Arena Demircian

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Arena Demircian
Karen Demirchyan Sports and Concerts Complex shot from air, May 2019.jpg
Informazioni generali
StatoArmenia Armenia
UbicazioneTsitsernakaberd, Erevan
Inizio lavori1983
Inaugurazione31 ottobre 1983
Ristrutturazione31 ottobre 2008
Costi di ricostr.$47 milioni
ProprietarioGoverno armeno
NTAA Investment Group LLC
ProgettoA. Tarkhanian, S. Khachikian, G. Poghosian e G. Musheghian
Informazioni tecniche
Posti a sedere8 800
StrutturaImpianto polifunzionale
CoperturaPresente
Mappa di localizzazione
Coordinate: 40°11′17″N 44°29′00″E / 40.188056°N 44.483333°E40.188056; 44.483333

Il complesso sportivo e dei concerti Karen Demircian, (in armeno : Կարեն Դեմիրճյանի անվան Մարզահամերգային Համալիր), anche noto come Arena Demircian o semplicemente Hamalir che in armeno significa "complesso", è un grande complesso sportivo e per concerti situato sulla collina Tsitsernakaberd che domina le parti occidentali della città di Erevan, vicino alla gola del fiume Hrazdan.

Il complesso si compone di due sale: la sala concerti e la sala sportiva, alle quali si aggiunge la sala conferenze "Hayastan" designata per incontri ai vertici politici con un grande spazio attrezzato per organizzare fiere e mostre.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso venne aperto il 31 ottobre del 1983 e costretto a chiudere un anno e mezzo dopo, ossia nel 1985, a causa di un incendio. Venne restaurato e fu riaperto per ospitare eventi sportivi e concerti verso la fine del 1987. Il complesso fu progettato da un gruppo di architetti armeni: A. Tarkhanian, S. Khachikyan, G. Pogosyan e G. Mushegyan. La sua costruzione fu supervisionata dagli ingegneri: I. Tsaturian, A. Azizian e M. Aharonian.

Informazioni generali[modifica | modifica wikitesto]

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Sito ufficiale, su hamalir.com. URL consultato il 13 agosto 2009 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2009).