Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto di zona transatlantica di libero scambio: Gli Stati Uniti e l'Unione europea in blu scuro e gli altri possibili membri in azzurro (NAFTA ed EFTA)

Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (in inglese Transatlantic Trade and Investment Partnership, TTIP), inizialmente definito Zona di libero scambio transatlantica (Transatlantic Free Trade Area, TAFTA), è un accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato dal 2013 tra l'Unione europea e gli Stati Uniti d'America.

L'obiettivo proposto è quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in una vasta gamma di settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie e fitosanitarie[1]. Ciò renderebbe possibile la libera circolazione delle merci, faciliterebbe il flusso degli investimenti e l'accesso ai rispettivi mercati dei servizi e degli appalti pubblici.

Se il progetto andrà in porto, sarà creata la più grande area di libero scambio esistente, poiché UE e USA rappresentano circa la metà del PIL mondiale e un terzo del commercio globale[2]. L'accordo potrebbe essere esteso ad altri paesi con cui le due controparti hanno già in vigore accordi di libero scambio, in particolare i paesi membri della North American Free Trade Agreement (NAFTA) e dell'Associazione europea di libero scambio (EFTA).

L'accordo è costituito da 24 capitoli suddivisi in 3 parti, i cui testi negoziali sono pubblicati in modo integrale e plurilingue sul sito della Commissione europea, con l'aggiunta di un glossario e di schede informative accompagnatorie costituite da 2 pagine, scritte in linguaggio semplice, al fine di agevolare la comprensione dei contenuti integrali[3]. Sono state iniziate delle pubbliche consultazioni online su alcuni temi di rilievo[4]. La commissione ha pubblicato sul suo sito una panoramica in cui si illustrano i contenuti salienti del TTIP[5]. Le direttive di negoziato sono state declassificate su impulso italiano[6] e rese pubbliche dalla Commissione europea nell'ottobre 2014.

Motivazioni e critiche[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Stiglitz sostiene che l'accordo comporterà una riduzione delle garanzie e una mancanza di tutela dei diritti dei consumatori[7][8][9].

I proponenti sostengono che l'accordo sarà causa di crescita economica per i paesi partecipanti[10], mentre i critici[9][11] sostengono che questo aumenterà il potere delle multinazionali e renderà più difficile ai governi il controllo dei mercati per massimizzare il benessere collettivo [12]. Uno studio della Tufts University del Massachusetts mette addirittura in discussione gli impatti positivi del trattato, focalizzando sull'effetto di disarticolazione del mercato interno europeo, di depressione della domanda interna e della conseguente diminuzione del PIL europeo[13]. Il governo statunitense considera il TTIP come un accordo che accompagna un altro trattato proposto, conosciuto come Trans-Pacific Partnership[14]. Dopo la divulgazione di una bozza della proposta nel marzo 2014, la Commissione europea ha lanciato un giro di pubbliche consultazioni on line, aperte a tutti i cittadini della Comunità europea, su alcuni temi rilevanti del trattato, inclusa la contestata clausola ISDS (Investor-state dispute settlement)[15][16] con pubblicazione, nel gennaio 2015, di relazioni sulle consultazioni[17] e una panoramica generale[4].

Tra le critiche più importanti quelle che riguardano il mondo del farmaco e dell'alimentare, essendo essi già da tempo oggetto di ampi e diffusi fenomeni di disease mongering, che potrebbero aumentare con la deregolamentazione che il TTIP produrrà.[1][18][19][20][21]

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

La bozza del trattato conterrebbe limitazioni sulle leggi che i governi partecipanti potrebbero adottare per regolamentare diversi settori economici, in particolare banche, assicurazioni[22], telecomunicazioni e servizi postali[23].

Secondo la stessa Commissione Europea tra i contenuti del trattato di partnership commerciale ci sarà l'introduzione di un arbitrato internazionale (denominato ISDS-Investor-state dispute settlement) che permetterà alle imprese di intentare cause per «perdita di profitto» contro i governi dei paesi europei, qualora questi portassero avanti legislazioni che potenzialmente possano mettere in discussione le aspettative di profitto delle stesse imprese (come è capitato con il caso Vattenfal - Governo tedesco sulla chiusura delle centrali nucleari o il caso "Veolia contro Governo egiziano" sull'aumento del salario minimo dei lavoratori, quindi a favore dei diritti sociali).[24]

Qualsiasi soggetto economico privato, se espropriato dei suoi attuali investimenti, avrebbe diritto a compensazioni a valore di mercato, aumentate di interesse composto[25]. Sarà ammessa la libera circolazione dei lavoratori in tutte le nazioni firmatarie[26], ed è stato proposta l'ammissibilità, per i soggetti economici privati, di muovere azioni legali contro i governi in presenza di violazione dei diritti[27].

