Sposi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sposi
Paese di produzione Italia
Anno 1987
Durata 95 min
Genere commedia
Regia Pupi Avati
Cesare Bastelli
Felice Farina
Antonio Avati
Luciano Manuzzi
Soggetto Pupi Avati
Sceneggiatura Pupi Avati
Fabrizio Corallo
Luciano Manuzzi
Salvatore Marcarelli
Produttore Antonio Avati
Pupi Avati
Claudio Bonivento
Fotografia Cesare Bastelli
Fabio Cianchetti
Roberto D'Ettorre Piazzoli
Roberto Meddi
Pasquale Rachini
Montaggio Amedeo Salfa
Costumi Grazia Colombini
Interpreti e personaggi

Sposi è un film girato nel 1987 da Pupi Avati, Cesare Bastelli, Felice Farina, Antonio Avati, Luciano Manuzzi e con il finale di Luciano Emmer, dedicato postumo all'attore Nik Novecento, deceduto durante la fase di post produzione.

Il film[modifica | modifica wikitesto]

La sceneggiatura è composta da cinque storie, ognuna diretta da un regista diverso, le quali narrano le vicissitudini di cinque coppie in crisi che si svolgono in luoghi e con protagonisti diversi e sono accomunate solo dal compiersi nello stesso giorno: il 13 agosto.

Nel film "Sposi", il montaggio é durato una sola settimana.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

  • 1º episodio - regia di Pupi Avati

Luca (Jerry Calà) è un presentatore televisivo in declino che trascorre una deprimente estate cercando disperatamente un ruolo come conduttore, anche se ne rifiuterá uno, arrovellandosi sul modo di tornare alla ribalta. Per ritrovare la popolarità perduta viene consigliato dai suoi assistenti a contrarre matrimonio con accorgimenti che facciano scalpore sui rotocalchi. Rassegnato all'espediente, con disarmante cinismo propone la combine ad Assunta (Delia Boccardo), una donna che cerca lavoro come segretaria, ma già nota all'opinione pubblica come vittima di violenza carnale.

  • 2º episodio - regia di Cesare Bastelli

Mario (Carlo Delle Piane) è un maturo e ricco uomo d'affari alle prese con la giovanissima amante Silvia (Elena Sofia Ricci), sua ospite in un lussuoso albergo bolognese. Nonostante la grande esperienza di cose della vita, Mario è dibattuto tra la razionale analisi di un rapporto improbabile e la volontà di trovare certezze nelle contraddittorie parole della ragazza e positivi significati nei capricci della sua età.

  • 3º episodio - regia di Felice Farina

Giunto al porto di Fiumicino per una sconclusionata vendita di cavalli da corsa, Robby (Alessandro Haber) incontra casualmente l'ex moglie Federica (Ottavia Piccolo), a dieci anni dal loro divorzio, dove la trova insieme al suo nuovo marito, ridotto in modo malconcio. Condivideranno un breve percorso, tra piacevoli nostalgie del passato e amare considerazioni sul presente.

  • 4º episodio - regia di Antonio Avati

Il ventenne Davide (Nik Novecento) è maschera in un cinema della periferia di Roma. Ingenuo oltre il limite dello sprovveduto, tenta goffamente di sottrarsi al matrimonio riparatore cui è chiamato dalla non più giovane cassiera Giovanna (Simona Marchini), da lui messa incinta.

  • 5º episodio - regia di Luciano Manuzzi

Giacomo (Luciano Manzalini), partito in cerca di fortuna, dopo averla trovata torna a Cesena a bordo di una lussuosa automobile. La sua intenzione è di convincere il bizzarro amico d'infanzia Nerone (Eraldo Turra) a fargli da testimone per le imminenti nozze con la fidanzata Tatiana (Lorella Morlotti), scatenando gelosie e sospetti.

  • Titoli di coda

Nei titoli di coda, diretti da Luciano Emmer, vengono rivelati gli epiloghi dei cinque racconti.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema