Lady (Hear Me Tonight)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lady (Hear Me Tonight)
lang=it
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaModjo
Tipo albumSingolo
Pubblicazione8 maggio 2000
Durata3:44
Album di provenienzaModjo
GenereFrench house
Nu-disco
EtichettaMCA
ProduttoreRomain Tranchart
Registrazione2000
FormatiCD
Certificazioni
Dischi d'oroAustralia Australia[1]
(Vendite: 35.000+)
Germania Germania[2]
(Vendite: 250.000+)
Regno Unito Regno Unito[3]
(Vendite: 400.000+)
Dischi di platinoItalia Italia[4]
(Vendite: 50.000+)
Svizzera Svizzera[4]
(Vendite: 50.000+)
Modjo - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo
(2000)

Lady (Hear Me Tonight) è un singolo del duo musicale francese Modjo, pubblicato l'8 maggio 2000 come primo estratto dall'unico album in studio Modjo.

La canzone è accreditata a Nile Rodgers, Bernard Edwards, Yann Destagnol e Romain Tranchart ed è stata prodotta da questi ultimi due.

Contiene un campionamento fatto con la chitarra di Soup for One degli Chic.

È stato l'unico singolo dei Modjo a raggiungere la vetta della classifica in Regno Unito, rimanendo alla numero uno per due settimane.[5] Il singolo, oltre alla versione classica della canzone che è diventata uno dei tormentoni estivi di quell'anno, conteneva anche una versione acustica della stessa, mentre i remix sono stati realizzati da Harry Romero, Roy Davis Jr. e Danny Tenaglia.

Il brano è stato successivamente inserito nell'album Modjo, pubblicato un anno dopo il successo europeo ottenuto dal duo con questa canzone.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD-Maxi (Barclay 561 913 2 (UMG) / EAN 0731456191324)[6]
  1. Lady (Hear Me Tonight) (Radio Edit) – 3:46
  2. Lady (Hear Me Tonight) – 5:05
  3. Rollercoaster – 6:08
  4. Lady (Hear Me Tonight) (Remix) – 7:07

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2000) Posizione
raggiunta
Europa[7] 1
Regno Unito[5] 1
Svizzera[6] 1
Italia[6] 2
Finlandia[6] 3
Norvegia[6] 3
Paesi Bassi[6] 4
Belgio (Fiandre)[6] 5
Nuova Zelanda[6] 5
Francia[6] 7
Austria[6] 8
Svezia[6] 8
Australia[6] 10
Danimarca[6] 17

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]