Episodi de Il Trono di Spade (prima stagione)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La prima stagione della serie televisiva Il Trono di Spade (Game of Thrones), composta da 10 episodi, è stata trasmessa sul canale statunitense HBO dal 17 aprile al 20 giugno 2011.[1][2]

In Italia, la stagione è andata in onda in prima visione assoluta sul canale satellitare Sky Cinema 1 dall'11 novembre al 9 dicembre 2011.[3][4] È stata trasmessa in chiaro dal 2 al 30 maggio 2013 su Rai 4.[5]

Cast
Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Personaggi delle Cronache del ghiaccio e del fuoco § Apparizioni dei personaggi nella serie televisiva.

Durante questa stagione escono dal cast principale Sean Bean, Mark Addy e Harry Lloyd.

Game of Thrones 2011 logo.svg
Titolo originale Titolo italiano Prima TV USA Prima TV Italia
1 Winter Is Coming L'inverno sta arrivando 17 aprile 2011 11 novembre 2011
2 The Kingsroad La Strada del Re 24 aprile 2011 11 novembre 2011
3 Lord Snow Lord Snow 1º maggio 2011 18 novembre 2011
4 Cripples, Bastards and Broken Things Il giuramento 8 maggio 2011 18 novembre 2011
5 The Wolf and the Lion Il lupo e il leone 15 maggio 2011 25 novembre 2011
6 A Golden Crown La corona d'oro 22 maggio 2011 25 novembre 2011
7 You Win or You Die Il gioco dei troni 29 maggio 2011 2 dicembre 2011
8 The Pointy End La guerra alle porte 5 giugno 2011 2 dicembre 2011
9 Baelor La confessione 12 giugno 2011 9 dicembre 2011
10 Fire and Blood Fuoco e sangue 19 giugno 2011 9 dicembre 2011

L'inverno sta arrivando[modifica | modifica wikitesto]

Immagine dalla sigla.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell'Estremo Nord del continente di Westeros, oltre la Barriera (muro fatto interamente di ghiaccio e costruito lungo il limite nord dei Sette Regni), un ranger dei Guardiani della Notte (confraternita di guerrieri a cui è affidato il mantenimento della Barriera) diserta e fugge dopo aver visto un Estraneo, una creatura assassina ritenuta leggendaria e mai esistita.

Approdo del Re è la capitale dei Sette Regni di Westeros ed ospita il Trono di Spade, da secoli occupato dalla dinastia Targaryen (gli antichi signori dei Draghi) ma da diciassette anni ormai in mano all'attuale re, Robert Baratheon, che ha spodestato i precedenti regnanti dopo una lunga e sanguinosa ribellione. Il suo Primo Cavaliere (viceré), Jon Arryn, muore improvvisamente in circostanze misteriose; la regina Cersei Lannister e suo fratello gemello Jaime, membro della Guardia Reale, commentano di come Jon Arryn fosse venuto a conoscenza di segreti proibiti e quindi di quanto fosse giusta la sua morte.

A Grande Inverno, capitale del Nord (uno dei Sette Regni di Re Robert), il Guardiano della Notte disertore viene catturato e giustiziato da Eddard Stark (soprannominato Ned), Lord Protettore del Nord e luogotenente di Robert durante la guerra contro la precedente dinastia regnante svoltasi circa diciassette anni prima. Facendo ritorno al suo castello, sulla via di casa, Ned trova il cadavere di una meta-lupa, simbolo della Casa Stark (uccisa da un cervo, simbolo della Casa Baratheon), e i suoi sei cuccioli, che affida ad ognuno dei suoi sei figli; in particolar modo, quello affidato al suo figlio bastardo, Jon Snow, è nettamente diverso dagli altri.
Tornato a Grande Inverno, Eddard riceve da sua moglie Catelyn la notizia della morte di Jon Arryn (che in giovinezza è stato per lui come un padre) e che re Robert Baratheon si sta dirigendo a Grande Inverno con la famiglia reale al seguito (tra cui il cognato Jaime, la moglie Cersei Lannister e i suoi tre figli, i principi Joffrey, Myrcella e Tommen) per chiedergli di sostituire Jon nella carica di Primo Cavaliere.
Poco dopo giunge in segreto anche una missiva da parte della vedova di Jon Arryn, Lysa (sorella minore di Catelyn), scritta in modo molto criptico, che sospetta che il marito sia stato in realtà assassinato dai Lannister (famiglia della regina Cersei).
Eddard accetta l'incarico di Primo Cavaliere del Re, con profonda riluttanza della moglie Catelyn, per recarsi nella Capitale e cercare di scoprire la verità sulla morte di Jon Arryn.
Re Robert e la carovana reale giungono a Grande Inverno e viene organizzato un banchetto in loro onore.
Bran, uno dei figli di Eddard, sorprende casualmente i fratelli Lannister (Cersei e Jaime) durante un rapporto incestuoso; Jaime dunque lo butta giù dalla finestra per salvaguardare il segreto suo e di sua sorella.

Intanto, nella città libera di Pentos, situata nel continente di Essos, Daenerys Targaryen, l’ultima discendente in esilio della precedente dinastia regnante sul Trono di Spade, viene costretta dal suo crudele e borioso fratello maggiore, Viserys, a sposare Khal Drogo, leader dei selvaggi Dothraki, un popolo nomade di formidabili guerrieri che vive in quelle pianure. Viserys spera in questo modo di poter contare sull'esercito di Drogo per riconquistare la corona perduta durante la Ribellione dal padre Aerys (ucciso a tradimento da Jaime Lannister, ai tempi sua Guardia Reale) e dal fratello maggiore Rhaegar (ucciso in battaglia da Robert Baratheon), che anni prima rapì la sorella di Eddard Stark, Lyanna, facendo per l’appunto scatenare la Ribellione di Robert Baratheon, che alla fine portò alla disfatta della sua famiglia.

