Isla Fisher

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Isla Fisher a Londra nel 2012

Isla Lang Fisher (IPA: [ˈaɪlə ˈfɪʃə]; Mascate, 3 febbraio 1976) è un'attrice australiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fisher è nata a Mascate, nell'Oman, da genitori scozzesi, Brian Fisher, che all'epoca vi svolgeva la professione di banchiere per conto delle Nazioni Unite[1], ed Elspeth Reid[2]. È stata chiamata Isla dal nome dell'isola di Islay, la principale dell'arcipelago scozzese delle Ebridi Interne. Pochi mesi dopo la propria nascita, ritorna assieme ad i propri genitori in Scozia, presso la loro cittadina natia di Bathgate, per poi ritrasferirsi in pianta stabile a Perth, nell'Australia Occidentale, quando non aveva che sei anni d'età.[3]

All'età di diciotto anni scrive, con la collaborazione della madre, due romanzi intitolati Bewitched e Seduced by Fame. Lavora per alcuni anni nella soap opera Home and Away. Nel 2001 si fa notare nel film tedesco The Pool mentre l'anno seguente recita nel film Scooby-Doo. Dopo aver recitato nel film I ♥ Huckabees - Le strane coincidenze della vita si fa notare nella divertente commedia 2 single a nozze - Wedding Crashers. Nel 2005 recita nel drammatico London e nel 2007 nel film Sguardo nel vuoto.

Nel 2008 prende parte alla commedia romantica Certamente, forse, con Ryan Reynolds, e in seguito è protagonista di I Love Shopping, commedia tratta dall'omonimo romanzo di Sophie Kinsella, al fianco di Hugh Dancy.[4] Nel 2012 recita nel film The Wedding Party. Nel 2013 recita in Il grande Gatsby di Baz Luhrmann, in Now You See Me - I maghi del crimine di Louis Leterrier e in Scambio a sorpresa - Life of Crime di Daniel Schechter, mentre nel 2016 è interprete di Grimsby - Attenti a quell'altro di Leterrier.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2004 si fidanza con l'attore Sacha Baron Cohen. La coppia ha tre figli, Olive (ottobre 2007), Elula (agosto 2010) e Montgomery Moses Brian (aprile 2015).[5][6] La coppia si è sposata il 15 marzo 2010 a Parigi,[7] e, prima del matrimonio, la Fisher si è convertita alla religione ebraica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

  • Federica De Bortoli in The Pool, 2 single a nozze - Wedding Crashers, Sguardo nel vuoto, Hot Rod - Uno svitato in moto, Certamente, forse, I Love Shopping, Ladri di cadaveri - Burke & Hare, The Wedding Party, Now You See Me - I maghi del crimine, Scambio a sorpresa - Life of Crime, Grimsby - Attenti a quell'altro, Le spie della porta accanto, Prendimi!, Fata madrina cercasi
  • Valentina Mari in Scooby-Doo, Beach Bum - Una vita in fumo
  • Benedetta Ponticelli in Matrimonio per sbaglio
  • Rossella Acerbo in Paradise Beach
  • Gabriella Borri ne Il grande Gatsby
  • Loretta Di Pisa in Arrested Development - Ti presento i miei
  • Daniela Abbruzzese in Visions
  • Antonella Baldini in Animali notturni

Da doppiatrice è sostituita:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Oman-born actress, spouse donate $1 million for Syrian children, su Times of Oman, 28 dicembre 2015. URL consultato il 27 febbraio 2020.
  2. ^ Kerry White Marcie Muir, Australian Children's Books: 1989–2000, Melbourne University Publishing, 1992, ISBN 978-0-522-85088-8.
  3. ^ Isla Fisher maintains she is not a shopaholic , STV Video, su Video.stv.tv. URL consultato il 6 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2009).
  4. ^ Isla Fisher nel film I Love Shopping, su bestmovie.it. URL consultato l'11 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2015).
  5. ^ Isla Fisher ha partorito: 3° figlio per Sacha Baron Cohen, su gossipblog.it. URL consultato l'11 aprile 2015.
  6. ^ Isla Fisher di nuovo mamma: svelato il nome del bambino, su gossipetv.com. URL consultato il 19 aprile 2015.
  7. ^ Fiori d'arancio per Sacha Baron Cohen e Isla Fisher

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN37242317 · ISNI (EN0000 0001 1948 6635 · LCCN (ENnb98026226 · GND (DE1012033937 · BNF (FRcb156311888 (data) · BNE (ESXX4797705 (data) · NLA (EN35454834 · WorldCat Identities (ENlccn-nb98026226