Strage di San Bernardino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Strage di San Bernardino
Guns used in San-Bernardino shooting.jpg
Le armi utilizzate dai tiratori.
Stato Stati Uniti Stati Uniti
Luogo San Bernardino
Data 2 dicembre 2015
10:59 – 15:00 (UTC-8)
Tipo Strage
Morti 16 (inclusi i 2 attentatori)
Feriti 24
Responsabili Syed Rizwan Farook e Tashfeen Malik

La strage di San Bernardino è stata una sparatoria avvenuta in un centro sociale per disabili a San Bernardino, in California, il 2 dicembre 2015.

La sparatoria[modifica | modifica wikitesto]

Intorno alle 10:59 Syed Rizwan Farook e Tashfeen Malik, marito e moglie, dopo aver lasciato in custodia la propria figlia alla madre di Farook, si recarono all'Inland Regional Center, un centro sociale per disabili, mascherati e armati di pistole e fucili. Una volta entrati aprirono il fuoco contro la folla, uccidendo all'istante 14 persone e ferendone altre 24, tra cui due poliziotti. I due attentatori furono uccisi in uno scontro a fuoco con i poliziotti a 2 km dal luogo della strage, come confermato dal capo della polizia.

Reazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il governatore della California Jerry Brown ha dichiarato in un'intervista: «Il nostro pensiero va alle famiglie delle vittime coinvolte nell'attentato. La California non risparmierà i suoi sforzi per portare questi assassini alla giustizia». Anche il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha espresso solidarietà ai parenti delle vittime.

Vittime[modifica | modifica wikitesto]

Vittime per nazionalità
Nazionalità Morti Note
Stati Uniti Stati Uniti 10 [1]
Vietnam Vietnam 1 [2]
Eritrea Eritrea 1 [3]
Iran Iran 1 [4]
Messico Messico 1 [5]
Totale 14 [6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]