David Copperfield (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Copperfield
Titolo originale David Copperfield
Copperfield cover serial.jpg
Frontespizio di un fascicolo dell'edizione originale del romanzo (disegnata da Phiz)
Autore Charles Dickens
1ª ed. originale 1849-1850
Genere romanzo
Lingua originale inglese
Ambientazione Rivoluzione industriale in Inghilterra
Personaggi Zia Betsey Trotwood, Agnes, Dora Spenlow, Streetforth, Traddles
Preceduto da Dombey e Figlio
Seguito da Casa Desolata

David Copperfield (il tit. originale èThe Personal History, Adventures, Experience and Observation of David Copperfield the Younger of Blunderstone Rookery (which he never meant to publish on any account) è l'ottavo romanzo scritto da Charles Dickens, pubblicato per la prima volta mensilmente su rivista tra il 1849 e il 1850.

Pubblicazione[modifica | modifica sorgente]

« Di tutti i miei libri, quello che più amo è questo... come molti genitori amorosi, ho nel più profondo del cuore un figlio preferito: il suo nome è David Copperfield. prefazione all'edizione del 1867[1] »
Ritratto di Dickens nel 1852, poco dopo aver terminato la pubblicazione del David Copperfield
L'Inghilterra di David Copperfield
La zia Betsey Trotwood in una tavola originale di Phiz del 1850.
I coniugi Micawber assieme alle loro due figlie in un'illustrazione di Fred Barnard.

Come quasi tutti i lavori di Dickens, il romanzo è stato pubblicato a puntate mensili su un giornale di proprietà dello stesso scrittore, riscuotendo subito un enorme successo. Molti degli elementi del romanzo si ispirano ad eventi della vita stessa dell'autore; esso, infatti, si può considerare l'autobiografia romanzata della vita del grande scrittore ottocentesco, il più autobiografico tra tutti i libri da lui scritti[2].

L'opera inoltre viene considerata una industrial novel, perché in essa si riflette la miseria vissuta durante la rivoluzione industriale, quando era molto diffuso lo sfruttamento delle donne e dei bambini nelle fabbriche. L'illustratore della prima edizione fu Phiz, uno dei più importanti illustratori delle opere di Dickens.

Numero Data Capitoli
I maggio 1849 1-3
  • Sono nato
  • Prime osservazioni
  • Un nuovo ambiente
II giugno 1849 4-6
  • Cado in disgrazia
  • Vengo mandato via di casa
  • Allargo la cerchia delle mie conoscenze
III luglio 1849 7-9
  • Il mio "primo semestre" a Salem House
  • Vacanze. In particolare un felice pomeriggio
  • Ho un memorabile compleanno
IV agosto 1849 10-12
  • Vengo prima abbandonato e poi sistemato
  • Comincio a vivere per conto mio, e ciò non mi piace
  • Continuando a vivere per conto mio nello stesso modo, prendo una grande risoluzione
V settembre 1849 13-15
  • Le conseguenze della mia risoluzione
  • Mia zia decide qualcosa per me
  • Comincio di nuovo
VI ottobre 1849 16-18
  • Divento, sotto molti aspetti, un altro ragazzo
  • Ritorna qualcuno
  • Una occhiata retrospettiva
VII novembre 1849 19-21
  • Mi guardo attorno e faccio una scoperta
  • La casa di Steerforth
  • Piccola Emily
VIII dicembre 1849 22-24
  • Vecchie situazioni e gente nuova
  • Confermo le impressioni di mr. Dick e scelgo una professione
  • La mia prima dissipazione
IX gennaio 1850 25-27
  • Buoni e cattivi angeli
  • Cado in cattività
  • Tommy Traddles
X febbraio 1850 28-31
  • La sfida di mr. Micawber
  • Una nuova visita a casa di Steerforth
  • Una perdita
  • Una più grande perdita
XI marzo 1850 32-34
  • L'inizio d'un lungo viaggio
  • Felice
  • Mia zia mi stupisce
XII aprile 1850 35-37
  • Depressione
  • Entusiasmo
  • Un po' d'acqua fredda
XIII maggio 1850 38-40
  • La dissoluzione d'una società
  • Wickfield e Heep
  • Il viandante
XIV giugno 1850 41-43
  • Le zie di Dora
  • Una malvagità
  • Un'altra retrospettiva
XV luglio 1850 44-46
  • La nostra vita domestica
  • Mr. Dick realizza le profezie di mia zia
  • Delle notizie
XVI agosto 1850 47-50
  • Martha
  • Vicende domestiche
  • Avvolto da un mistero
  • S'avvera il sogno di mr. Peggoty
XVII settembre 1850 51-53
  • L'inizio d'un viaggio più lungo
  • Assisto ad una esplosione
  • Ancora una retrospettva
XVIII ottobre 1850 54-57
  • Le transazioni di mr. Micawber
  • Tempesta
  • La nuova e l'antica ferita
  • Gli emigranti
XIX-XX novembre 1850 58-64
  • Assenza
  • Ritorno
  • Agnes
  • Incontro due interessanti penitenti
  • Splende una luce sulla mia strada
  • Un visitatore
  • Un'ultima retrospettiva

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia ripercorre per intero la vita di David, dall'infanzia alla maturità. Nato a Blundeston, una cittadina della contea di Suffolk nei pressi di Great Yarmouth in Inghilterra, nel 1820 sei mesi dopo la morte del padre, David è costretto a trascorrere i primi anni d'infanzia senza la presenza di una solida e sicura figura paterna. Egli vive però felicemente solo con la madre e la buona governante Peggotty.

