Rockstar Games

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rockstar Games, Inc
Logo
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Tipo Sussidiaria
Fondazione Dicembre 1998
Fondata da Sam Houser
Dan Houser
Terry Donovan
Jamie King
Gary Foreman
Sede principale Manhattan, New York
Gruppo Take Two Interactive
Persone chiave Sam Houser (presidente)
Dan Houser (vicepresidente)
Settore Videogiochi
Sito web www.rockstargames.com/

Rockstar Games è una casa produttrice ed editrice di videogiochi statunitense, conosciuta per le serie di Grand Theft Auto, Max Payne, Red Dead, e i videogiochi Canis Canem Edit e Manhunt.

È stata creata da Take Two Interactive nel dicembre del 1998 come successore della recente acquisita BMG Interactive, una divisione della BMG Entertainment (l'attuale BMG Rights Management), della multinazionale tedesca Bertelsmann.[1] Mentre alcuni studi acquisiti da Take Two sono stati incorporati in Rockstar Games, altri più recenti hanno mantenuto la loro precedente identità e sono diventati parte della divisione 2K Games.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Rockstar Games è stata fondata nel dicembre 1998 dagli sviluppatori britannici Sam Houser, Dan Houser, Terry Donovan, Jamie King e Gary Foreman.[1][2] Donovan ha lasciato la compagnia nel gennaio 2007[3] ed è stato sostituito dall'ex consigliere delegato di Capcom Gary Dale.[4]

La sede centrale di Rockstar Games, conosciuta come Rockstar NYC, si trova sulla Broadway, nel quartiere NoHo di Manhattan, New York, come parte degli uffici di Take Two Interactive. È la sede dei dipartimenti di marketing, pubbliche relazioni e sviluppo del prodotto.[5]

Sino a febbraio 2014, i prodotti di Rockstar Games hanno venduto più di 250 milioni di copie, con la serie di Grand Theft Auto che ha raggiunto da sola almeno i 220 milioni nel settembre 2015.[6][7]

Nel marzo 2014, Rockstar Games ha ricevuto il BAFTA Academy Fellowship Award dal British Academy Video Games Awards.

Filosofia aziendale[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2011, il vicepresidente Dan Houser ha affermato in un'intervista su Famitsu che Rockstar sta deliberatamente evitando di sviluppare sparatutto in prima persona:

(INGLESE)

« We're deliberately avoiding that right now. It's in our DNA to avoid doing what other companies are doing. I suppose you could say that Max Payne 3 is something close to an FPS, but there are really unique aspects to the setting and gameplay there, too, not just in the story. You have to have originality in your games; you have to have some kind of interesting message. You could say that the goalpoint of Rockstar is to have the players really feel what we're trying to do. »

(ITALIANO)

« Stiamo deliberatamente evitando di fare ciò adesso. È nel nostro DNA evitare di fare ciò che le altre compagnie stanno facendo. Suppongo che potreste dire che Max Payne 3 è in qualche modo vicino ad un FPS, ma li ci sono degli aspetti davvero unici nell'ambientazione e nel gameplay, non solo nella storia. Devi avere originalità nei tuoi giochi; devi avere una sorta di messaggio interessante. Si può dire che l'obiettivo di Rockstar è avere dei giocatori davvero coscienti di ciò che noi stiamo cercando di fare. »

In seguito afferma, parlando del futuro della società:

(INGLESE)

« We made new genres by ourselves with games like the GTA series. We didn't rely on testimonials in a business textbook to do what we've done. I think we succeeded precisely because we didn't concentrate on profit... If we make the sort of games we want to play, then we believe people are going to buy them. »

(ITALIANO)

« Abbiamo inventato nuovi generi in totale autonomia con giochi come la serie di GTA. Non ci affidiamo a testimonianze sui libri di business per fare ciò che abbiamo fatto. Credo che abbiamo fatto successo perché non ci siamo concentrati sul profitto... Se noi facciamo i giochi che noi vogliamo giocare, allora noi crediamo che le persone andranno a comprarli. »

[8]

Rockstar ha in seguito rilasciato Grand Theft Auto V su PlayStation 4, Xbox One e PC con la possibilità di essere completamente giocato da una prospettiva in prima persona, portando il gioco ad avere una parità estetica con altri sparatutto in prima persona.[9]

Studi della Rockstar[modifica | modifica wikitesto]

La Rockstar Games è composta da diversi studi:

Studi attuali[modifica | modifica wikitesto]

Logo Nome Sede Fondazione Note
RAGE Technology Group Logo.svg RAGE Technology Group Carlsbad, California, Stati Uniti 2006 Sviluppatore del motore grafico RAGE, lavora insieme a Rockstar San Diego.
Rockstar India Logo.svg Rockstar India Bangalore, India 1 marzo 2016 Lavora in congiunzione con la Rockstar Dedicated Unit (RDU) presso Technicolor India.
Rockstar Leeds Logo.svg Rockstar Leeds Leeds, Regno Unito 15 aprile 1998 (come Möbius Entertainment Ltd.) Acquisito l'8 aprile 2004. Sviluppatore di Beaterator, Grand Theft Auto: Liberty City Stories, Grand Theft Auto: Vice City Stories e Grand Theft Auto: Chinatown Wars. Hanno sviluppato la versione Game Boy Advance di Max Payne e la versione Microsoft Windows di L.A. Noire.
Rockstar Lincoln Logo.svg Rockstar Lincoln Lincoln, Regno Unito 1997 (come Tarantula Studios) Acquisito nel 2002. Responsabile del controllo di qualità e della localizzazione dei giochi editi da Rockstar Games. Ha inoltre sviluppato il videogioco Las Vegas Cool Hand e le versioni per Game Boy Color di Grand Theft Auto e Grand Theft Auto II.
Rockstar London Logo.svg Rockstar London Londra, Regno Unito 2005 Sviluppatore della versione PlayStation 2 di Manhunt 2 e della versione PlayStation Portable di Midnight Club: Los Angeles.
Rockstar New England Logo.svg Rockstar New England Andover, Massachusetts, Stati Uniti 1999 (come Mad Doc Software, LLC) Acquisito il 4 aprile 2008. Responsabile dell'edizione Bully: Scholarship Edition di Canis Canem Edit.
Rockstar North Logo.svg Rockstar North Edimburgo, Regno Unito 1987 (come DMA Design Limited) Acquisito nel 1999. Sviluppatore della serie Grand Theft Auto e dei videogiochi Manhunt e Manhunt 2. Famoso inoltre per il videogioco Lemmings, sviluppato quando si chiamava ancora DMA Design.
Rockstar San Diego Logo.svg Rockstar San Diego Carlsbad, California, Stati Uniti 1984 (come Angel Studios, Inc.) Acquisito nel novembre 2002. Sviluppatore della serie Midnight Club e della serie Red Dead. Lavora insieme al RAGE Technology Group.
Rockstar Toronto Logo.svg Rockstar Toronto Oakville, Ontario, Canada 1994 (come Alternative Reality Technologies Inc.) Acquisito nel 1999. Sviluppatore del videogioco The Warriors, della versione PlayStation 2 di Max Payne e della versione PC di Grand Theft Auto IV e Grand Theft Auto: Episodes From Liberty City.

Vecchi studi[modifica | modifica wikitesto]

Logo Nome Sede Fondazione Note
Rockstar Japan Logo.svg Rockstar Japan Tokyo, Giappone 2005 Responsabile della localizzazione dei giochi editi da Rockstar nel mercato giapponese, lavorava in congiunzione con Capcom. Nel 2014, dopo che la Rockstar ottiene i diritti di distribuzione per il mercato giapponese, lo studio viene chiuso e le sue responsabilità vengono trasferite a Rockstar Lincoln.
Rockstar Vancouver Logo.svg Rockstar Vancouver Vancouver, Columbia britannica, Canada 1998 (come Barking Dog Studios Ltd.) Acquisito nell'agosto 2002. Sviluppatore di Canis Canem Edit e Max Payne 3. Il 9 luglio 2012 i dipendenti sono stati trasferiti in Rockstar Toronto e lo studio è stato chiuso.
Rockstar Vienna Logo.svg Rockstar Vienna Vienna, Austria 1993 (come Neo Software Produktions GmbH) Acquisito nel febbraio 2001. Sviluppatore della versione Xbox di Max Payne e delle versioni per console di Max Payne 2: The Fall of Max Payne. L'11 maggio 2006 lo studio è stato chiuso e tutti i 100 dipendenti sono stati licenziati.

Videogiochi di Rockstar Games[modifica | modifica wikitesto]

Videogioco Data di pubblicazione Piattaforme
Grand Theft Auto II 1999 PlayStation, Sega Dreamcast, Game Boy Color, Microsoft Windows
Thrasher Presents Skate and Destroy 1999 PlayStation
Austin Powers: Oh Behave 2000 Game Boy Color
Austin Powers: Welcome to My Underground Lair! 2000 Game Boy Color
Wild Metal Country 2000 Sega Dreamcast
Midnight Club: Street Racing 2000 PlayStation 2, Game Boy Advance
Surfing H3O 2000 PlayStation 2
Smuggler's Run 2000 PlayStation 2
Smuggler's Run 2: Hostile Territory 2001 PlayStation 2
Max Payne 2001 PlayStation 2, Xbox, Game Boy Advance, Microsoft Windows, macOS, iOS, Android
Grand Theft Auto III 2001 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows, macOS, iOS, Android
The Italian Job 2002 PlayStation 2, Microsoft Windows
State of Emergency 2002 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Smuggler's Run: Warzones 2002 Nintendo GameCube
Grand Theft Auto: Vice City 2002 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows, macOS, iOS, Android
Midnight Club II 2003 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Max Payne 2: The Fall of Max Payne 2003 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Manhunt 2003 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows
Red Dead Revolver 2004 PlayStation 2, Xbox
Grand Theft Auto Advance 2004 Game Boy Advance
Grand Theft Auto: San Andreas 2004 PlayStation 2, Xbox, Microsoft Windows, macOS, iOS, Android, Windows Phone
Midnight Club 3: DUB Edition 2005 PlayStation 2, Xbox, PlayStation Portable
The Warriors 2005 PlayStation 2, Xbox, PlayStation Portable
Grand Theft Auto: Liberty City Stories 2005 Playstation 2, Playstation Portable, iOS, Android
Rockstar Table Tennis 2006 Xbox 360, Wii
Canis Canem Edit 2006 PlayStation 2, Xbox 360, Microsoft Windows, Wii
Grand Theft Auto: Vice City Stories 2006 PlayStation Portable, PlayStation 2
Manhunt 2 2007 PlayStation 2, Microsoft Windows, Wii, PlayStation Portable
Grand Theft Auto IV 2008 PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Midnight Club: Los Angeles 2008 PlayStation 3, Xbox 360, PlayStation Portable
Grand Theft Auto IV: The Lost and Damned 2009 PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Grand Theft Auto: Chinatown Wars 2009 Nintendo DS, PlayStation Portable, iOS
Beaterator 2009 PlayStation Portable, iOS
Grand Theft Auto IV: The Ballad of Gay Tony 2009 PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Red Dead Redemption 2010 PlayStation 3, Xbox 360
Red Dead Redemption: Undead Nightmare 2011 PlayStation 3, Xbox 360
L.A. Noire 2011 PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Max Payne 3 2012 PlayStation 3, Xbox 360, Microsoft Windows
Grand Theft Auto V 2013 PlayStation 3, PlayStation 4, Xbox 360, Xbox One, Microsoft Windows
Red Dead Redemption 2 2017 PlayStation 4, Xbox One

Film[modifica | modifica wikitesto]

Titolo Anno
The Football Factory 2004
Grand Theft Auto: San Andreas - The Introduction 2004
Sunday Driver 2005
Red Dead Redemption: The Man from Blackwater 2010

Nel 2011, Rockstar Games ha registrato il marchio Rockstar Films.[10]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Laura Avery, Newsmakers: the people behind today's headlines: 2004 cumulation, Gale Research, 2005, p. 212.
  2. ^ (EN) Emanuel Maiberg, GTA, Rockstar co-founding brothers squeeze into Britain's 1,000 richest people list with £90 million, in GameSpot, 18 maggio 2014. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  3. ^ (EN) Brendan Sinclair, Terry Donovan leaves Rockstar, in GameSpot, 12 gennaio 2007. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  4. ^ (EN) Emma Boyes, Capcom exec leaves to join Rockstar, in GameSpot, 3 gennaio 2007. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  5. ^ (EN) Careers at Rockstar NYC, su Sito ufficiale di Rockstar Games. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  6. ^ (EN) Eddie Makuch, Rockstar titles have now shipped 250 million copies to date, in GameSpot, 4 febbraio 2014. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  7. ^ (EN) Justin Haywald, Grand Theft Auto Series Passes 220 Million Sales Worldwide, in GameSpot, 21 agosto 2015. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  8. ^ (EN) Kevin Gifford, Rockstar's Dan Houser: Big in Japan?, su 1Up.com, 26 ottobre 2011. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  9. ^ Roberto Caccia, GTA V in prima persona su PC, PS4 e Xbox One, in Tom's Hardware, 6 novembre 2014. URL consultato il 21 ottobre 2016.
  10. ^ (EN) Justin McElroy, Report: Rockstar Films trademarked by Rockstar Games, su Engadget, 7 luglio 2011. URL consultato il 21 ottobre 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN145370856 · BNF: (FRcb14040388m (data)