Jazz band

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Jazz Band)
« ...il ragazzo scrollò le spalle e scese verso la strada maestra, attraversando i campi. Lui allora aveva vent'anni ed era buono a suonare il clarino »
(La voce narrante nell'ultima scena del film)
Jazz band
Paese Italia
Anno 1978
Formato miniserie TV
Genere sceneggiato televisivo
Stagioni 1
Puntate 3
Durata 235
Lingua originale italiano
Crediti
Regia Pupi Avati
Soggetto Pupi Avati
Sceneggiatura Pupi Avati, Antonio Avati, Gianni Cavina, Maurizio Costanzo
Interpreti e personaggi
Fotografia Pasquale Rachini
Montaggio Maurizio Tedesco
Musiche Amedeo Tommasi
Scenografia Luciana Morosetti
Costumi Luciana Morosetti
Produttore Antonio Avati, Gianni Minervini
Casa di produzione A.M.A. FILM
Prima visione
Dal 30 aprile 1978
Al 14 maggio 1978
Rete televisiva TV1

Jazz band è uno sceneggiato televisivo di sole tre puntate, andato in onda su TV1 dal 30 aprile[1] al 14 maggio del 1978[1], scritto e diretto da Pupi Avati.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bologna fine anni cinquanta. Giuseppe è un giovane studente orfano di padre, che vive con l'affettuosissima madre e il nonno pensionato, anch'egli vedovo, nonché sempre pronto a cercare l'approvazione del nipote per ogni sua nuova fidanzata.

Il ragazzo condivide una grande passione per il Jazz tradizionale, al punto di aver da poco fondato un'orchestrina con tre amici, cosa che rende loro orgogliosi nel loro ingenuo anticonformismo da piccoli "duri" di provincia. Il concerto nella città felsinea di Kid Ory, vera leggenda vivente dei tempi d'oro di New Orleans, è la molla che li spinge a fare sul serio con i propri progetti musicali. Nasce così la Criminal Jazz Band: la formazione consta rispettivamente di un clarinetto (Giuseppe), un pianoforte (Vittorio), un banjo (Giancarlo) ed una tromba (Luigi), perciò i ragazzi decidono di allargarla con altri tre elementi, necessari per completare un classico settetto; intanto, su consiglio del nonno, durante l'estate Giuseppe prende lezioni da un insegnante, migliorando sensibilmente a suonare il suo strumento. La ricerca dei quattro ha termine quando incontrano il bizzarro Carlo, appassionato di ritmo e percussioni, nonché figlio del portiere nel palazzo di proprietà del padre di Vittorio, presso cui il ricco signore intercede affinché lo scelga come batterista, il contrabbassista Maurizio di estrazione classica, ma desideroso di cimentarsi col jazz, e soprattutto poi l'esperto seppur spiantato trombonista Giuliano, grazie al quale, dopo un costante numero di prove, il complesso fa consistenti progressi ed acquisisce fiducia nelle sue possibilità. Il nuovo arrivato ottiene pure la possibilità di un'audizione da parte di "Cicci" Foresti, potente e benestante impresario locale nonché grande intenditore di musica afroamericana; il responso di quest'ultimo è però quasi totalmente negativo, tranne per Giuseppe, del quale apprezza le doti molto promettenti seppur ancora acerbe, al punto di invitarlo ad una festa dove lo presenta a Nardo, a capo della Magistratus, la migliore formazione jazz bolognese. Dopo aver inizialmente accettato l'allettante offerta del bandleader di sostituire il suo clarinettista per un'imminente tournée, il ragazzo torna sulla sua decisione preferendo rimanere con gli amici.

Sebbene il sorgere di alcune incomprensioni interne ed addirittura un acceso confronto politico-ideologico che vede coinvolti Giuliano e il padre di Vittorio, sembrerebbero da principio mettere fine ai sogni dei giovani musicisti, incredibilmente invece il gruppo si ricompatta: allora con un profondo moto d'orgoglio e rivalsa la Criminal Jazz Band decide di farla vedere ai propri rivali. Infatti quando la RAI stabilisce di far suonare dal vivo alla radio le migliori jazz band italiane, e per rappresentare Bologna viene scelta l'orchestra di Nardo, con un rocambolesco stratagemma i sette rivendicano per sé tale prestigioso onore: per stabilire quale delle due compagini ne sia maggiormente degna, viene allora organizzata una sfida a base di standard tra le due formazioni, davanti ad una giuria competente, il cui responso finale sarà sorprendentemente incerto fino all'ultimo.

Le avventure musicali accompagnano i sette ragazzi attraverso vicende pubbliche e private, come i primi turbamenti amorosi, il dolore per la morte di un caro amico, gli scontri tra opposti schieramenti politici che caratterizzano l'epoca, un matrimonio ed in generale l'intensità emotiva tipica dei ventenni.

Ambientazione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è nato da una idea autobiografica del regista, e vi sono presenti le grandi passioni, che da sempre, lo accompagnano nel suo percorso cinematografico: Bologna e il jazz. Il film, ambientato nel capoluogo emiliano degli anni cinquanta, e con il personaggio del clarinettista Giuseppe, che porta il suo vero nome, racconta la storia della Criminal Jazz Band, che altra non è che la Doctor Dixie Jazz Band, in cui lo stesso regista suonò come clarinettista, aprendo una finestra narrativa su quella che è stata "l'altra vita" di Pupi Avati, quando, prima di intraprendere la carriera cinematografica, cercò di affermarsi come musicista.

Musiche[modifica | modifica wikitesto]

La colonna sonora è stata curata da Amedeo Tommasi, da sempre fidato collaboratore di Avati. Ai tempi del passaggio in TV dello sceneggiato, raggiunge le più alte vette discografiche, grazie alle bellissime melodie splendidamente eseguite dai seguenti musicisti[2]: Nardo Giardina, Checco Coniglio, Marcello Rosa, Gianni Sanjust, Amedeo Tommasi, Umberto Melloni, Aimone Finotti, Alessio Urso, Gherardo Casaglia, Roberto Spizzichino, Mingus Mingotti, ma soprattutto dal famoso clarinettista Henghel Gualdi, autore, tra l'altro, delle sigle di apertura e di chiusura, Jazz band e Sweet Time. Anche Avati, come testimoniato dai titoli di coda, partecipa alle esecuzioni dei brani.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b dalla scheda di Jazz Band sul sito Teche Rai (sezione Sceneggiati - Fiction 1978/1980) [1].
  2. ^ dalla scheda di Jazz Band su Comingsoon [2].