Pieve dei Santi Ippolito e Cassiano (Parma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve dei Santi Ippolito e Cassiano
Pieve di Gaione.jpg
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàParma-Stemma.png Gaione, frazione di Parma
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresanti Ippolito e Cassiano
Diocesi Parma
Stile architettonicoromanico
Inizio costruzioneXI secolo
Completamento1983

Coordinate: 44°45′25.24″N 10°17′21.3″E / 44.757011°N 10.28925°E44.757011; 10.28925

La pieve dei Santi Ippolito e Cassiano, nota anche come pieve di Gaione, è un luogo di culto cattolico dalle forme romaniche situato accanto al torrente Cinghio a nord del parco della neoclassica Villa Paganini, in viale Don Aldo Bernardi 18 a Gaione, piccola frazione alle porte di Parma; appartiene al gruppo delle pievi parmensi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'originario luogo di culto fu edificato tra il VII e l'VIII secolo sui resti di una struttura, probabilmente una villa, di epoca romana; ne sopravvivono i resti di un piccolo altare, realizzato riutilizzando antichi mattoni romani.[1]

Tra la fine dell'XI e l'inizio del XII secolo la chiesa fu completamente riedificata in forme romaniche, su una pianta a tre navate terminanti in tre absidi sul lato orientale;[2] in adiacenza fu anche costruito un battistero con foro centrale per le immersioni.[3]

La pieve fu menzionata per la prima volta nel 1185 tra le tappe di una delle diramazioni della via Francigena.[3]

Il tempio fu successivamente citato nel 1230 nel Capitulum seu Rotulus Decimarum della diocesi di Parma.[3]

Tra il XVI e il XVII secolo la pieve fu sottoposta a una serie di lavori che ne mutarono profondamente la struttura; furono infatti demolite le tre absidi, sostituite in corrispondenza della navata principale da un presbiterio di forma rettangolare, e furono edificati i corpi di fabbrica a est, compresa la canonica; inoltre furono realizzate nella navata centrale le arcate in muratura a sostegno della copertura lignea, in sostituzione delle antiche capriate.[2]

Nel 1812 furono risistemati e adibiti a sagrestia gli ambienti di servizio posti sul lato meridionale; tre anni dopo fu edificata la cappella a nord dedicata alla beata Vergine del Rosario.[3]

Nel marzo del 1832 un violento terremoto causò alcuni danni al campanile, che fu sottoposto a restauri; il cantiere fu concluso l'anno seguente.[3]

Nel 1844 la canonica fu risistemata e ampliata.[3]

Tra il 1851 e il 1855 la facciata fu rinforzata strutturalmente in quanto lesionata.[3]

Nel 1910 il tetto fu ristrutturato, mentre nel 1925 la pavimentazione interna fu rifatta; sette anni dopo fu costruito un nuovo fonte battesimale.[3]

Nel 1952 la chiesa fu sottoposta a complessi lavori di ristrutturazione, volti a riportarne in luce l'aspetto medievale; per questo furono completamente riedificati parte del transetto e l'abside principale, addossato a esso, oltre al campanile e al fianco destro d'ingresso, e furono recuperate le colonne in pietra; tra il 1954 e il 1955 furono riaperte le monofore della navata centrale, mentre tra il 1956 e il 1962 furono aggiunti i mosaici in controfacciata e nell'abside; nel frattempo fu inoltre ristemato il sagrato; nel 1966 fu realizzato il nuovo altare maggiore post conciliare.[3]

Il cantiere fu riavviato nel 1970, restaurando le travi di copertura e riportando alla luce gli affreschi medievali, la facciata in pietra, i basamenti delle colonne, la base rotonda della vasca battesimale romanica in corrispondenza della prima campata della navata sinistra e le fondamenta dell'edificio originario; fu inoltre risistemato il lato nord della chiesa; i lavori furono conclusi nel 1983.[3]

Tra il 2001 e il 2004 la pieve fu sottoposta a un nuovo restauro conservativo, volto alla valorizzazione dei reperti archeologici; l'intera pavimentazione fu rimossa fino allo strato originario per la realizzazione degli impianti di riscaldamento e in seguito mantenuta a un livello più basso, con lo scopo di mettere in luce le antiche basi dei pilastri; nello stesso periodo furono inoltre restaurati gli affreschi posizionati sulla sommità delle pareti delle tre navate, risalenti al XVII e al XVIII secolo,[4] e furono restaurati i prospetti esterni della canonica.[3]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

La pieve si sviluppa su una pianta a tre navate, con l'ingresso principale rivolto a ovest e il presbiterio absidato a est; un secondo ingresso è collocato sul fianco meridionale, mentre sul lato opposto si apre una cappella laterale.[3]

La semplice facciata a salienti, interamente rivestita, come il resto della chiesa, in pietra, presenta al centro il portale d'ingresso principale, sormontato da un architrave; in sommità si apre nel mezzo una finestra a lunetta.[3]

Il fianco destro è caratterizzato dalla presenza del portale d'accesso secondario, delimitato da una cornice in laterizio e coronato da un arco a tutto sesto, contenente una lunetta con un altorilievo cruciforme in cotto realizzato nel 1957 dallo scultore Corvi; ai suoi lati si aprono due monofore ad arco a tutto sesto, con cornici in mattoni. In adiacenza si erge il campanile, con cella campanaria affiacciata sulle quattro fronti attraverso aperture ad arco a tutto sesto delimitate da lesene.[3]

Il prospetto sinistro, conservatosi maggiormente intatto, presenta ancora i conci squadrati della muratura originaria.[1]

All'interno la navata principale, rivestita in pietra, è sormontata da una copertura a due falde in travi a vista, rette da quattro arcate in muratura a tutto sesto che si ergono in corrispondenza dei pilastri; in sommità si apre una serie di monofore romaniche ad arco a tutto sesto; ai lati le navate secondarie si affacciano sulla centrale attraverso cinque arcate a tutto sesto, rette da massicce colonne medievali, rivestite con un'alternanza di mattoni e pietre e coronate da capitelli a tronco di cono rovesciato; sulla sinistra si apre attraverso un ampio arco a tutto sesto la cappella della Beata Vergine del Rosario.[3]

Il presbiterio intonacato, lievemente sopraelevato, è caratterizzato dalla presenza di una struttura in vetro nel pavimento, per mostrare nella zona centrale la pavimentazione originaria all'interno dell'antica abside principale;[1] nel mezzo è collocato l'altare maggiore in pietra martellata, risalente al 2004; sul fondo l'abside, illuminata da due monofore laterali, accoglie una cassapanca lignea a semicerchio.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Pieve dei Santi Ippolito e Cassiano a Gaione, su www.romanico-emiliaromagna.com. URL consultato il 17 novembre 2015.
  2. ^ a b Gaione, Pieve dei Santi Ippolito e Cassiano, su www.cattedrale.parma.it. URL consultato il 17 novembre 2015.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Chiesa dei Santi Ippolito e Cassiano "Gaione, Parma", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 28 marzo 2018.
  4. ^ Pieve di Gaione, su www.fondazionecrp.it. URL consultato il 17 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]