TEE Cisalpin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
TEE-Logo.svg Cisalpin
Servizio di trasporto pubblico
Tipo
Stati Italia Italia
Svizzera Svizzera
Inizio Parigi
Fine Milano
Apertura 1 giugno 1961
Chiusura 17 maggio 2003
Gestore Ferrovie Federali Svizzere
SNCF
Cisalpino
Mezzi utilizzati Elettrotreno FFS RAe 1050
TGV
ETR 470
Lunghezza 822 km
Tracciato della linea
Il percorso del TEE Cisalpin e tipo di elettrificazione: (blu) 1,5 kV= SNCF, (rosso) 25 kV 50 Hz SNCF, (arancione) 15 kV 16⅔ Hz FFS, (verde) 3 kV= FS.
Trasporto pubblico

Il treno TEE Cisalpin, in italiano Cisalpino, cioè al di qua delle Alpi rispetto a Roma, fu istituito nel 1961 tra Parigi Lyon e Milano Centrale con fermate a Digione, Losanna, Briga e Domodossola[1].

I TEE Cisalpin, Ticino e Gottardo, attivati contemporaneamente il 1º luglio 1961, segnarono la comparsa della trazione elettrica sulla rete Trans Europ Express con l'entrata in servizio degli elettrotreni quadrisistema RAe 1050 delle Ferrovie Federali Svizzere (FFS)[2].

TEE 22 Stato Fermata km TEE 23
16:00 Italia Italia Milano Centrale 0 22:08
17:15 Italia Italia Domodossola 125 20:52
16:45 Svizzera Svizzera Brig 167 19:24
18:13 Svizzera Svizzera Lausanne 313 17:57
18:46 Svizzera Svizzera Vallorbe 360 17:20
20:17 Francia Francia Dijon 507 15:36
22:44 Francia Francia Paris Gare de Lyon 822 13:15


Nel 1974 gli elettrotreni svizzeri furono sostituiti da treni di materiale ordinario composti da carrozze TEE SNCF e FFS[1].

Il TEE Cisalpin fu prolungato a Venezia Santa Lucia nel periodo estivo tra il 1975 e il 1979 e fu soppresso nel 1984[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., p. 214.
  2. ^ Mertens, Malaspina, TEE, op. cit., pp. 214-217.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Maurice Mertens, Jean-Pierre Malaspina, TEE. La leggenda dei Trans Europ Express, con la collaborazione di Marc Le Gad, Manfred e Martin Meyer, Salò (BS), ETR – Editrice Trasporti su Rotaie, 2008, ISBN 978-88-85068-31-5.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti