Libera Università Mediterranea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Libera Università Mediterranea
Lumlogo.jpg
Stato Italia Italia
Città Casamassima
Fondazione 1995
Tipo non statale
Facoltà Economia; Giurisprudenza
Rettore Emanuele Degennaro
Preside Antonio Salvi
Studenti 1 194[1] (2013)
Sito web www.lum.it
 

La Libera Università Mediterranea - LUM Jean Monnet, è un'università non statale promossa dall'Associazione per la Libera Università Mediterranea e dalla Fondazione "Caterina Degennaro", fondata nel 1995 dall'imprenditore e politico Giuseppe Degennaro.

La sede principale dell'Università si trova a Casamassima, in provincia di Bari presso il complesso commerciale e direzionale "il Baricentro".

Una succursale, riservata alla Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali e alla Scuola di Management, si trova a Gioia del Colle mentre a partire dal primo Settembre 2012 è operativa a Trani una sede di tutoraggio.

Alcuni servizi per studenti sono ubicati presso il campus universitario, che sorge nel complesso residenziale Barialto, pure a Casamassima.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La LUM Jean Monnet è stata istituita con decreto ministeriale nel 1999[2], mentre lo statuto e il regolamento didattico di ateneo sono stati approvati dal Ministero dell'Università il 10 aprile del 2000, con la costituzione delle due facoltà Economia e Giurisprudenza. Nel 2004 nasce la Scuola di Management dell'Università LUM, con percorsi formativi post-lauream, e nello stesso anno segue l'istituzione della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali.

L'università partecipa al programma Erasmus per la mobilità studentesca, sia per la facoltà di Economia che per quella di Giurisprudenza, inclusi i progetti orientati al placement post-laurea.

Offerta didattica[modifica | modifica sorgente]

Facoltà di Economia[modifica | modifica sorgente]

  • Laurea Triennale in Economia e Organizzazione Aziendale
    • percorso in Banche, Mercati e Finanza (BMF)
    • percorso in Economia Aziendale e Management (EAM)
  • Laurea Magistrale in Economia e Management con percorsi in:
    • percorso in Consulenza Aziendale e Libera Professione (MCA)
    • percorso in Corporate Finance and Banking (MCFB)
    • percorso in International Management (MIM)

Facoltà di Giurisprudenza[modifica | modifica sorgente]

  • Laurea Triennale in Diritto dell'Impresa
    • percorso in Giurista d'impresa (LGI)
    • percorso in Esperto in Pubblica Amministrazione (LEPA)
  • Laurea Magistrale in Giurisprudenza

Formazione post-lauream[modifica | modifica sorgente]

  • Master Universitari di I livello:
    • Auditing e Controllo interno (MAC)
    • General Management (MIGEM)
    • Master in Corporate and Real Estate Finance (MACREF)
    • Master in Retail & Marketing Management (MIREM2)
    • Master in Management e Coordinamento per le Professioni Sanitarie (MACOPS) in e-learning)


  • Master Universitari di II livello:
    • Diritto dell'ambiente (MADA)
    • Dirigente scolastico (MADIS)
    • Diritto, economia e Management delle Aziende sanitarie (DEMAS)
  • Corsi di formazione manageriale
    • Sales Manager (SM)
    • Management dello sport (CAMAS)
    • Mediatori Professionisti
  • Scuola di Specializzazione per le Professioni legali
  • Dottorati
    • Dottarato Internazionale di Ricerca in "The Economics and Management of Natural Resources"
    • Dottorato in "Teoria generale del processo: Amministrativo, Civile, Penale e Tributario"

Valutazioni e classifiche[modifica | modifica sorgente]

Nel 2010 la LUM Jean Monnet si è classificata al 13º posto (su 13 istituti esaminati) nella graduatoria delle università italiana non statali, stilata dal Sole 24 Ore su dati raccolti dal Comitato nazionale per la valutazione del sistema universitario[3].

Secondo la La Grande Guida Università edita da la Repubblica in collaborazione con il Censis, le facoltà di Economia e Giurisprudenza dell'ateneo casamassimese hanno ottenuto gli indicatori migliori tra le analoghe facoltà del Mezzogiorno nell'edizione 2011-2012[4]. Nel complesso, nell'edizione 2011-2012, la LUM risulta al 12º posto su 14 atenei non statali.[5]. Nell'edizione 2012-2013 vi è un grande recupero, la facoltà di Economia si colloca al primo posto nel Mezzogiorno, mentre quella di Giurisprudenza retrocede di una posizione e si colloca al secondo posto. Le posizioni raggiunte in questione tengono conto sia degli atenei pubblici che di quelli privati.[6].

Premio LUM[modifica | modifica sorgente]

Il Premio LUM per l’arte contemporanea, avviato nel 2008, è un concorso biennale riservato a giovani artisti. Il comitato scientifico, composto da curatori di musei, critici d’arte, collezionisti, galleristi, artisti, seleziona 15 artisti fino a 35 anni e tra questi nomina poi il vincitore del premio, di 20.000 euro.

Criticità[modifica | modifica sorgente]

L'inchiesta sui concorsi personale docente[modifica | modifica sorgente]

Nell' ottobre 2013 l'ateneo viene coinvolto nell' inchiesta della Procura di Bari denominata Do ut des , inchiesta che riguarda presunte irregolarità nei concorsi pubblici per docenti di prima e seconda fascia di diritto ecclesiastico, costituzionale e pubblico comparato e vede coinvolte anche altre università: Trento, Milano-Bicocca, Roma Tre, Roma Europea e Bari.[7][8]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Anagrafe nazionale studenti - MIUR
  2. ^ Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, d.m. 513 del 21/06/1999. URL consultato il 4-2-2010.
  3. ^ Graduatoria delle università di tipo non statale, dal sito del Sole 24 Ore
  4. ^ a cura di Aurelio Magistà, Grande Guida Università 2011-2012, Roma, La Repubblica, 2011, p. 671.
  5. ^ Università, bene il Politecnico Lum tra le ultime in Repubblica, 19 luglio 2011. URL consultato il 27 agosto 2012.
  6. ^ Corriere del Mezzogiorno, Lum, primato per Legge ed Economia. L'ateneo si piazza in testa nel Sud Italia. URL consultato il 04 agosto 2012.
  7. ^ [1]
  8. ^ [2]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Università Portale Università: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Università