Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gal Gadot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gal Gadot
Gal Gadot by Gage Skidmore 3.jpg
Gal Gadot al San Diego Comic-Con International nel 2017
Altezza 178[1] cm
Misure 86-60-86[2]
Taglia 36[2] (UE) - 4 (US)
Peso 60[2] kg
Scarpe 40[2] (UE) - 9 (US)
Occhi castani
Capelli castano scuro

Gal Gadot, (ebraico גל גדות) (Rosh HaAyin, 30 aprile 1985), è un'attrice e modella israeliana, nota principalmente per il ruolo di Gisele Harabo nella saga di Fast and Furious e di Wonder Woman nel DC Extended Universe.

Come modella è stata vincitrice del titolo di Miss Israele 2004[3] ed ha rappresentato il suo paese a Miss Universo nello stesso anno.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata e cresciuta a Rosh HaAyin, Israele[4], da una coppia sabra[5] di discendenze europee, l'ingegnere Michael Gadot e l'insegnante Irit Weiss,[6][7] Gadot ha una sorella minore[7] La sua famiglia, il cui cognome originale era "Greenstein"[8], è 1/4 polacca, 1/4 austriaca, 1/4 tedesca e 1/4 ceca.[1] Ha dichiarato di essere stata educata in un ambiente molto rispettoso delle tradizioni ebraiche[9]. I suoi nonni sono superstiti della Shoah[6]. In ebraico il suo nome significa "onda" mentre il suo cognome significa "argine" o "riva".[10] Sin da bambina ha giocato a pallavolo, pallacanestro e tennis a livello agonistico[1] inoltre ha praticato il karate Shotokan divenendo cintura nera 3º dan.

Nel 2004, diciannovenne, Gadot partecipa a Miss Israele aggiudicandosi la vittoria[3] e, dunque, si reca in Ecuador come rappresentante israeliana di Miss Universo, ma non si piazza tra le prime 15; tornata in patria, presta servizio per due anni come soldatessa delle Forze di Difesa Israeliane[1], divenendo istruttrice di combattimento,[11] parallelamente alla carriera da modella.[12] Iscrittasi all'università nella facoltà di legge, interrompe gli studi una volta avviata la carriera da attrice.[1][11]

Appassionata di motociclismo,[13] nel 2008 ha sposato l'imprenditore israeliano Yaron Versano,[14] da cui ha avuto due figlie.[15] Assieme al marito è stata proprietaria di un albergo a Tel Aviv, in seguito venduto all'imprenditore e politico russo Roman Abramovič.[16]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Modella[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 viene immortalata da Maxim per il servizio fotografico "Women of the Israeli army". Tale fotografia compare in seguito sulla copertina del New York Post. Un anno dopo diviene una delle principali modelle di Castro e, successivamente, la conduttrice del relativo show televisivo.[17] Inoltre diviene testimonial del rum Captain Morgan, dei prodotti per la pelle Vine Vera e di varie pubblicità Jaguar, comparendo contemporaneamente sulle copertine di Cosmopolitan, Bride Magazine e FHM. Cosa che, secondo una stima del 2013, la rende una delle più pagate modelle israeliane[18]. Nel 2015 viene scelta come testimonial della fragranza Bamboo di Gucci.[19]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

(EN)

« There aren’t enough good roles for strong women. I wish we had more female writers. Most of the female characters you see in films today are ‘the poor heartbroken girl.’ That’s why I’m so proud of the Fast movies. I feel like Gisele is an empowering woman. »

(IT)

« Non ci sono abbastanza buoni ruoli per donne forti. Vorrei ci fossero più sceneggiatrici. La maggioranza dei personaggi femminili che si vedono al giorno d'oggi nei film sono ‘la povera ragazza col cuore infranto’. Ecco perché sono orgogliosa dei film di Fast and Furious. Sento che Gisele è una donna forte. »

(Gal Gadot parlando del suo ruolo in Fast & Furious[20])

Dopo aver recitato in un ruolo minore nella miniserie israeliana Bubot, le viene proposto di fare un provino per il ruolo della bond girl Camille Montes in Quantum of Solace. Sebbene la parte non le venga affidata, il direttore del casting rimane tanto colpito da lei da provinarla per il ruolo di Gisele Harabo in Fast & Furious - Solo parti originali, che riesce ad ottenere concorrendo con altre sei attrici[21][22]. Stando a quanto dichiarato dalla stessa Gadot, Justin Lin ha assegnato il ruolo alla relativamente inesperta attrice principalmente per la sua esperienza militare e la conseguente conoscenza delle armi[5]. La partecipazione alla pellicola funge da trampolino di lancio per la carriera dell'attrice che, tra il 2009 ed il 2013, prende parte ai film Notte folle a Manhattan, dove recita al fianco di Mark Wahlberg, e Innocenti bugie[23]; nonché alle serie televisive Entourage, The Beautiful Life, Asfur e Eretz Nehederet. Inoltre riprende il ruolo di Gisele in Fast & Furious 5 e Fast & Furious 6.

Grazie anche ai suoi trascorsi militari, Gadot non si serve mai di stuntman o controfigure per le sue scene d'azione[24]. Nell'aprile 2012 la rivista Shalom Life l'ha classificata quinta nella lista delle "50 più talentuose, intelligenti, divertenti ed attraenti donne ebree del mondo", dietro alla modella Bar Refaeli, alle attrici Dianna Agron e Eva Green, ed alla designer Neri Oxman[25].

Il 4 dicembre 2013, la DC Comics ha annunciato l'assegnazione a Gal Gadot del ruolo della grande eroina Wonder Woman all'interno del DC Extended Universe; l'esordio del personaggio avviene nel film di Zack Snyder Batman v Superman: Dawn of Justice[26], uscito a marzo 2016, per prepararsi al ruolo l'attrice ha praticato scherma, kung fu, kickboxing, capoeira e jiu jitsu brasiliano[27] guadagnando 8 kg di muscoli[11]. Gadot riprenderà il ruolo in almeno altri due film, Wonder Woman, e Justice League, incentrato sulla Justice League[28][29], entrambi in uscita nel 2017.

Gal Gadot al San Diego Comic-Con International nel 2015.

