Strage di Nizza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strage di Nizza
2016 Nice attack.png
Mappa dell'attentato
StatoFrancia Francia
LuogoNizza
Data14 luglio 2016
22:30 CEST (UTC+2)
Tipo
Morti86 + 1 attentatore
Feriti302
ResponsabiliMohamed Lahouaiej-Bouhlel

La strage di Nizza è stato un attentato terroristico avvenuto il 14 luglio 2016 nel dipartimento delle Alpi Marittime a Nizza, in Francia, quando un uomo, alla guida di un autocarro, ha volontariamente investito in velocità la folla che assisteva ai festeggiamenti pubblici in occasione della festa nazionale francese nei pressi della promenade des Anglais.[1]

Dinamica[modifica | modifica wikitesto]

Renault Midlum 300, modello di autocarro usato dall'attentatore.

La sera del 14 luglio 2016, verso le ore 22:30 locali (20:30 UTC), una folla di persone stava assistendo sulla Promenade des Anglais, la passeggiata sul lungomare di Nizza, nell'occasione trasformata in isola pedonale, allo spettacolo pirotecnico allestito per le celebrazioni della festa nazionale francese.

Improvvisamente un autocarro, un Renault Midlum di colore bianco, si è scagliato ad alta velocità sulla folla, investendo centinaia di persone e provocando il panico. La corsa del veicolo è proseguita per 1 km e mezzo, durante il quale il conducente sparava all'impazzata, forzando la zona pedonale e procedendo zigzagando, così da provocare il numero massimo di vittime, di cui almeno ottantaquattro morti e più di cento feriti.[2] La stima dei feriti è successivamente stata aggiornata a duecento, di cui cinquanta in condizioni gravissime.[3]

L'attentatore è stato leggermente rallentato dalla polizia grazie all'intervento di un uomo, che ha cercato di affiancare il veicolo con il suo scooter e, dopo aver tentato di immobilizzare il conducente cercando di saltare nella cabina del camion, è caduto a terra. Inizialmente si credeva che il motociclista fosse morto sul colpo, ma la notizia è stata successivamente smentita. La scena è stata anche ripresa da un giornalista tedesco, Richard Gutjahr[4], che ha immortalato il motociclista mentre tentava invano di bloccare l'attentatore. Il video è stato anche trasmesso dalla rete televisiva tedesca Ard.[5][6][7] L'attentatore, alla fine, è rimasto ucciso dai colpi di arma da fuoco sparati dalla polizia contro la cabina di guida.

Sul camion sarebbero state rinvenute finte armi da fuoco e finte bombe a mano.[8] Successivamente è stata smentita la voce riguardante la contemporanea cattura di ostaggi inermi.[9]

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Vittime per nazionalità
Nazionalità Morti Feriti Note
Francia Francia 40 250 [10]
Italia Italia 6 4 [11][12]
Algeria Algeria 5 [13]
Marocco Marocco 4 1 [14]
Kazakistan Kazakistan 4 [15]
Tunisia Tunisia 4 [16][17]
Germania Germania 3 2 [18][19]
Svizzera Svizzera 3 [20]
Madagascar Madagascar 2 4 [21]
Estonia Estonia 2 4 [22][23][24]
Brasile Brasile 2 3 [25][26][27]
Stati Uniti Stati Uniti 2 3 [28]
Russia Russia 2 3 [16][24][29][30]
Polonia Polonia 2 [31]
Romania Romania 1 4 [16][32][33]
Ucraina Ucraina 1 2 [34][35]
Belgio Belgio 1 1 [20]
Armenia Armenia 1 1 [36]
Georgia Georgia 1 [37]
Australia Australia 5 [38][39]
Portogallo Portogallo 4 [40]
Paesi Bassi Paesi Bassi 3 [41]
Cina Cina 2 [42]
Irlanda Irlanda 1 [43]
Malesia Malesia 1 [44]
Rep. Ceca Repubblica Ceca 1 [45]
Regno Unito Regno Unito 1 [46]
Singapore Singapore 1 [47]
Ungheria Ungheria 1 [45]
Totale 86 302 [10]

Autore[modifica | modifica wikitesto]

Mohamed Lahouaiej-Bouhlel

Il colpevole è stato identificato in un cittadino nizzardo di trentuno anni con doppia nazionalità francese e tunisina: i documenti che ne hanno permesso l'identificazione sono stati trovati nel camion.[48] L'attentatore, Mohamed Lahouaiej-Bouhlel,[49] nato a Susa in Tunisia, era già noto alla polizia per piccoli casi di criminalità minore, in particolare violenze e uso di armi, ma nessun fatto legato al terrorismo.[50]

Il 16 luglio, lo Stato Islamico (ISIS) ha rivendicato la responsabilità dell'attentato, affermando che l'attentatore era un suo "soldato", che ha eseguito l'attacco in risposta agli appelli del gruppo di "colpire i cittadini dei Paesi della coalizione che combatte lo Stato Islamico". La rivendicazione è stata fatta attraverso l'agenzia Amaq. L'attacco fu diretto dalla Siria da un membro dello Stato Islamico, mente non solo della strage di Nizza, ma anche di altri attacchi che hanno colpito la Francia.[51]

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente François Hollande, tornato a Parigi da Avignone, si è incontrato con il ministro dell'Interno, Bernard Cazeneuve (Governo Valls II) per una riunione di emergenza per quanto riguarda gli attacchi. In una trasmissione televisiva, la mattina del 15 luglio 2016, si è rivolto alla popolazione francese dichiarando il prolungamento dello stato di emergenza a tre mesi ed affermando che "non è possibile negare la natura terroristica dell'attacco". Il primo ministro francese Manuel Valls ha annunciato tre giorni di lutto nazionale dal 16 al 18 luglio.[52][53]

Il 21 luglio 2016 è stato indetto lo stato di emergenza, che sarà prolungato fino al 31 gennaio 2017.[54]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) Hollande : «Une attaque dont le caractère terroriste ne peut être nié», in Libération, 15 luglio 2016.
  2. ^ Nizza, la strage dei bambini - Dieci minori tra le 84 vittime, rainews.it, 15 luglio 2016. URL consultato il 16 luglio 2016.
  3. ^ TGcom 24 edizione serale del 15 luglio 2016.
  4. ^ Stragi in Europa, le teorie del complotto. Illuminati, feriti "comparse" e "false flag" - Pagina 10 di 10, su Il Fatto Quotidiano, 29 luglio 2016. URL consultato il 29 luglio 2016.
  5. ^ Nizza, così la poliziotta ha ucciso l'attentatore, su ilgiornale.it. URL consultato il 15 luglio 2016.
  6. ^ Strage Nizza, molti stranieri tra le vittime. La ricerca dei parenti. Muore motociclista eroe, su repubblica.it, 15 luglio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  7. ^ Mohamed, tunisino che viveva in Francia mai segnalato che ha seminato la morte, su repubblica.it, 15 luglio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  8. ^ TGcom 24 edizione durante la giornata del 14 luglio 2016.
  9. ^ La strage di Nizza, il Post, 14 luglio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  10. ^ a b (FR) Attentat de Nice, qui sont les victimes?, su Direct Matin. URL consultato il 17 luglio 2016.
  11. ^ Salvatore Frequente, Stefano Montefiori, Paolo Ottolina e Beatrice Montini, Attentato Nizza: camion sulla folla e spari, 84 morti. "10 bambini uccisi" È stato un nizzardo di origini tunisine, in Corriere della Sera, 14 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016.
  12. ^ Strage di Nizza, la Farnesina conferma: sei italiani tra le vittime, in la Repubblica, 19 luglio 2016. URL consultato il 19 luglio 2016 (archiviato il 1º settembre 2016).
  13. ^ Algeria: Nice Attack - Fifth Algerian Victim Identified, 4-Year-Old Boy Seriously Injured, su allAfrica, 18 luglio 2016. URL consultato il 23 luglio 2016.
  14. ^ At Least Three Moroccans Killed in Nice Attack, in Morocco World News. URL consultato il 15 luglio 2016.
  15. ^ (RU) Chetyre kazakhstanki pogibli, in Nur.kz, 18 agosto 2016. URL consultato il 31 agosto 2016.
  16. ^ a b c Nice Terror Attack Victims' Names And Nationalities Revealed After France Bastille Day Massacre, in International Business Times. URL consultato il 15 luglio 2016.
  17. ^ What We Know About The Victims of the Attack in Nice, in The Huffington Post. URL consultato il 15 luglio 2016.
  18. ^ Terror in Nice: Details of victims emerge, WUSA. URL consultato il 15 luglio 2016.
  19. ^ Who were the victims of the Nice truck rampage?, in The Local (France). URL consultato il 15 luglio 2016.
  20. ^ a b One Belgian among the victims in Nice, De Redactie. URL consultato il 15 luglio 2016.
  21. ^ (FR) Attentat à Nice – Deux Malgaches tués, quatre autres blessés, su L'Express de Madagascar, 16 luglio 2016. URL consultato il 17 luglio 2016.
  22. ^ Two Estonian nationals killed in Nice, ERR. URL consultato il 19 luglio 2016.
  23. ^ (ET) Kaljurand infotunnis: Nice'is on haiglaravil kolm Eesti elanikku. [Kaljurand in briefing: Three residents of Estonia hospitalized in Nice], in Postimees. URL consultato il 19 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2016).
  24. ^ a b (ET) Venemaa konsul: Nice'i rünnakus sai kannatada kaks Eesti-Vene topeltkodakondsusega last [Russian Consul: Two children with Estonian-Russian dual citizenship among the injured], in Postimees. URL consultato il 19 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2016).
  25. ^ (PT) Lúcia Müzell, Pelo menos dois brasileiros ficaram feridos em atentado em Nice [At least two Brazilians injured in Nice attack], RFI Brasil, 15 luglio 2016. URL consultato il 17 luglio 2016.
  26. ^ (PT) Brasileiro é atingido na perna e ficará um mês sem andar, diz mãe [Brazilian had a leg injury and will stay one month on wheelchair, says mother], in Folha de S.Paulo. URL consultato il 15 luglio 2016.
  27. ^ Corpo de brasileira desaparecida em Nice é encontrado [Body of Brazilian missing in Nice is found], su O Globo, 18 luglio 2016. URL consultato il 18 luglio 2016.
  28. ^ Vickiie Oliphant, Third American killed in Nice attack named as 20-year-old 'promising' university student, Express.co.uk, 18 luglio 2016. URL consultato il 23 luglio 2016.
  29. ^ Who are the victims of the Nice terror attack?, in The Daily Telegraph, 15 luglio 2016.
  30. ^ Французская полиция подтвердила гибель еще одной россиянки в Ницце, RIA Novosti, 19 luglio 2016.
  31. ^ (PL) Dwie Polki wśród ofiar zamachu w Nicei. Znamy szczegóły, in Onet.pl.
  32. ^ (RO) Copilul român rănit în atacul de la Nisa, găsit într-un spital. Părinţii lui sunt încă dispăruţi, in Realitatea TV, 16 luglio 2016.
  33. ^ Andrei Luca Popescu, Românul dispărut în atacul de la Nisa, găsit mort, su Gândul, 19 luglio 2016.
  34. ^ (UK) Кількість постраждалих українців у теракті в Ніцці збільшилась [The number of victims of the terrorist attack Ukrainian increased in Nice], in Ukraïns'ka pravda, 15 luglio 2016.
  35. ^ MacEwan confirms student among those killed in Nice attack, in CTV Edmonton, 20 luglio 2016. URL consultato il 20 luglio 2016.
  36. ^ The Latest: French author decries attack, WFIE, 15 luglio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2016).
  37. ^ (FR) Attaque de Nice: le point sur l'identité des victimes, in Est Republicain. URL consultato il 16 luglio 2016.
  38. ^ Nice attack: Julie Bishop confirms three Australians injured in 'horrific' terrorist assault, Australian Broadcasting Corporation. URL consultato il 15 luglio 2016.
  39. ^ Lloyd Jones, Australia lucky again in Nice: ambassador, News Corp Australia, 16 luglio 2016.
  40. ^ (PT) Uma família de três portugueses escapou por pouco ao ataque de Nice [A family of three Portuguese barely escaped Nice attack], in Público. URL consultato il 20 luglio 2016.
  41. ^ (NL) Derde Nederlandse gewonde na aanslag Nice, in Nederlandse Omroep Stichting, 16 luglio 2016. URL consultato il 17 luglio 2016.
  42. ^ Two Chinese injured in Nice attack, Xinhua News Agency. URL consultato il 15 luglio 2016.
  43. ^ Nice: 'Serious concerns' over Irishman caught up in attack, BBC News. URL consultato il 23 agosto 2016.
  44. ^ Malaysian student injured in Nice attack, in The Star. URL consultato il 15 luglio 2016.
  45. ^ a b (CS) Žádní Češi nezemřeli při útoku v Nice. Jedna Češka je zraněná, Zpravy.tiscali.cz. URL consultato il 15 luglio 2016.
  46. ^ Nice attack: At least one UK national injured, BBC, 15 luglio 2016. URL consultato il 23 agosto 2016.
  47. ^ Staff, One Singaporean injured in Nice after attack: MFA, in Today, 15 luglio 2016. URL consultato il 16 luglio 2016.
  48. ^ Raffaella Cagnazzo, Nizza, chi era l’autista del camion che ha causato la strage, su corriere.it, 15 luglio 2016. URL consultato il 15 luglio 2016.
  49. ^ Chi è Mohamed Lahouaiej Bouhlel, il killer 'depresso' della strage di Nizza sconosciuto agli 007, ansa.it, 15 luglio 2016. URL consultato il 16 luglio 2016.
  50. ^ Attentato a Nizza, 84 morti: un camion sulla folla - Foto - Video, su panorama.it. URL consultato il 15 luglio 2016.
  51. ^ http://www.tgcom24.mediaset.it/mondo/isis-rachid-kassim-minaccia-hollande-%7C-il-regista-degli-ultimi-attentati-in-francia-colpiremo-piu-duramente-_3030818-201602a.shtml
  52. ^ Attentat de Nice: les cinq suspects mis en examen, su lexpress.fr. URL consultato il 4 agosto 2016.
  53. ^ B. B. C. News, Nice attack: Dozens killed during Bastille Day celebrations, su BBC News. URL consultato il 4 agosto 2016.
  54. ^ Nizza. Stato di emergenza in Francia fino al 2017. Circa 30 i morti musulmani, 6 le vittime italiane, su rainews.it. URL consultato il 4 agosto 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]