La Strada del Re[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nell'accampamento dei Dothraki, Viserys dichiara di voler restare vicino alla sorella finché non avrà ottenuto l'esercito che gli è stato promesso.
Daenerys inizia a innamorarsi di Khal Drogo e dalla sua ancella Doreah si fa insegnare i segreti dell'erotismo.

A Grande Inverno, i Lannister scoprono che Bran è sopravvissuto alla caduta dalla finestra della torre rimanendo però in coma. Subito dopo, la carovana reale riparte, diretta alla Capitale. Ned parte con loro e si porta dietro le sue due figlie femmine: Sansa e Arya.
Durante un momento di sosta, in una discussione con Eddard (in cui viene menzionata anche Lyanna, sorella minore di Ned e grande amore di Robert, rapita da Rhaegar Targaryen e morta 17 anni prima), re Robert avverte il suo amico che la discendente dell'ex re Targaryen è ancora viva e si è sposata con un Khal Dothraki.

Nel frattempo, un killer ingaggiato da non si sa chi cerca di uccidere il comatoso Bran, ma il meta-lupo del ragazzo lo salva e Catelyn, scossa dall'avvenimento, indaga sull'arma dell'assassino (una daga valyriana di grande valore). Successivamente, la donna trova un capello biondo nella torre da cui è caduto Bran, quindi confessa a ser Rodrick, suo capo delle guardie, e a Maestro Luwin, suo fidato consigliere, di voler cavalcare in segreto verso sud per incontrare Eddard e metterlo in guardia contro i Lannister.
Grande Inverno si è quindi svuotata: lord Eddard Stark e le sue due figlie sono partiti per la Capitale, Approdo del Re, mentre Jon Snow e Tyrion Lannister (fratello minore, affetto da nanismo, della regina Cersei e di Jaime) si sono diretti verso la Barriera. Jon andrà a reclutarsi tra i Guardiani della Notte, Tyrion andrà in visita di piacere.

Una volta arrivati nelle Terre dei Fiumi, durante la marcia verso Approdo del Re, il principe ereditario Joffrey (primogenito di re Robert e della regina Cersei) e Sansa trovano Arya sulla riva di un fiume, intenta ad allenarsi nel duello con la spada insieme a un garzone suo amico, un ragazzino di nome Mycah. Il principe, in un puro atto di prepotenza, ferisce il garzone mentre Nymeria, la meta-lupa di Arya, ferisce come atto di difesa Joffrey al braccio. Arya successivamente costringe Nymeria a disperdersi tra i boschi. Intanto, la Guardia Personale di Joffrey, Sandor Clegane, uccide Mycah su ordine del principe.
Portata Arya in giudizio davanti alla Corte, re Robert sigla l'accaduto come un litigio tra bambini, ma su insistenza della moglie Cersei ordina di sopprimere la meta-lupa di Sansa in sostituzione a Nymeria, ormai dispersa: Eddard Stark esegue il terribile ordine, tra le suppliche della figlia maggiore.

Intanto, a Grande Inverno, Bran si risveglia dal coma.

Lord Snow[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Approdo del Re giunge la carovana reale. Eddard viene accolto nella Sala del Trono da Jaime Lannister, testimone diretto di ciò che accadde in quella stessa stanza durante la Ribellione di Robert: il padre e il fratello maggiore di Eddard vennero giustiziati dal "Re Folle" Aerys Targaryen, successivamente ucciso dello stesso Jaime (ai tempi una sua Guardia Reale).
Convocato dal Gran Maestro Pycelle per una riunione del Concilio Ristretto con i ministri del regno e con il fratello minore del re (Renly Baratheon), Eddard scopre che Robert ha pesantemente indebitato le casse reali, per la maggior parte nei confronti della Casa Lannister.
In separata sede, re Robert e Barristan Selmy (capitano della Guardia Reale) scherniscono Jaime e il suo atto poco onorevole, il regicidio di Aerys. Jaime risponde loro citando le ultime parole del re Targaryen: "Bruciateli tutti", poi se ne va, lasciando la sala.
La regina Cersei Lannister ed il figlio Joffrey (erede al trono) discutono sul loro odio verso la famiglia Stark, nonostante Sansa sia stata promessa in sposa a Joffrey.
Catelyn Stark arriva in segreto nella Capitale, ma viene subito riconosciuta e portata al sicuro, lontano dal palazzo reale, da Petyr Baelish (suo amico d’infanzia soprannominato Ditocorto) e da Varys, rispettivamente Maestro del Conio e Maestro dei Sussurri (Capo dello Spionaggio). La donna mostra loro l'arma del sicario mandato a uccidere Bran; Petyr rivela che l'arma era sua ma che poi passò di proprietà a Tyrion Lannister e inoltre le promette di aiutare Eddard a indagare sull'incidente di Bran. Catelyn, almeno un po’ rincuorata, lascia quindi Approdo del Re, pronta a tornare a casa sua, a Grande Inverno.
Eddard Stark torna nei suoi alloggi privati trovando le figlie scosse a causa della sorte del meta-lupo di Sansa; nel consolare Arya, Ned scopre che quest’ultima possiede una spada chiamata Ago (un dono del fratellastro Jon Snow), ma gliela lascia tenere. Il giorno dopo, Arya trova ad attenderla uno schermidore bravoosiano, Syrio Forel, ingaggiato dal padre per insegnarle a maneggiare la spada secondo le tecniche orientali della "danza dell'acqua", basate sull'abilità e sull'agilità.