Effetti del trattato[modifica | modifica wikitesto]

Il TTIP punta a un accordo che dovrebbe "liberalizzare un terzo del commercio globale" e gli ideatori sostengono che creerà milioni di nuovi e stipendiati posti di lavoro.[28] "Con dazi tra Stati Uniti ed Unione Europea già bassi, lo United Kingdom'sCentre for Economic Policy Research stima che l'80% dei potenziali vantaggi economici derivanti dal trattato dipendono dal ridurre i conflitti legislativi tra UE e USA circa queste tasse ed altri problemi, spaziando dalla sicurezza alimentare ai componenti per automobili."[28] Una strategia di successo (secondo Thomas Bollyky del Council on Foreign Relations e Anu Bradford della Facoltà di Legge alla Columbia) che si focalizzerà sui settori del commercio per i quali normative transatlantiche e locali possono spesso sovrapporsi, per esempio il settore farmaceutico, agricolo e finanziario. Ciò assicurerà che sia gli USA che l'UE rimangano principali esportatori, piuttosto che importatori nell'economia globale, conseguentemente garantendo agli investitori internazionali la sicurezza nell'investire in questa area del mondo.[28]

In un articolo del Wall Street Journal, il CEO della Siemens GmbH (con una forza lavoro localizzata per il 70% in Europa e per il resto negli Stati Uniti) sostiene che il TTIP rafforzerebbe la competitività globale di USA e UE riducendo le barriere di scambio, migliorando la protezione delle proprietà intellettuali e stabilendo nuove "rotte commerciali" internazionali.[29][30]

La Commissione Europea dice che il TTIP dovrebbe far impennare l'economia europea di 120 miliardi di euro, quella statunitense di circa 90 miliardi e quella mondiale di circa 100 miliardi di euro. Le trattative sono cominciate nel luglio 2013 e giunte ad una svolta entro la fine dell'anno. Al 2015, tale accordo ancora non è stato approvato e si ritiene che se sarà accolto ciò non avverrà prima della fine del 2016.[31]

In un articolo pubblicato sul The Guardian il 15 luglio 2013, Dean Baker del United States' Center for Economic and Policy Research osservò che con le barriere tradizionali al commercio tra USA e UE, l'accordo punterebbe a riscrivere le regolamentazioni nazionali riguardo fracking, OGM e altre leggi finanziarie, stringendo anche le leggi sul diritto d'autore. Tuttavia, entro il 2027, applicando questo "guadagno" al cittadino medio si otterrebbe un ipotetico aumento di stipendio di circa 50 $ all'anno (45-46 €).[32]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Molte organizzazioni della società civile sia statunitense che europea hanno deciso di coordinarsi in network nazionali o internazionali (come la Campagna italiana Stop TTIP[33] o l'omonima campagna europea [34]) con l'obiettivo di informare e sensibilizzare l'opinione pubblica sui possibili impatti del trattato transatlantico. Diverse sono state le pubblicazioni diffuse, come il rapporto di CEO e Friends of the Earth Europe sulla cooperazione regolatoria [35] o quello redatto da Fairwatch sugli impatti del TTIP sul comparto agroalimentare italiano [36]

Inoltre, diversi economisti utilizzando diversi modelli econometrici ritengono il TTIP possa portare ad un calo dei salari nonché ad un aumento della disoccupazione e della disgregazione sociale in Europa[37]; una lettura contraria a quella presentata dalla Commissione europea, secondo la quale TTIP potrebbe portare ad un calo della disoccupazione e ad un aumento degli investimenti.[38]

La trasmissione Report ha dedicato al TTIP la puntata del 19 ottobre 2014[39], nella quale sono stati presentati molti dei fattori di criticità del trattato, non ultimo l'essere il suo contenuto parzialmente sconosciuto.

TTIP in ambito sanitario[modifica | modifica wikitesto]

L'obiettivo proposto del TTIP è quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in una vasta gamma di settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie e fitosanitarie.[40]

A partire dal 2014 questa materia è oggetto di articoli scientifici pubblicati su riviste censite da PubMed.[41] Emerge sempre più in letteratura scientifica e non, un aspetto, apparentemente non immediatamente evidente, ma molto ben correlato al disease mongering è cioè il ruolo che avrà il TTIP nello sviluppo e diffusione dei farmaci tra l'Europa e gli Stati Uniti.

Un primo elemento di preoccupazione emerso è questo:

« ... resta da concludere l'accordo entro la fine del 2015, prima che la prossima campagna elettorale presidenziale degli Stati Uniti inizi sul serio. I colloqui si svolgono in segreto, senza accesso del pubblico ai documenti negoziali chiave, in modo che quasi tutto ciò che sappiamo del loro contenuto passa attraverso fughe di notizie. ... »
(Hilary J. The Transatlantic Trade and Investment Partnership and UK healthcare. BMJ. 2014 Nov 4;349:g6552.[42])

In Gran Bretagna, nell'aprile del 2015, in un articolo sul British Medical Journal, l'autore Matthew Limb esprime la preoccupazione per il rischio che il Sistema Sanitario nazionale Inglese possa essere smantellato con gli accordi di partenariato del TTIP.[43]

La stessa preoccupazione è espressa da Navarro V. in Spagna, secondo il quale molte delle precedenti misure prese nei trattati di libero scambio fin ora «hanno poco a che fare con l'incoraggiamento del libero scambio». Egli fa riferimento al prezzo del sofosbuvir, farmaco contro l'epatite C, che costa 84 000 $ per paziente[in quale durata?], contro un costo pari a un quarto dell'equivalente generico indiano. La forti protezioni brevettuali previste nel TTIP spingerebbero in tale direzione. Un altro rischio per la sanità spagnola, sostiene lo stesso autore, può essere dato dal fatto che i servizi pubblici sono gestiti dallo stato a fronte di un possibile passaggio di consegne al settore privato, con le conseguenti logiche di profitto.[19] Peraltro, negli USA a fronte delle non più accettabili insufficienze del sistema sanitario pubblico si è voluto ovviare approvando il cosiddetto: Obamacare (The Patient Protection and Afordable Care Act [PPACA]).[44]

Secondo alcuni autori occorre cautela nel giudicare il TTIP come un semplice accordo di scambi commerciali, esso, infatti, avrà pesanti implicazioni sulle procedure di controllo e di regolamentazione sull'uso e la promozione e farmaci e del tabacco.[45]

Saranno pesanti le implicazioni sulle necessarie convergenze normative, con misure che consentano agli investitori stranieri di citare in giudizio i governi che ostacoleranno il libero scambio delle merci e ostacoleranno con forti protezioni della proprietà intellettuale.[19] Quest'accordo inciderebbe sulla capacità di protezione del consumatore che attualmente esercitano l'EMA e le agenzie di protezione sugli alimenti, notoriamente più restrittive sulle "consorelle" USA. Ciò anche se l'EU intende escludere dal trattato i dati che si riferiscono alla protezione della salute pubblica, secondo Holly Jarman, infatti, sarà difficile mantenere ciò.[20][46] Lo stesso cita il caso delle aziende di tabacco che hanno spinto i governi in Australia e Uruguay a recedere su leggi restrittive verso il fumo.[20] Spesso, infatti, le multinazionali del tabacco usano gli accordi commerciali inter-statali per superare le norme restrittive verso il fumo dei singoli paesi. Sono solo raccomandazioni quelle di evitare tra le parti implicate nella difficile trattativa i possibili conflitti tra multinazionali e stati sovrani.[47]

Il problema della protezione intellettuale sembra inoltre, essere un aspetto delicatissimo nel TTIP dal momento che gli USA spingono verso forme di protezione di IP esasperate verso sempre più varietà vegetali ed animali brevettate.[20] Infine si pone il problema delle forze in campo nella trattativa in corso visto la difficoltà delle organizzazioni non governative dei consumatori di dialogare tra loro al contrario delle grandi imprese organizzate.[20]

