Finale della Coppa delle Coppe 1988-1989

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Coppa delle Coppe 1988-1989.

Finale della Coppa delle Coppe 1988-1989
Wankdorf demolition 1.jpg
Il Wankdorfstadion di Berna, teatro della finale
Dettagli evento
Competizione Coppa delle Coppe 1988-1989
Data 10 maggio 1989
Città Berna
Impianto di gioco Wankdorfstadion
Spettatori 45 000
Risultato
Barcellona
2
Sampdoria
0
Arbitro Inghilterra George Courtney
ed. successiva →     ← ed. precedente

La finale della 29ª edizione della Coppa delle Coppe UEFA è stata disputata il 10 maggio 1989 al Wankdorfstadion di Berna tra Sampdoria e Barcellona. All'incontro hanno assistito circa 45 000 spettatori. La partita, arbitrata dall'inglese George Courtney, ha visto la vittoria per 2-0 del club catalano.

Il cammino verso la finale[modifica | modifica wikitesto]

Il Barcellona di Johan Cruyff esordì contro i modesti islandesi del Fram Reykjavík eliminandoli con un risultato complessivo di 7-0. Agli ottavi di finale i polacchi del Lech Poznań, diedero filo da torcere ai catalani che in entrambi gli incontri non andarono oltre l'1-1. Furono dunque necessari i tiri di rigore allo Stadion Miejski e il Barcellona passò il turno grazie alla rete del 5-4 di Aloísio. Ai quarti i Blaugrana affrontarono i danesi dell'Aarhus, battendoli in trasferta 1-0 e impattando al Camp Nou 0-0. In semifinale i bulgari del CSKA Sofia furono sconfitti con un risultato complessivo di 6-3.

Sampdoria e Malines entrano in campo a Genova per la semifinale di ritorno, che vide i padroni di casa ribaltare l'esito del doppio confronto ed eliminare i detentori della coppa.

La Sampdoria di Vujadin Boškov iniziò il cammino europeo contro gli svedesi del IFK Norrköping perdendo 2-1 a Idrottspark e ribaltando il risultato al Ferraris vincendo 2-0. Agli ottavi i tedeschi orientali del Carl Zeiss Jena furono sconfitti con un risultato aggregato di 4-2. Ai quarti di finale i Blucerchiati affrontarono i rumeni della Dinamo Bucarest, pareggiando 1-1 in Romania e 0-0 in Italia e ottenendo il passaggio del turno grazie alla regola dei gol fuori casa. In semifinale i competitivi belgi del Malines furono battuti con un risultato totale di 4-2, frutto della sconfitta esterna per 2-1 e della vittoria casalinga per 3-0.

La partita[modifica | modifica wikitesto]

A Berna va in scena la finale tra il Barcellona, già vincitore delle edizioni del 1979 e del 1982, e la Sampdoria, alla sua prima finale europea ma che è stata capace di eliminare i campioni in carica del Malines. Il Barcellona è chiaramente favorito, complice anche gli infortuni di Gianluca Vialli e Roberto Mancini nelle file blucerchiate. Dopo nemmeno cinque minuti di gioco, infatti, il Barça passa in vantaggio con un colpo di testa di Julio Salinas. La reazione della Samp è timida e il risultato non cambia per i primi 45 minuti.

Nella ripresa i genovesi ci mettono la buona volontà e si vedono di più in attacco, ma il gioco dei catalani è superiore, e a dieci minuti dal termine Luis López Rekarte mette a segno il tap-in vincente che consegna la terza Coppa delle Coppe agli Azulgrana.[1][2]

Tabellino[modifica | modifica wikitesto]

Berna
10 maggio 1989, ore 20:15
Barcellona2 – 0
referto
SampdoriaWankdorfstadion (45 000 spett.)
Arbitro: Inghilterra George Courtney

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Barcellona
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Sampdoria
Barcellona
POR 1 Spagna Andoni Zubizarreta
DIF 5 Spagna Urbano Ortega
DIF 2 Spagna José Ramón Alexanko Captain
DIF 4 Brasile Aloísio Ammonizione
CEN 6 Spagna Guillermo Amor
DIF 4 Spagna Luis Milla Uscita al 61’ 61’
CEN 8 Spagna Eusebio Sacristán
CEN 10 Spagna Roberto
ATT 9 Spagna Julio Salinas
ATT 7 Inghilterra Gary Lineker
ATT 11 Spagna Txiki Begiristain Uscita al 74’ 74’
Sostituzioni:
CEN 15 Spagna Miquel Soler Ingresso al 61’ 61’
ATT 16 Spagna Luis López Rekarte Ingresso al 74’ 74’
Allenatore:
Paesi Bassi Johan Cruyff
Sampdoria
POR 1 Italia Gianluca Pagliuca
DIF 2 Italia Moreno Mannini Uscita al 27’ 27’
DIF 5 Italia Marco Lanna
DIF 4 Italia Fausto Pari
DIF 6 Italia Luca Pellegrini Captain Uscita al 49’ 49’
CEN 7 Spagna Víctor Muñoz
CEN 3 Italia Fausto Salsano
CEN 8 Brasile Toninho Cerezo
CEN 11 Italia Giuseppe Dossena
ATT 9 Italia Gianluca Vialli
ATT 10 Italia Roberto Mancini
Sostituzioni:
DIF 13 Italia Stefano Pellegrini Ingresso al 27’ 27’
CEN 14 Italia Fulvio Bonomi Ingresso al 49’ 49’
Allenatore:
Jugoslavia Vujadin Boškov

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Todo Berna fue un "clam" (PDF), in El Mundo Deportivo, 11 maggio 1989. URL consultato il 6 dicembre 2016.
  2. ^ Anche in Europa l'eterna incompiuta (PDF), in l'Unità, 11 maggio 1989. URL consultato il 6 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2016).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio