Ostaggio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Un ostaggio è una persona fisica o giuridica[senza fonte] tenuta in sequestro e in proprio potere da una parte belligerante[Ostaggio è solo in ambito bellico?! (come del resto negato più sotto)] come garanzia o pegno contro un avversario per il raggiungimento di un accordo o di una misura preventiva o semplicemente per rivendicare una propria forma di diritto o autorità.

In generale, nell'uso contemporaneo, il termine indica chiunque sia trattenuto da un'organizzazione o da una forza ostile come un criminale rapitore per costringere un altro soggetto, come un parente, un datore di lavoro, un governo o una forza pubblica ad agire per un determinato obiettivo spesso sotto la minaccia di gravi danni fisici all'ostaggio stesso o la sua morte eseguita tramite la scadenza di ultimatum.

Una persona che prende uno o più ostaggi è definita solitamente sequestratore.

Alcuni casi storici di tenuta di ostaggi riguardano la politica colombiana Íngrid Betancourt, lo scrittore britannico Terry Waite, le tre giovani statunitense Michelle Knight, Amanda Berry e Georgina "Gina" DeJesus, il militare statunitense Bowe Bergdahl, la giornalista italiana Giuliana Sgrena oppure i numerosi ostaggi stranieri in Iraq, Nigeria, Pakistan, Siria e in altri Paesi e gli ostaggi del massacro di Monaco (1972). Negli anni 2010 si sono svolti altri gravi sequestri di ostaggi finiti tragicamente come il sequestro dell'autobus a Manila nelle Filippine (2010) e il sequestro degli ostaggi di Sydney in Australia (2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF: (FRcb11945203g (data)