« Il rischio per la salute pubblica è che i principi e le norme fondamentali che saranno considerati come merce di scambio legittimi per tentativi di negoziare vantaggi economici. »
(Jarman H. Public health and the Transatlantic Trade and Investment Partnership. Eur J Public Health. 2014 Apr;24(2):181.[20])

Una posizione possibilista l'assumono Marine Faure e Brian Ward che sostengono che il TTIP favorirà gli scambi con un vantaggio per le zone meno avvantaggia europee garantendo sviluppo ed occupazione. l'armonizzazione delle normative favorirà gli standard nei controlli e nelle sperimentazioni cliniche, con un vantaggio per lo sviluppo di nuovi farmaci con una condivisione dei dati tra le due sponde dell'atlantico.[19]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b DG Trade, Cos'è il Partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP)?, ec.europa.eu.
  2. ^ DG Trade, Trade - US, ec.europa.eu.
  3. ^ Testi negoziali dell'UE relativi al TTIP, dal sito della Commissione europea
  4. ^ a b Question and Answers on the results of the public consultation: Consultation on investment protection in EU-US trade talks, Strasburgo, 13 gennaio 2015
  5. ^ (EN) TTIP and Regulation: an Overview, The European Commission, 10 febbraio 2015
  6. ^ Gabriele Meoni, Il negoziato tra Europa e Stati Uniti sul libero scambio ora non è più segreto, Il Sole 24 Ore, 9 ottobre 2014. URL consultato il 13 aprile 2015.
  7. ^ Commercio mondiale, Stiglitz: "No a trattato USA-UE, in gioco tutela consumatori". Il fatto quotidiano, 26 settembre 2014.
  8. ^ Stiglitz: Il Ttip è iniquo, l’Europa non dovrebbe firmarlo (intervista con audio). Domenico Giovinazzo. Eunews, 23 settembre 2014
  9. ^ a b 7 grossi dubbi sul Trattato di Parternariato Transatlantico di cui poco si parla. Maria Grazia Bruzzone. La Stampa, 18 aprile 2014
  10. ^ This EU-US trade deal is no 'assault on democracy', Ken Clarke, The Guardian, 11 November 2013
  11. ^ Ogm,ormoni e antibiotici: i rischi del trattato segreto tra Usa e Europa. Anticipazione dell'inchiesta di Report sull'accordo commerciale che creerà la più grande area di libero scambio del mondo, di Roberto Pozzan e Giorgio Mottola. Corriere della Sera, 19 ottobre 2014
  12. ^ This transatlantic trade deal is a full-frontal assault on democracy, George Monbiot, The Guardian, 4 November 2013
  13. ^ TTIP: Disintegrazione europea, disoccupazione, instabilità. Jeronim Capaldo. Global Development and Environment Institute, Tufts University, Massachusetts.
  14. ^ Transatlantic Interests In Asia, Russel, Daniel R., United States Department of State, 13 January 2014
  15. ^ Online public consultation on investment protection and investor-to-state dispute settlement (ISDS) in the Transatlantic Trade and Investment Partnership Agreement (TTIP) (completata il 13 luglio 2014), dall'area tematica delle pubbliche consultazioni su commercio e scambio della Commissione europea
  16. ^ SME Survey in the context of the Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) (completata il 5 luglio 2015), dall'area tematica delle pubbliche consultazioni su commercio e scambio della Commissione europea
  17. ^ Relazione sulla Consultazione pubblica online sulla protezione degli investimenti e sulla risoluzione delle controversie tra investitore e Stato (ISDS) nell'accordo di partenariato transatlantico su commercio e investimenti, Bruxelles, 13 gennaio 2015
  18. ^ Hilary J, The Transatlantic Trade and Investment Partnership and UK healthcare, in BMJ, vol. 349, 2014, pp. g6552, PMID 25378246.
