Idrottsföreningen Kamraterna Norrköping

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IFK Norrköping
Calcio Football pictogram.svg
IFK Norrköping Logo.png
Peking, Snoka
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Bianco e Blu (Bordato)2.png Bianco e blu
Dati societari
Città Norrköping
Nazione Svezia Svezia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Sweden.svg SvFF
Campionato Allsvenskan
Fondazione 1897
Presidente Peter Hunt
Allenatore Jan Andersson
Stadio Östgötaporten
(17.234 posti)
Sito web www.ifknorrkoping.se
Palmarès
Titoli nazionali 13 Campionati svedesi
Trofei nazionali 6 Svenska Cupen
1 Supercoppa svedese
2 Kamratmästerskapen
Si invita a seguire il modello di voce

L'Idrottsföreningen Kamraterna Norrköping, meglio noto come IFK Norrköping, è una società calcistica svedese con sede nella città di Norrköping. Milita nella Allsvenskan, la massima divisione del campionato svedese, e vanta in bacheca 13 campionati svedesi e 6 Svenska Cupen. Avendo vinto la Allsvenskan 2015, è campione di Svezia in carica.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Il club venne fondato il 29 maggio 1897[1] da due ragazzi, Gunnar Nisbeth och John Uggla, che raccolsero l'invito della rivista giovanile Kamraten di formare e affiliare organizzazioni sportive in tutta la Svezia[2]. Così come in molte altre città del paese, anche a Norrköping nacque la locale associazione IFK, la 17ª in ordine cronologico.

La prima squadra a praticare il calcio in città fu il Norrköping Gymnastikförening, mentre l'IFK ha giocato la sua prima partita in assoluto nel 1902, perdendo 1-2 contro la scuola Läroverket. La prima apparizione in un campionato fu nel 1904.

Nella stagione 1924-1925 partecipò alla prima edizione dell'attuale Allsvenskan, competizione che sostituiva la vecchia Svenska Serien. In quegli anni l'IFK Norrköping non ha mai raccolto risultati di rilievo, arrivando talvolta a perdere per 11-0 contro l'Örgryte (nel 1928) o l'Helsingborg (1929). La stagione 1929-1930 coincise con la retrocessione in seconda serie, in cui la squadra finirà per militare per gran parte degli anni '30. Per ragioni di campanilismo fu particolarmente negativa la stagione 1937-1938, quando i rivali cittadini dell'IK Sleipner vinsero il primo (e per ora unico) loro scudetto, mentre i biancoblu fallirono il ritorno in Allsvenskan. Una rivincita arrivò al termine del campionato 1940-1941, quando per la prima volta in 15 anni l'IFK concluse sopra lo Sleipner, a sua volta ultimo e retrocesso.

Nel 1942 iniziò un ciclo di grande splendore, coinciso con l'arrivo in panchina del tecnico unghesese Lajos Czeizler: in questo periodo la squadra conquistò 5 titoli nazionali in 6 stagioni[3] oltre a 2 coppe di Svezia, grazie anche al contributo in campo dei fratelli Nordahl (Gunnar e Knut). In questi anni Gunnar Nordahl vinse per tre volte la classifica cannonieri, con 27 reti nel 1944-1945, 25 reti nel 1945-1946 e 18 reti nel 1947-1948. Questi successi, uniti all'oro svedese alle Olimpiadi 1948, non passarono inosservati agli occhi dei dirigenti esteri: il Milan nel 1949 ingaggiò l'allenatore Czeizler, il quale si portò dietro giocatori come lo stesso Gunnar Nordahl e il centrocampista Nils Liedholm che andarono a formare il glorioso Gre-No-Li.

Nonostante le cessioni, la squadra ha saputo vincere ugualmente tre scudetti nel corso degli anni '50 e altri tre nella prima metà degli anni '60, quando il club si ritrovò in bacheca 11 dei 12 scudetti conquistati fino ad oggi[3]. Dopo un ventennio di dominio sul calcio svedese, l'IFK Norrköping finì così il suo periodo d'oro. Nel 1969 vinse una Svenska Cupen, ma si rivelerà l'unico successo fino al 1988, quando arrivò un'altra coppa nazionale: in questo periodo continuò a militare tra alti e bassi in Allsvenskan, con l'eccezione di un anno in seconda serie nel 1983.

Nel 1989 arrivò il 12º scudetto della storia del club, con un secondo posto in Allsvenskan che qualificò la squadra per la fase finale del torneo: le semifinali furono superate con un 4-1 totale ai danni dell'Örebro, mentre nella serie finale si resero necessari i calci di rigore per determinare l'esito della decisiva terza gara (0-0 dopo i tempi regolamentari) contro il Malmö FF. L'anno seguente sembrò iniziare sotto i migliori auspici, con Tomas Brolin che all'esordio segnò una tripletta nel 6-0 all'IFK Göteborg, ma la cessione dello stesso Brolin al Parma a stagione in corso contribuì al mancato raggiungimento del titolo.

Dopo aver ulteriormente continuato a militare in Allsvenskan, nel 2002 l'IFK Norrköping affrontò un campionato in cui lottò per la salvezza fino all'ultima giornata: l'1-1 dell'ultima giornata sul campo del GIF Sundsvall fu fatale, poiché con una vittoria sarebbe retrocesso l'IFK Göteborg[4]. Iniziò così un periodo che portò la squadra a militare in Superettan per 7 dei successivi 8 anni (dal 2003 al 2007 e nel biennio 2009-2010).

All'ultima giornata del campionato 2015 l'IFK Norrköping torna a vincere lo scudetto a 26 anni di distanza dall'ultimo trionfo, trascinato dai 21 gol del capocannoniere Emir Kujović. I biancoblù erano partiti senza i favori del pronostico, visto che alla vigilia della prima giornata il successo finale era quotato dai bookmakers a 56,00[5].

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Nya Parken, dall'aprile 2016 ribattezzato Östgötaporten per ragioni di sponsorizzazione,[6] ha una capacità di 17.234 spettatori[7].

Giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'IFK Norrköping

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Trofei nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2015

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

1999-2000

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

aggiornata al 28 marzo 2016

N. Ruolo Giocatore
1 Estonia P Andreas Vaikla
2 Svezia D Henrik Castegren
3 Islanda D Jón Guðni Fjóluson
4 Svezia D Andreas Johansson (capitano)
5 Svezia A Christoffer Nyman
6 Svezia D Linus Wahlqvist
7 Svezia C Andreas Blomqvist
8 Svezia C Nicklas Bärkroth
9 Islanda C Arnór Ingvi Traustason
10 Svezia A Emir Kujović
11 Svezia D Christopher Telo
13 Svezia D Erik Lindell
N. Ruolo Giocatore
14 Svezia C Eric Smith
15 Svezia D Marcus Falk-Olander
16 Svezia A Joel Enarsson
17 Sierra Leone A Alhaji Kamara
19 Svezia A Sebastian Andersson
20 Finlandia C Daniel Sjölund (vice capitano)
21 Svezia D Andreas Hadenius
24 Svezia C Gentrit Citaku
25 Svezia D Filip Dagerstål
27 Svezia C Tesfaldet Tekie
30 Croazia D Nikola Tkalčić
91 Macedonia P David Mitov Nilsson

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (SV) De allsvenska klubbarnas födelsedagar (PDF), bolletinen.se.
  2. ^ (SV) IFK Norrköping – En klubbhistoria 1897-1997, oldsportbooks.se.
  3. ^ a b (SV) Svenska mästare 1896-1925, 1931-, svenskfotboll.se.
  4. ^ (SV) Norrköping åker ur - Göteborg får kvala, aftonbladet.se, 02-11-2002.
  5. ^ (SV) Oddsen: Missar toppen – trots drömvärvningar, aftonbladet.se, 31-03-2015.
  6. ^ (SV) Norrköping byter namn på sin hemmaarena: "En av de största affärerna vi gjort", fotbollskanalen.se, 11-04-2016.
  7. ^ (SV) Om arenan, nyaparken.se.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gunnar Persson, IFK Norrköping - En klubbhistoria 1897-1997, 1997, ISBN 91-7151-045-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN128417304
calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio