TEE Rheinpfeil

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TEE-Logo.svg Rheinpfeil
Servizio di trasporto pubblico
DB 103 103.JPG
Tipo Rapido (1952–1953)&(1958–1965)
Trans Europ Express (TEE)(1965–1971)
InterCity (IC) (1971–1987)
EuroCity (EC)(1987–1991)
Stati Germania Germania
Paesi Bassi Paesi Bassi
Svizzera Svizzera
Inizio Hoek van Holland /
Dortmund Hbf /
Hannover Hbf /
Hamburg-Altona
Fine München Hbf /
Basel SBB /
Zürich HB /
Coira
Apertura 18 maggio 1952
Chiusura 2 giugno 1991
Linee impiegate Valle di Reno
Vecchi gestori Deutsche Bundesbahn /
Deutsche Bahn (DB)
Ferrovie Federali Svizzere
Tracciato della linea
Il percorso dei TEE Rheinpfeil (Monaco di Baviera-Dortmund, in rosso) e Rheingold (Ginevra-Amsterdam/Hoek van Holland, in celeste) nell'estate 1965.
Trasporto pubblico
TEE-Logo.svg

Il treno TEE Rheinpfeil, in italiano "Freccia del Reno" dal nome del fiume che costeggiava su una parte del percorso, ebbe origine da una relazione rapida di prima classe istituita nel 1954 dalla Ferrovia Federale Tedesca (DB) per collegare Monaco di Baviera con Dortmund attraverso Francoforte sul Meno[1].

Pur essendo una relazione interna DB, nel 1965 il Rheinpfeil entrò a far parte del raggruppamento Trans Europ Express come complemento del Rheingold, con cui era strettamente legato per lo scambio di vetture dirette[1].

Perse la classificazione Trans Europ Express nel 1971 divenendo un treno InterCity[2].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., pp. 262-265.
  2. ^ Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., p. 262.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (FR) Maurice Mertens, Des images et des notes… Après quinze années d'exploitation des TRANS EUROP EXPRESS in Chemins de Fer, 1975-4, n. n. 313, Parigi, Revue de l'Association Française des Amis des Chemins de Fer, luglio-agosto 1975, pp. pp. 161-193.
  • Maurice Mertens, Jean-Pierre Malaspina, TEE. La leggenda dei Trans Europ Express, con la collaborazione di Marc Le Gad, Manfred e Martin Meyer, Salò (BS), ETR – Editrice Trasporti su Rotaie, 2008. ISBN 978-88-85068-31-5.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti