Alessandra Casella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandra Casella in Body Guards - Guardie del corpo, 2000

Alessandra Casella (Milano, 16 agosto 1963[1]) è un'attrice e conduttrice televisiva italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha studiato a Milano all'Accademia dei Filodrammatici con Ernesto Calindri e a New York al Lee Strasberg Theatre Institute. A teatro ha lavorato con registi come Giuseppe Patroni Griffi, Sciaccaluga, Tonino Pulci, Giorgio Albertazzi, affrontando sia ruoli drammatici che brillanti e spesso, anche in commedie musicali, come, ad esempio, nella stagione 1991-1992, quando è stata protagonista del musical Fred, ispirato alla vita di Buscaglione, insieme a Umberto Smaila e Luca Sandri.

Debutta in Rai come attrice comica nei programmi La TV delle ragazze[1] (dove, tra le altre, proponeva una parodia di Lilli Gruber), proseguendo in Ricomincio da due (dove proponeva quella della Carrà) e nel varietà di seconda serata Televiggiù su Italia 1.

Esordisce al cinema con la pellicola Le finte bionde di Vanzina, proseguendo con Le comiche di Neri Parenti,[1] Body Guards e La bottega dell'orefice. Ha recitato anche in L'Achille Lauro - Viaggio nel terrore del 1990.

Nel 1991 registra l'album di Umberto Smaila Fred, omaggio a Fred Buscaglione cui partecipa assieme a Luca Sandri.[2]

Nel 1994 conduce La Domenica Sportiva, al fianco di Gianfranco De Laurentiis;[1] il programma dedicato ai libri A tutto volume su Canale 5, un talk show quotidiano in seconda serata nel 1995; Bravo chi legge, striscia quotidiana di presentazioni letterarie su Rai 2. Su Alice, canale satellitare della piattaforma Sky, ha condotto il programma Italia in tavola. Ha interpretato anche alcune fiction televisive, tra cui la miniserie: Colletti bianchi;[1] Una casa a Roma, al fianco di Tomas Milian; Pazza famiglia, al fianco di Enrico Montesano e Paolo Panelli,[1] e Don Matteo.

Nel 2001 interpreta Tra due donne di Alberto Ferrari, film di cui è protagonista, e Una vita da sogno, per la regia di Domenico Costanzo. Ha anche lavorato come doppiatrice in Piccola peste torna a far danni doppiando l'attrice Laraine Newman e nel film d'animazione A Bug's Life - Megaminimondo dando la voce a Rosie.[3]

Cura da alcuni anni una rubrica di recensioni letterarie su Oggi e ha dato alle stampe un romanzo, Un anno di Gloria.[1] È anche autrice di sceneggiature teatrali e cinematografiche, e ideatrice di format televisivi, ed è direttrice editoriale di Booksweb Tv, una web TV che parla di libri e letteratura.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Alessandra Casella era sposata con lo chef Alessandro Procopio, morto il 2 gennaio 2021 per infarto, con il quale ha avuto la figlia Chiara.[4][5][6]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrice[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g Chi è Alessandra Casella, dalla "Tv delle ragazze" alle "Comiche" con Pozzetto e Villaggio, in Il Messaggero, Caltagirone Editore. URL consultato il 21 giugno 2021.
  2. ^ Note di copertina di Fred, Umberto Smaila, RCA Original Cast, BL 75255, LP (x1), 1991. URL consultato in data 21 giugno 2021.
  3. ^ A Bug's Life - Megaminimondo, su Il mondo dei doppiatori, AntonioGenna.net.
  4. ^ Alessandra Casella, marito morto a 54 anni: «Era l'amore della mia vita, il mio migliore amico», in Il Messaggero, Caltagirone Editore. URL consultato il 21 giugno 2021.
  5. ^ Francesca, Alessandra Casella, lo straziante racconto della morte del marito, su ViaggiNews.com, 14 aprile 2021. URL consultato il 21 giugno 2021.
  6. ^ Davide Giancristofaro Alberti, Alessandra Casella, morto marito Alessandro Procopio/ “Questa notte per un infarto..”, su IlSussidiario.net, 2 gennaio 2021. URL consultato il 21 giugno 2021.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]