Attentati del 13 novembre 2015 a Parigi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Attentati del
13 novembre 2015 a Parigi
Paris Shootings - The day after (22593744177).jpg
I furgoni della polizia davanti al teatro Bataclan il giorno dopo gli attentati.
Stato Francia Francia
Luogo Parigi e Saint-Denis
Data 13-14 novembre 2015
21:20 del 13 novembre (UTC+1) – 00:58 del 14 novembre (UTC+1)
Tipo
Morti 137 (inclusi 7 attentatori)[1][2]
Feriti 368[2]
Responsabili Abdelhamid Abaaoud, Salah Abdeslam

Gli attentati del 13 novembre 2015 a Parigi sono stati una serie di attacchi terroristici di matrice islamica sferrati da un commando armato collegato all'autoproclamato Stato Islamico, comunemente noto come ISIS, che ha in seguito rivendicato i fatti: gli attacchi armati si sono concentrati nel I, X e XI arrondissement di Parigi e allo Stade de France, a Saint-Denis, nella regione dell'Île-de-France.

Gli attentati, avvenuti il giorno dopo la presunta morte del boia Jihadi John ad opera di un drone americano (notizia poi confermata dallo stesso Stato Islamico il 19 gennaio 2016), sono stati compiuti da almeno dieci persone fra uomini e donne, responsabili di tre esplosioni nei pressi dello stadio e di sei sparatorie in diversi luoghi pubblici della capitale francese, fra le quali la più sanguinosa è avvenuta presso il teatro Bataclan, dove sono rimaste uccise novantatré persone. Si è trattato della più cruenta aggressione in territorio francese dalla seconda guerra mondiale[3] e del secondo più grave atto terroristico nei confini dell'Unione europea dopo gli attentati dell'11 marzo 2004 a Madrid.

Mentre gli attacchi erano ancora in corso, in un discorso televisivo il presidente francese François Hollande ha dichiarato lo stato di emergenza in tutta la Francia e annunciato la chiusura temporanea delle frontiere.[4][5]

Il contesto storico dell'attacco[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Attentato alla sede di Charlie Hebdo.

Dall'inizio del 2015 la Francia fu vittima di numerosi attentati terroristici di matrice islamica fondamentalista, compiuti da affiliati o sostenitori di Al-Qaida e dello Stato Islamico. Tra il 7 e il 9 gennaio erano stati attaccati gli uffici del giornale satirico Charlie Hebdo, a Parigi, e il supermercato kosher Hyper Cacher, a Porte de Vincennes. Negli assalti, compiuti dai fratelli Kouachi e da Amedy Coulibaly (appartenenti rispettivamente ad Al-Qāʿida nella Penisola Arabica e all'ISIS), erano rimaste uccise diciassette persone.[4][6]

In seguito si verificarono altri attacchi di minore gravità in territorio francese: il 3 febbraio tre militari furono accoltellati a Nizza da Moussa Coulibaly, cittadino francese di origine africana; il 19 aprile una donna, Aurélie Châtelain, fu assassinata dallo studente algerino Sid Ahmed Ghlam, il quale aveva pianificato alcuni attacchi a due chiese di Villejuif, a Parigi, più la Basilica del Sacro Cuore; il 26 giugno, a Saint-Quentin-Fallavier, il trentacinquenne Yassin Salhi, di origini marocchine, uccise e decapitò il proprio datore di lavoro per poi fotografarsi insieme alla testa mozzata della vittima ed inviare la fotografia in Siria tramite WhatsApp; dopodiché, tentò di distruggere una fabbrica di gas con un furgone imbottito di bombole esplosive. Il 13 luglio quattro giovani tra i 16 e i 23 anni, tra cui un ex-militare, avevano presumibilmente progettato un attacco contro l'installazione militare di Fort Béar di Port-Vendres, nei Pirenei Orientali, con l'intenzione di filmare la decapitazione di un ufficiale. Il 21 agosto, su di un treno ad alta velocità proveniente da Amsterdam e diretto a Parigi, tre militari americani in borghese ed un cittadino britannico, tutti in vacanza, scongiurarono un attacco riuscendo a bloccare il terrorista, il ventiseienne Ayoub El Khazzani, poco prima che aprisse il fuoco con un Kalashnikov. Nel tentativo di immobilizzarlo, tre persone rimasero ferite.[7] Infine, il 29 ottobre, fu scongiurato un altro attentato contro alcuni soldati della Marina Francese a Tolone, nel dipartimento di Var.