  19. ^ a b c d Faure M, Ward B, The Transatlantic Trade and Investment Partnership: Trojan horse or positive force for health?, in Eur. Respir. J., vol. 46, nº 1, 2015, pp. 22–5, DOI:10.1183/13993003.00598-2015, PMID 26130778. Errore nell'uso delle note: Tag <ref> non valido; il nome "pmid26130778" è stato definito più volte con contenuti diversi Errore nell'uso delle note: Tag <ref> non valido; il nome "pmid26130778" è stato definito più volte con contenuti diversi
  20. ^ a b c d e f Jarman H, Public health and the Transatlantic Trade and Investment Partnership, in Eur J Public Health, vol. 24, nº 2, 2014, pp. 181, DOI:10.1093/eurpub/ckt201, PMID 24671629. Errore nell'uso delle note: Tag <ref> non valido; il nome "pmid24671629" è stato definito più volte con contenuti diversi
  21. ^ trade.ec.europa.eu (PDF). URL consultato il 27 agosto 2015.
  22. ^ TTIP Draft, articles 51-59
  23. ^ TTIP Draft, articles 35-39
  24. ^ Felice Meoli, Commercio mondiale, le trattative Usa-Ue per il TTIP tra incognite, ombre e risultati elettorali, in il Fatto Quotidiano, 3 giugno 2014.
  25. ^ TTIP Draft, article 14
  26. ^ TTIP Draft, articles 24-28
  27. ^ TTIP Draft, "Negotiations on Investor-State Dispute Settlement"
  28. ^ a b c Thomas J. and Anu Bradford Bollyky, Getting to Yes on Transatlantic Trade, in Foreign Affairs, 10 luglio 2013. URL consultato il 22 luglio 2013.
  29. ^ Reducing Transatlantic Barriers to Trade and Investment: An Economic Assessment (PDF), Trade.ec.europa.eu. URL consultato il 2 febbraio 2014.
  30. ^ Joe Kaeser, Why a US-European trade deal is a win-win, in The Wall Street Journal, 2 febbraio 2014.
  31. ^ Transatlantic Trade and Investment Partnership (TTIP) - Trade - European Commission, Ec.europa.eu. URL consultato il 21 febbraio 2014.
  32. ^ The Guardian (15 July 2013). The US-EU trade deal: Don't buy the hype Retrieved 24 August 2013.
  33. ^ Stop TTIP Italia, stop-ttip-italia.net. URL consultato l'8 marzo 2015.
  34. ^ Stop TTIP, stop-ttip.org. URL consultato l'8 marzo 2015.
  35. ^ La democrazia non è in vendita. L'accordo CETA protegge gli investitori in Canada e nell'Unione Europea a scapito del pubblico interesse. Novembre 2014.
  36. ^ Contro il TTIP, con i piedi per terra. Sovranità, agricoltura, OGM, cibo: tutto quello che vorreste sapere sul negoziato USA e UE e vi stanno raccontando solo in parte.
  37. ^ The Trans-Atlantic Trade and Investment Partnership: European Disintegration, Unemployment and Instability
  38. ^ European Comission. Impact Assessment Report on the future of EU-US trade relations.. Strasbourg, 12 marzo 2013
  39. ^ Il segreto sul piatto, Report, 19 ottobre 2014.
  40. ^ DG Trade, Cos'è il Partenariato trans-atlantico per il commercio e gli investimenti (TTIP)?, ec.europa.eu.
  41. ^ TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership)
  42. ^ Hilary J, The Transatlantic Trade and Investment Partnership and UK healthcare, in BMJ, vol. 349, 2014, pp. g6552, PMID 25378246.
  43. ^ Limb M, NHS conference is warned of dangers of Transatlantic Trade and Investment Partnership, in BMJ, vol. 350, 2015, pp. h1977, PMID 25868463.
  44. ^ Navarro V, [The United States-European Union Transatlantic Trade and Investment Partnership and its possible effects on the Spanish health system], in Gac Sanit, 2015, DOI:10.1016/j.gaceta.2015.04.011, PMID 26068812.
  45. ^ Koivusalo M, Tritter J, "Trade creep" and implications of the Transatlantic Trade and Investment Partnership Agreement for the United Kingdom National Health Service, in Int J Health Serv, vol. 44, nº 1, 2014, pp. 93–111, PMID 24684086.
  46. ^ trade.ec.europa.eu (PDF). URL consultato il 27 agosto 2015.
  47. ^ Mitchell A, Sheargold E, Protecting the autonomy of states to enact tobacco control measures under trade and investment agreements, in Tob Control, vol. 24, e2, 2015, pp. e147–53, DOI:10.1136/tobaccocontrol-2014-051853, PMID 25361743.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE1064921124