Tormentone estivo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il tormentone estivo definisce in generale quelle canzoni che, durante i mesi estivi, hanno una grandissima diffusione attraverso i principali mezzi di comunicazione di massa (radio e televisione) e negli ambienti ludici, come discoteche, sale da ballo e villaggi turistici.[1] Secondo alcune visioni, un tormentone sarebbe "un'unità auto-propagantesi" di evoluzione culturale e si potrebbe considerare un meme.

Benché non esista un parametro o una serie di parametri univoci che possano identificare il termine, si è tentata una sommaria classificazione del cosiddetto "tormentone estivo" in base a caratteristiche di relativamente semplice fruibilità, con ritmo ballabile e melodie facilmente memorizzabili, rime di facile riconoscimento e normalmente testi aventi per oggetto argomenti balneari e comunque tipicamente estivi[2] (esempio Vamos a la playa del 1983, del duo torinese dei Righeira, talora indicato come il tormentone estivo per eccellenza[2]); più in generale l'attribuzione di tormentone estivo è una categoria giornalistica coniata per registrare il fenomeno di costume.[non chiaro]

Nato con matrice canora, come è stato descritto finora, il termine passò presto a indicare particolari fenomeni ricorrenti (politici, sportivi, di costume) caratteristici del periodo estivo in Italia; per rimanere, per esempio, al mondo del calcio, già fin dagli anni ottanta si parla di "tormentone estivo" quando si discute ciclicamente sul futuro sportivo — in genere trasferimenti e acquisti — di allenatori o di calciatori nella stagione successiva[3][4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vacanze, ridateci il tormentone in Famiglia Cristiana, 19 luglio 2011. URL consultato il 25 settembre 2014.
  2. ^ a b La "ricetta" Giuseppe Antonelli e i quattro ingredienti della formula magica per il tormentone estivo in Sienalibri, 6 aprile 2011. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  3. ^ Gianni Mura, Un telegramma firmato Bianchi in la Repubblica, 27 agosto 1989. URL consultato il 29 gennaio 2012.
  4. ^ Marco Ansaldo, Müller, il pentito della notte in la Repubblica, 19 settembre 1989. URL consultato il 29 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Coniglio, Michele Neri, Ho scritto t'amo sulla sabbia. Tormentoni estivi degli anni 60-70-80, Roma, Coniglio Editore, 2010, ISBN 978-88-6063-257-9.
musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica