TEE Gottardo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TEE-Logo.svg Gottardo
Servizio di trasporto pubblico
Trans Europ Express a Cantù-Cermenate.jpg
TEE Gottardo transita dalla stazione di Cantù-Cermenate, 1988
Tipo Trans Europ Express (TEE) (1961–1988)
EuroCity (EC) (1988–1995)
InterCity (IC) (1995–1997)
EuroNight (EN) (1997–2002)
Stati Italia Italia
Svizzera Svizzera
Inizio Zurigo
Fine Milano
Roma
Apertura 1 giugno 1961
Chiusura 15 giugno 2002
Gestore Ferrovie Federali Svizzere
Ferrovie dello Stato
Mezzi utilizzati Elettrotreno FFS RAe 1050
Lunghezza 293 km
Tracciato della linea
Il percorso del TEE Gottardo Basilea-Genova nell'estate 1974
Trasporto pubblico

Il treno TEE Gottardo, dal nome del massiccio delle Alpi Svizzere attraversato in galleria, fu istituito nel 1961 tra Zurigo e Milano Centrale con fermate a Lugano e Como San Giovanni[1].

Per tutta la durata dell'esercizio sulla rete Trans Europ Express il Gottardo fu affidato agli elettrotreni quadrisistema della serie RAe 1050 delle Ferrovie Federali Svizzere (FFS)[1].

Nel 1965 fu prolungato a Basilea in entrambi i sensi di marcia, ma dal 1969 il capolinea fu riportato a Zurigo nel viaggio di ritorno[1].

A partire dal 1974 il percorso fu esteso nel solo periodo estivo da Milano a Genova Brignole (Genova Piazza Principe nel 1969) senza fermate intermedie, prolungamento che fu soppresso nel 1980[1].

Il percorso Basilea-Zurigo fu limitato ai soli giorni feriali nel 1979 e soppresso nel 1982[1].

Le ultime varianti introdotte furono l'aggiunta della fermata a Bellinzona dal 1985 e il prolungamento alla stazione di Zurigo Aeroporto nel 1987[1].

Nel 1987 il Gottardo fu l'unico TEE in servizio internazionale che sopravvisse all'istituzione dei treni EuroCity (EC): il suo mantenimento nel raggruppamento Trans Europ Express fu infatti richiesto dalle FFS per il tempo necessario a modificare i cinque elettrotreni quadrisistema RAe 1051-1055 in RABe 1051-1055 con l'aggiunta della seconda classe[2].

L'uscita dal raggruppamento TEE avvenne nel 1988 non appena fu disponibile un numero sufficiente di elettrotreni trasformati, con i quali il Gottardo continuò il servizio con la classificazione EC[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., p. 222.
  2. ^ a b Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., pp. 222-224.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maurice Mertens, Jean-Pierre Malaspina, TEE. La leggenda dei Trans Europ Express, con la collaborazione di Marc Le Gad, Manfred e Martin Meyer, Salò (BS), ETR – Editrice Trasporti su Rotaie, 2008, ISBN 978-88-85068-31-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti