. Ogni Stato ha 10 preferiti e in base ai voti espressi si aggiudicano i punti: 1,2,3,4,5,6,7,8,10 e 12 per il preferito. Inoltre ogni paese ha una giuria che conta per il restante 50% dei voti. All'inizio, come ogni anno, tutti i paesi hanno ricevuto automaticamente 12 punti.
Come per l'Eurovision Song Contest 2012, a partire da questa edizione, è stata ripristinata la finestra-televoto. I telespettatori non hanno potuto più votare sin da prima che cominciassero le esibizioni, ma solo dopo che l'esecuzione di tutte le canzoni in concorso. La finestra televoto ha avuto una durata di 15 minuti.[8]. I ricavi sono andati ad una associazione onlus denominata World Vision.
Inoltre, a causa del basso numero di paesi partecipanti, i portavoce di ciascun paese hanno letto tutti i risultati del televoto, non più, quindi, solo i punti da 6 a 12.

Partecipanti[modifica | modifica wikitesto]

     Paesi partecipanti

     Paesi che hanno partecipato in passato, ma, che non hanno partecipato a questa edizione

L'UER il 15 luglio 2011 ha annunciato la lista ufficiale dei paesi partecipanti a questa edizione. Essa però verrà modificata un mese dopo con l'aggiunta di Bulgaria, circa due mesi dopo con l'aggiunta della Lettonia e circa tre mesi dopo con il ritiro di San Marino.
L'edizione eguaglia il record negativo per il più basso numero di partecipanti, ossia 13 (record raggiunto nel 2009).
Il sito di informazione indipendente ESCKAZ ha rivelato che anche Italia e Spagna, tramite le loro televisioni nazionali, hanno mostrato interesse verso lo spettacolo e che stavano negoziando con l'UER (la prima per il debutto e la seconda per un ritorno al concorso). Entrambe però non sono riuscite a confermare la loro partecipazione per mancanza di tempo[11].
In una notizia del 08/08 il supervisore esecutivo di gara, Sietse Bakker, fece sapere, sul sito ESCKAZ, che sebbene altri paesi potessero ancora aggiungersi alla lista dei partecipanti, tutto ciò era piuttosto improbabile. Ad ogni modo, dopo quella dichiarazione si aggiunsero due paesi. Oltre ad Italia e Spagna, ci sono state trattative per la partecipazione di Germania e Grecia ed inviti a Turchia e Azerbaigian.
Il 10 e 11 ottobre, i capi delle delegazioni dei paesi partecipanti a questa edizione, si sono riuniti in Armenia per parlare di tutte le questioni relative al concorso.
L'undici ottobre è stato deciso, tramite sorteggio, l'ordine di presentazione delle esibizioni.
I tredici paesi che hanno partecipato al Junior Eurovision Song Contest 2011, di seguito elencati in ordine di presentazione, sono:

# Nazione Lingua Artista Brano Traduzione italiana del titolo Posizione Punti
01 Russia Russia[12] Russo Ekaterina Ryabova[13] Kak Romeo i Džuljetta Come Romeo e Giulietta 4 99
02 Lettonia Lettonia[14] Lettone Amanda Bashmakova Moondog Cane della luna 13 31
03 Moldavia Moldavia[15] Moldavo,
Inglese
Lerica No-No - 6 78
04 Armenia Armenia
(organizzatore)[16]
Armeno Dalita Welcome to Armenia Benvenuti in Armenia 5 85
05 Bulgaria Bulgaria[17] Bulgaro Ivan Ivanov Supergeroy Supereroe 8 60
06 Lituania Lituania[15] Lituano Paulina Skrabyte Debesys Nuvole 10 53
07 Ucraina Ucraina[15] Ucraino Kristall[18] Evropa Europa 11 42
08 Macedonia Macedonia[15] Macedone Dorijan Dlaka Žimi ovoj frak Ho piena fiducia in questo frac 12 31
09 Paesi Bassi Paesi Bassi[15] Olandese Rachel Traets Teenager - 2 103
10 Bielorussia Bielorussia[15] Russo Lidiya Zabolotskaya Angely dobra Angeli del bene 3 99
11 Svezia Svezia[15] Svedese Erik Rapp Faller Cadendo 9 57
12 Georgia Georgia[15] Georgiano
Inglese
Candy Candy Music Musica Candy 1 108
13 Belgio Belgio[15] Olandese Femke Een kusje meer Un bacio in più 7 64

Debutti falliti[modifica | modifica wikitesto]

  • San Marino San Marino La San Marino RTV aveva espresso interesse verso l'evento e si era iscritta per partecipare al concorso. Il 7 ottobre, il capo della delegazione Sammarinese Alessandro Capicchioni dichiara che il suo paese non parteciperà quest'anno alla manifestazione poiché l'emittente nazionale non è stata capace di trovare il giusto rappresentante entro il tempo stabilito. Alessandro Capicchioni ha, inoltre, aggiunto che il suo paese si impegnerà per cercare di partecipare alla prossima edizione dell'Eurovision Song Contest e che spera davvero in un debutto del Titano al JESC, l'anno venturo. L'UER non ha ancora fatto sapere se, come accadde per l'Azerbaigian nel 2009 che si ritirò per lo stesso motivo, l'emittente San Marino RTV dovrà pagare una multa in aggiunta alla ordinaria tariffa di partecipazione.

Ritorni[modifica | modifica wikitesto]

  • Bulgaria Bulgaria Dopo due anni di assenza al contest, la televisione bulgara BNT conferma il suo ritorno due mesi dopo il termine ultimo per confermare la propria partecipazione e un mese dopo la pubblicazione sul sito ufficiale del JESC della lista ufficiale dei paesi partecipanti. Come la ARMTV (televisione armena) aveva già fatto sapere che, nonostante il fatto che tutte le date di scadenza siano state superate, accetterà ulteriori paesi partecipanti.[19]

Partecipanti ritirati[modifica | modifica wikitesto]

  • Serbia Serbia La televisione serba RTS tramite il capo della delegazione, Dragoljub Ilić, ha fatto sapere che il suo paese si prenderà la pausa di un anno dal JESC, anche per ragioni economiche.[20]
  • Malta Malta La delegazione dell'emittente maltese PBS ha confermato l'assenza dell'isola a questa edizione. Malta è uno dei 5 paesi che ha partecipato al JESC sin dalla sua prima edizione, ma i risultati non sono mai stati molto incoraggianti e il piazzamento migliore fu un 4º posto, raggiunto nel 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]