Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto di zona transatlantica di libero scambio: Gli Stati Uniti e l'Unione europea in blu scuro e gli altri possibili membri in azzurro (NAFTA ed EFTA)

Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP), inizialmente definito Zona di libero scambio transatlantica (Transatlantic Free Trade Area, TAFTA), è un accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato tra l'Unione europea e gli Stati Uniti d'America dal luglio 2013.

L’obiettivo è quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in una vasta gamma di settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie e fitosanitarie[1]. Ciò renderebbe possibile la libera circolazione delle merci, migliorerebbe le condizioni per il flusso degli investimenti e l'accesso ai rispetti mercati dei servizi e degli appalti pubblici.

Se il progetto avrà successo, sarà la più grande area di libero scambio esistente, poiché UE e USA rappresentano circa la metà del PIL mondiale e un terzo del commercio mondiale[2]. L'accordo potrebbe essere esteso ad altri paesi con cui le due controparti hanno già in vigore accordi di libero scambio, in particolare i paesi membri della North American Free Trade Agreement (NAFTA) e dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA).

Motivazioni e critiche[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Stiglitz sostiene che ciò comporterà una riduzione delle garanzie e una mancanza di tutela dei diritti dei consumatori[3][4][5].

I proponenti sostengono che l'accordo sarà causa di crescita economica per i paesi partecipanti[6], mentre i critici[7][8]sostengono che questo aumenterà il potere delle multinazionali e renderà più difficile ai governi il controllo dei mercati per massimizzare il benessere collettivo [9]. Uno studio della Tufts University del Massachussets mette addirittura in discussione gli impatti positivi del trattato, focalizzando sull'effetto di disarticolazione del mercato interno europeo, di depressione della domanda interna e della conseguente diminuzione del PIL europeo[10]. Il governo statunitense considera il TTIP come un accordo che accompagna un altro trattato proposto, conosciuto come Trans-Pacific Partnership[11]. Dopo la divulgazione di una bozza della proposta nel marzo 2014 la Commissione europea ha lanciato un giro di pubbliche consultazioni su una serie limitata di clausole.[senza fonte]

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

La bozza del trattato conterrebbe limitazioni sulle leggi che i governi partecipanti potrebbero adottare per regolamentare diversi settori economici, in particolare banche, assicurazioni[12], telecomunicazioni e servizi postali[13].

Secondo la stessa Commissione Europea tra i contenuti del trattato di partnership commerciale ci sarà l'introduzione di un arbitrato internazionale (denominato ISDS o Investor-state dispute settlement) che permetterà alle imprese di intentare cause per «perdita di profitto» contro i governi dei paesi europei, qualora questi portassero avanti legislazioni che potenzialmente possano mettere in discussione le aspettative di profitto delle stesse imprese (come è capitato con il caso Vattenfal - Governo tedesco sulla chiusuraa delle centrali nucleari o il caso Veolia - Governo egiziano sull'aumento del salario minimo dei lavoratori, quindi a favore dei diritti sociali).[14]

Qualsiasi soggetto economico privato, se espropriato dei suoi attuali investimenti, avrebbe diritto a compensazioni a valore di mercato, aumentate di interesse composto[15]. Sarà ammessa la libera circolazione dei lavoratori in tutte le nazioni firmatarie[16], ed è stato proposta l'ammissibilità, per i soggetti economici privati, di muovere azioni legali contro i governi in presenza di violazione dei diritti[17].

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'interpretazione, fra gli altri, di alcuni movimenti politici, come ad esempio il Movimento 5 Stelle[18], l'applicazione di questo trattato potrebbe avere effetti negativi sull'economia e sulla salute degli abitanti dell'Europa favorendo in maniera eccessiva le multinazionali americane, per esempio tramite l'abbassamento degli standard legislativi nell'agricoltura.

Inoltre, diversi economisti temono che il TTIP possa portare ad un calo dei salari nonché ad un aumento della disoccupazione e della disgregazione sociale in Europa[19], anche se questa critica è per altri considerata insensata[http://www.irle.berkeley.edu/events/spring07/pedace/pedace.pdf]; secondo la commissione europea, il TTIP potrebbe piuttosto portare ad un calo della disoccupazione e ad un aumento degli investimenti [http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2013/march/tradoc_150759.pdf].

La trasmissione Report ha dedicato una puntata[20] nella quale sono stati presentati molti dei fattori di criticità di questo trattato, non ultimo il fatto che il suo contenuto sia tutt'ora parzialmente sconosciuto

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ DG Trade, Cos'è il Partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP)?.
  2. ^ DG Trade, Trade - US.
  3. ^ http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/09/26/commercio-mondiale-stiglitz-no-a-trattato-usa-ue-in-gioco-tutela-consumatori/1134656/
  4. ^ http://www.eunews.it/2014/09/23/stiglitz-il-ttip-e-iniquo-leuropa-non-dovrebbe-firmarlo-intervista-con-audio/22001
  5. ^ http://www.lastampa.it/2014/04/18/blogs/underblog/grossi-dubbi-sul-trattato-di-parternariato-transatlantico-di-cui-poco-si-parla-n63WItEjEwXShdTVtGqUQO/pagina.html
  6. ^ This EU-US trade deal is no 'assault on democracy', Ken Clarke, The Guardian, 11 November 2013
  7. ^ http://www.corriere.it/inchieste/reportime/economia/ogmormoni-antibiotici-rischi-trattato-segreto-usa-europa/85481b02-56ec-11e4-ad9c-57a7e1c5a779.shtml
  8. ^ http://www.lastampa.it/2014/04/18/blogs/underblog/grossi-dubbi-sul-trattato-di-parternariato-transatlantico-di-cui-poco-si-parla-n63WItEjEwXShdTVtGqUQO/pagina.html
  9. ^ This transatlantic trade deal is a full-frontal assault on democracy, George Monbiot, The Guardian, 4 November 2013
  10. ^ Jeronim Capaldo, Global Development and Environment Institute, Tufts University, Massachusetts, The Transatlantic Trade and Investment Partnership: Implications for the European Union and Beyond.
  11. ^ Transatlantic Interests In Asia, Russel, Daniel R., United States Department of State, 13 January 2014
  12. ^ TTIP Draft, articles 51-59
  13. ^ TTIP Draft, articles 35-39
  14. ^ Felice Meoli, Commercio mondiale, le trattative Usa-Ue per il TTIP tra incognite, ombre e risultati elettorali in il Fatto Quotidiano, 3 giugno 2014.
  15. ^ TTIP Draft, article 14
  16. ^ TTIP Draft, articles 24-28
  17. ^ TTIP Draft, "Negotiations on Investor-State Dispute Settlement"
  18. ^ Opposizione del Movimento 5 Stelle al TTIP: "si vuole asservire l'Europa alle lobby multinazionali", Il Fatto Quotidiano, 15 ottobre 2014.
  19. ^ The Trans-Atlantic Trade and Investment Partnership: European Disintegration, Unemployment and Instability[1]
  20. ^ Il segreto sul piatto, Report, 19 ottobre 2014, http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-9ed45d77-878a-4e7b-a531-df8fa39695bc.html

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]