Chiesa della Santissima Annunziata (Parma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa della Santissima Annunziata
Chiesa della SS Annunciata.JPG
Facciata
Stato Italia Italia
Regione Emilia-Romagna Emilia-Romagna
Località Parma-Stemma.png Parma
Religione cristiana cattolica di rito romano
Titolare Annunciazione di Maria
Diocesi Parma
Architetto Giovan Battista Fornovo
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione 1566
Completamento XVII secolo

Coordinate: 44°48′09.35″N 10°19′17.8″E / 44.802597°N 10.321611°E44.802597; 10.321611

La chiesa della Santissima Annunziata è un luogo di culto cattolico di Parma, eretto a partire dal 1566 con l'annesso convento dei frati minori.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'originale chiesa conventuale della Santissima Annunziata, detta popolarmente Basilica del Paradiso, sorgeva in posizione extra moenia, a sud della città di Parma: l'edificio venne fatto abbattere da Pier Luigi Farnese nel 1546 per far posto a delle strutture militari.

Nel 1547 a Pier Luigi succedette il figlio Ottavio, che dovette però scontrarsi con l'opposizione dell'imperatore Carlo V, di papa Giulio III e dell'aristocrazia parmense: conclusisi i conflitti grazie all'intervento di Enrico II di Francia a fianco del Farnese, nel 1552 Ottavio riuscì a farsi restituire il ducato. Per celebrare l'avvenuta pacificazione, ma soprattutto per accreditarsi un seguito tra i ceti popolari facendo leva sui sentimenti religiosi dei sudditi, il duca ordinò la riedificazione del convento e della chiesa dell'Annunciata.

Il nuovo edificio venne fatto costruire, nella zona di capo di ponte, nell'Oltretorrente, un'area urbana ad insediamento prevalentemente popolare. La chiesa venne fondata il 9 maggio 1566 e la prima pietra venne posta dallo stesso duca il 4 giugno successivo. I lavori vennero affidati all'architetto Giovan Battista Fornovo, allievo del Vignola, col quale aveva collaborato alla costruzione del palazzo voluto dal cardinale Alessandro Farnese a Caprarola.

panoramica dell'ingresso dell'aula sacra con le dieci absidi

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Arte e architettura[modifica | modifica wikitesto]

rilievo a stucco sul portale d'ingresso
La vergine annunciata del Correggio

Il Fornovo progettò un edificio composto da un corpo centrale a pianta ellittica con dieci absidiole (cinque per lato) disposte a raggiera attorno all'aula sacra: all'edificio si accede attraverso un monumentale arco di ingresso posto in via d'Azeglio, già strada maestra di Santa Croce, e il portale è sovrastato da un grande rilievo a stucco, di una madonna annunciata, situato sopra il timpano della porta centrale e realizzato nel 1681 da Giovan Battista Barberini.

I frati, per dare un segno di continuità rispetto alla loro antica chiesa conventuale, vollero che nella nuova costruzione venissero traslati la grande pala con la Madonna col Bambino e i santi Giovanni Battista, Luca, Giovanni evangelista e Francesco (realizzata da Francesco Zaganelli da Cotignola) e l'affresco del Correggio con la Vergine Annunciata (ora nella Galleria Nazionale di Parma).

Organo a canne[modifica | modifica wikitesto]

Sulla cantoria in cornu Epistulae del presbiterio, si trova l'organo a canne della chiesa, costruito nel 1805 da Giuseppe Serassi e ripristinato nel 1991 nelle sue forme originarie da Claudio Anselmi Tamburini dopo che era stato, nel 1933, spostato nell'abside ed elettrificato. Lo strumento, a trasmissione meccanica, ha un'unica tastiera con prima ottava scavezza ed una pedaliera, anch'essa con prima ottava scavezza costantemente unita alla prima ottava del manuale. Di seguito, la sua disposizione fonica in base alla posizione delle manette dei vari registri nelle due colonne della registriera:

Colonna di sinistra - Concerto
Cornetto I Soprani
Cornetto II Soprani
Fagotto 8' Bassi
Trombe 8' Soprani
Corno inglese 16' Soprani
Viola 4' Bassi
Flutta 8' Soprani
Flauto in VIII 4'
Flauto in XII 2.2/3'
Voce umana 8'
Colonna di destra - Ripieno
Principale 16' Bassi
Principale 16' Soprani
Principale 8' Bassi
Principale 8' Soprani
Ottava 4' Bassi
Ottava 4' Soprani
Decimaquinta 2'
Decimanona 1.1/3'
Due di Ripieno 1.1/3'-1'
Due di Ripieno 2/3'-1/2'
Quattro di Ripieno 1/3'-1/6'
Sesquialtera 1.1/3'-4/5'
Contrabbasso e Ottava 16'+8' (al Pedale)
Quinta (al Pedale)
Trombone (al Pedale)
Timballi (al Pedale)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Barocelli, Mirabili et stupende fabriche - Le chiese dei Farnese a Parma, Parma, 2001

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'organo a canne, accademiaorganisticadiparma.it. URL consultato il 6 gennaio 2012.