Electric blues

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Electric blues
Origini stilistiche Blues
Origini culturali Il genere origina tra la fine degli anni quaranta e primi anni cinquanta negli Stati Uniti[1].
Strumenti tipici chitarra, basso, armonica
Popolarità Raggiunse la popolarità negli anni cinquanta e sessanta sia negli States che in Gran Bretagna, permettendo la nascita del blues rock.
Generi derivati
British blues - Blues rock
Generi correlati
Memphis blues - Chicago blues - Louisiana blues - Texas blues - Detroit blues - Blues Revival
Categorie correlate

Gruppi musicali electric blues · Musicisti electric blues · Album electric blues · EP electric blues · Singoli electric blues · Album video electric blues

L'electric blues (o blues elettrico[2][3]), è un sottogenere della musica blues che racchiude tutti gli stili di blues suonati con strumenti amplificati[1].

Precursore del genere è stato il texano T-Bone Walker, trasferitosi poi a Los Angeles, che verso al fine degli anni trenta combinò il blues con elementi jazz e R&B[4]. Il genere diventa popolare grazie all'emigrazione degli afroamericani verso le città del nord America e grazie a scambi culturali si diffonde anche nel Regno Unito, dove contribuisce alla nascita dapprima del british blues[5] e poi del blues rock[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b allmusic.com - British blues
  2. ^ Mauro Zambellini, Rock blues, Firenze, Giunti, 2003, ISBN 88-00-86081-8.
  3. ^ Riccardo Bertoncelli, Storia leggendaria della musica rock, Firenze, Giunti, 2010, ISBN 978-88-09-74976-4.
  4. ^ Vladimir Bogdanov, Chris Woodstra;Stephen Thomas Erlewine, All music guide to rock: the definitive guide to rock, pop, and soul, Backbeat books, 3rd ed., 2002, pp. 1351-2.
  5. ^ RSI British Blues
  6. ^ David Dicaire. More blues singers: biographies of 50 artists from the later 20th century. McFarland, 2002. ISBN 0786410353. p. 87

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica