Body Guards - Guardie del corpo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Bodyguards)
Body Guards - Guardie del corpo
Body Guards - Guardie del corpo.jpg
I protagonisti: Izzo, De Sica e Boldi
Paese di produzione Italia
Anno 2000
Durata 94 min
Genere commedia
Regia Neri Parenti
Soggetto Fausto Brizzi, Marco Martani, Neri Parenti
Sceneggiatura Fausto Brizzi, Marco Martani, Neri Parenti
Produttore Aurelio De Laurentiis
Casa di produzione Filmauro
Fotografia Giuseppe Ruzzolini
Montaggio Luca Montanari
Effetti speciali Proxima ; Giovanni Corridori
Musiche Bruno Zambrini
Scenografia Maria Stilde Ambruzzi
Costumi Vera Cozzolino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Body Guards - Guardie del corpo è un film del 2000 diretto da Neri Parenti, con Christian De Sica, Massimo Boldi, Biagio Izzo e Enzo Salvi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il tenente Fabio Leone, il maresciallo Paolo Pecora e l'appuntato Ciro Marmotta, tre carabinieri pasticcioni, vengono espulsi dall'arma per aver fatto saltare un'importante operazione internazionale. Decidono così di farsi assumere come guardie del corpo nell'agenzia di un ex tenente dei carabinieri amico di Marmotta.

Ai tre vengono affidati dei casi di prova per testare le loro capacità: Leone deve fare la guardia del corpo di Victoria Silvstedt, ma a causa delle scappatelle del fidanzato non riesce a farla arrivare ad una sfilata e per salvare la faccia prende il suo posto in passerella causando ulteriori disastri; Pecora che credeva di dover fare la guardia del corpo di Anna Falchi, mentre faceva le foto per il suo nuovo calendario deve invece fare la guardia alla cagnetta Camilla, a cui la Falchi è attaccatissima, ma finisce per ucciderla. Ciro Marmotta, seguito dalla famiglia barese Savino e Teresa Incoronato, invece deve fare da guardia del corpo a Luca Laurenti, ma scambiandolo per Paolo Bonolis, fa immaginare all'assistito di essere su Scherzi a parte e lo fa finire nelle mani di alcuni rapinatori di banca.

I tre, licenziati per i guai causati, provano a riscattarsi sottraendo all'agenzia un caso a cui sono venuti a conoscenza per caso, il servizio di sicurezza di una beauty farm frequentata da gente dello spettacolo. Ai tre si unisce Romolo, detto "Er Cobra", l'aiutante magazziniere dell'agenzia che sogna di diventare guardia del corpo e che minaccia i tre di dire tutto se non lo porteranno con loro.

I quattro finiscono per combinare altri disastri: Leone e Pecora che dovevano controllare un vecchio maestro di musica affetto da cardiopatia, se lo ritrovano morto d'infarto a seguito di un cocktail di alcol e viagra; Marmotta addetto alla sicurezza di Megan Gale finisce per intromettersi nella sua relazione segreta con Massimo Giletti, causando ripetuti aggressioni al presentatore. Romolo finisce per sabotare le terapie di Gigi Marzullo.

Romolo apre un sito internet in cui fa credere di gestire un'agenzia di bodyguard e di avere come cliente la top model Cindy Crawford; così, invece di licenziarli, l'agenzia li utilizza per fare da guardie del corpo ad una finta Crawford, per depistare un maniaco che la minaccia. In realtà il maniaco è il fratello della sosia con il quale è in combutta per sostituire la modella alla vera Crawford, così i quattro si trovano a trasportare la vera modella credendola la sosia e a consegnarla al maniaco credendolo un uomo dell'agenzia.

Licenziati, i quattro si ritrovano davanti ad un motel alla ricerca della modella ma Leone si imbatte in una coppia di sadomasochisti, Pecora di nuovo in Anna Falchi e Marmotta con Megan e la coppia barese Savino e Teresa Incoronato. Dopo varie peripezie riescono a salvare la vita alla modella, ricevendo i complimenti di Codispoti che propone il loro reintegro in squadra. I quattro però rifiutano, decidendo di mettersi in proprio, anche perché si accorgono di aver ritrovato la sosia e non la vera Cindy Crawford.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Nel film compare in un cameo il regista Neri Parenti, nella parte di un manovale dello zoo che cambia il cartello con quello di un bisonte. Il film è stato girato tra Roma (Piazza di Spagna, Hotel Hilton Rome Cavalieri, Piazza di Santa Maria di Galeria, Via Cassia 1801, Piazza di Siena, Bioparco, edificio in Viale Gioachino Rossini 10), Fossignano (Parco Zoo delle Star), Carmignano (Villa dei Cento Camini), Monte Argentario (Spiaggia dello Sbarcatello).[1]

La canzone che si può ascoltare nel trailer, all'inizio e alla fine è Lady (Hear Me Tonight) dei Modjo.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema