Trans Europ Express

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Trans-Europ-Express.
TEE

I Trans Europ Express, o TEE, hanno costituito una rete di treni rapidi internazionali di lusso, nata nel 1957 da un'idea lanciata il 30 ottobre 1953 in una conferenza stampa da Franciscus Querien den Hollander, allora presidente e direttore delle Ferrovie Olandesi[1].

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il raggruppamento Trans Europ Express, con sigla TEE e sede all'Aia, fu fondato in occasione del trattato istitutivo della Comunità Economica Europea (Trattato di Roma del 25 marzo 1957) da sette amministrazioni ferroviarie[1]:

Lo statuto prevedeva l'ammissione in qualsiasi momento di altre amministrazioni ferroviarie, previo consenso delle fondatrici, possibilità di cui si avvalsero in seguito le Ferrovie Spagnole (RENFE)[1].

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Il servizio dei TEE seguì, inizialmente, questi principi:

  • trazione diesel, in quanto l'unica in grado di viaggiare su tutte le reti europee (dove si contano quattro sistemi di alimentazione elettrica che differiscono per tensione ed uso di corrente continua o alternata) garantendo comunque velocità ed economia di servizio, cose difficilmente ottenibili con la trazione a vapore in un continente che si stava riprendendo da una guerra. Il principio venne abbandonato quando le FFS introdussero un convoglio quadricorrente, seguite dalla DB che mise in servizio le 103.
  • Convogli reversibili a composizione bloccata. Questo per facilitare le inversioni di marcia non essendoci una locomotiva da manovrare o sostituire ed evitare le perdite di tempo dovute alle scomposizioni e ricomposizioni dei convogli. Questo principio divenne un problema su tratte come la Parigi-Bruxelles-Amsterdam che era molto frequentata tra Parigi e Bruxelles e molto meno nel tratto successivo. Questo è uno dei motivi per cui venne abbandonato questo principio, accettando treni tradizionali.
la livrea TEE prevedeva il bordeaux per la cassa e il beige per la fascia dei finestrini
  • Internazionali. Nel 1965 la Francia introdusse il Mistral e la Germania il Blauer Enzian e anche questo principio decadde. C'erano infatti relazioni nazionali che erano ben più lunghe di varie relazioni internazionali.
  • Materiale di lusso: si trattava spesso di materiale costruito esplicitamente, di sola prima classe. Solo con il tempo il materiale venne declassato.
  • Controllo doganale a bordo. Oggi è la norma laddove si esca dall'Unione Europea, ma all'epoca, quando si doveva anche scendere per il controllo doganale, la cosa fu una grande innovazione.
  • Giornaliero: i treni avrebbero dovuto essere giornalieri e sempre al medesimo orario, per dare sicurezza ai viaggiatori. Anche questo principio cadde.

I TEE scomparvero a partire dal 1974 quando sempre più servizi TEE vennero sostituiti da convogli che davano lo stesso servizio ma offrivano anche la seconda classe.

In Italia i treni TEE interni vennero chiamati Treni Bandiera. Si effettuavano con carrozze Gran Comfort costruite appositamente.

Lista dei TEE[modifica | modifica sorgente]

Treno numero Nome Itinerario Periodo di servizio
TEE 92/93 Adriatico Milano Centrale - Bari 03.06.1973 - 30.05.1987
TEE 8/9 Albert Schweitzer Dortmund - Strasburgo 02.06.1980 - 27.05.1983
TEE 78/79 Ambrosiano Milano - Roma 26.05.1974 - 30.05.1987
TEE 1/2 Aquitaine Paris Austerlitz - Bordeaux 23.05.1971 - 30.05.1984
TEE 40/47 Arbalète Paris Est - Basel SBB - Zürich HB 02.06.1957 - 26.05.1979
TEE 88/89 Aurora Roma - Reggio Calabria 26.05.1974 - 31.05.1975
TEE 14/15 Bacchus München - Dortmund 28.05.1979 - 30.05.1980
TEE 66/67 Bavaria Zürich HB - München 28.09.1969 - 21.05.1977
TEE 90/91 Blauer Enzian Hamburg-Altona - München 30.05.1965 - 26.05.1979
TEE 84/85 Brabant Paris Nord - Bruxelles Midi/Brussel Zuid - (Amsterdam CS) 26.05.1963 - 02.06.1984
TEE 74/75 Capitole (del mattino) Paris Austerlitz - Toulouse Matabiau 27.09.1970 - 23.05.1982
TEE 76/77 Capitole (della sera) Paris Austerlitz - Toulouse Matabiau 27.05.1970 - 29.09.1984
TEE 83/84 Catalan-Talgo Genève-Cornavin - Barcelona 01.06.1969 - 22.05.1982
TEE 22/23 Cisalpin Milano Centrale - Domodossola - Vallorbe - Paris-Lyon 01.07.1971 - 21.01.1984
TEE 68/69 Colosseum/Settebello Roma - Milano Centrale 26.05.1974 - 02.06.1984
TEE 36/37 Cycnus Milano - Ventimiglia 30.09.1973 - 27.05.1978
TEE 42/43 Diamant (I) Dortmund - Anversa 30.05.1965 - 29.05.1976
TEE 80/81 Diamant (II) München - Hamburg-Altona 27.05.1979 - 27.05.1981
TEE 30/31 Edelweiss Amsterdam - Bruxelles N. - Lussemburgo - Strasburgo - Basilea SBB - Zürich HB 02.06.1957 - 26.05.1979
TEE 26/27 Erasmus München - Norimberga - L'Aia 03.06.1973 - 31.05.1980
TEE 4/5 Étendard Paris Austerlitz - Bordeaux 26.08.1971 - 30.05.1984
TEE 82/85 L'Étoile du Nord Paris Nord - Amsterdam CS 02.06.1957 - 26.06.1984
TEE 34/35 Faidherbe Paris Nord - Lilla - Tourcoing 02.10.1978 - 29.05.1987
TEE 16/17 Friedrich Schiller Dortmund - Stoccarda 27.05.1979 - 19.05.1982
TEE 14/15 Gambrinus Hamburg-Altona - Colonia - München 29.05.1978 - 27.05.1983
TEE 36/37 Gayant Paris Nord - Lille - Tourcoing 02.10.1978 - 30.05.1986
TEE 50/51 Goethe (I) Francoforte sul Meno - Paris Est 31.05.1970 - 31.05.1975
TEE 24/25 Goethe (II) Francoforte sul Meno - Dortmund 27.05.1978 - 27.05.1983
TEE 58/59 Gottardo Zürich HB - Milano Centrale 01.07.1961 - 30.05.1987
TEE 28/29 Heinrich Heine Francoforte - Dortmund 27.05.1979 - 27.05.1983
TEE 78/79 Helvetia Zürich HB - Francoforte - Hamburg-Altona 02.06.1957 - 26.05.1979
TEE 88/81 L'Ile de France Paris Nord - Amsterdam CS 02.06.1957 - 28.05.1981
TEE 91/92 Iris Zürich HB - Bruxelles Midi/Brussel Zuid 26.05.1974 - 30.05.1981
TEE 30/31 Jules Verne Paris Montparnasse - Nantes 28.09.1980 - 30.05.1981
TEE 60/61 Kleber Paris Est - Strasburgo 23.05.1971 - 29.05.1987
TEE 7/8 Lemano Milano Centrale - Genève-Cornavin 01.06.1958[2] - 22.05.1982
TEE 151/156 Ligure Marseille-St-Charles - Genova - Milano Centrale 12.08.1957[3] - 22.05.1982
TEE 12/13 Lyonnais Paris-Lyon - Lyon Perrache 09.02.1969 - 26.09.1976
TEE 84/85 Mediolanum München - Milano Centrale 15.10.1957 - 02.06.1984
TEE 86/79 Memling Paris Nord - Bruxelles Midi/Brussel Zuid 29.09.1974 - 01.06.1984
TEE 34/35 Merkur Stoccarda - Colonia - Copenaghen 26.05.1974 - 27.05.1978
TEE 10/11 Mistral Paris-Lyon - Marsiglia St. C - Nice-Ville 30.05.1965 - 27.05.1978
TEE 23/24 Mont Cenis Lyon-Perrache - Milano Centrale 02.06.1957 - 30.09.1972
TEE 80/89 L'Oiseau Bleu Paris Nord - Bruxelles Midi/Brussel Zuid 02.06.1957 - 02.06.1984
TEE 40/41 Paris-Ruhr / Molière Paris Nord - Colonia 02.06.1957 - 25.05.1979
TEE 32/33 Parsifal Paris Nord - Dortmund - Hamburg-Altona 29.09.1957 - 26.05.1979
TEE 26/27 Prinz Eugen (I) Brema - Passavia - Vienna Westbf. 25.09.1971 - 31.05.1975
TEE 26/27 Prinz Eugen (II) Hannover - Colonia - Francoforte sul Meno - Vienna Westbf. 01.06.1975 - 27.05.1978
TEE 10/11 Rembrandt München - Stoccarda -Amsterdam CS 28.05.1967 - 28.05.1983
TEE 9/10 Rheingold Genève - Basel SBB - Duisburg - Utrecht - Amsterdam CS / Hoek van Holland 30.05.1965 - 30.05.1970
TEE 16/17 Rheingold Amsterdam - Francoforte - Nördlingen - München 23.05.1982 - 30.05.1987
TEE 31/32 Rhein-Main / Van Beethoven Francoforte - Amsterdam CS 02.06.1957 - 26.05.1979
TEE 21/22 Rheinpfeil Dortmund - Francoforte - München 30.05.1965 - 25.09.1971
TEE 16/17 Rhodanien Paris-Lyon - Marseille St.C 23.05.1971 - 29.09.1978
TEE 74/75 Roland (I) Brema - Basel SBB - Milano Centrale 01.06.1969 - 26.05.1979
TEE 90/91 Roland (II) Brema - Francoforte - Stoccarda 28.05.1979 - 29.05.1980
TEE 78/79 Rubens Paris Nord - Bruxelles Midi/Brussel Zuid 29.09.1974 - 27.05.1987
TEE 28/29 Saphir Francoforte - Bruxelles Midi/Brussel Zuid 02.06.1957 - 26.05.1979
TEE 62/63 Stanislas Paris Est - Strasburgo 24.05.1971 - 25.09.1982
TEE 83/86 Ticino Zürich HB - Milano Centrale 01.07.1961 - 25.05.1974
TEE 94/95 Vesuvio Milano Centrale- Roma -Napoli 30.09.1973 - 30.05.1987
TEE 38/39 Watteau Paris Nord - Lille - Tourcoing 02.10.1978 - 27.05.1987
TEE 61/62 LH 1001/2 Francoforte - Düsseldorf Flughafen 27.03.1982 - 01.06.1991
TEE 63/64 LH 1003/4 Francoforte - Düsseldorf Flughafen 27.03.1982 - 01.06.1991
TEE 65/66 LH 1005/6 Francoforte - Düsseldorf Flughafen 27.03.1982 - 01.06.1991
TEE 67/68 LH 1007/8 Francoforte - Düsseldorf Flughafen 27.03.1982 - 01.06.1991

I primati[modifica | modifica sorgente]

  • TEE con la percorrenza più lunga: Merkur, 1205 km tra Stoccarda e Copenaghen
  • TEE con la percorrenza più breve: Ticino, 293 km tra Milano e Zurigo
  • TEE più veloce: Aquitaine (Parigi-Bordeaux) con una media di 145 km/h
  • TEE più internazionale: Edelweiss (Amsterdam-Zurigo) attraversava 5 nazioni: Paesi Bassi, Belgio, Lussemburgo, Francia e Svizzera
  • TEE con la vita più breve: Bacchus (Dortmund-Monaco di Baviera) trasformato in Intercity dopo solo 251 giorni di esercizio
  • TEE più longevo: Gottardo, in servizio per 27 anni
  • TEE a materiale ordinario più corto sull'intero percorso: Bavaria, dal 1971, era composto da 2 vetture di 1ª classe DB e una vettura ristorante FFS
  • TEE a materiale ordinario più corto su parte del percorso: Merkur, tra Amburgo e Copenaghen era costituito da sole 2 vetture
  • ultimo TEE internazionale in esercizio: Gottardo che ha concluso la carriera con l'orario invernale 1988
  • primo TEE a raggiungere i 200 km/h: Le Capitole (Parigi-Tolosa)
  • unico TEE interno ad essere effettuato con elettrotreno: Settebello
  • unico TEE periodico: Heinrich Heine (Dortmund-Francoforte) si effettuava solo il lunedì verso Dortmund e il venerdì verso Francoforte
  • unico TEE ad essere traghettato: Merkur tra Puttgarden e Rødby
  • unico TEE con scartamento variabile: Catalan-Talgo (Barcellona-Zurigo)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., pp. 6-7.
  2. ^ Labarbera 2007, p. 19
  3. ^ Dell'Amico e Rebagliati 1992, p. 86

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Franco Dell'Amico, Franco Rebagliati, I 120 anni della linea ferroviaria Savona-Ventimiglia 1872-1992, Pinerolo (TO), Dopolavoro Ferroviario di Savona (per i tipi di Arti Grafiche Alzani), aprile 1992, ISBN non esistente.
  • Tino Labarbera, Il «Lemano» e la sua scorta in I Treni, XXVIII, nº 297, ottobre 2007, pp. pp. 19-21.
  • Maurice Mertens, Jean-Pierre Malaspina, TEE. La leggenda dei Trans Europ Express, con la collaborazione di Marc Le Gad, Manfred e Martin Meyer, Salò (BS), ETR – Editrice Trasporti su Rotaie, 2008, ISBN 978-88-85068-31-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]