Quando ha ormai compiuto sette anni, la madre, sentendosi sola, si risposa con Mr. Murdstone, un uomo severo e insensibile che accoglie subito in casa anche la sorella zitella, Miss. Jane - una persona ancora più intrattabile e fredda del fratello. Il bambino pare non provar alcuna simpatia né per il patrigno né per la sorella di lui, e costoro non accettano il suo atteggiamento. Murdstone, con la scusa che il figliastro non è abbastanza diligente con lo studio, non esita a picchiarlo con una canna (Vedi caning), affermando che ciò non può fargli altro che bene, proprio come ha fatto bene a lui ai suoi tempi. Tuttavia, a seguito di una di queste frequenti punizioni corporali, David gli morde una mano e a a quel punto, per infliggergli un ulteriore castigo, il patrigno allontana il bambino dalla madre mandandolo in un collegio privato gestito da un suo conoscente.

Qui, a "Salem House", David fa la sua conoscenza con Steerforth, che rimarrà per buona parte della vicenda il suo più grande amico, il compagno Traddles ed il severo e spietato preside Creakle, che dà prova di continue angherie contro i ragazzi e, spesso e volentieri, fa anch'egli ricorso alle punizioni corporali. Tornato a casa per le vacanze, David trova un nuovo fratellino e una madre completamente oppressa dal marito, succube e priva di volontà. Poco dopo, la donna e il figlioletto muoiono, anche a causa delle pressioni e violenze psicologiche attuate nei suoi confronti da Mr. Murdstone e sua sorella.

David è di conseguenza costretto a lasciare il collegio: viene mandato a lavorare come operaio in una fabbrica situata a Blackfriars, il cui proprietario è un commerciante di vini amico e socio d'affari di Mr. Murdstone. Intanto, la ex governante Peggotty si sposa con Mr. Barkis. In questo periodo, il giovane David alloggia presso la famiglia Micawber; ma con moglie, quattro figli e privo d'un lavoro stabile, Mr. Micawber (tanto buono e innocuo quanto finanziariamente inetto), non essendo in grado di badare alle spese di casa, è arrestato per debiti e rinchiuso presso la "King's Bench Prison" di Southwark (uno dei distretti a sud di Londra), dove rimane parecchi mesi prima d'essere rilasciato trasferendosi con l'intera famiglia a Plymouth.

David decide di scappare dall'oppressivo lavoro a cui è stato obbligato e si dirige in direzione di Dover. Dopo mille avventure raggiunge l'abitazione della zia, l'unica parente che gli è rimasta, l'eccentrica e capricciosa Betsey Trotwood (maritata, pur vivendo separata dal marito); costei ospita in casa uno strano coinquilino chiamato Mr. Dick e una giovane domestica, Janet. Nonostante il tentativo perpetrato da Murdstone di riottenerela custodia del figliastro, la vecchia zia lo accoglie con sé.

Col prezioso aiuto di Mr. Dick, Mrs. Betsey riesce a pagare a David gli studi e l'affitto di una stanza presso l'avvocato Wickfield, dove il ragazzo diventa confidente della figlia di lui, Agnes. Rivede anche l'amico Steerforth, al quale, durante una visita compiuta insieme da Peggotty, presenta l'amica d'infanzia Emily, nipote adottata della sua ex governante. Il romantico ma egoista Steerforth seduce a insaputa dell'amico la giovane Emily: la ragazza era promessa al cugino Ham e poco tempo prima delle nozze i due amanti fuggono nella notte, portando la disperazione in casa Peggotty. Per fortuna Emily viene ritrovata grazie ad un'amica (una prostituta di nome Martha Endell) e tutto si sistema.

Terminati gli studi, David incomincia il tirocinio presso lo studio legale "Spenlow e Jorkins" e conosce la figlia di Spenlow, Miss Dora, finendo per innamorarsene. Deve al contempo guardarsi dal subdolo, viscido, arrivista e fraudolento impiegato Uriah, i cui misfatti vengono alla fine rivelati grazie all'aiuto del provvidenziale Micawber.

David diventa cronista parlamentare e sposa la bella ma ingenua Dora. Dopo qualche anno la moglie muore a causa d'un aborto spontaneo, e David si ritrova ad avere conforto spirituale da Agnes, che già in passato gli era stata di sostegno morale nei momenti più difficili. In questo frangente David scopre le virtù di Agnes e inizia a provare un intenso e sincero affetto per lei. Alla fine del libro David sposa Agnes, che da sempre era segretamente innamorata di lui. Troveranno così la felicità: avranno quattro figli, e alla bambina daranno il nome della zia Betsey.

David assieme a Peggotty

Personaggi[modifica | modifica sorgente]

Il David Copperfield mette in scena più di una settantina di personaggi conosciuti e chiamati col loro nome, più una ventina d'altri individuabili sia per la loro funzione (padrone di casa, cameriere alla locanda, marinaio) o, anonimamente, solo attraverso la loro presenza (molti bambini, ad esempio). Infine alcuni personaggi, anche se molto presenti, son conosciuti solo tramite il cognome (Barkis, il futuro marito di Clara Peggoty, o il dottor Chillip).

Protagonisti[modifica | modifica sorgente]

Betsey, ritratto di Frank Reynolds
David Copperfield
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi David Copperfield (personaggio).
Il personaggio protagonista del romanzo. Dopo aver trascorso felicemente l'infanzia assieme alla madre e alla fedele domestica Peggotty, viene costretto dal patrigno a frequentare un duro collegio e poi a lavorare nella sua industria; si rifugia quindi in seguito dalla zia Betsey, studia a Canterbury e viene ospitato dall'avvocato Wickfield; iniziato il tirocinio presso lo studio legale "Spenlow e Jorkins", sposa Dora, la figlia del proprietario, la quale però muore.
Dopo un periodo di depressione conosce la fortuna letteraria e sposa Agnes Wickfield. Egli ha molti nomignoli: Steerforth lo chiama "Daisy" o "Fiorellino", Dora invece "Doady", mentre la zia Betsey "Trot" (diminutivo di Betsey Trotwood Copperfield, nome che avrebbe voluto dare al nipote, se fosse nata femmina).
Clara Peggotty (poi Barkis)
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Peggotty.
Fin dall'inizio della storia domestica della famiglia Copperfield, a cui è molto affezionata nonostante i frequenti litigi con Clara; i primi ricordi di David risalgono a lei e alla sensazione provata nel toccare il suo pollice irruvidito dall'ago, e di quando egli le sillaba un libro sui coccodrilli che conserva come una reliquia. Proviene da una famiglia povera che vive in riva al mare dentro una barca molto ben adattata ad abitazione.
Dopo la morte del marito, e grazie alla cospicua somma ereditata, aiuta David a tener in ordine la propria stanza mentre vive a Londra: in seguito torna a Yarmouth a tener la casa per il nipote Ham. Dopo la morte di quest'ultimo andrà a vivere con Betsey e a lavorare per lei.
Edward Murdstone
Betsey Trotwood
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Betsey Trotwood.
Sorella del padre di David; di carattere piuttosto capriccioso ed arcigno in apparenza ma alla fine di buon cuore, assiste alla nascita del nipote, spaventando a morte con la propria personalità irruenta la madre del nascituro; se ne va senza profferir motto non appena gli viene detto che si tratta d'un maschio. Ospita temporaneamente David quando il ragazzo fugge da lei a Dover; vive assieme ad uno strano inquilino di nome Mr. Dick, un tipo che d'altra parte ella pare rispettare assai, infine trova per David l'alloggio presso Wickfield; difenderà a spada tratta David affrontando Murdstone che è venuto per riprenderselo.
Era sposata con un uomo da cui si è successivamente separata ma che continua ad amare e a cui, nonostante lo spavento che prova ogni volta che il marito appare, presta consistenti somme di denaro varie volte all'anno purché lui non si faccia rivedere per un pezzo. Fa credere a tutti d'esser vedova per nascondere l'esistenza di questo marito buono a nulla.
Edward Murdstone
Antagonista principale di David per tutta la prima metà del romanzo, è il secondo marito di Clara Copperfield. Ha un carattere estremamente duro e severo. Si rivela presto esser un patrigno crudele che punisce a colpi di frusta il bambino accusato di rimaner indietro con lo studio. Maltratterà anche Clara tanto da farla morire; dopo la morte della moglie erediterà la casa divenendone di fatto il solo ed unico padrone.
Cercherà il più possibile di allontanare David dal suo nucleo familiare mandandolo per circa un anno in collegio e poi, dopo la morte di Clara, a lavorare nel suo bottiglificio a Londra, dove gli viene assegnato il compito di pulire le bottiglie vuote di vino. Non esita a recarsi da Betsy per chieder indietro David scappato a casa sua. Verso la conclusione si viene a sapere che è riuscito a sposare un'altra giovane donna e che continua ad applicare anche con lei i suoi vecchi principi della "fermezza".Viene alla fine sconfitto e arrestato per i maltrattamenti fatti su David e per essersi appropriato dell'eredità e della casa di David con una truffa.
James Steerforth, ritratto di F. Reynolds
James Steerforth
Discendente di una ricca famiglia, da cui è molto ammirato, compagno di scuola di David, conosciuto già fin dai primi giorni a Salem House; è un tipo carismatico e davvero senza peli sulla lingua molto ammirato da tutti i ragazzi, ma dimostra anche di essere pur sempre uno snob che sfrutta senza esitazione alcuna i suoi compagni più giovani. Usa le conoscenze altolocate della madre per fa licenziare il bravo insegnante Mr. Mell, con cui era entrato in discussione.
Cresciuto, diventa un giovane uomo benvoluto e bello, ma dimostra d'esser privo di coscienza etica; si rivela infido perché prima seduce e scappa con Emily per poi abbandonarla. Alla fine annega a Yarmouth in un naufragio.
Wilkins Micawber
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Wilkins Micawber.
Un signore altamente melodrammatico, abbastanza sciocco e sempliciotto da di gran cuore: presso di lui alloggia il piccolo David durante il periodo di lavoro nella fabbrica "Murdstone e Grinby". Eternamente indebitato, soffre di perenni difficoltà finanziarie, grazie all'aiuto del giovane coinquilino e della moglie Emma riesce infine ad uscir dai guai.
Dopo aver aiutato Wickfield, del quale diventa assistente, smascherando il viscido Heep, emigra in Australia assieme ad Emma ed ai suoi due figli; qui riesce a giungere al tanto agognato successo, come David apprende grazie ad un articolo di giornale che gli viene mostrato da Daniel Peggotty, in qualità di allevatore di pecore. Questo personaggio è basato sulla figura del padre di Dickens, John, anche lui arrestato per debiti quando il figlio era appena un ragazzo.
Uriah Heep
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Uriah Heep.
Uriah Heep in un'illustrazione di Fred Barnard del 1870 circa.
Antagonista principale della seconda parte del romanzo, è un giovane inquietante che serve prima come segretario e in seguito come socio in affari di Wickfield; falsifica documenti e sottrae somme di denaro a scapito del padrone, dopo averlo convinto con l'inganno d'aver rubato i soldi a lui affidatigli da vari clienti (tra i quali vi è anche Betsey). Ambisce alla mano di Agnes ma viene alla fine incastrato da Micawber con l'aiuto di Traddles.
Archetipo dell'ipocrisia viscida e mentitrice; sembra esse estremamente auto-ironico ma rivela a poco a poco il suo carattere malvagio e contorno: viene accusato di frode multipla, falsificazione di firma ed appropriazione indebita del patrimonio personale dell'anziano avvocato, è costretto a restituire i documenti falsi e i capitali sottratti. Nutre un odio profondo per molti personaggi, tra cui David: viene infine messo in prigione per un tentativo di frode ai danni della Banca d'Inghilterra.

Personaggi secondari[modifica | modifica sorgente]

Clara Copperfield (poi Murdstone)
Madre di David, dal carattere molto dolce e descritta come innocentemente infantile. Era sposata con un uomo morto pochi mesi prima della nascita del figlio; dapprincipio vive soltanto assieme a questi aiutata dalla domestica Peggotty, con la quale litiga spesso fino alle lacrime ma a cui è estremamente affezionata.
Successivamente si unisce in seconde nozze con Edward Murdstone, che si rivela presto un temperamento crudele e che, dopo averle dato un figlio, la conduce alla tomba a causa dei suoi continui maltrattamenti.
Jane Murdstone
Sorella di Edward, è una zitella acida dal carattere ancora più insensibile del fratello e altrettanto crudele, arriva a sospettare (peraltro in modo completamente ingiustificato) continuamente che la cognata possa nascondere un'amante. Essa appare successivamente nel racconto in qualità di dama di compagnia di Dora Spenlow, la quale però non sembra riporre in lei alcuna fiducia: cercherà d'intromettersi tra David e il padre di Dora, senza peraltro riuscirvi.VIene alla fine sconfitta e arrestata insieme al fratello per maltrattamenti fatti su David.
Tommy "Thomas" Traddles
Un altro compagno di scuola e caro amico di David; franco, diretto e generoso, è ricordato anche per la sua passione di disegnare scheletri sulla sua lavagnetta portatile. Spesso frustato dal preside nonostante sia un bravo ragazzo, risulta meno popolare di Steerforth ed è uno dei pochi a non fidarsi di quel ragazzo tanto stimato da tutti.
Dopo anni incontra nuovamente David e si rivela essergli molto utile poiché, diventato avvocato, su richiesta dell'amico si impegnerà per aiutare Wickfield. Lavora molto seriamente ma deve affrontar tuttavia sempre grandi ostacoli a causa della sua mancanza di denaro e raccomandazioni: riesce infine a farsi un nome ed una carriera utilizzando le sue sole forze, diventa così giudice e sposa il suo vero grande amore, Sophie.
Emma Micawber
Moglie di Wilkins e madre delle sue due figlie, ha un ottimo carattere e possiede uno spirito molto più pratico del marito; si preoccupa quando questi smette di punto in bianco di confidarsi con lei, ma scopre infine che questo comportamento è dovuto unicamente al fatto che il marito era tutto preso a metter in trappola Heep.
Proviene da una famiglia ricca che però ha sempre disapprovato il suo matrimonio; lei ha rinunciato ai soldi perché, dice: "Io non lascerò mai Micawber!"
Daniel Peggotty, ritratto di Frank Reynolds (1876-1853)
Daniel Peggotty
Fratello della domestica di casa Copperfield, un umile ma generoso pescatore di Yarmouth; è molto affezionato ai suoi nipoti e prende con sé Emily in custodia quando la piccola perde i genitori. accoglie anche David durante le vacanze estive. Quando Emily fugge con l'amico di David, Steerforth, si mette in viaggio in lungo e in largo per il mondo alla loro ricerca; infine la trova a Londra ed insieme emigrano in Australia.
Emily e David sulla spiaggia
Emily
Nipote di Peggotty nonché cugina di Ham, amica d'infanzia e poi primo amore del giovane David, che la incontra per la prima volta mentre raccoglie conchiglie sulla spiaggia; fugge alla vigilia delle nozze col cugino Ham assieme a Steerforth, l'infido amico di David, dal quale viene però in seguito abbandonata. Non torna a casa perché si considera la colpevole d'aver disonorato il buon nome della famiglia.
Ritrovata infine da Daniel a Londra, proprio quando si trovava sul punto d'esser costretta a prostituirsi. In modo che la giovane possa iniziar una nuova vita lo zio prende la decisione d'emigrare con lei in Australia.
Il Signor Dick con l'aquilone assieme a David
Mr. Dick (Richard Babley)
Bizzarro inquilino (nonché cognato) di zia Betsey, per cui quest'ultima nutre un certo rispetto. Un po' squilibrato ma innocuo, piuttosto infantile e amabile, crede di avere i problemi di re Carlo I nella sua testa. Ha la passione di costruire giganteschi aquiloni ed è costantemente impegnato nella scrittura di un "memoriale", che però non è in grado mai di portar a termine.
Nonostante questa sua superficiale follia, ampiamente descritta, egli è in grado di veder non solo i problemi che via via s'affacciano con notevole chiarezza e lucidità, ma dimostra anche posseder un'intelligenza emotiva particolarmente acuta quando gli capita di dover aiutare i coniugi Strong in crisi matrimoniale. Estremamente onesto, si dimostra sempre esser un amico leale e fedele per David.
Avvocato Wickfield
Legale amico di zia Betsey presso il cui studio David fa pratica. Padre vedovo di Agnes, a cui è forse un po' eccessivamente legato; si sente in colpa per il fatto che, attraverso il suo amore, ha sempre tenuto troppo stretta vicino a sé la figlia: ciò lo porta a volte a lasciarsi andare a scolarsi intere bottiglie di Porto
Rischia di venire rovinato da Uriah Heep, suo assistente apprendista, che utilizza le debolezze del datore di lavoro per trascinarlo sempre più in basso, incoraggiandone l'alcolismo e i sensi di colpa; riesce anche a convincerlo d'aver commesso scorrettezze professionali mentre era preda dei fumi dell'alcol e comincia a ricattarlo. Verrà salvato da Micawber ed alla fine i suoi amici lo considerano esser diventato, tramite la brutta esperienza, un uomo migliore.
Agnes Wickfield (poi Copperfield)
Unica ed amatissima figlia dell'avvocato Wickfield, presso il quale David abita temporaneamente; è sempre stata segretamente innamorata del giovane, purtroppo senza mai venir corrisposta e rimarrà per anni esclusivamente una buona amica e consigliera. Bramata dall'intrigante e menzognero assistente del padre, Uriah Heep, viene "salvata" grazie all'aiuto di David e dei suoi amici Micawber e Traddles.
Dopo esser tornato in Inghilterra, David finalmente realizza i suoi sentimenti per lei: diventa così la sua seconda moglie e madre dei loro figli.
Dora Spenlow (poi Copperfield)
Frivola ma buona moglie di David, figlia del suo datore di lavoro Spenlow: di carattere semplice, facile alle risa e alle lacrime, infantilmente affezionata ad un fastidioso cagnolino d nome Jip. Descritta come del tutto inadatta alla vita pratica e abbastanza inetta nella gestione di famiglia, ha molte somiglianze con la madre di David. Muore dopo pochi anni dal matrimonio a causa d'un aborto spontaneo da cui non si riprende più, gettando il marito in uno stato di acuta depressione.

Altri personaggi minori[modifica | modifica sorgente]

Dottor Chillip
Medico che assiste alla nascita di David; annuncia a Betsey Trotwood che il bambino di Clara è un maschio, notizia che causerà una gran delusione alla donna. Dovrà affrontarne così tutta l'ira e la rabbia.
Barkis conduce in carrozza David a Yarmouth
Barkis
Avaro cocchiere che spesso trasporta David fino alla nave-abitazione dei Peggotty, sposa Peggotty dopo un lungo ed assiduo corteggiamento. Nasconde le sue ricchezze dentro una scatola di vecchi vestiti; muore una decina d'anni più tardi lasciando tutto in eredità alla moglie.
Preside Creakle
Violento direttore del collegio in cui studiano David, Steerforth e Traddles; è un vecchio conoscente di Murdstone ed è sposato con una figlia. Duro e dittatoriale, assai spesso frusta nel suo ufficio gli alunni per un nonnulla. Oltre a ciò, David lo ricorda, è incapace di parlare a voce alta e gli si gonfiano le vene del collo ogni volta che apre bocca, per cui ha bisogno di un interprete. Sorprendentemente userà tatto e delicatezza per dare a David la notizia della prematura dipartita della madre.
Più tardi diventa magistrato del Middlesex, dove si considera un illuminato; per i metodi che attua all'interno delle prigioni viene ritratto con grande sarcasmo. Due dei suoi detenuti considerati modelli ed esempio per gli altri, Heep e Littimer, pur non mostrano alcun cambiamento effettivo nel loro carattere, riescono tuttavia ad ingannar completamente l'ingenuo uomo di legge il quale crede così fermamente nel loro avvenuto autentico pentimento.
Tungay
L'uomo con una gamba sola assistente personale di Creakle a Salem House. Responsabile della manutenzione, odia gli studenti ed è felice quando questi vengono picchiati dal preside.
Mr. Mell
Maestro della scuola di Salem House frequentata da David durante l'infanzia. A causa delle rivelazioni di Steerforth circa la sua umile condizione (che lo costringe a mantenere la madre in un ospizio) viene allontanato dalla scuola, con dispiacere di David, con cui aveva instaurato un buon rapporto (era stato l'unico adulto a mostrarsi gentile con lui). Se ne risente parlare a sorpresa nelle ultime pagine del romanzo: David legge sul giornale che l'uomo, emigrato in terra australiana, è ora uno stimato professore in una scuola privata.
Mr. Sharp
Insegnante di Salem House diretto superiore di Mell. Apparentemente debole sia di salute che di carattere, cammina sempre pendendo da un lato, come se avesse la testa troppo pesante; ha inoltre un gran nasone.

Miss Lavinia e Miss Clarissa Spenlow

Sorelle zitelle di Mr Spenlow e quindi zie di Dora. Sono due vecchiette tranquille e posate (David le paragona più volte a degli uccellini) che ospitano per un breve periodo la nipote dopo il decesso del padre. Miss Lavinia, la maggiore, è la più romantica e ha più stima dei due amanti mentre Miss Clarissa, la minore, è al comando delle operazioni domestiche ed è quella più razionale.

Littimer
Maggiordomo ossequioso ma traditore di Steerforth, sembra in apparenza estremamente rispettabile; il suo aiuto è fondamentale per la riuscita nel tentativo di seduzione di Emily. Organizza poi la fuga all'estero di James con la ragazza; in seguito finisce in prigione per appropriazione indebita e i suoi modi garbati gli permettono di divenir uno dei prigionieri modello di Creakle.
Miss Mowcher
Parrucchiera esperta amica di Steerforth, molto bassa di statura (soffre di nanismo), è una pettegola arguta e loquace. Contribuisce in modo decisivo alla cattura di Littimer, che aveva sottratto denaro al padrone prima della fuga all'estero.
Mrs. Steerforth
Ricca madre vedova di James. Donna molto orgogliosa e arrogante, ama e stravede per suo figlio, fino al punto da rimaner completamente cieca di fronte ai suoi difetti. Quando James disonora la famiglia Peggotty seducendo la giovane Emily, lei incolperà la ragazza d'avergli "corrotto" il figlio; la notizia finale della morte di James sembra distruggerla completamente dal dolore, tanto da non esser più capace di riprendersi. Alla fine diventerà completamente pazza e incapace di riconoscere chiunque.
Rosa Dartle
Cugina di James Steerforth che vive con la madre di quest'ultimo, è un'amara e sarcastica zitella. Estremamente magra, porta impressa sulle labbra una cicatrice causatagli da James durante una delle sue violente collere da bambino. Porta anche serrato dentro sé un amore segreto per l'amico d'infanzia, mentre odia follemente Emily per averglielo rubato e la madre di lui per averlo corrotto.
Ham
Nipote bonario e un po' sempliciotto di Peggotty, è un'ottima persona nonché un solerte lavoratore: è il fidanzato ufficiale di Emily, prima che lei lo abbandoni per scappare con Steerforth. Muore tragicamente in mare nel tentativo di salvare un naufrago, che poi non si rivela esser altri che l'ex amico di David.
Mrs. Gummidge
Vedova di un marinaio amico e socio di Daniel morto in mare; è accolta e sostenuta da questi dopo la perdita del marito. Ella descrive se stessa come una creatura sola e derelitta, passando il tempo a lamentarsi e struggersi. Ma dopo la fuga di Emily con Steerforth cambia radicalmente il suo comportamento: rinuncia alla sua continua autocommiserazione diventando la principale consolatrice di Ham.
Anche lei alla fine emigra in Australia e ricevuta lì una proposta di matrimonio, risponde all'uomo tirandogli contro un secchio.
Martha Endell
Giovane ragazza di pessima reputazione - è additata come prostituta - che aiuta Daniel Peggotty a ritrovare sua nipote Emily, di cui è amica. Dalla disperazione aveva pensato al suicidio ma, alla fine della storia emigra in Australia con Emily, Daniel e Mrs Gummidge e si rifà una vita, sposandosi e vivendo felice.