Nel 2016 prende parte alla commedia Le spie della porta accanto, diretta da Greg Mottola.[30] L'anno successivo e la protagonista del film Wonder Woman, la pellicola ha un ottimo successo in tutto il mondo incassando 653 milioni di dollari in tutto il mondo. Il film detiene il record di maggior incasso mondiale diretto da una regista donna, superando Mamma Mia!.[31] Inoltre la pellicola è stata vietata in Libano e Tunisia a causa dell'attrice che in passato ha servito come soldatessa per l'esercito israeliano.[32]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Gal Gadot è stata doppiata da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e (HE) גל גדות, ynet.co.il.
  2. ^ a b c d (EN) Gal Gadot Body Measurements, bodymeasurements.org.
  3. ^ a b (EN) Donne e motori: Gal Gadot, Miss Israele, fastandfurious5.screenweek.it, 18 febbraio 2009. URL consultato il 26 dicembre 2013.
  4. ^ (EN) Chatting With 'Fast Five' Star Gal Gadot, blogs.forward.com, 2 maggio 2011. URL consultato il 7 settembre 2013.
  5. ^ a b (EN) Curt Schleier, Chatting With 'Fast Five' Star Gal Gadot, blogs.forward.com, 2 maggio 2011.
  6. ^ a b (HE) יום השואה: מפורסמים משתפים בזכרון אישי, celebs.walla.co.il, 16 aprile 2015.
  7. ^ a b (HE) מס' 16: גל גדות, ynet.co.il, 9 febbraio 2004.
  8. ^ (EN) Gal Gadot Asks Jimmy Kimmel About Her Breasts, youtube.com, 16 marzo 2016.
  9. ^ (EN) Entertainment | Features And Reviews, totallyjewish.com. URL consultato il 7 settembre 2013.
  10. ^ (EN) Avshalom Halutz, Who is Gal Gadot, Hollywood's next Wonder Woman?, haaretz.com, 6 dicembre 2013. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  11. ^ a b c (EN) Gal Gadot Is Wonder Woman: "She Is Not Relying on a Man, and She's Not There Because of a Love Story", glamour.com, 7 marzo 2016. URL consultato il 9 aprile 2016.
  12. ^ (EN) UMM.COM - Urban Male Magazine, umm.ca. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  13. ^ (EN) Jess Denham, Profile: Wonder Woman Gal Gadot is a model, army girl and Fast & Furious star, independent.co.uk, 5 dicembre 2013.
  14. ^ (EN) Yaron Varsano & Wonder Woman Wife, dailyentertainmentnews.com, 15 novembre 2013. URL consultato il dicembre 2013.
  15. ^ Gal Gadot Gives Birth to a Baby Girl Named Maya, eonline.com. URL consultato il 20 marzo 2017.
  16. ^ (EN) Shlomit Tsur, Roman Abramovich buys Tel Aviv hotel, globes.co.il, 13 aprile 2015. URL consultato il 24 marzo 2016.
  17. ^ (EN) Israeli fashion retailer torn between daring spirit and need to please the masses, haaretz.com.
  18. ^ (HE) הדוגמניות המרוויחות ביותר בישראל, forbes.co.il, giugno 2013.
  19. ^ Wonder Woman: Gal Gadot sensuale nel nuovo spot Gucci, mangaforever.net, 25 agosto 2015. URL consultato il 26 giugno 2015.
  20. ^ (EN) Q&A: Gal Gadot, thestndrd.com, 4 novembre 2013.
  21. ^ (EN) IGN: New Furious Babe, movies.ign.com, 4 marzo 2008. URL consultato il 16 marzo 2011.
  22. ^ (EN) Gal Gadot: Too fast too furious?, israelenews.com. URL consultato il 16 marzo 2011.
  23. ^ (EN) JUF : Teens : Celebrities : Gal Gadot, juf.org. URL consultato il 4 gennaio 2014.
  24. ^ (EN) Simon Wilson, Gal Gadot is Wonder Woman: Israeli badass takes on the boys in ‘Batman vs. Superman’, jewishjournal.com, 4 dicembre 2013.
  25. ^ (EN) Ashley Baylen, Top 50 Hottest Jewish Women (10–1) – Page2, shalomlife.com, 12 aprile 2012. URL consultato il 2 maggio 2013.
  26. ^ (EN) Mike Fleming, Emerging Star Gal Gadot Set For Wonder Woman In 'Batman Vs. Superman', deadline.com, 4 dicembre 2013. URL consultato il 4 dicembre 2013.
  27. ^ (EN) Michael Doran, GAL GADOT Responds To Being 'Too Skinny' for WONDER WOMAN, newsarama.com, 27 dicembre 2013. URL consultato il 24 febbraio 2016.
  28. ^ (EN) Chris Begley, Gal Gadot signed a 3 movie deal as Wonder Woman (video), batman-news.com. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  29. ^ (EN) Justin Kroll, ‘Wonder Woman’ Gal Gadot Signs Three-Picture Deal with Warner Bros., variety.com. URL consultato il 23 gennaio 2013.
  30. ^ Le Spie della Porta Accanto: nuovo spot con Gal Gadot e Isla Fisher tra vicinato e spionaggio internazionale, badtaste.it, 16 ottobre 2016. URL consultato il 7 novembre 2016.
  31. ^ Wonder Woman: Box -Office, Patty Jenkins record è la donna ad aver incassato di più nella storia, talkymovie.it, 24 giugno 2017. URL consultato il 26 giugno 2017.
  32. ^ Prima il Libano, poi la Tunisia: vietata 'Wonder Woman', adnkronos.com, 8 giugno 2017. URL consultato il 26 giugno 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN6147121644526391529 · LCCN: (ENno2016106183