A Grande Inverno, Bran è ormai sveglio: il piccolo ha però perso l'uso delle gambe e non ricorda niente di ciò che gli è accaduto.

Jon Snow giunge al Castello Nero, roccaforte dei Guardiani della Notte situato ai piedi della Barriera, insieme a suo zio Benjen e a Tyrion Lannister. Il ragazzo è deluso per aver scoperto la vera natura dei membri della confraternita dei Guardiani della Notte (ridotta a una mera colonia penale), ma si iscrive ugualmente e inizia l'addestramento, dimostrandosi subito molto abile e schernendo gli altri neo-arruolati. Suo zio Benjen parte poco dopo per una spedizione a nord oltre la Barriera.
Tyrion Lannister, nel frattempo, ha un colloquio con il Lord Comandante Jeor Mormont (padre di Jorah Mormont, guerriero che venne esiliato dal Nord da Eddard Stark e che ora si è messo al servizio di Daenerys e Khal Drogo) e con Maestro Aemon, i quali si mostrano preoccupati dagli insistenti attacchi dei bruti (popolo di uomini liberi che vivono al di là della Barriera e che spesso la superano per compiere razzie nei Sette Regni) e dalle voci sull'esistenza degli Estranei e gli chiedono di intercedere presso il re e la regina affinché inviino loro dei rinforzi.

Nel Mare Dothraki, intanto, Daenerys inizia a vivere con usi e costumi dei Dothraki, a parlare la loro lingua e a comportarsi da vera Khaleesi (moglie del Khal). A un certo punto, però, viene affrontata dal fratello Viserys, adirato e frustrato per la sua sottomissione al Khal.
Daenerys scopre successivamente di essere rimasta incinta; il suo luogotenente, Jorah Mormont, viene mandato in viaggio per fare provviste.

Il giuramento[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Approdo del Re, Sansa è distrutta dopo l'uccisione del suo meta-lupo.
Eddard chiede al Gran Maestro Pycelle informazioni sulla morte del suo predecessore, il Primo Cavaliere Jon Arryn; il Gran Maestro gli rivela che Arryn, poco prima di morire, gli aveva chiesto in prestito un libro: "Storia e discendenze delle Grandi Casate Nobili dei Sette Regni". Eddard, incuriosito, si fa consegnare il volume. Cercando altre informazioni da Petyr Baelish, Eddard indaga su un armaiolo, che gli racconta come l'ex Primo Cavaliere si recava spesso da lui per parlare con il suo apprendista, un ragazzo di nome Gendry; Eddard, guardandolo negli occhi, capisce che si tratta di un figlio bastardo di re Robert.

Sulla Barriera intanto arriva Samwell Tarly, un ragazzo dell'Altopiano (altro regno facente parte dei Sette Regni di Re Robert e amministrato dalla Casa Tyrell) piuttosto grassoccio ed incapace di combattere, che diviene oggetto di nonnismo da parte dell'addestratore Thorne. Jon Snow, non condividendo i metodi dell’addestratore, cerca di proteggere Sam ed invita i suoi nuovi amici a fare altrettanto.

Ad Approdo del Re inizia il torneo indetto per festeggiare la nomina di Eddard come Primo Cavaliere; durante il primo combattimento, Petyr Baelish racconta strane verità sulla Guardia Personale del principe Joffrey, Sandor Clegane detto "il Mastino", ad una sconvolta Sansa.
Durante il torneo, inoltre, la regina si reca da Eddard per cercare di capire i suoi scopi e lo minaccia velatamente.

Durante il viaggio di ritorno al Nord, Catelyn Tully si ferma in una locanda situata nelle Terre dei Fiumi (altro regno facente parte dei Sette Regni e governato dal padre della donna, lord Hoster Tully) dove incontra Tyrion Lannister, di ritorno dalla Barriera. Cat lo accusa pubblicamente del tentato assassinio di Bran. Sfruttando i suoi rapporti di amicizia con tutte le casate delle Terre dei Fiumi, la donna assolda alcuni nobili cavalieri e un paio di mercenari e lo cattura.

Il lupo e il leone[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Approdo del Re continua il torneo in onore del Primo Cavaliere. Gli sfidanti alla giostra di quel giorno sono ser Loras Tyrell (soprannominato Cavaliere di Fiori) e la "Montagna" Gregor Clegane, fratello maggiore del Mastino. Il giovane Tyrell vince con un escamotage, ma Clegane, infuriato, prima uccide il proprio cavallo e poi attacca a sorpresa l'avversario, che viene però difeso da Sandor Clegane, frappostosi tra i due.
Più tardi, Varys rivela ad Eddard che uno dei cavalieri morti al torneo quel giorno era stato pagato per avvelenare Jon Arryn con un veleno chiamato "Lacrime di Lys", affermando inoltre che il re potrebbe fare la stessa fine.
Arya Stark si ritrova casualmente ad origliare una conversazione tra Varys e Magistro Illyrio (nobiluomo della città libera di Pentos, legato alla Casa Targaryen) nella quale i due concordano sul fatto che una guerra è alle porte; la bambina riferisce tutto al padre, ma non viene creduta.
Durante una riunione del Concilio Ristretto, re Robert viene informato della gravidanza di Daenerys e ordina che la ragazza venga assassinata, ma Eddard si oppone e si dimette dall'incarico di Primo Cavaliere.
Mentre Robert e sua moglie Cersei hanno un intenso scambio di opinioni riguardo al loro rapporto coniugale, Eddard incontra una giovane prostituta madre di una bambina appena nata avuta da re Robert, nel bordello di Ditocorto. Usciti dal bordello, Eddard e i suoi uomini vengono circondati da Jaime Lannister e alcuni suoi soldati, che attaccano gli uomini del Nord. I soldati di Eddard vengono uccisi, Eddard viene ferito alla gamba e lasciato a terra privo di sensi, mentre Jaime lascia la città intimandogli di dire a sua moglie Cat di rilasciare suo fratello Tyrion.

Lungo la Strada Alta, diretti verso la Valle di Arryn (altro regno facente parte dei Sette Regni e una volta amministrato da Jon Arryn), Tyrion nega fermamente a Cat di aver avuto a che fare con Bran. Poco dopo il gruppo viene attaccato da alcuni barbari delle montagne. Il Folletto (nomignolo affibbiato a Tyrion) salva la vita a Lady Stark ed il gruppo scampa all'agguato.
Giunti a Nido dell'Aquila (capoluogo della Valle), Lysa Arryn accusa pubblicamente Tyrion di essere responsabile della morte di suo marito Jon e ordina che venga rinchiuso nelle celle del castello.

La corona d'oro[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Eddard Stark si risveglia dolorante nei suoi alloggi privati. Trova ad aspettarlo re Robert e la regina Cersei, che lo accusa dell'agguato a Jamie e dell'arresto di Tyrion; re Robert prende le difese di Ned e arriva a picchiare la sua regale consorte. Costringe poi Eddard a ritirare le dimissioni da Primo Cavaliere del re e infine lo informa che prenderà parte a una battuta di caccia e che, in sua assenza, Eddard svolgerà le funzioni di reggente.
Sostituitosi al re durante le udienze, Eddard Stark viene informato che nelle Terre dei Fiumi alcuni villaggi stanno venendo razziati dagli uomini al comando di ser Gregor Clegane, alfiere di Tywin Lannister, padre della regina Cersei; poiché la Casa Tully (a cui appartiene sua moglie Catelyn) è signora di quelle terre, Eddard interpreta l'attacco di ser Gregor come una forma di rappresaglia per il rapimento del Folletto e convoca Tywin Lannister a giudizio perché risponda dei crimini del suo vassallo. Inoltre, Eddard affida al cavaliere Beric Dondarrion il compito di fermare e catturare ser Gregor Clegane.
Dopo lo scontro con ser Jamie, Eddard è deciso a tornare al Nord ma trova l'opposizione delle sue figlie: le proteste di Sansa, che elogia i capelli biondi di Joffrey, richiamano l'attenzione di Eddard sull'incongruenza dei tratti somatici di Robert e Joffrey, deducendo che il padre dei tre figli di Cersei sia in realtà Jaime Lannister e che l'assassinio di Jon Arryn e l'agguato a Bran sarebbero stati commessi per mantenere quel segreto.

A Grande Inverno, intanto, Bran si trova con il fratello maggiore Robb e con Theon Greyjoy (figlio del Lord Protettore delle Isole di Ferro, altro regno facente parte dei Sette Regni, preso come ostaggio da bambino dopo la ribellione di suo padre avvenuta circa 9 anni prima), che commentano l'attentato avvenuto contro Eddard. Dopo un acceso scambio di opinioni, Robb e Theon si accorgono che Bran si è allontanato da loro in sella al suo cavallo. Galoppando troppo velocemente nel bosco, Bran cade vittima di un'imboscata da parte di una manciata di bruti. L'arrivo fortunoso dei suoi due compagni, prima Robb e poi Theon, lo salva. Stark e Greyjoy prendono prigioniera l'unica sopravvissuta del gruppo dei bruti, una donna di nome Osha, impiegandola come serva a Grande Inverno.

Tyrion Lannister, rinchiuso nella fortezza di Nido dell'Aquila, grazie al suo acume ed alla sua astuzia riesce ad ottenere un processo per singolar tenzone. Il suo campione è il mercenario Bronn, che vince lo scontro contro il campione di Lysa Arryn. Dichiarato innocente, Tyrion parte per gli accampamenti militari Lannister stanziatisi nelle Terre dei Fiumi.

Al di là dal Mare Stretto, Daenerys Targaryen sta conquistando la stima dei Dothraki ed esegue un crudele rituale della fertilità divorando un intero cuore di cavallo crudo, mentre suo fratello Viserys continua ad essere ignorato e la sua impazienza a crescere. Daenerys scopre inoltre di essere immune al contatto con fiamme roventi.
Durante un festeggiamento per il bambino che la Khaleesi porta in grembo, Viserys tenta di rubare le preziose Uova di Drago di sua sorella (le erano state donate il giorno del matrimonio con Drogo da Magistro Illyrio), non riuscendovi grazie all'opposizione di ser Jorah Mormont. In preda al furore, Viserys si ubriaca e poi entra nella tenda dei festeggiamenti, dove minaccia di morte la sorella se Khal Drogo non terrà fede alla promessa di dargli la corona in cambio della sposa. Drogo finge di stare al gioco, "incoronandolo" poi con dell’oro fuso. Daenerys osserva impassibile la scena, commentando cinicamente che il vero Drago erede dei Targaryen non sarebbe dovuto morire a contatto con il fuoco.

Il gioco dei troni[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: You Win or You Die
  • Diretto da: Daniel Minahan
  • Scritto da: David Benioff e D.B. Weiss

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nelle Terre dei Fiumi, Tywin Lannister è pronto con un esercito a muovere guerra alla Casa Tully: l'uomo, per nulla turbato dall’arrivo della lettera di Eddard Stark, discute con suo figlio Jaime e gli spiega i motivi che l’hanno spinto a invadere la terra natia di Catelyn.

