Ostaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Un ostaggio è una persona fisica tenuta prigioniera per il raggiungimento di un riscatto che può essere di tipo economico o un'altra forma di vantaggio per il sequestratore.

In generale, nell'uso contemporaneo, il termine indica chiunque sia trattenuto per costringere un altro soggetto, come un parente, un datore di lavoro, un governo o una forza pubblica ad agire per un determinato obiettivo sotto la minaccia di gravi danni fisici all'ostaggio stesso o la sua morte eseguita tramite la scadenza di ultimatum.

Una persona che prende uno o più ostaggi è definita solitamente sequestratore.

Alcuni casi storici di tenuta di ostaggi riguardano la politica colombiana Íngrid Betancourt, lo scrittore britannico Terry Waite, le tre giovani statunitensi Michelle Knight, Amanda Berry e Georgina "Gina" DeJesus, il militare statunitense Bowe Bergdahl, la giornalista italiana Giuliana Sgrena oppure i numerosi ostaggi stranieri in Iraq, Nigeria, Pakistan, Siria e in altri Paesi e gli ostaggi del massacro di Monaco (1972). Negli anni 2010 si sono svolti altri gravi sequestri di ostaggi finiti tragicamente come il sequestro dell'autobus a Manila nelle Filippine (2010) e il sequestro degli ostaggi di Sydney in Australia (2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb11945203g (data)