Smooth jazz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Smooth Jazz
Origini stilistiche Swing
Fusion
Soul
Rhythm and blues
Adult contemporary music
Musica leggera
Origini culturali Stati Uniti, metà anni sessanta
Strumenti tipici sassofono, chitarra elettrica, pianoforte, tastiera, tromba, basso elettrico, batteria, flauto
Popolarità Molto popolare negli anni sessanta e anni settanta è attualmente diffuso da numerose radio sul web [1]
Generi correlati
Punk jazz - Soul jazz
Categorie correlate

Gruppi musicali smooth jazz · Musicisti smooth jazz · Album smooth jazz · EP smooth jazz · Singoli smooth jazz · Album video smooth jazz

Lo smooth jazz è un sottogenere e formato radiofonico[1][2] affiliato al jazz. Presenta caratteristiche stilistiche affini alla fusion, al pop e al funk.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

È un genere caratterizzato dalla semplificazione delle complessità armoniche e improvvisative del jazz, con maggior enfasi sulle melodie, con sonorità più rilassanti rispetto alla fusion o al funk, e quindi molto più orecchiabile e commerciabile soprattutto per quanto concerne la diffusione radiofonica.

Da ricordare sicuramente per importanza nello sviluppo stilistico del genere artisti quali Bob Acri, Bob James, Boney James, Roberto Tola, Chieli Minucci, George Jinda, Paolo Rustichelli, Michael Lington, Russ Freeman & The Rippingtons, Brian Bromberg, Fattburger, Daniele Caprelli, Peter White, Kenny G, Paul Hardcastle, Rocco Ventrella, tutti dalle capacità sia tecniche che espressive davvero notevoli.

Numerosi artisti e critici contestano che lo smooth jazz sia realmente un genere musicale, ritenendolo semplicemente un format radiofonico "easy listening", o una definizione commerciale delle case discografiche.

Sviluppo[modifica | modifica wikitesto]

Uno sviluppo di questo genere ha portato alla nascita del termine "urban jazz", che incorpora aspetti hip hop al proprio interno. Questo stile è normalmente trasmesso da alcune stazioni radio contemporanee che mandano e mixano hip hop e R&B. Alcuni dei più importanti musicisti definibili urban jazz sono Dave Koz, Boney James, Paul Jackson Jr. e Bobby Perry.[senza fonte]

L'urban jazz include anche artisti importantissimi nel genere come Michael Lington, Brian Bromberg, David Lanz, Kim Waters, Ken Navarro, Walter Beasley, Everette Harp, Joyce Cooling, Jeff Golub, Najee, Fattburger, Gerald Albright, Richard Elliot.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) R.I.P. Smooth Jazz, 1985-2008?, su popmatters.com. URL consultato il 27 novembre 2017.
  2. ^ (EN) Crossing Over: Is Smooth Jazz Dead?, su jazztimes.com. URL consultato il 27 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 1º dicembre 2017).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Jazz Portale Jazz: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di jazz