TEE Ticino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TEE-Logo.svg Ticino
Servizio di trasporto pubblico
Tipo Trans Europ Express (TEE) (1961–74)
D-Zug (1974–82)
EuroCity (IC) (1993–2008)
Stati Italia Italia
Svizzera Svizzera
Germania Germania
Inizio Milano
Fine Zurigo (1961–74)
Monaco di Baviera (1974–82)
Basilea (1993–2008)
Apertura 1 giugno 1961
Chiusura 2008
Vecchi gestori Ferrovie Federali Svizzere
Cisalpino
Mezzi utilizzati RAe TEE II
ETR 470
Lunghezza 293 km
Tracciato della linea
Percorso nel 1961
Trasporto pubblico
TEE-Logo.svg

Il treno TEE Ticino, dal nome del cantone svizzero di lingua italiana, fu istituito nel 1961 sullo stesso percorso del TEE Gottardo tra Zurigo HB e Milano Centrale con fermate a Lugano e Como San Giovanni, ma con tracce orarie differenti[1].

Per tutta la durata dell'esercizio sulla rete Trans Europ Express il Ticino fu affidato all'elettrotreno quadrisistema RAe 1050 delle Ferrovie Federali Svizzere (FFS) e non fu soggetto a varianti di percorso o di fermate[2].

La scelta dell'orario tra Milano e Zurigo era vantaggiosa per la clientela lombarda ma l'orario di ritorno risultava meno favorevole, circostanza che non fu estranea alla soppressione del TEE Ticino nel 1974 in occasione della sostituzione del materiale rotabile del TEE Edelweiss e della creazione del TEE Iris con gli elettrotreni quadrisistema RAe 1050 FFS[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., pp. 226-227.
  2. ^ Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., p. 226.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maurice Mertens, Jean-Pierre Malaspina, TEE. La leggenda dei Trans Europ Express, con la collaborazione di Marc Le Gad, Manfred e Martin Meyer, Salò (BS), ETR – Editrice Trasporti su Rotaie, 2008, ISBN 978-88-85068-31-5.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti