Attentato di Londra del 22 marzo 2017

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Attentato di Londra del 22 marzo 2017
Big Ben,Westminster Bridge Road, Westminster, London - panoramio.jpg
Il luogo dell'attentato
StatoRegno Unito Regno Unito
LuogoLondra
ObiettivoPonte di Westminster e Palazzo di Westminster
Data22 marzo 2017
14:40 (UTC)
TipoAttacco suicida, speronamento con autoveicolo
Morti6 (compreso l'attentatore)
Feriti50
ResponsabiliKhalid Masood
MotivazioneJihad islamica

L'attentato di Londra del 22 marzo 2017 è stato un attacco terroristico sferrato nella capitale britannica in corrispondenza del ponte di Westminster e, in un secondo momento, presso Parliament Square e nelle adiacenze del Palazzo di Westminster.

L'attentatore è stato identificato dalle autorità come Khalid Masood, un uomo di 52 anni, che ha guidato un'auto contro i pedoni sul ponte uccidendo quattro persone e ha poi proseguito in direzione del palazzo, dove, con un coltello, ha colpito un poliziotto disarmato; l'attentatore è stato quindi colpito mortalmente a sua volta da altri agenti di polizia.

L'attentato è avvenuto nel primo anniversario degli attentati di Bruxelles. Si tratta del primo attacco di questo tipo nei pressi del Parlamento inglese dal 1979, quando Airey Neave fu assassinato dall'INLA, e il primo nella città dopo l'attacco alla stazione della metropolitana di Leytonstone nel 2005.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 marzo, intorno alle ore 14:40 locali, un uomo a bordo di una Hyundai Tucson grigia è salito all'improvviso con la vettura sul marciapiede sinistro del ponte di Westminster, affollato di persone, e, procedendo ad alta velocità, ha investito diversi passanti, ferendoli gravemente[1]. Il veicolo era stato noleggiato dalla filiale di Enterprise Rent-A-Car di Birmingham la settimana precedente all'attentato[2][3]. Una donna, colpita dall'automobile, è caduta nel sottostante fiume Tamigi e, pur sopravvissuta all'impatto,[4] è deceduta due settimane più tardi in ospedale.

Nel frattempo l'auto ha continuato la sua corsa andandosi a schiantare contro il cancello del palazzo di Westminster, a Parliament Square. Masood, ammantato in vesti nere, è sceso dal veicolo armato di due coltelli di 15 cm ciascuno e si è diretto verso New Palace Yard, nelle immediate pertinenze del palazzo del Parlamento. Lì si è scontrato con un ufficiale di polizia, Keith Palmer. Dopo aver fatalmente pugnalato quest'ultimo, Masood è stato ucciso da due poliziotti in borghese che, dopo avergli intimato di fermarsi, gli hanno sparato tre volte. I tentativi di rianimarlo sono stati vani e Masood è morto sul colpo[5][6]. Un esito analogo si è verificato nei tentativi di rianimazione dell'agente Palmer, anch'egli deceduto nel corso dell'attacco[7][8].

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Vittime per nazionalità
Nazionalità Morti Feriti
Regno Unito Regno Unito[9] 3 12
Stati Uniti Stati Uniti[10] 1 1
Romania Romania[11] 1 1
Corea del Sud Corea del Sud[10] 0 5
Francia Francia[12] 0 3
Grecia Grecia[10] 0 2
Italia Italia[13][14] 0 2
Australia Australia[15] 0 1
Cina Cina[16] 0 1
Germania Germania[17] 0 1
Irlanda Irlanda[10] 0 1
Polonia Polonia[10] 0 1
Portogallo Portogallo[18] 0 1
Sconosciuti 0 17
Totale 5 49

Sei persone, tra cui l'attentatore, hanno perso la vita nel corso dell'attacco terroristico e almeno altre quaranta sono rimaste ferite. Tre dei deceduti erano di nazionalità britannica[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b London attack: Four dead in Westminster terror attack, BBC News, 22 marzo 2017.
  2. ^ (EN) London attack: Police name Westminster attacker, in BBC News, 23 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017.
  3. ^ London attacker drove into pedestrians using hired car, 23 marzo 2017.
  4. ^ Woman filmed falling, in BBC News, 22 marzo 2017. URL consultato il 23 marzo 2017.
  5. ^ Emily Allen, Westminster attack: Everything we know so far, in The Daily Telegraph. URL consultato il 22 marzo 2017.
  6. ^ Andrew Sparrow, Parliament attack: man shot after police officer stabbed at House of Commons, in The Guardian, ISSN 0261-3077 (WC · ACNP). URL consultato il 22 marzo 2017.
  7. ^ Hero MP in Parliament terror attack: Tobias Ellwood battled to save life of stabbed officer, in The Telegraph. URL consultato il 22 marzo 2017.
  8. ^ Westminster attack: four confirmed dead including police officer and attacker, in The Guardian, 22 marzo 2017. URL consultato il 22 marzo 2017.
  9. ^ http://www.independent.ie/world-news/europe/britain/london-terror-death-toll-rises-to-five-people-including-attacker-as-eight-arrested-on-suspicion-of-preparation-of-terrorist-acts-35557607.html
  10. ^ a b c d e London attack: Injuries to Irish person caught up in terror are 'not life-threatening', Irish Independent, 23 marzo 2017.
  11. ^ http://edition.cnn.com/2017/04/07/europe/westminster-attack-andreea-cristea/
  12. ^ (FR) Attentat à Londres : des lycéens Français blessés, un assaillant neutralisé au Parlement, su Capital. URL consultato il 22 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2017).
  13. ^ Giovane bolognese lievemente ferita nell'attentato di Londra [collegamento interrotto], su la Repubblica. URL consultato il 22 marzo 2017.
  14. ^ Londra, attacco al Parlamento. Quattro morti, ferite due italiane. Ucciso l'assalitore. May: 'Atto odioso' – Europa, ansa.it, 22 marzo 2017.
  15. ^ Australian injured in London attack, su The Guardian. URL consultato il 22 marzo 2017.
  16. ^ Chinese tourist injured in London terror attack, Times of News, 23 marzo 2017.
  17. ^ http://www.independent.ie/world-news/europe/britain/london-terror-death-toll-rises-to-five-people-including-attacker-as-eight-arrested-on-suspicion-of-preparation-of-terrorist-acts-35557607.html
  18. ^ (PT) Há um português entre os feridos. "Já teve alta e está bem de saúde", diz Governo, Expresso, 22 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]