La Francia non è però l'unico paese ad essere al centro degli attentati. Tra il 14 e 15 febbraio 2015 il terrore imperversava a Copenaghen, dove un giovane armato di fucile aprì il fuoco al Krudttønden Café, presso il quale si stava tenendo una conferenza sulla libertà di espressione, uccidendo una persona e ferendo tre poliziotti, senza colpire, però, il disegnatore Lars Vilks. La sera del 14 febbraio lo stesso giovane si porterà nei pressi della sinagoga locale, dove ferì gravemente un cittadino ebreo, che morirà nelle ore successive. Il terrorista venne in seguito ucciso dalla polizia danese. Il 18 marzo due terroristi fecero irruzione nel museo nazionale del Bardo, in Tunisia, sparando sui turisti all'interno e all'esterno del museo, uccidendo ventidue persone e ferendone quarantacinque. Entrambi furono uccisi dalle teste di cuoio della polizia tunisina. In seguito, il 26 giugno, due terroristi, tra cui lo studente ventitreenne di ingegneria elettronica Seifeddine Rezgui Yacoubi, uccisero trentotto persone nel complesso turistico di Port El-Kantaoui di Susa, in Tunisia. Durante la sparatoria, Yacoubi venne infine ucciso dalla polizia. Inoltre, a settembre, il primo ministro britannico David Cameron aveva annunciato la scongiura di un attacco alla regina Elisabetta II da parte dell'ISIS.

Cronologia degli eventi[8][modifica | modifica wikitesto]

I luoghi dell'attacco terroristico
1
Saint-Denis (Stade de France)
2
Incrocio tra Rue Alibert (Le Carillon) e Rue Bichat (Le Petit Cambodge)
3
Rue de la Fontaine au Roi (Café Bonne Bière e Casa Nostra)
4
Boulevard Voltaire (Teatro Bataclan)
5
Rue de Charonne (La Belle Equipe)
6
Boulevard Voltaire (Comptoir Voltaire)

13 novembre[modifica | modifica wikitesto]

  • 21:20: 1ª esplosione davanti al ristorante Events nei pressi dell'ingresso D dello Stade de France, in zona Saint-Denis, venti minuti dopo l'inizio della partita amichevole fra le nazionali di calcio di Francia e Germania assistita da 80.000 tifosi, tra i quali il presidente della Repubblica francese François Hollande, il presidente dell'Assemblea Nazionale Claude Bartolone e il ministro degli affari esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier. Per non aggravare la tensione, la partita prosegue; a causa dell'esplosione vi fu un morto, di nome Manuel Dias, più l'attentatore, identificato col nome di battaglia di Ukashah Al-Iraqi;
  • 21:25: 1ª sparatoria nei pressi dei due ristoranti Le Carillon, su Rue Alibert e Le Petit Cambodge, su Rue Bichat. Quattro terroristi (Abdelhamid Abaaoud, Chakib Akrouh, Brahim e probabilmente suo fratello minore Salah Abdeslam), a bordo di una SEAT León nera, hanno cominciato a sparare all'incrocio con i loro AK-47 consumando circa 100 proiettili, inneggiando la Siria e l'Iraq e urlando in lingua araba: "Allahu Akbar!"[6] (13 morti e 10 feriti gravemente);
  • 21:30: 2ª esplosione davanti a un fast food Quick nei pressi dell'ingresso H dello Stade de France, in zona Saint-Denis (nessun morto a parte l'attentatore, identificato col nome di battaglia di Ali al-Iraqi);
  • 21:32: 2ª sparatoria nei pressi del Café Bonne Bière e della pizzeria Casa Nostra, in Rue de la Fontaine au Roi. Durante l'assalto alla pizzeria, uno degli attentatori, probabilmente Salah Abdeslam, punta il proprio fucile d'assalto contro la studentessa Barbara Serpentini e la sua amica Sophia Bejali per ucciderle a bruciapelo, ma l'arma - a causa del termine dei proiettili o di un'inceppatura - non riesce a fare fuoco,[9] così le due fuggono e l'attentatore si allontana dal luogo della sparatoria a bordo della SEAT León nera (3 morti e 8 feriti);
  • 21:36: 3ª sparatoria davanti al ristorante La Belle Equipe, nei pressi di rue de Charonne, nell'XI arrondissement (20 morti e 9 feriti);
Particolare di un biglietto di ingresso del Bataclan per il concerto degli Eagles of Death Metal del 13 novembre 2015
  • Dalle 21:40 alle 21:48: durante un concerto del gruppo rock statunitense Eagles of Death Metal, iniziato alle 20:45 e con circa 1.500 spettatori, 3 terroristi vestiti di nero (Ismaël Omar Mostefaï, Samy Amimour e Foued Mohamed-Aggad), equipaggiati di zaini porta-caricatori, AK-47, di un fucile a pompa, alcune bombe a mano e cinture esplosive, parcheggiano la loro Volkswagen Polo nera accanto al teatro Bataclan, su Boulevard Voltaire, e due minuti dopo uno dei tre manda un SMS a Mohamed Belkaid, il coordinatore principale degli attacchi rifugiato in Belgio, in cui si legge: "Siamo partiti, cominciamo". La linea di ricezione viene immediatamente disattivata e gli assalitori gettano il cellulare in un cestino della spazzatura situato nei paraggi. Dopodiché, i terroristi irrompono nel teatro sparando contro la folla, urlando "Allahu Akbar!" e inneggiando alla Siria e all'Iraq. La prima raffica, sparata mentre la band suona il brano "Kiss the Devil", provoca una decina di vittime (tra cui un addetto alla sicurezza e tre ragazzi, oltre all'addetto al merchandising del gruppo Nick Alexander) davanti all'ingresso, ma viene in un primo istante scambiata per degli amplificatori o degli effetti pirotecnici. La seconda si dirige verso il bar e mette in fuga il leader Jesse Hughes, il chitarrista Eden Galindo, il bassista Matt McJunkins e il batterista Julian Dorio (che si era riparato dietro le strumentazioni), mentre il chitarrista Dave Catching continua ancora per qualche istante a tenere il centro del palco. Subito dopo i tre uomini si posizionano sulla platea e sparano altre diverse raffiche sugli spettatori nel giro di 20 minuti. I presenti, terrorizzati dalle esplosioni delle granate, tentano, con l'aiuto dei buttafuori, di evacuare il locale attraverso porte di sicurezza e finestre laterali, mentre il resto dei membri della band riesce a sopravvivere all'irruzione degli attentatori scappando da un'uscita dietro le quinte, per poi rifugiarsi in una stazione di polizia. Altre 50 persone scappano sul tetto, altre ancora si rifugiano nei bagni pubblici e nei camerini. Daniel Psenny, un giornalista di Le Monde che abita al lato del teatro a Saint-Pierre Amelot, si affaccia alla finestra del suo appartamento e riprende con uno smartphone gli spettatori che fuggono attraverso le uscite di sicurezza del Bataclan. Dopo aver registrato, Psenny scende in marciapiede e soccorre un trentaseienne statunitense di nome Matthew rimasto ferito al polpaccio sinistro, mentre il reporter viene lievemente colpito da un proiettile vagante al braccio sinistro da uno dei terroristi. Durante la carneficina, gli attentatori, mentre cominciano a sequestrare le persone presenti, iniziano anche a fucilare e uccidere numerosi ostaggi riversi per terra, intenti a fingersi morti;
  • 21:43: 3ª esplosione, 1 terrorista, identificato come Brahim (fratello maggiore di Salah), esce dalla SEAT León nera e si fa esplodere nella caffetteria Comptoir Voltaire nei pressi del teatro Bataclan, su Boulevard Voltaire[10] (nessun morto oltre all'attentatore, 15 feriti);
  • 21:53: 4ª esplosione presso un McDonald's situato a circa 400 metri dallo Stade de France, in zona Saint-Denis (nessun morto oltre all'attentatore Bilal Hadfi, 11 feriti gravi);
  • 22:00: allertato degli attacchi, un sovrintendente capo della B.A.C. 75, armato solamente di una pistola SP 2022 e scortato da un suo collega brigadiere, irrompe per primo al piano terra del teatro e scopre diversi cadaveri riversi sul pavimento della sala. Sette minuti dopo, scavalcando i corpi, si ritrova faccia a faccia con uno dei terroristi posizionato a sinistra del palco, identificato come Amimour, mentre tiene sotto tiro uno degli ostaggi. L'uomo apre il fuoco, ma l'ufficiale e il sottufficiale si riparano dietro a un pilastro e uccidono rapidamente l'attentatore sparando sei colpi, il giubbotto esplosivo che indossava è fatto detonare prima di crollare a terra. Lo scoppio dilania il corpo di Amimour, eccetto una sua gamba e la testa, che sono poi ritrovate sul palco. Lo spettatore sopravvissuto fugge immediatamente dal teatro mentre Aggad e Mostefaï rispondono al fuoco contro i due agenti dal bordo della platea, ma questi ultimi, rimasti illesi, contattano via ricetrasmittente il resto dei rinforzi. Contemporaneamente, viene organizzata un'unità di crisi con il presidente Hollande, il Primo Ministro Manuel Valls e il ministro dell'Interno Bernard Cazeneuve, mentre le forze dell'ordine impostano il coprifuoco in tutta la città, invitando i cittadini a non uscire di casa;
  • 22:09: giungono all'esterno del Bataclan le prime squadre della Brigade de Recherche et d'Intervention, un corpo speciale della polizia francese, equipaggiate con elmetti dotati di visiera antiproiettile, passamontagna, giubbotti antiproiettile e fucili d'assalto H&K G36C. Un gruppo di 5 poliziotti della B.A.C. 94, appostati in un angolo accanto al teatro tra Voltaire Boulevard e Saint-Pierre Amelot, viene accolto da una raffica di fucile Kalashnikov da uno dei terroristi, riuscendo però a sfuggire alle pallottole. La sparatoria viene immortalata da Patrick Zachmann, un fotoreporter francese membro della Magnum Photos, e da un abitante di un appartamento situato nei pressi del Bataclan al Boulevard Richard-Lenoir;
  • 22:15: intervengono altri 60 poliziotti della B.R.I. e gli ufficiali tentano di organizzare un'irruzione all'interno del teatro sotto il fuoco dei terroristi per soccorrere i superstiti. Nel frattempo, un totale di 430 pompieri della Brigade de sapeurs-pompiers de Paris, al comando del generale Philippe Boutinaud, viene mobilitato in tutta la città con 21 squadre di paramedici a bordo di 125 camion per prestare i primi soccorsi alle vittime;
  • 22:30: il presidente Hollande lascia sotto scorta lo Stade de France, per motivi di sicurezza;
  • 22:45: intorno a quest'ora, intervengono sul luogo anche 10 agenti della Recherche, assistance, intervention, dissuasion, un altro corpo speciale della polizia di frontiera comandato dal controllore generale Jean-Michel Fauvergue, che si appostano all'esterno del piano terra del Bataclan allo scopo di proteggere i poliziotti della B.R.I. in caso di necessità;
  • 23:00: una trentina di poliziotti della B.R.I., a gruppi di due, raggiunge la platea attraverso due scale posizionate sulla balconata del teatro, mentre gli spettatori sopravvissuti escono dai loro nascondigli lasciando silenziosamente il luogo dell'attentato;
  • 23:15: gli agenti, continuando la bonifica del piano superiore, trovano due terroristi e un gruppo di 60-100 ostaggi rifugiati in una stanza situata nell'ala ovest del teatro;
  • 23:27: i terroristi, attraverso il cellulare di uno degli ostaggi di nome Sebastien Besatti (uno degli spettatori che ha contribuito a soccorrere una donna incinta rifugiatasi su un davanzale di una finestra del secondo piano del Bataclan), minacciano i poliziotti e il negoziatore Pascal (già noto per aver diretto le trattative con Amedy Coulibaly durante il sequestro del supermercato ebraico Hypercacher del precedente 9 gennaio) di decapitare gli spettatori se il resto degli agenti non abbandonerà il teatro. Nei successivi 50 minuti e nelle altre quattro chiamate, i terroristi rifiutano di negoziare, ma le chiamate fanno guadagnare il tempo necessario alla polizia per organizzare un'operazione atta a soccorrere gli ostaggi;
  • 23:37: viene attivato il piano "Rosso Alfa", previsto per portare soccorso in modo coordinato a un numero elevato di vittime in caso di attentati multipli;
  • 23:53: il presidente Hollande, abbandonato definitivamente lo Stade de France, appare in diretta TV e dichiara ufficialmente in un discorso lo stato di emergenza in tutto il paese e la temporanea chiusura delle frontiere;
  • 23:55: il governo francese si riunisce in un consiglio dei ministri straordinario;

14 novembre[modifica | modifica wikitesto]

  • 00:00: intorno a quest'ora i tifosi abbandonano completamente lo Stade de France cantando l'inno nazionale francese La Marseillaise in segno di solidarietà;
  • Dalle 00:18 alle 00:23: dopo circa un'ora di negoziazioni e il successivo rilascio di 5 ostaggi, il commissario Christophe Molmy, comandante supremo della B.R.I., e il suo vice George Salinas ordinano via radio di iniziare un raid al teatro Bataclan. Nel corso dell'irruzione nel corridoio, Mostefaï e Aggad usano gli ostaggi come scudi umani e aprono il fuoco contro gli agenti armati di scudi balistici, ferendo uno di loro alla mano sinistra mentre il resto dei poliziotti, sotto il comando di un capitano identificato con lo pseudonimo di "Jeremy", lanciano granate flash bang e fumogene. Durante i cinque minuti di combattimento, gli agenti raggiungono la fine del corridoio e un poliziotto armato di G36C spara ferendo a morte Aggad, provocando l'innesco della cintura esplosiva e l'uccisione di lui stesso. Poco dopo, Mostefaï, stordito dall'esplosione, viene infine freddato da un agente della seconda colonna nel vano tentativo di afferrare il detonatore per farsi saltare in aria. Dopodiché il resto degli ostaggi sopravvissuti vengono immediatamente allontanati dal luogo della carneficina e soccorsi dalle ambulanze;
  • 00:58: termina ufficialmente il raid nel locale e i poliziotti della B.R.I. e della R.A.I.D. fanno ritorno nelle loro caserme. Minuti dopo, intervengono nella capitale anche diversi reggimenti dell'esercito francese (che comprendono il 3e Régiment de Parachutistes d'Infanterie de Marine, il 12e Régiment de Cuirassiers, il 40e Régiment d'Artillerie e il 3e Régiment d'Infanterie de Marine), incaricati di pattugliare e mettere in sicurezza le strade. 93 persone in totale hanno perso la vita nel Bataclan;
  • 01:00: l'ISIS rivendica ufficialmente, tramite Twitter, gli attacchi alla capitale francese ed esulta, minacciando di colpire anche Washington D.C., Londra e Roma. Contemporaneamente, le luci della Torre Eiffel vengono spente come è regolare in questo orario, dopodiché saranno costantemente spente per tutto il giorno seguente in segno di lutto;
  • 01:20: Hollande e il premier Valls si recano al Bataclan a portare la loro solidarietà. Dopodiché tornano al Ministero dell’Interno per continuare a seguire gli sviluppi;
  • 02:55: la squadra di calcio francese evacua definitivamente dallo Stade de France;
  • 08:30: continuano gli sforzi dei paramedici e dei pompieri per rimuovere i corpi dal Bataclan;
  • 10:53: il presidente Hollande, in diretta dal Palazzo dell'Eliseo, fa un discorso ufficiale alla nazione e al mondo intero, dichiarando che la Francia sarà spietata nei confronti dello Stato Islamico e condanna gli attacchi definendoli un "atto di barbarie assoluta".

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Vittime per nazionalità
Nazionalità Morti Note
Francia Francia 99 [11]
Cile Cile 3 [12]
Spagna Spagna 3 [13]
Belgio Belgio 2 [14]
Portogallo Portogallo 2 [15]
Algeria Algeria 2 [16]
Messico Messico 2 [12]
Romania Romania 2 [17][18]
Egitto Egitto 2 [19]
Tunisia Tunisia 2 [20]
Francia Francia/Burkina Faso Burkina Faso 1 [21]
Francia Francia/Algeria Algeria 1 [22][23][24]
Francia Francia/Russia Russia 1 [25]
Stati Uniti Stati Uniti/Messico Messico 1 [20]
Germania Germania 1 [26][27]
Italia Italia 1 [28][29]
Armenia Armenia 1 [30]
Marocco Marocco 1 [11]
Svezia Svezia 1 [31]
Regno Unito Regno Unito 1 [12]
Venezuela Venezuela 1 [11]
Totale 130 [32]

Negli attacchi sono rimaste uccise 130 persone e ferite tra 352 e 368 (tra cui un poliziotto della B.R.I. ferito da una pallottola vagante alla mano sinistra durante il raid nel Bataclan),[33] di cui 80 portati all'ospedale in gravi condizioni.[34] 93 persone sono morte al teatro Bataclan, 13 al Le Carillon e al Le Petit Cambodge, 3 al Café Bonne Bière e a La Casa Nostra, 20 a La Belle Équipe e 1 allo Stade de France.[35] Le vittime erano di 26 diverse nazionalità. Uno dei feriti è poi deceduto, portando il numero totale di morti a 130.[32]

In senso antiorario: scena dell'attentato in Boulevard Voltaire, forze di polizia in rue de la République Saint-Denis dopo il raid di Saint-Denis, furgoni della polizia al Bataclan il mattino seguente, manifestazione di cordoglio pubblico, la Tour Eiffel illuminata coi colori nazionali francesi in memoria delle vittime.

Il critico musicale del periodico Les Inrockuptibles, Guillaume B. Decherf,[36] il dirigente della casa discografica Mercury Records France Thomas Ayad[37] e il manager degli Eagles of Death Metal Nick Alexander sono fra le vittime dei terroristi islamici nel Bataclan.[38][39] Alcuni sopravvissuti soffrono di stress post traumatico.

Sviluppi giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Fiori lasciati davanti all'ingresso del ristorante Le Petit Cambodge
Raduno spontaneo di cittadini davanti al ristorante Le Carillon
Da sinistra: il sindaco di Parigi Anne Hidalgo, il presidente della Repubblica Francois Hollande e il presidente degli Stati Uniti Barack Obama si radunano davanti al Bataclan per rendere omaggio alle vittime il 29 novembre 2015
Messa da Requiem alla cattedrale di Notre-Dame, alla presenza delle autorità statali e con la folla al di fuori, il 15 novembre 2015

Le indagini sono coordinate dal procuratore della Repubblica di Parigi François Molins[40] e mirano all'identificazione dei terroristi, alla ricostruzione dei loro percorsi e all'individuazione degli eventuali complici.[40]

Il procuratore ha tenuto una conferenza stampa senza domande nella serata del 14 novembre,[40] in cui ha precisato i primi elementi raccolti, ha fornito una prima ricostruzione ufficiale dell'accaduto e ha aggiornato il numero provvisorio delle vittime.[41] Al momento di questa ricostruzione, erano stati individuati sette terroristi morti; fra questi, uno degli assaltatori del Bataclan era stato identificato formalmente come un cittadino francese di circa 30 anni nato a Courcouronnes (dipartimento dell'Essonne, nella banlieue della capitale francese) e schedato per la sua "radicalizzazione".[41] La vettura usata durante gli attacchi a Bataclan, era stata noleggiata a Bruxelles da un cittadino francese residente in Belgio.[42]

Reazioni militari o di ordine pubblico successive ai fatti[modifica | modifica wikitesto]

I fatti di Parigi del 13 novembre hanno innescato una serie di azioni repressive militari o di polizia atte a colpire individui direttamente coinvolti o in qualche modo riconducibili all'organizzazione degli attentati parigini.

  • Il 15 novembre l'Aviazione Francese ha condotto un raid con 10 caccia contro le postazioni dell'ISIS intorno a al-Raqqa, distruggendo rispettivamente un centro di comando, una struttura di reclutamento di jihadisti, otto depositi di munizioni e un campo di addestramento.
  • All'alba del 18 novembre le forze dell'ordine francesi hanno assaltato, nella banlieue parigina di Saint-Denis, alcuni appartamenti occupati da terroristi che sarebbero stati in procinto di organizzare un nuovo attacco nel distretto di La Défense, vicino Parigi: cinque individui sono stati arrestati e due sono morti.[43] Tra i morti anche Abdelhamid Abaaoud, il presunto organizzatore dei fatti di Parigi.
  • Durante la mattinata del 19 novembre le forze speciali belghe hanno condotto alcuni raid nella cittadina di Molenbeek-Saint-Jean, in Belgio.[44]
  • Nel pomeriggio dello stesso giorno un nuovo blitz della polizia ha interessato un quartiere della cittadina di Charleville-Mézières, nelle Ardenne, non distante dal confine con il Belgio.[45]
  • Il 15 marzo 2016 viene lanciato un raid della polizia belga nel comune di Forest, a Bruxelles: due sospetti sono fuggiti, mentre un terrorista viene ucciso da un cecchino.
  • Il 18 marzo dello stesso anno, nel corso di un'operazione da parte della polizia belga nel quartiere di Molenbeek, a Bruxelles, viene ferito e arrestato il terrorista Salah Abdeslam, uno dei presunti coordinatori operativi degli attacchi di Parigi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Parigi sotto attacco: il Califfo Isis ha ordinato, 24 i jihadisti. Francia bombarda Raqqa. Caccia a terrorista in fuga. È morta Valeria Solesin, Ansa. URL consultato il 16 novembre 2015.
  2. ^ a b Redazione Online, Attentati Parigi: 129 morti e 352 feriti, Isis rivendica. «Più di cinque arresti» in Belgio. Hollande: «Atto di guerra», Corriere della Sera. URL consultato il 14 novembre 2015.
  3. ^ Le Monde, L’attentat le plus meurtrier depuis 1945
  4. ^ a b Isis attacca Parigi. Sette sparatorie e bombe allo stadio: 126 morti, in Corriere della Sera, 13 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  5. ^ Cosa prevede lo stato d’emergenza dichiarato in Francia, su Internazionale. URL consultato il 17 novembre 2015.
  6. ^ a b Parigi, attentati in vari punti della città: oltre 120 morti. Stato d'emergenza, in la Repubblica, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  7. ^ (IT) Attacco a Parigi, i precedenti in Europa, in Lettera43, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  8. ^ Parigi, la cronologia degli attentati, in Il Post, 15 novembre 2015. URL consultato il 18 novembre 2015.
  9. ^ http://www.blitzquotidiano.it/video/youtube-salah-ak47-si-inceppa-sophia-e-barbara-vive-2326153/
  10. ^ (FR) Attentats à Paris : le point sur ce qu'il s'est passé et ce que l'on sait, in Le Figaro, 13 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  11. ^ a b c http://www.bbc.com/news/world-europe-34821813
  12. ^ a b c Mike James, Names, nationalities of the dead emerge from Paris terror, in USA Today, 14 novembre 2015.
  13. ^ (ES) El hijo de una pareja de Granada es el tercer español fallecido en los ataques, in El País, 17 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  14. ^ (FR) Elif Dogan et Milko Jozic, deux Liégeois, ont perdu la vie dans les attentats de Paris [Elif Dogan and Milko Jozic, two people from Liège, lost their lives in the Paris attacks], su La Meuse, Copiepresse, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  15. ^ (PT) Secretário de Estado das Comunidades nega morte de terceira portuguesa [Secretary of State for the Comunities denies a third Portuguese death], Sábado, 16 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
    «José Cesário confirma a morte de dois portugueses e quatro feridos tratados nos hospitais parisienses que já tiveram alta».
