Isla Fisher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isla Fisher a Londra nel 2012

Isla Lang Fisher (IPA: [ˈaɪlə ˈfɪʃə]; Mascate, 3 febbraio 1976) è un'attrice australiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fisher è nata a Mascate, nell'Oman, da genitori scozzesi, Brian Fisher, che all'epoca vi svolgeva la professione di banchiere per conto delle Nazioni Unite[1], ed Elspeth Reid[2]. È stata chiamata Isla dal nome dell'isola di Islay, la principale dell'arcipelago scozzese delle Ebridi Interne. Pochi mesi dopo la propria nascita, ritorna assieme ai genitori in Scozia, presso la loro cittadina natia di Bathgate, per poi ritrasferirsi in pianta stabile a Perth, nell'Australia Occidentale, quando non aveva che sei anni d'età.[3]

All'età di diciotto anni scrive, con la collaborazione della madre, due romanzi intitolati Bewitched e Seduced by Fame. Lavora per alcuni anni nella soap opera Home and Away. Nel 2001 si fa notare nel film tedesco The Pool mentre l'anno seguente recita nel film Scooby-Doo. Dopo aver recitato nel film I Heart Huckabees - Le strane coincidenze della vita si fa notare nella divertente commedia 2 single a nozze - Wedding Crashers. Nel 2005 recita nel drammatico London e nel 2007 nel film Sguardo nel vuoto.

Nel 2008 prende parte alla commedia romantica Certamente, forse, con Ryan Reynolds, e in seguito è protagonista di I Love Shopping, commedia tratta dall'omonimo romanzo di Sophie Kinsella, al fianco di Hugh Dancy.[4] Nel 2012 recita nel film The Wedding Party. Nel 2013 recita in Il grande Gatsby di Baz Luhrmann, in Now You See Me - I maghi del crimine di Louis Leterrier e in Scambio a sorpresa - Life of Crime di Daniel Schechter, mentre nel 2016 è interprete di Grimsby - Attenti a quell'altro di Leterrier.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 si fidanza con l'attore Sacha Baron Cohen. La coppia ha tre figli, Olive (ottobre 2007), Elula (agosto 2010) e Montgomery Moses Brian (aprile 2015).[5][6] La coppia si è sposata il 15 marzo 2010 a Parigi,[7] e, prima del matrimonio, la Fisher si è convertita alla religione ebraica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Federica De Bortoli in The Pool, 2 single a nozze - Wedding Crashers, Sguardo nel vuoto, Hot Rod - Uno svitato in moto, Certamente, forse, I Love Shopping, Ladri di cadaveri - Burke & Hare, The Wedding Party, Now You See Me - I maghi del crimine, Scambio a sorpresa - Life of Crime, Grimsby - Attenti a quell'altro, Le spie della porta accanto, Prendimi!, Fata madrina cercasi, Mia moglie è un fantasma
  • Valentina Mari in Scooby-Doo, Beach Bum - Una vita in fumo
  • Benedetta Ponticelli in Matrimonio per sbaglio
  • Rossella Acerbo in Paradise Beach
  • Gabriella Borri ne Il grande Gatsby
  • Loretta Di Pisa in Arrested Development - Ti presento i miei
  • Daniela Abbruzzese in Visions
  • Antonella Baldini in Animali notturni

Da doppiatrice è sostituita:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Oman-born actress, spouse donate $1 million for Syrian children, su Times of Oman, 28 dicembre 2015. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  2. ^ Kerry White Marcie Muir, Australian Children's Books: 1989–2000, Melbourne University Publishing, 1992, ISBN 978-0-522-85088-8.
  3. ^ Isla Fisher maintains she is not a shopaholic , STV Video, su Video.stv.tv. URL consultato il 6 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2009).
  4. ^ Isla Fisher nel film I Love Shopping, su bestmovie.it. URL consultato l'11 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2015).
  5. ^ Isla Fisher ha partorito: 3° figlio per Sacha Baron Cohen, su gossipblog.it. URL consultato l'11 aprile 2015.
  6. ^ Isla Fisher di nuovo mamma: svelato il nome del bambino, su gossipetv.com. URL consultato il 19 aprile 2015.
  7. ^ Fiori d'arancio per Sacha Baron Cohen e Isla Fisher

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37242317 · ISNI (EN0000 0001 1948 6635 · LCCN (ENnb98026226 · GND (DE1012033937 · BNF (FRcb156311888 (data) · BNE (ESXX4797705 (data) · NLA (EN35454834 · WorldCat Identities (ENlccn-nb98026226