Janet

La giovane domestica di zia Betsey. E' abituata alle stramberie della padrona e esegue le faccende domestiche con tranquillità. Quando zia Betsey si trasferirà da David, ella affitterà il cottage e sposerà un oste (con gioia della vecchia). E' descritta come una diciottenne molto carina.

Mr. Spenlow
Padre di Dora, avvocato e datore di lavoro di David all'ufficio del procuratore. Muore improvvisamente per un attacco di cuore mentre si trova alla guida della sua carrozza; dopo di che si scopre che era fortemente indebitato.

Mr. Jorkins

Partner di Spenlow, viene usato da quest'ultimo come capro espiatorio per qualsiasi decisione impopolare che si trovi costretto a prendere, facendolo passare per un tiranno inflessibile, quando invece nella realtà dei fatti non è altri che una nullità mite e timida del tutto incapace d'agire.
Julia Mills
Intima amica di Dora Spenlow, aiuta David a mantenersi in contatto con Dora attraverso lettere clandestine. Si trasferisce successivamente in India con il padre.
Mr. Strong
Preside della scuola di Canterbury frequentata da David, che gli fa visita in varie occasioni. È di età molto più avanzata rispetto alla moglie e ciò gli causa insicurezza; Heep giungerà a sfruttar tali paure per guadagnar potere sopra di lui. Emergerà alla fine che la fiducia nei riguardi della moglie era ben riposta.
Anna (Annie) Strong
Giovane moglie di Mr Strong. Viene accusata di tradimento in quanto sospettata d'intrattener una relazione con Jack Maldon, ipotesi questa che si rivela in seguito del tutto infondata. Quando gli amici cercano di convincer Strong del pericolo rappresentato da Maldon, egli ancora si rifiuta di credere che la moglie abbia ceduto alla tentazione.
Jack Maldon
Cugino e amico di infanzia di Anna Strong, affascinante ma piuttosto dissoluto. Innamorato di lei cerca di allontanarla dal marito.
Mrs. Markleham
Madre di Annie, soprannominata "il vecchio soldato" da parte degli studenti di Mr. Strong a causa della sua cociutaggine. Cerca di trar vantaggio pecuniario dal genero in ogni modo possibile, anche a discapito della felicità della figlia..
Mrs. Heep
Madre di Uria, di carattere servile come il figlio, instillando in lui per tuta la vita la tattica di fingere benevolenza al solo scopo di raggiungere i propri obiettivi.
Sophy Crewler
Moglie di Tommy. Figlia di un pastore con una numerosa famiglia, si rivela una brava massaia e una moglie adorabile contentandosi di vivere con i pochi beni del marito e continuando a prendersi cura delle sorelle più giovani.
Mrs. Crupp
Padrona di casa di Dabid quando questi risiede a Londra, particolarmente appassionata di grappa e cognac a basso costo.
Omer e Joram
I becchini dell'omonima impresa funebre che porta i loro nomi

La fortuna di David Copperfield[modifica | modifica sorgente]

L'apprezzamento di David Copperfield[modifica | modifica sorgente]

Lev Tolstoj, che considerava Dickens il migliore di tutti i romanzieri inglesi, dichiarò che "David Copperfield" era il suo romanzo riuscito meglio; Henry James ricordò di amare sentirlo leggere da sua madre nascosto sotto un tavolino; Fëdor Dostoevskij rimase affascinato dalla sua lettura nel campo di prigionia in Siberia; Franz Kafka definì il suo libro "America" "una pura imitazione" di esso; James Joyce espresse il suo rispetto per questo romanzo nel suo libro "Ulisse"; Virginia Woolf, che non aveva normalmente una grande considerazione per Dickens, confessò il valore di questo romanzo, che racconta "i miti e le memorie della vita"; esso era inoltre il romanzo preferito di Sigmund Freud.

Traduttori famosi[modifica | modifica sorgente]

Un famoso traduttore di David Copperfield fu Cesare Pavese, che ne scrisse anche un'introduzione.

Nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Vari personaggi famosi presero spunto dal nome dei personaggi di David Copperfield: è il caso del gruppo hard rock Uriah Heep e dell'illusionista David Copperfield.

Adattamenti cinematografici e televisivi[modifica | modifica sorgente]

Dal romanzo sono stati tratti numerosi film per il cinema, uno sceneggiato televisivo e un film tv:

Edizioni italiane[modifica | modifica sorgente]

In italiano il romanzo è stato pubblicato:

  • trad. di G. A. Piucco, Sanvito, 1859
  • trad. anonima, Fratelli Treves, 1906
  • trad. di Silvio Spaventa Filippi, IEI, 1914; Sonzogno, 1925 (con introduzione di A. C. Swinburne); Bietti, 1928
  • a cura di E. Jona, Federazione italiana delle biblioteche popolari, Milano 1920
  • trad. di Francesco Chimenti, La Nuova Italia, 1930 (ed. ridotta a cura di Giovanni Modugno)
  • a cura di Maria Mannucci, Signorelli, 1932 (ed. ridotta)
  • trad. di Gian Dàuli, Aurora, 1934; Lucchi, 1965
  • tad. di Milly Dandolo, UTET, 1934 (ed. ridotta, con illustrazioni di Gustavino)
  • trad. di Alda Bois, Bietti, 1936
  • trad. di Enrico Piceni, Mondadori, 1939; Oscar Mondadori, 1976; 1989 (con introduzione di Franco Garnero, e due saggi di Harold Bloom e Virginia Woolf)
  • trad. di Cesare Pavese, Giulio Einaudi Editore, 1939; Mondadori, 1967; Giunti, 1988; Einaudi, 1993
  • trad. di Rosa Adler, Barion, 1941; Ugo Mursia Editore, 1965 (con introduzione di Felicina Rota)
  • a cura di Francesco Perri, Genio, Milano 1950 (ed. ridotta)
  • trad. di Carlo De Mattia, Carroccio, Milano 1951 (con illustrazioni di Angelo Bioletto)
  • trad. di Eugenio Pilla, La Sorgente, Milano 1951 (ed. ridotta)
  • trad. di Dina McArthur Rebucci, La Scuola, Brescia 1951 (ed. ridotta)
  • trad. di Margherita Brambilla Pisoni, Vallardi, 1952 (ed. ridotta)
  • a cura di Ada Marchesini Gobetti, Paoline, 1952 (ed. ridotta)
  • a cura di Giovanna de Ficchy, UTET, Torino 1954
  • trad. di Elena Beccarini Crescenzi, Vallecchi, Firenze 1954; 1968 (a cura di Daniele Pucci); De Agostini, Novara 1982
  • trad. di Frida Ballini, Fratelli Fabbri Editori, 1955
  • a cura di Anny, Malipiero, Bologna 1955 (ed. ridotta)
  • trad. di Oriana Previtali, BUR, 1957; 2005 (con un con un saggio di Mario Praz)
  • trad. di Rita Banti, Adriano Salani Editore, Firenze 1957 (con illustrazioni Remo Squillantini)
  • trad. di A. Bellezza Migliarini, Boschi, Milano 1957 (ed. ridotta)
  • trad. di Grazia Ambrosi Tadolini, Capitol, Bologna 1957 (ed. ridotta, con illustrazioni di Ettore Brighenti)
  • trad. di Rina Tillier e Italo Grange, SEI, Torino 1961 (ed. ridotta)
  • a cura di Arturo Carbonetto, La Nuova Italia, Firenze 1964 (ed. ridotta)
  • trad. di Franco Prattico, Editori Riuniti, Roma 1966 (con prefazione di Carlo Bo)
  • a cura di Gioacchino Grasso, Casa Editrice D'Anna, Messina 1968 (ed. ridotta)
  • a cura di Ada Marchesini Gobetti, La Nuova Italia, 1968 (ed. ridotta)
  • a cura di Cesare Pozzi, De Agostini, 1969 (con prefazione di Silvio Locatelli)
  • a cura di Maria Sembeni, Malipiero, 1969 (ed. ridotta)
  • trad. di Giacomo N. Briano, a cura di Olga Gillone De Divitiis, Saie, Torino 1972 (ed. ridotta)
  • trad. di Ugo Dettore, Garzanti Libri, 1977 (con introduzione di Piergiorgio Bellocchio)
  • trad. di Bruno Oddera, Mondadori, 1985
  • trad. di Elisabetta Missaglia, Marietti, 1987 (ed. ridotta a cura di Mariangela Peghetti)
  • trad. di Elvira Gerosa, Lito, Milano 1995 (con illustrazioni di Alvaro Maraini)
  • trad. di Lucia Simonin, De Agostini, 1999 (ed. ridotta); 2009 (nuova ed.)
  • trad. di Alessandra Osti, Gruppo editoriale L'Espresso, 2003 (allegato a la Repubblica, con introduzione di Carlo Pagetti)
  • trad. di Franco Prattico, Newton Compton Editori, 2004 (con introduzione di Mario Martino)

Immagini[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Preface to the 1867 Charles Dickens edition
  2. ^ Autobiographical Elements in Charles Dickens' David Copperfield in By The Book, The Knowledge Network. URL consultato il 28 giugno 2009. [collegamento interrotto]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]