Università per stranieri di Perugia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 43°06′53.4″N 12°23′22″E / 43.114833°N 12.389444°E43.114833; 12.389444

Università per stranieri di Perugia
Università per stranieri Perugia.jpg
Stato Italia Italia
Città Perugia
Motto Antiquam Exquirite Matrem
Fondazione 1925
Tipo Statale
Facoltà 1
Rettore Giovanni Paciullo
Studenti 1 730 (ottobre 2011[1])
Dipendenti 150
Affiliazioni AlmaLaurea, UNIMED
Sport CUS Perugia
Sito web www.unistrapg.it
 

L'Università per stranieri è un ateneo di Perugia. L'istituzione culturale è la più antica università italiana prevalentemente orientata agli stranieri ma, fra gli studenti, troviamo anche molti italiani. L'Università è specializzata sia nell'insegnamento e la diffusione della lingua e della civiltà italiane in tutte le loro forme (come l'arte e la cultura), sia nella comunicazione internazionale e pubblicitaria.

Inoltre, sono attivi una serie di lettorati in lingua straniera tra cui lettorato di inglese, lettorato di spagnolo, lettorato di giapponese e lettorato di cinese.

La Facoltà si occupa, inoltre, della formazione e aggiornamento dei docenti che insegnano l'italiano come lingua straniera. Organizza corsi di alta cultura e specializzazione. Rilascia titoli di laurea, laurea magistrale e master a studenti italiani e stranieri.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La storia dell'Università per stranieri di Perugia ha inizio nel 1921, quando l'avvocato perugino Astorre Lupattelli istituì dei Corsi di Alta Cultura per studenti stranieri con lo scopo di diffondere all'estero la conoscenza dell'Italia, di illustrarne la storia, le istituzioni, le bellezze artistiche. Tali corsi sono tuttora attivi e costituiscono uno dei segmenti d'eccellenza dell'offerta formativa dell'Ateneo.

Palazzo Gallenga Stuart di Perugia, la sede principale dell'ateneo.

Nel 1925 il Regio Decreto del 29 ottobre n.1965 sancisce ufficialmente la nascita della Regia Università italiana per stranieri. La cultura nazionalista del tempo, la fondazione avvenne durante il Ventennio, ne aveva favorito la nascita nell'intento propagandistico di "affermare la superiorità della cultura italiana nel mondo". Il motto dell'ateneo, Antiquam exquirite matrem, si riferisce ad un passo dell'Eneide, ovvero al responso dato da Apollo ad Enea, che aveva fatto supplice richiesta al dio di indicargli dove dirigere la propria rotta.

Sino al 1926 corsi e conferenze furono ospitati nelle aule dell'Università degli Studi e nella Sala dei Notari di Palazzo dei Priori, ma già dal 1927 la Stranieri acquisì una sede propria nel prestigioso Palazzo Gallenga Stuart, donato dal conte Romeo Gallenga Stuart al comune perugino e quindi destinato in uso perpetuo e gratuito all'Università, patto che si conservasse il nome del Palazzo, per lo svolgimento delle sue finalità istituzionali.

Nel periodo postbellico le attività istituzionali dell'Università per stranieri di Perugia sono caratterizzate anche dallo svolgimento di compiti di politica culturale, volti, pur nei termini del proprio mandato formativo, al consolidamento del nuovo corso dei rapporti tra le nazioni. L'apprezzato esito delle azioni svolte in questo senso dall'Ateneo fanno sì che esso divenga nel tempo stabile interlocutore di istituzioni nazionali, primo fra tutti il Ministero degli Affari Esteri, oltre che di organismi internazionali, per l'affidamento di azioni formative legate allo svolgimento di delicate azioni di politica estera.

Negli anni settanta e ottanta del secolo scorso, che vedono i giovani studenti di tutto il mondo occidentale assumere un ruolo di proposizione politica, l'Ateneo diventa laboratorio internazionale di discussione, di dibattito, di confronto, di scambio. La comunità cosmopolita di Palazzo Gallenga lavora, come molta della gioventù del tempo, alla costruzione di nuove dimensioni sociali, sperimentando con largo anticipo quell'interattività multietnica e multiculturale di cui oggi tanto si discute.

Il 17 febbraio 1992 l'università assume il titolo di università Statale, istituendo la Facoltà Italiana di Lingua e Cultura ed il Dipartimento di Linguistica e Cultura Comparativa. In aggiunta ai tradizionali corsi di lingua e cultura, l'Università oggi offre anche diplomi di laurea, certificazioni di lingua (per esempio il CELI) e master. L'Università per stranieri è divenuta un ambiente di interscambio culturale tra studenti provenienti da ogni parte del mondo che, immersi in una città italiana, imparano più facilmente la lingua.

Rettori[modifica | modifica sorgente]

I Rettori dell'Università per stranieri di Perugia dalla sua nascita ad oggi sono stati:

Organizzazione[modifica | modifica sorgente]

Sono attivi due corsi di laurea triennale, quattro corsi di laurea magistrale e due dipartimenti:

  • Facoltà di lingua e cultura italiana (laurea triennale) con due diversi curricula a scelta:
    1. Lici-In: Lingua e cultura italiana per l'insegnamento
    2. Lici-P: Promozione della lingua e della cultura italiana nel mondo
  • Facoltà di comunicazione internazionale e pubblicitaria (laurea triennale) con due diversi curricula a scelta:
    1. Comip-P: Comunicazione Pubblicitaria
    2. Comip- I: Comunicazione Internazionale
  • Italiano per l'insegnamento a stranieri (laurea magistrale)
  • Promozione dell'Italia all'estero (laurea magistrale)
  • Comunicazione Pubblicitaria (laurea magistrale)
  • Relazioni internazionali e cooperazione allo sviluppo (laurea magistrale)
  • Dipartimento di culture comparate
  • Dipartimento di scienze del linguaggio

Da alcuni anni l'offerta formativa dell'Università per stranieri di Perugia comprende anche corsi a distanza (e-learning), nei quali lo studente ha la possibilità di organizzare il proprio apprendimento in spazi e tempi autonomi.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ 1 730 studenti iscritti ai corsi di laurea e laurea magistrale. A questi vanno aggiunti i 6 793 studenti iscritti ai corsi di lingua e cultura italiana, e i 75 studenti iscritti ai master di I e II livello (Anno Accademico 2009-2010), cfr. L'ateneo in cifre, Ufficio Comunicazione dell'Università per Stranieri di Perugia, ottobre 2011, p. 1.
  2. ^ Rettore dal 23 aprile 2013. Già Prorettore vicario dell'Ateneo dal gennaio 2013, a seguito della candidatura al Senato della Repubblica del precedente Rettore Stefania Giannini, cfr. Giovanni Paciullo è il nuovo Rettore dell'Università per Stranieri di Perugia in Università per stranieri di Perugia, 23 aprile 2013.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA. VV., La porta è aperta... Ottant'anni di cultura italiana nel mondo, Perugia, Ufficio Comunicazione dell'Università per Stranieri di Perugia, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]