Alla Barriera, intanto, fa ritorno il cavallo di Benjen Stark; del ranger però non c'è traccia. Jon Snow viene nominato attendente del comandante Mormont; il giovane, deluso per non essere stato qualificato come ranger, presta ugualmente il giuramento e diviene ufficialmente un Guardiano della Notte a tutti gli effetti.

A Vaes Dothrak (città sacra per i Dothraki), Jorah Mormont sventa l'attentato ordinato da Robert Baratheon ai danni di Daenerys. Khal Drogo ricompensa l'uomo e promette a Daenerys un dono per il loro bambino in arrivo: salperà alla volta di Westeros col suo intero khalasar e conquisterà il Trono di Spade ed i Sette Regni.

Ad Approdo del Re, Cersei ed Eddard hanno un duro scontro verbale nel quale entrambi escono allo scoperto sulle loro intenzioni: oramai la frattura fra le loro casate è inevitabile. Re Robert ritorna in città ferito gravemente in seguito alla battuta di caccia andata male e chiede all'amico Stark di scrivere il suo testamento in cui lo nomina reggente dei Sette Regni finché suo figlio, Joffrey, non raggiungerà l'età giusta per regnare. Eddard trascrive però la parola "vero erede" anziché "figlio". Intuito che l’incidente di caccia di Robert era un modo per ucciderlo e farlo fuori, Renly, suo fratello minore, tenta di convincere Eddard a togliere la custodia di Joffrey a Cersei, perché vuole prendersi lui il trono. Ned rifiuta categoricamente poiché ritiene che sia Stannis Baratheon (fratello maggiore di Renly) il legittimo erede al trono, quindi gli invia una lettera in cui lo avvisa della vera paternità dei tre figli di Cersei. Re Robert muore, quindi Eddard Stark, con l'appoggio della Guardia Cittadina (è stata pagata da Ditocorto affinché sia fedele a Ned), accusa Joffrey (in quel momento già seduto sul Trono di Spade) di essere indegno al trono poiché frutto di un incesto. Il rapido tradimento di Petyr Baelish e della Guardia Cittadina, però, lo porta ad essere arrestato.

Durata: 58 minuti Guest star: Donald Sumpter (Maestro Luwin), Conleth Hill (Lord Varys), James Cosmo (Lord Jeor Mormont), Owen Teale (Ser Alliser Thorne), Charles Dance (Lord Tywin Lannister), Ian McElhinney (Ser Barristan Selmy), John Bradley (Samwell Tarly), Peter Vaughan (Maestro Aemon), Julian Glover (Gran Maestro Pycelle), Gethin Anthony (Lord Renly Baratheon), Dominic Carter (Janos Slynt), Natalia Tena (Osha), Esmé Bianco (Ros), Mark Stanley (Grenn), Josef Altin (Pypar), Luke McEwan (Rast), Amrita Acharia (Irri), Roxanne McKee (Doreah), Elyes Gabel (Rakharo), Dar Salim (Qotho), Robert Sterne (Araldo reale), Simon Lowe (Mercante di vini), Sahara Knite (Armeca), Graham Charles (Varly), Brian Fortune (Othell Yarwyck), Jeffrey O'Brien (Jaremy Rykker), Dennis McKeever (Guardiano della Notte), Phil Dixon (Tomard), Tristan Mercieca (Uccelletto di Lord Varys). Capitoli trasposti dalle Cronache del ghiaccio e del fuoco: 46 (Eddard XII), 48 (Eddard XIII), 49 (Jon VI), 50 (Eddard XIV) e 55 (Daenerys VI) del romanzo Il gioco del trono (A Game of Thrones). Tracce della colonna sonora presenti: The Wall, You Win or You Die. Ascolti USA: telespettatori 2 396 000 – share 3%[20] Ascolti Italia (pay): telespettatori 270 880[21] Ascolti Italia (free): telespettatori 512 000 – share 1,80%[22]

La guerra alle porte[modifica | modifica wikitesto]

  • Titolo originale: The Pointy End
  • Diretto da: Daniel Minahan
  • Scritto da: George R. R. Martin

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Approdo del Re, le guardie Lannister prendono in custodia Sansa ed eliminano ciò che resta delle guardie Stark, poi la costringono a inviare una lettera al fratello maggiore Robb imponendogli la sottomissione alla corona e informandolo del "tradimento" di Ned. Il maestro di scherma di Arya, Syrio Forel, si sacrifica e riesce a far scappare la bambina, in quel momento braccata da alcune guardie Lannister. Rimasta sola, la bambina recupera la spada donatagli dal fratello bastardo Jon Snow e si nasconde tra le mura cittadine. Il Concilio Ristretto si è liberato di tutte le cariche vacanti consegnandole a fedeli ed affiliati della Casa Lannister: la carica di Primo Cavaliere è andata a Tywin Lannister, mentre Barristan Selmy, comandante della Guardia Reale, viene sollevato dall'incarico perché accusato di essere troppo vecchio; egli si rifiuta di accettare le condizioni offertegli e si allontana dalla sala. In tale seduta, Sansa tenta di suscitare la compassione dell'irremovibile re Joffrey, il quale accetta di graziare Eddard solo se questi lo riconoscerà come vero re.

