Harry Lloyd

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Harry Lloyd nel 2010.

Harry Charles S.[1] Lloyd (Londra, 17 novembre 1983) è un attore inglese, noto per aver interpretato Will Scarlet nella serie televisiva Robin Hood e Viserys Targaryen in Il Trono di Spade.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce a Londra nel 1983, secondo dei tre figli di Jonathan Lloyd, capo di un'agenzia letteraria, e sua moglie Marion Dickens, editrice di libri per bambini[2]. È il quadrisnipote dello scrittore vittoriano Charles Dickens[3], cugino della biografa e scrittrice Lucinda Hawksley e dell'attore Gerald Dickens[4].

Frequenta l'Eton College e debutta nel 1999, a sedici anni, nell'adattamento televisivo della BBC di David Copperfield[3]. Continua i suoi studi alla Christ Church di Oxford e si unisce alla Oxford University Dramatic Society apparendo in alcuni spettacoli come Kiss of the Spider Woman e La commedia degli errori di Shakespeare. Lascia Oxford nel 2005 conseguendo una laurea magistrale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002, viene scritturato per interpretare il giovane Rivers nel film per la televisione Goodbye, Mr. Chips. Agli inizi del 2007, Harry Lloyd debutta professionalmente su un palco, ai Trafalgar Studios, in A Gaggle of Saints, per il quale ha ricevuto critiche positive[5][6][7][8].

Interpreta Jeremy Baines, uno studente la cui mente viene controllata dagli alieni, in due episodi di Doctor Who. Tra il 2006 e il 2007, recita nel ruolo di Will Scarlett nelle prime due stagioni della serie televisiva Robin Hood, mentre continua a recitare in teatro e in alcune serie televisive.

Nel 2011, appare nella serie Il Trono di Spade, dove veste i panni di Viserys Targaryen[9], in Jane Eyre, in The Iron Lady[10], con Meryl Streep e nella miniserie televisiva Grandi speranze[11]. Ad agosto viene annunciata la sua partecipazione al film Closer To The Moon, nel ruolo del protagonista[12].

Nel 2012 partecipa alla mini serie The Hollow Crown nella parte di Mortimer, nello stesso anno è Matty Beckett in The Fear che gli farà guadagnare una nomination come miglior attore non protagonista ai BAFTA. Nel 2013 apparirà nel corto Desire, realizzato dal suo amico e collega Leon Ockenden.

Nel 20014 è la volta di Posh, La teoria del tutto e Big Significant Things. In quest'ultimo, oltre che come attore, appare come produttore esecutivo. Insieme al regista, aprirà una campagna Kikstarter per finanziare e terminare il film. Nello stesso anno parte per l'America, destinazione New Mexico per girare la prima stagione di Manhattan, serie tv dedicata alla costruzione della prima bomba atomica.

Sempre nel 2014 sarà autore e produttore di Memorie dal sottosuolo, una rivisitazione teatrale dell'omonimo libro di Dostoyevsky. Ad aiutarlo in questo progetto Gerald Garutti, noto produttore teatrale francese con il quale aveva già portato in scena nel 2011 Les Liaison Dangereuse, interpretando Danceny.

Nell'agosto del 2014 approda ufficialmente su twitter e a settembre dello stesso anno annuncia un progetto riguardante il social. Nel 2015 avrà una piccola parte in Wolf Hall come Harry Percy, poi in The Show come Geoffrey ed infine il primo aprile del 2015 in Supreme Tweeter la sua prima web-serie. Supreme Tweeter vuole essere una parodia di se stesso e la fama vista dal mondo dei social.

Nell'agosto dello stesso anno parte per Praga, interpreta Adolf Opalca nel film Anthropoid insieme a Jaime Dornan e Cillian Murphy, nelle sale americane ad agosto di quest'anno, mentre in quelle inglesi a settembre del 2016.

Sul finire del 2015, e tutti i primi mesi di quest'anno lo vedono impegnato per la serie tv Marcella andata in onda poi questa primavera sul canale ITV.

Questo autunno (settembre) tornerà a teatro con Good Canary, per la regia di John Malkovich nel ruolo del protagonista.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • A Gaggle of Saints (2007) - Trafalgar Studios
  • Ghosts, di Rebecca Lenkiewicz, regia di Bijan Sheibani (2009) - Acola Theatre[13]
  • The Little Dog Laughed (2010) - Garrick Theatre[14]
  • Les Liaison Dangereuse, regia di Gerald Garutti (2011)
  • Notes from Underground (2014) - Print Room
  • Good Canary, regia di John Malkovich (2016) - Rose Theatre Kingstone

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Premi e candidature[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Harry Lloyd è stato doppiato da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Harry Lloyd, England and Wales births.
  2. ^ (EN) A Tale of Two, 24 aprile 2000. URL consultato l'11 febbraio 2012.
  3. ^ a b (EN) Alice Jones, Harry Lloyd: The man who would be king, in The Independent, 14 aprile 2011.
  4. ^ (EN) Albero genealogico della famiglia Dickens, myheritage.com.
  5. ^ (EN) Bash, Trafalgar Studios, London, 14 gennaio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  6. ^ (EN) Theatre, The violent faces of faith, 12 gennaio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  7. ^ (EN) FT.com / Arts & Weekend - Bash, Trafalgar Studio 2, London, 11 gennaio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  8. ^ (EN) Chilling glimpses of nastiness (XML), 12 gennaio 2007. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  9. ^ (EN) Sean Bean to Play Game of Thrones, 19 luglio 2009. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  10. ^ (EN) THE IRON LADY movie poster, 22 settembre 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  11. ^ (EN) Harry Lloyd joins Great Expectations (TV Series 2012), 15 luglio 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  12. ^ (EN) ‘Game Of Thrones’ Harry Lloyd Lands Lead In ‘Closer To The Moon’, 3 agosto 2011. URL consultato il 23 ottobre 2011.
  13. ^ (EN) Lloyd, Burden, Hickey & More Set For ATC & Arcola's GHOSTS, 7/22-8/22, 29 giugno 2009.
  14. ^ (EN) Gemma Arterton cast in West End's 'The Little Dog Laughed', 26 settembre 2009.
  15. ^ (EN) Rebecca Murray, 2011 SCREAM Awards Nominees and Winners. URL consultato il 27 ottobre 2011.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN136453454 · LCCN: (ENno2010113313 · BNF: (FRcb16982385q (data)