  16. ^ KUNA : Algeria confirms two nat'ls among Paris attack victims, su kuna.net.kw, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  17. ^ ProTV, Lacramioara si Ciprian, romanii morti la Paris, omagiati in biserica in care si-au botezat copilul: "Suntem terminati", su stirileprotv.ro, 15 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  18. ^ TVR, MAE: Doi români, un bărbat şi o femeie, au murit în atentatele de la Paris. Alţi doi români au fost răniţi, su tvr.ro, 14 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  19. ^ Two Egyptians Killed, One Severely Injured in Paris Attacks, Egyptian Streets. URL consultato il 17 novembre 2015.
  20. ^ a b Paris attacks: Who were the victims?, BBC. URL consultato il 16 novembre 2015.
  21. ^ Paris terror attacks: In memoriam of the victims, in cnn.com.
  22. ^ KUNA : Algeria confirms two nat'ls among Paris attack victims, su kuna.net.kw, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  23. ^ (FR) Ait Abdellah, S., Sebaa Djalal-Eddine, troisième victime algérienne des attentats de Paris, Ennahar, 11 novembre 2015. URL consultato il 15 dicembre 2015.
  24. ^ (FR) Bozonnet, Charlotte, Djalal Sebaa, 31 ans, Le Monde. URL consultato il 15 dicembre 2015.
  25. ^ МИД РФ подтверждает факт опознания мужем тела россиянки, погибшей при теракте в Париже. tass.ru. 17 November 2015
  26. ^ Ein Deutscher bei Attentaten von Paris getötet, welt.de.
  27. ^ Anschläge in Paris: Zweites deutsches Todesopfer bestätigt, spiegel.de.
  28. ^ web|url=http://www.repubblica.it/esteri/2015/11/15/news/valeria_solesin_attentato_bataclan-127399230/%7Ctitolo=Strage Parigi, i parenti: Valeria Solesin tra le vittime del teatro Bataclan|autore=Agnese Ananasso|sito=Repubblica.it}}
  29. ^ Parigi, tra i feriti due italiani di Senigallia, Espresso.repubblica.it. URL consultato il 16 novembre 2015.
  30. ^ https://news.am/eng/news/296909.html
  31. ^ Paris attacks updates, BBC News, 13–14 novembre 2015.
  32. ^ a b (FR) Attaques à Paris : le bilan passe de 129 à 130 morts, in Franceinfo, 20 novembre 2015. URL consultato il 29 novembre 2016.
  33. ^ Christopher Harress, How Many People Died in Paris Shooting? Update on Mass Attacks in French Capital, su International Business Times, 14 novembre 2015.
  34. ^ Search goes on for missing, BBC News, 16 novembre 2015. URL consultato il 17 novembre 2015.
  35. ^ Paris attacks latest, in The Telegraph. URL consultato il 15 novembre 2015.
  36. ^ (FR) Guillaume B. Decherf a été tué hier au Bataclan [Guillaume B. Decherf was killed yesterday at the Bataclan], su Les Inrockuptibles, Les Inrockuptibles, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  37. ^ Paris Attack at Bataclan Claims Life of Mercury Records Executive Thomas Ayad, su MSN, MSN.
  38. ^ British man killed in Paris terror attack named as Nick Alexander, ITV News, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  39. ^ Paris attacks: Briton confirmed among dead, su bbc.co.uk/news, BBC News, 14 novembre 2015. URL consultato il 14 novembre 2015.
  40. ^ a b c La Nouvelle République, Attentats à Paris : un long travail d'enquête
  41. ^ a b Attentats de Paris : un bilan qui s’alourdit, des victimes étrangères, des terroristes organisés...
  42. ^ (FR) Attentats de Paris: les raisons de croire qu'il y a encore des terroristes en fuite, su lexpress.fr, 14 novembre 2015. URL consultato il 15 novembre 2015.
  43. ^ Dai primi spari agli arresti - il film dell'assalto a Saint Denis, in ANSA (Roma), http://www.ansa.it, 18 novembre 2015.
  44. ^ Strage Parigi: raid in corso a Molenbeek, Valls: "Rischio armi chimiche e batteriologiche", in ANSA (Roma), http://www.ansa.it, 19 novembre 2015.
  45. ^ Un nuovo maxi blitz in corso a Charleville, in ANSA (Roma), http://www.ansa.it, 18 novembre 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità BNF: (FRcb17018564w (data)