Alla Barriera, intanto, vengono portati i corpi di due ranger morti facenti parte della spedizione di Benjen Stark; non si hanno però ancora tracce dell’uomo e del resto della sua squadra. Il comandante Mormont viene informato della morte del re e dell'accusa di tradimento imputata a lord Eddard Stark ed avvisa il giovane Snow, turbato per la sorte delle sorelle e del padre, che in segreto medita di disertare e fuggire dalla Barriera. Durante la notte, i due cadaveri si rianimano come non-morti e attaccano il comandante Mormont, Jon Snow e il suo meta-lupo Spettro. I due non-morti, che all’apparenza sembrano invincibili, vengono uccisi da Jon grazie all’espediente di bruciarli con il fuoco.

A Nido dell'Aquila, lady Catelyn cerca l'alleanza della sorella Lysa, che però gliela nega perché intende tenere l’esercito della Valle a protezione sua e del suo unico figlio, Robin Arryn. Catelyn se ne va delusa, per poi dirigersi verso Grande Inverno. Sulla via del ritorno, Tyrion e Bronn vengono circondati dai barbari delle montagne, pronti ad ucciderli, ma grazie alla sua dialettica Tyrion riesce a persuaderli a combattere con suo padre contro gli Stark.

Durante il saccheggio di un villaggio, contro ogni usanza conosciuta, Daenerys salva e protegge alcune schiave, provocando così dissapori tra i soldati. Uno di loro si ribella e viene ucciso personalmente da Drogo, il quale, ferito, si fa convincere da Daenerys ad affidarsi alle cure di una delle schiave salvate da lei, una guaritrice di nome Mirri Maz Duur.

A Grande Inverno, Robb Stark riceve l'ordine di sottomettersi a Re Joffrey I; per tutta risposta, Robb chiama a raccolta l'esercito del Nord e dichiara guerra aperta ai Lannister, nominando suo fratello minore Bran Lord di Grande Inverno in sua vece. All'accampamento militare degli Stark, Cat si ricongiunge col figlio maggiore e con i suoi luogotenenti e lo esorta a proseguire.

Nelle Terre dei Fiumi, intanto, Tyrion raggiunge l'accampamento Lannister assieme ai suoi nuovi “alleati”. Il padre Tywin lo costringe a prendere posto nelle prime linee dell'esercito Lannister comandando per l’appunto i suoi nuovi amici, i barbari delle montagne.

Durata: 59 minuti Guest star: Donald Sumpter (Maestro Luwin), Conleth Hill (Lord Varys), Jerome Flynn (Bronn), James Cosmo (Lord Jeor Mormont), Owen Teale (Ser Alliser Thorne), Ron Donachie (Ser Rodrik Cassel), Charles Dance (Lord Tywin Lannister), Ian McElhinney (Ser Barristan Selmy), John Bradley (Samwell Tarly), Julian Glover (Gran Maestro Pycelle), Miltos Yerolemou (Syrio Forel), Kate Dickie (Lady Lysa Arryn), Dominic Carter (Lord Janos Slynt), Natalia Tena (Osha), Susan Brown (Septa Mordane), Clive Mantle (Lord Jon Umber), Mark Stanley (Grenn), Josef Altin (Pypar), Luke McEwan (Rast), Mark Lewis Jones (Shagga), Mia Soteriou (Mirri Maz Duur), Amrita Acharia (Irri), Roxanne McKee (Doreah), Kristian Nairn (Hodor), Elyes Gabel (Rakharo), Dar Salim (Qotho), Robert Sterne (Araldo reale), Ian Gelder (Ser Kevan Lannister), Lino Facioli (Lord Robin Arryn), Art Parkinson (Rickon Stark), Ian Beattie (Ser Meryn Trant), Simon Stewart (Messaggero dei Lannister), Matthew Scurfield (Vayon Poole), Frank O'Sullivan (Messaggero dei Guardiani della Notte), Brian Fortune (Othell Yarwyck), Dennis McKeever (Guardiano della Notte)[13], Chris Gallagher (Esploratore dei Lannister), Rick Burn (Guardia degli Stark), Hugo Culverhouse (Stalliere), Tobias Winter (Timett)[13]. Altri interpreti: Ivailo Dimitrov (Mago)[23]. Capitoli trasposti dalle Cronache del ghiaccio e del fuoco: 43 (Tyrion VI), 51 (Arya IV), 52 (Sansa IV), 53 (Jon VII), 54 (Bran VI), 56 (Catelyn VIII), 57 (Tyrion VII), 58 (Sansa V), 59 (Eddard XV) e 62 (Daenerys VII) del romanzo Il gioco del trono (A Game of Thrones). Tracce della colonna sonora presenti: North of the Wall, You Win or You Die. Ascolti USA: telespettatori 2 715 000 – share 3%[24] Ascolti Italia (pay): telespettatori 311 764[21] Ascolti Italia (free): telespettatori 502 000 – share 1,98%[22]

La confessione[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Approdo del Re, Eddard Stark continua ad essere tenuto prigioniero nelle segrete della Fortezza Rossa, il palazzo reale. Varys, in segreto, lo nutre e lo aggiorna sulle novità, esortandolo a giurare fedeltà a Joffrey per salvarsi la vita. Eddard però manifesta le sue intenzioni di non voler confessare il suo presunto tradimento ai danni della corona.

Nelle Terre dei Fiumi, l'esercito Stark continua ad avanzare verso Approdo del Re; giunto in prossimità delle Torri Gemelle, Robb invia sua madre a contrattare con lord Walder Frey (alfiere dei Tully) nel tentativo di ottenere il permesso di attraversare il guado cittadino. Le trattative hanno esito positivo ed il ragazzo sigla anche un patto matrimoniale con una delle nipoti/figlie di lord Walder.

Alla Barriera, intanto, il Lord Comandante Mormont affida la sua spada in acciaio di valyria, "Lungo Artiglio", al giovane Snow, come ricompensa per avergli salvato la vita. Il ragazzo viene informato dall'amico Samwell Tarly sulle manovre militari del fratellastro Robb e continua a meditare di disertare per raggiungere la sua famiglia.

Nel mare Dothraki, intanto, Khal Drogo è sofferente per via di un'infezione causatagli dalle precedenti ferite e, nonostante gli sforzi della sua Khaleesi, sembra destinato a morte certa. Daenerys si affida quindi alla guaritrice Mirri Maz Duur per eseguire dei riti di magia come ultima speranza per salvare Drogo. Un suo luogotenente le si rivolta contro per via di questa scelta e Jorah si vede costretto a ucciderlo.
All'improvviso, Daenerys soffre per il parto prematuro ma le levatrici dothraki si rifiutano di assisterla, in quanto credono sia stata maledetta da Mirri Maz Duur alla quale, alla fine, ser Jorah è costretto a chiedere aiuto.

La sera prima della battaglia Tyrion, infuriato per l'ordine ricevuto dal padre, si concede svaghi nella sua tenda e invita una giovane prostituta di nome Shae a passare la notte con lui.
Il mattino dopo, l'esercito Lannister si scontra con l'esercito Stark, guidato da Roose Bolton (alfiere degli Stark). Nonostante le truppe Lannister vincano lo scontro, al termine della battaglia ricevono la notizia che Robb Stark (al comando di un distaccamento dell'esercito) ha colto alle spalle l'esercito di Jaime, impegnato nell'assedio di Delta delle Acque (capoluogo delle Terre dei Fiumi), sconfiggendolo e prendendo prigioniero lo stesso Sterminatore di Re (soprannome affibbiato a Jamie dopo il regicidio di re Aerys).

Arya nel frattempo continua a nascondersi nei bassifondi della città. Suo malgrado assiste alla deportazione del padre Eddard al Tempio di Baelor per il pubblico processo, venendo accerchiata dalla folla che accusa il padre di essere un traditore.
Eddard scorge Yoren (un reclutatore dei Guardiani della Notte e amico di suo fratello Benjen) tra la calca e gli fa cenno di occuparsi della piccola Arya, appostata in quel momento in segreto ai piedi di una statua, mentre lui accetta di confessare fedeltà al Trono di Spade. Nonostante tutto, re Joffrey lo condanna a morte per decapitazione, con in sottofondo le urla disperate della giovane Sansa.

Fuoco e sangue[modifica | modifica wikitesto]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ad Approdo del Re, il reclutatore dei Guardiani della Notte, Yoren, traveste Arya da maschio e i due partono insieme verso il Nord.
Alla Fortezza Rossa, re Joffrey tortura Sansa mostrandole la testa del padre infilata su una picca: Sansa comincia a dare segni di repulsione verso il ragazzo e a tramare contro di lui.

A Grande Inverno, Bran continua a fare strani sogni, soprattutto su dei corvi, che sembrano essere premonitori sulla sorte del padre. Poco dopo, infatti, riceve la notizia della morte di lord Eddard.

Anche nell’accampamento dell'esercito del Nord giunge la notizia della morte di Eddard, lacerando gli animi di Robb e di sua madre Cat.
Gli alfieri del Nord rinnovano la loro lealtà a Robb Stark e lo nominano Re del Nord (in aperto contrasto al Re dei Sette Regni Joffrey).
Lady Catelyn parla con Jaime Lannister, in quel momento tenuto prigioniero, e gli estorce la confessione sulla defenestrazione di Bran, ma non sulle motivazioni.

Nell'accampamento militare dei Lannister, il Primo Cavaliere Tywin ammette di aver sottovalutato la scaltrezza di suo figlio Tyrion in battaglia e, in un inatteso atto di fiducia, lo nomina Primo Cavaliere in sua vece. Prima di partire per Approdo del Re, a Tyrion viene consigliato di tenere d'occhio e imporre rigore a Joffrey e Cersei.

Alla Barriera, Jon Snow fugge alla volta dell'esercito Stark, ma i suoi confratelli lo scoprono e riescono a fargli cambiare idea. Snow viene ammonito e convinto a rinnovare la sua lealtà ai soli Guardiani della Notte.
Il Lord Comandante Jeor Mormont organizza una vasta spedizione al di là della Barriera e chiama a raccolta tutti gli uomini disponibili.

Nel Mare Dothraki, la maggior parte del khalasar di Drogo se n'è andato e con Daenerys sono rimasti solo pochi fedeli. Drogo è sopravvissuto grazie allo strano rito di guarigione della schiava Mirri Maz Duur, ma si ritrova in uno stato vegetativo, mentre suo figlio è nato morto e deforme: la schiava ha così ottenuto la vendetta per la distruzione del proprio villaggio.
Daenerys, sconvolta per la morte del figlio e per le condizioni di Drogo, concede una morte dignitosa al marito e lo soffoca lei stessa con un cuscino. Fa poi costruire un'alta pira funeraria sulla quale vengono posti il corpo di Drogo, le tre Uova di Drago ricevute come dono di nozze e la schiava Mirri Maz Duur incatenata viva: mentre le fiamme divampano, Daenerys vi si getta dentro.
Il mattino dopo ser Jorah la ritrova indenne tra le ceneri, con tre cuccioli di drago avvinghiati al corpo. Gli uomini e le donne rimasti del suo khalasar le giurano eterna fedeltà.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Shows A-Z - game of thrones on hbo, su thefutoncritic.com. URL consultato l'11 aprile 2011.
  2. ^ HBO's 'Game of Thrones': The 'Buffy' and 'Battlestar' connection, su featuresblogs.chicagotribune.com. URL consultato l'11 aprile 2011.
  3. ^ Game of Thrones arriva su Sky, su mag.sky.it. URL consultato il 29 settembre 2011.
  4. ^ Il Trono di Spade regna anche tra i videogame, su mag.sky.it. URL consultato il 29 settembre 2011.
  5. ^ Rai4, Il Trono di Spade - Episodi, Rai.it. URL consultato il 6 maggio 2013.
  6. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: NBA, Storage Wars, Ax Men, Khloe & Lamar + The Killing, Breakout Kings, Sam Axe, Game of Thrones & Much More, TV by the Numbers, 19 aprile 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  7. ^ a b Gianluca Camilleri, ASCOLTI SATELLITE DI VENERDI 11 NOVEMBRE 2011: 358.000 SPETTATORI PER IL TRONO DI SPADE, DavideMaggio.it, 12 novembre 2012. URL consultato il 24 agosto 2012.
  8. ^ a b Thomas Tonini, ASCOLTI TV DI GIOVEDI 2 MAGGIO 2013: AMMIRAGLIE IN REPLICA, MA SUOR ANGELA CONQUISTA 5 MLN (18%) MENTRE CANALE5 E’ SOTTO IL 10%. STABILE THE VOICE (13.77%), DavideMaggio.it, 3 maggio 2013. URL consultato l'11 maggio 2013.
  9. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: NBA, 'Khloe & Lamar,' 'The Killing,' 'Breakout Kings,' 'Housewives,' 'Game of Thrones' & Much More, TV by the Numbers, 26 aprile 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  10. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: More 'Death of Bin Laden' Ratings; 'Khloe & Lamar,' 'Law & Order: CI,' 'In Plain Sight,' 'Army Wives,' 'Housewives,' 'Game of Thrones' & Much More, TV by the Numbers, 3 maggio 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  11. ^ a b Gianluca Camilleri, ASCOLTI SATELLITE DI VENERDI 18 NOVEMBRE 2011: IL TRONO DI SPADE CALA A 286.000 SPETTATORI, IN 112.000 PER IL DAY TIME DI X FACTOR, DavideMaggio.it, 19 novembre 2012. URL consultato il 27 agosto 2012.
  12. ^ a b Thomas Tonini, ASCOLTI TV DI GIOVEDI 9 MAGGIO 2013: ANCORA 5 MLN PER SUOR ANGELA (19%). THE VOICE IN CALO AL 13%, COLORADO AL 9.3%, DavideMaggio.it, 10 maggio 2013. URL consultato l'11 maggio 2013.
  13. ^ a b c d e f Non accreditato.
  14. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: Bulls/Hawks Tops + 'Law & Order: CI,' 'In Plain Sight,' 'Army Wives,' 'Housewives,' 'Game of Thrones' & Much More, TV by the Numbers, 10 maggio 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  15. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: Heat/Bulls Slam Dunks + 'Law & Order: CI,' 'In Plain Sight,' 'Army Wives,' 'Housewives,' 'Game of Thrones' & Much More, TV by the Numbers, 18 maggio 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  16. ^ a b Gianluca Camilleri, ASCOLTI SATELLITE DI VENERDI 25 NOVEMBRE 2011: QUASI 1MLN PER UDINESE-ROMA, NCIS MEGLIO DE IL TRONO DI SPADE. BENE MASTERCHEF SU SKYUNO, DavideMaggio.it, 26 novembre 2012. URL consultato il 27 agosto 2012.
  17. ^ a b Thomas Tonini, ASCOLTI TV DI GIOVEDI 16 MAGGIO 2013: 5 MLN E IL 19% PER LA SUORA DI RAI1. THE VOICE AL 12.92%. COLORADO (9.6%) SUPERA IL FILM DI CANALE5, DavideMaggio.it, 17 maggio 2013. URL consultato il 18 maggio 2013.
  18. ^ a b Solo credito.
  19. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: Heat/Bulls Scores Big + 'Law & Order: CI,' 'In Plain Sight,' 'Army Wives,' 'Housewives,' 'Game of Thrones' & Much More, TV by the Numbers, 24 maggio 2011. URL consultato il 6 giugno 2011.
  20. ^ (EN) Bill Gorman, Sunday Cable Ratings: 'Game of Thrones', 'Real Housewives,' 'Kardashians,' 'In Plain Sight,' 'Army Wives' & More, TV by the Numbers, 14 giugno 2011. URL consultato il 22 giugno 2011.
  21. ^ a b Gianluca Camilleri, ASCOLTI SATELLITE DI VENERDI 9 DICEMBRE 2011: IL TRONO DI SPADE CHIUDE CON 310.000 SPETTATORI, IL DAY TIME DI X FACTOR A 183.000, DavideMaggio.it, 10 dicembre 2012. URL consultato il 27 agosto 2012.
  22. ^ a b Thomas Tonini, ASCOLTI TV DI GIOVEDI 30 MAGGIO 2013: LA FINALE DI THE VOICE NON SFONDA CON 3,3 MLN E IL 14.87%. VINCE LA SUORA COL 20%, COLORADO AL 7.82%, DavideMaggio.it, 31 maggio 2013. URL consultato il 4 giugno 2013.
  23. ^ (EN) Robert Seidman, Sunday Cable Ratings: 'Falling Skies,' 'Game of Thrones', 'The Killing,' 'In Plain Sight,' 'Law & Order: CI,' 'The Glades' and Much More, TV by the Numbers, 21 giugno 2011. URL consultato il 22 giugno 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]