Chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine (Parma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine
Chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine (Valera, Parma) - facciata 2019-06-25.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàCoat of arms of Parma.svg Valera, frazione di Parma
Religionecristiana cattolica di rito romano
TitolareAssunzione di Maria
Diocesi Parma
Stile architettoniconeoclassico
Inizio costruzioneX secolo
Completamento1952

Coordinate: 44°47′57.5″N 10°17′06.7″E / 44.799306°N 10.285194°E44.799306; 10.285194

La chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine è un luogo di culto cattolico dalle forme neoclassiche, situato in strada Valera a Valera, frazione alle porte di Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo di culto originario fu edificato in epoca altomedievale; la più antica testimonianza della sua esistenza risale al 29 aprile del 979, quando l'oratorio fu citato in una pergamena.[1]

Nel 1141 la cappella fu menzionata in una bolla del papa Innocenzo II tra i beni appartenenti al Capitolo della Cattedrale di Parma.[2]

Il 23 dicembre del 1619 la chiesa fu elevata a sede parrocchiale.[1]

Nella prima metà del XVIII secolo l'edificio, profondamente degradato, fu ampliato e restaurato; furono inoltre costruiti in adiacenza il campanile e la canonica.[1]

Nel 1952 il tempio fu sottoposto a lavori di ristrutturazione, che comportarono l'aggiunta delle cappelle laterali, il restauro della facciata con l'apertura di una bifora nel mezzo e la sopraelevazione della torre campanaria.[1]

Tra il 2003 e il 2005 la chiesa fu restaurata sia internamente che esternamente; gli interventi riguardarono anche l'adeguamento funzionale della canonica.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lato nord
Facciata e lato sud

La chiesa si sviluppa su un impianto a navata unica affiancata da tre cappelle per lato, con ingresso a ovest e presbiterio absidato a est.[1]

La simmetrica facciata a salienti, interamente intonacata, è caratterizzata dalla presenza dell'ampio portale d'ingresso centrale fortemente strombato, coronato da una lunetta ad arco a tutto sesto contenente un altorilievo raffigurante l'Assunzione di Maria Vergine; più in alto è collocata una bifora ad arco ogivale, con aperture ad arco a tutto sesto scandite da una colonnina con capitello in pietra; ai lati si elevano quattro alte specchiature ad arco a tutto sesto, mentre in sommità il corpo centrale è coronato da un ampio frontone triangolare con cornice modanata in aggetto, al cui centro si staglia un grande altorilievo rappresentante il Creatore; nel mezzo si erge infine una guglia sormontata da una croce.[1]

Dai fianchi intonacati e scanditi da lesene aggettano i volumi delle cappelle laterali e della canonica; al termine del prospetto sinistro, si eleva in adiacenza a quest'ultima il campanile a base quadrata, decorato con lesene in corrispondenza degli spigoli; la cella campanaria si affaccia sulle quattro fronti attraverso ampie monofore balaustrate ad arco a tutto sesto, delimitate da lesene doriche a sostegno del cornicione modanato in sommità.[1]

All'interno la navata, coperta da una volta a botte lunettata ornata con affreschi, è affiancata dalle ampie arcate a tutto sesto delle cappelle laterali, scandite da lesene doriche a sostegno del cornicione perimetrale modanato.[1]

Il presbiterio, lievemente sopraelevato, è preceduto da una balaustra in marmo; l'ambiente, chiuso superiormente da una volta a botte dipinta, accoglie l'altare maggiore a mensa in legno, aggiunto nel 1982; sul fondo al centro dell'abside, coperta dal catino, è collocata una nicchia ad arco a tutto sesto.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Chiesa dell'Assunzione di Maria Vergine "Valera, Parma", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 19 aprile 2018.
  2. ^ Affò, p. 350.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ireneo Affò, Storia della città di Parma, Tomo secondo, Parma, Stamperia Carmignani, 1793.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]