Regalo di Natale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Regalo di Natale
Regalo di natale.jpg
Una scena del film
Lingua originaleitaliano
Paese di produzioneItalia
Anno1986
Durata101 min
Generedrammatico
RegiaPupi Avati
SoggettoPupi Avati
SceneggiaturaPupi Avati
ProduttoreAntonio Avati
Casa di produzioneDuea Film, DMV Distribuzione
Distribuzione in italianoSACIS
FotografiaPasquale Rachini
MontaggioAmedeo Salfa
MusicheRiz Ortolani
ScenografiaGiuseppe Pirrotta
CostumiMaria Teresa Venturini, Raffaele Curi
TruccoAlfonso Cioffi
Interpreti e personaggi

Regalo di Natale è un film del 1986 scritto e diretto da Pupi Avati.

Presentato in concorso alla 43ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, il film guadagnò critiche lusinghiere e fece vincere a Carlo Delle Piane la Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la vigilia di Natale e tre vecchi amici, Ugo, Lele e Stefano, si incontrano la sera per giocare una partita a poker. Invitano al gioco, sotto consiglio di Ugo, anche un misterioso industriale, l'avvocato Antonio Santelia, della cui vita privata poco si conosce tranne il fatto che ama giocare ed è noto nel giro per le ingenti perdite.

Lele lavora per un giornale e scrive di cinema, è bistrattato da colleghi e superiori e, la sera di Natale, spera di poter vincere una somma sufficiente a permettergli di pubblicare il suo libro su John Ford. Stefano ha una palestra ma, nonostante abbia una relazione con una donna, viene palesata la sua omosessualità. Ugo lavora presso una televisione privata, è divorziato da anni e ha quattro figli. Tutti e tre però non hanno le risorse economiche necessarie per battere Santelia e insieme prendono la decisione di chiamare un loro vecchio amico, Franco Mattioli. Egli infatti è gestore di un importante cinema di Milano ed è l’unico dei quattro a possedere apparentemente le risorse finanziarie per contrastare l’avvocato. Inizialmente Franco non vorrebbe prendere parte al gioco, a causa della tensione dei rapporti fra lui e Ugo, interrottisi in malo modo anni prima. Essendo però oppresso dai creditori, e volendo ristrutturare il cinema da lui gestito, accetta la proposta. All'insaputa della moglie raggiunge Bologna, e si dirige quindi verso la villa dove si terrà la partita, villa che Stefano si è fatto prestare dalla sua amante. Ugo, arrivato Franco, cerca in tutti i modi di avere un chiarimento presentando le proprie scuse per ciò che era accaduto tanti anni prima. Franco gli promette di giocare, a patto che però ognuno conduca il proprio gioco senza una spartizione finale: solo così sarà sicuro della sincerità di Ugo.

Allo scoccare della mezzanotte la partita ha inizio e subito si delineano i due veri antagonisti: l’avvocato e Franco. Quest’ultimo ha la meglio fin dall'inizio riuscendo a vincere somme molto elevate. Intanto, tra una mano e l’altra, grazie a dei flashback, vengono comprese le vicissitudini che hanno portato alla fine dell’amicizia tra Franco e Ugo: Martina, la prima moglie di Franco e unica donna che egli abbia amato veramente, lo tradì con Ugo stesso. L’avvocato intanto si trova a perdere più di 75 milioni di lire, quasi tutti a favore di Franco. A trenta minuti dalla fine, Franco ha in mano un buon punto, e decide di puntare 50 milioni di lire. Santelia sceglie allora di giocarsi il tutto per tutto e rilancia di 200 milioni.

Franco prende un po’ di tempo per pensarci e Ugo, convinto che l’avvocato questa volta non possa perdere, gli consiglia di abbandonare la mano. Ma Franco non lo ascolta: decide di andare a vedere perdendo dinnanzi al colore di Santelia. Franco, visibilmente sconvolto, chiede qualche minuto di pausa. Ugo lo raggiunge e nel consolarlo sembra esserci un riavvicinamento tra i due. Franco rivela all'amico che è ancora innamorato di Martina e vorrebbe che in qualche modo lei lo sapesse. Poi, convinto di riuscire a rifarsi all'ultima mano, torna al tavolo da gioco per gli ultimi dieci minuti di partita. Franco sembra nuovamente avere un ottimo punto e decide di puntare 50 milioni, ma l’avvocato, dopo aver cambiato tre carte, rilancia di 250. Egli rimane perplesso e il suo amico Lele gli consiglia di venire via dalla partita per non rovinarsi definitivamente.

Santelia, dopo aver intimato a Lele di abbandonare la stanza da gioco per non influenzare indebitamente le scelte dell'amico, propone inaspettatamente una terza possibilità a Franco, il “regalo di Natale”: l'abbuono del denaro perduto fino a quel momento a patto di non rivelare le carte con le quali lo ha sfidato e di andare via come se niente fosse accaduto. Franco decide però ugualmente di andare a vedere, rimanendo senza parole di fronte al poker di donne di Santelia. Arriva l’alba e mentre Lele e Stefano rimangono stupefatti e in parte sconvolti, Ugo e l’avvocato si spartiscono in bagno il mezzo miliardo ottenuto quella sera. Infatti l'avvocato, che Ugo aveva fatto credere agli amici essere un ricco sprovveduto col vizio del poker, era in realtà un baro professionista, e lo stesso Ugo aveva organizzato la serata per truffare Franco. Nel tornare all'auto, Franco rivela ad Ugo di aver capito di essere stato raggirato, chiedendo all'ex amico che percentuale avesse pattuito con l'avvocato, senza però ottenere risposta. Franco in mattinata tornerà in albergo, dove incrocerà l'ex moglie Martina, neanche notandola.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Lino Banfi aveva rifiutato la parte di Franco Mattioli, andata poi a Diego Abatantuono[2].
  • Il film è interamente girato a Bologna, fatta eccezione per la scena iniziale al ristorante della stazione, girata nella vecchia sala d'aspetto della stazione di Fontivegge a Perugia.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 è stato realizzato un sequel, La rivincita di Natale, sempre diretto da Avati e interpretato dal medesimo cast di protagonisti.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ bloopers.it, http://www.bloopers.it/testo/index.php?id_film=4159&Lettera=R.
  2. ^ Lino Banfi compie 77 anni, su cineblog.it. URL consultato il 25 dicembre 2014.
  3. ^ 10 italiani da coppa Volpi, su ilcinemaniaco.com. URL consultato il 25 dicembre 2014.
  4. ^ David di Donatello awards 1987, su imdb.com. URL consultato il 25 dicembre 2014.
  5. ^ Nastri d'argento 1987, su mymovies.it. URL consultato il 25 dicembre 2014.
  6. ^ Enrico Lancia, Ciak d'oro, su books.google.it. URL consultato il 12/04/20.
  7. ^ Avati torna al tavolo verde, su trovacinema.repubblica.it, repubblica.it, 29 gennaio 2004. URL consultato il 25 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 22 agosto 2012).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema