Sapone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando il dipartimento del Burkina Faso, vedi Saponé.
bussola Disambiguazione – "Saponetta" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Saponetta (disambigua).

Il sapone è generalmente un sale di sodio o di potassio di un acido carbossilico alifatico a lunga catena; viene prodotto e usato per sciogliere le sostanze grasse nei processi di pulizia.

Si prepara per mezzo di un processo denominato saponificazione, ovvero per idrolisi alcalina, di grassi di origine animale o vegetale che porta alla formazione del sale carbossilico (il sapone) e un alcol (generalmente glicerina).

Esempio di struttura chimica di un sapone

Azione detergente[modifica | modifica sorgente]

sezione di una micella
Struttura di una micella, una struttura similcellulare formata dall'aggregazione di molecole di sapone (come il sodio stearato). L'esterno della micella è idrofilico (affine all'acqua) l'interno è idrofobico (affine all'olio).

Utilizzato come detergente, il sapone ha funzione di tensioattivo. La molecola del sapone ha una testa idrofila ionizzata negativamente e una coda idrofobica. Il potere pulente della miscela acqua e sapone è attribuito all'azione delle micelle, piccole sferette rivestite all'esterno di gruppi polari idrofilici (la testa della molecola) e contenente all'interno una tasca idrofobica costituita dalle code idrofobiche che disciolgono le sostanza grassa. Dato che tutte le teste delle molecole di sapone recano una carica negativa, la repulsione elettrostatica impedisce alle micelle di ri-aggregarsi e le mantiene in sospensione nell'acqua. In altre parole, siccome acqua e grasso normalmente non si miscelano, l'aggiunta di sapone, consente al grasso di disperdersi nell'acqua ed essere risciacquato. I detergenti sintetici funzionano con meccanismo simile.

Il pH fisiologico della pelle sana oscilla mediamente fra 5,4 e 5,9 (in corrispondenza delle ascelle, della regione perianale e dei genitali il pH è approssimativamente di 6,5), laddove i saponi contenenti carbonato di sodio arrivano a un pH pari a 11.
La pelle possiede un mantello acido protettivo lipidico, che ha la capacità di sintetizzare delle sostanze in grado di neutralizzare le componenti alcaline e ripristinare l’ambiente acido riportandolo in equilibrio. Un aumento del pH per lunghi periodi di tempo può, tuttavia, compromettere questa funzione di difesa batteriologica della pelle, favorendo l’insorgere di infezioni.

Perché avvengano le reazioni chimiche per la sintesi di un sapone è necessario un pH superiore a 7, che alcuni produttori riportano poi ai livelli di acidità della pelle (5 -5.5).
Nemmeno un sapone a pH neutro (6.5-7) rispetta l'acidità della pelle; un acido debole, se diluito adeguatamente in acqua, si comporta come un acido forte perché diventa non trascurabile il contributo al pH degli ioni H+, che si formano a seguito della dissociazione dell'acqua con l'azione di un solvente.

Effetto del metallo alcalino[modifica | modifica sorgente]

Il tipo di alcale utilizzato determina la qualità di sapone prodotto. I saponi di sodio preparati a partire da idrossido di sodio e generalmente sono solidi, mentre i saponi potassio, preparati a partire da idrossido di potassio sono più morbidi o spesso liquidi. Storicamente, l'idrossido di potassio veniva estratto a partire dalle ceneri di felce. I saponi di litio sono molto duri e sono usati esclusivamente per trattare gli oli lubrificanti.

Effetto dei grassi[modifica | modifica sorgente]

I saponi sono derivati degli acidi grassi. Tradizionalmente, sono stati prodotti a partire da trigliceridi (oli e grassi).[1] Trigliceride è il nome chimico dei triesteri di acidi grassi e glicerina. Il sego (grasso animale raffinato), è il trigliceride naturale di origine animale più comune. Il prodotto di saponificazione è chiamato "sodium tallowate" (nomenclatura INCI). Gli oli vegetali più comunemente utilizzati sono quello d'oliva, di palma o quello di cocco. Ogni tipo di grasso vegetale, permette di ottenere qualità ben diverse di sapone con caratteristiche diverse. I saponi prodotti dall'olio d'oliva sono più morbidi e delicati, quelli più conosciuti, sono il sapone di Marsiglia e il sapone di Castiglia, noti per la loro delicatezza. Il termine "Castiglia" indica spesso saponi costituiti da una miscela di oli, ma con un'alta percentuale di olio d'oliva.

Contenuto in Acidi Grassi di alcuni grassi utilizzati per la prodizione di sapone
acido laurico acido miristico acido palmitico acido stearico acido oleico acido linoleico acido linolenico
grassi C12 saturo C14 saturo C16 saturo C18 saturo C18 monoinsaturo C18 diinsaturo C18 triinsaturo
Sego 0 4 28 23 35 2 1
Olio di cocco 48 18 9 3 7 2 0
Olio di palma 46 16 8 3 12 2 0
Olio di oliva 0 0 11 2 78 10 0
Olio di colza 0 1 3 2 58 9 23

Qualità di un sapone[modifica | modifica sorgente]

Sapone fatto a mano.

Il sapone deve essere neutro e non deve essere unto o di cattivo odore. Il sapone deve essere pastoso ma non duro, schiumogeno, non friabile e una volta asciugato deve mantenere la sua forma.

Tipi di sapone[modifica | modifica sorgente]

I sali sodici degli acidi carbossilici a lunga catena hanno un pH di 9,0-10,5 (alcalini) e non sono gli unici composti esistenti usati come saponi. Esistono anche i cosiddetti saponi acidi anche detti saponi non saponi o syndet (dall'inglese "synthetic detergent" cioè "detergenti sintetici") si suddividono in anionici, anfoteri e non ionici consigliati per pelli ipersensibili ai saponi normali sono costituiti da miscele di tensioattivi come il Laurilsolfato di sodio o tensioattivi alchil-solfonici, esteri organici dell'acido solforico. Tali "saponi" hanno un pH di 5,5, simile a quello della pelle, risultando pertanto meno aggressivi verso di essa per l'assenza di alcalinità libera.

La saponetta tradizionale è a base di sali sodici degli acidi carbossilici a lunga catena; i saponi liquidi in dispenser sono comparsi con la diffusione dei materiali plastici nel dopoguerra. Il sapone tradizionale è composto da sego bovino (80%) e olio di cocco o di oliva (al 20%). Un sapone dovrebbe avere tra le prime posizioni dei suoi ingredienti gli acidi grassi saponificati di cocco, di palma e di oliva.

Nei frantoi di una volta e in alcune produzioni attuali era prodotto con la spremitura di olive che restava nelle macine del frantoio dopo la prima spremitura. Spesso si tratta di olio di seconda o terza sansa di una qualità pessima, di cui la legge vieta la commercializzazione come olio da cucina. Nel dopoguerra le seconde e terze spremiture d'olio, meno pregiate e costose, erano ancora utilizzate anche a scopo alimentare.

Vari frantoi industriali utilizzano le sanse per produrre saponi e compensare la scarsa resa delle olive raccolte in termini di olio da cucina; talora si arriva a macinare le olive soltanto per fare saponi perché più profittevoli dell'olio in bottiglia. I saponi liquidi che hanno un pH di 5,5 rischiano di essere, per il loro elevato contenuto d'acqua, un ambiente adatto alla proliferazione di funghi e batteri; tali saponi sono addizionati con composti disinfettanti e fungicidi.

Come fare il sapone[modifica | modifica sorgente]

Sapone artigianale tagliato in panetti.

Attenzione: l'idrossido di sodio è caustico e corrosivo. Evitate il contatto diretto con la pelle e con gli occhi.

Per la sintesi del sapone si utilizzano 10 g di olio di oliva posti in un becker e a essi si aggiungono 5 g di idrossido di sodio in 40 ml di una soluzione acqua-alcol al 50% (20 ml di acqua e 20 ml di alcol). Si scalda il tutto per circa 45 minuti agitando continuamente. A parte si prepara un'altra soluzione acqua-alcol da aggiungere di volta in volta. Dopo un po' si aggiunge tutto a una soluzione di 150 ml di acqua e cloruro di sodio fredda. Questa serve a innalzare la forza ionica e a favorire la precipitazione del sapone. Si filtra il precipitato e lo si asciuga in stufa. Questo è il metodo per una completa saponificazione dell'olio (sia esso derivante dalle olive o da altra fonte animale e/o vegetale)

Gli ingredienti principali del sapone sono olio di oliva di seconda o terza spremitura (le cosiddette "sanse") e glicerina. Al posto dell'idrossido di sodio per la saponificazione si usa talvolta la liscivia, una soluzione meno caustica, derivante da una soluzione filtrata di acqua e cenere di legna; la glicerina è un componente naturale che si forma per saponificazione dei trigliceridi degli oli vegetali o dei grassi animali.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La scoperta del sapone[modifica | modifica sorgente]

Esistono varie circostanze, ancorché improbabili, che possono aver portato casualmente alla scoperta del sapone, ma è anche possibile che sia avvenuta per via empirica. Probabilmente per prime si ottennero liscivie alcaline dalla cenere di legno, che poi vennero usate per la saponificazione di sego, scarti animali, oli vegetali.

Le notizie storiche sono nebulose, sia per la difficoltà di distinguere il sapone vero e proprio da altre sostanze utilizzate per pulire, sia perché il sapone, per la sua natura organica e idrosolubile, non è rilevabile da ricerche di tipo archeologico, neppure attraverso i recipienti e l'equipaggiamento usati nella sua produzione che non differiscono da quelli destinati ad altri utilizzi.

È da tener presente che probabilmente, nell'antichità, il problema dell'igiene personale non fosse considerato prioritario (non tanto per la scarsità di acqua calda quanto per l'accentuata causticità prodotta sull'epidermide della soda impiegata con eccessiva generosità e il lezzo derivante dall'uso di grasso animale, per lo più di ovini[2]); infatti, le prime tecniche di pulizia furono sviluppate per pulire tessuti e indumenti, generalmente con l'utilizzo di argille (terra da follone), cenere e piante saponarie (da queste ultime si ricavano le saponine che formano soluzioni saponose che solubilizzano lo sporco e ne facilitano l'eliminazione).

Fu solo dopo essere entrati in contatto col mondo vicino-orientale islamico, nell'età delle Crociate, che ci s'impadronì delle tecniche di fabbricazione di un sapone assai meno aggressivo, con l'uso di grassi vegetali, aromi e sostanze lenitive quali il balsamo. Non a caso il sapone entrò infatti in Europa grazie ai mercanti veneziani e genovesi e, per procacciarselo, dame e gentiluomini cristiani erano disposti a pagare cifre anche molto alte.

Mesopotamia[modifica | modifica sorgente]

La prima testimonianza dell'esistenza del sapone risale al 2800 a.C. e proviene da scavi nella zona dell'antica Babilonia. In quella zona fu ritrovato un materiale simile al sapone conservato in cilindri d'argilla che recano incise delle ricette per la preparazione.

Una tavoletta Sumera datata 2200 a.C. descrive un ‘sapone' composto di acqua, alcali e olio di cassia.

Egitto[modifica | modifica sorgente]

Dal papiro di Ebers (ca. 1550 a.C.) si apprende che gli egiziani si lavavano regolarmente con un sapone preparato mescolando grasso animale e oli vegetali con un minerale raccolto nella valle del Nilo e chiamato Trona che è un'importante sorgente di soda.

Documenti egiziani fanno menzione di una sostanza simile al sapone utilizzata per la preparazione della lana alla tessitura.

Bibbia[modifica | modifica sorgente]

Versioni della Bibbia

Giobbe 9:30

  • Anche se mi lavassi con la neve e mi pulissi le mani con il sapone (Nuova Riveduta)
  • Anche se mi lavassi con la neve e pulissi con la soda le mie mani (C.E.I./Gerusalemme)
  • Anche se mi lavassi con la neve e pulissi le mie mani con la soda (Nuova Diodati)
  • Quand'anche mi lavassi con la neve e mi nettassi le mani col sapone (Luzzi / Riveduta)
  • Quando io mi fossi lavato con acque di neve, e nettatomi le mani col sapone (Diodati)
  • If I wash myself with snow water, and make my hands never so clean

Geremia 2:22

  • Anche se ti lavassi con il nitro e usassi molto sapone, la tua iniquità lascerebbe una macchia … (Nuova Riveduta)
  • Anche se ti lavassi con la soda e usassi molta potassa, davanti a me resterebbe la macchia … (C.E.I./Gerusalemme)
  • Anche se ti lavassi con la soda e usassi molto sapone, la tua iniquità lascerebbe un'impronta indelebile... (Nuova Diodati)
  • Quand'anche tu ti lavassi col nitro e usassi molto sapone, la tua iniquità lascerebbe una macchia … (Luzzi / Riveduta)
  • Avvengaché tu ti lavi col nitro, e usi attorno a te assai erba di purgatori di panni; pure è la tua iniquità suggellata … (Diodati)
  • For though thou wash thee with nitre, and take thee much soap, yet thine iniquity is marked ... (The Holy Bible. Authorised version 1611)
  • Though you wash with soda and use soap lavishly... (Revised English Bible 1989)

Malachia 3:2

  • … come la potassa dei lavatori di panni. (Nuova Riveduta)
  • … la lisciva dei lavandai. (C.E.I./Gerusalemme)
  • … come la soda dei lavandai'. (Nuova Diodati)
  • … come la potassa dei lavatori di panni. (Luzzi / Riveduta)
  • … e come l'erba de' purgatori di panni. (Diodati)
  • He is like a refiner's fire, like a fuller's soap

I riferimenti biblici a delle sostanze usate per la pulizia non indicano nulla di simile al nostro sapone, che sembra fosse sconosciuto all'epoca.

In Giobbe 9:30 (circa V secolo a.C.) con la parola sapone è stato tradotto il generico termine ebraico borith, che indica la liscivia oppure un alcale come la potassa, ottenuto dalle ceneri di particolari vegetali (per esempio la Salsola kali che abbonda sulle spiagge del Mar Morto e del Mediterraneo).

Analogamente per l'ebraico borith mekabbeshim "alcali di coloro che pestano i panni", in Geremia 2:22 (circa VII secolo a.C.) e Malachia 3:2 (circa V secolo a.C.), che indica qualche tipo di "terra da follone", un materiale che si usava nella "follatura", un procedimento che serviva a rendere morbidi i tessuti.

Invece le parole soda o nitro , che pure troviamo nei versetti citati (come anche in Proverbi 25:20), indicano il natron (carbonato idrato di sodio), una sostanza che si utilizzava in Egitto dove ne esitono numerosi depositi.

Si tratta quindi di interpretazioni dei traduttori che, nel loro lavoro, si sono preoccupati di rendere comprensibile il testo per i lettori loro contemporanei.

Antica Roma[modifica | modifica sorgente]

I Romani (e anche i Greci) per i quali il bagno alle terme era un'importante attività sociale oltre che una pratica igienica, non usavano il sapone come detergente, ma la porosa pomice o creta finissima oppure soda o, ancora, polveri abrasive come argilla, polvere di equiseto[3], farina di fave e, dopo il bagno massaggiavano il corpo con olio di oliva.

Plinio il Vecchio, scrittore latino del I secolo, usa per primo il termine latino sapo, mutuandolo dal gallico saipo, nella sua opera Naturalis historia:

(LA)
« Prodest et sapo, galliarum hoc inventum rutilandis capillis. Fit ex sebo et cinere, optimus fagino et caprino, duobus modis, spissus ac liquidus, uterque apud germanos maiore in usu viris quam feminis. »
(IT)
« Il sapone, anche, è molto utile a questo fine, un'invenzione dei Galli per dare una tinta rossastra ai capelli. Questa sostanza è preparata da sego e dalle ceneri, le migliori per lo scopo sono le ceneri di faggio e il grasso di capra: ce ne sono due generi, il sapone duro e quello liquido, entrambi molto usati dalla gente della Germania, gli uomini, in particolare, più delle donne. »
(Plinio il Vecchio, Naturalis historia, Libro 28, capitolo 47.)

Quindi non si tratta di sapone ma di tintura rossa per capelli.

Eppure il sapone non era sconosciuto, nel II secolo Galeno ne sottolinea l'importanza sia per la prevenzione di alcune malattie che per la pulizia.

Stampi per sapone antichi e saponette esposte al Museo dell'Hammam, nel Palazzo del Topkapı, a Istanbul.

Arabi[modifica | modifica sorgente]

Gli arabi, già nei primi anni dell'Islam creavano saponi molto fini utilizzando grassi vegetali come l'olio di oliva ed essenze aromatiche come l'olio di alloro, che sono ancora oggi gli ingredienti principali del Sapone di Aleppo.

Per la saponificazione utilizzarono per primi la soda caustica, metodo che è rimasto sostanzialmente invariato fino ai nostri giorni.

Un manoscritto di al-Razi ( 865 - 925 ) contiene ricette per il sapone.

I saponi arabi, profumati e colorati, solidi o liquidi, raggiunsero la Spagna e la Sicilia dopo l'800, sull'onda dell'espansione araba, e il resto d'Europa dopo la fine delle crociate.

Europa[modifica | modifica sorgente]

Si conosce poco sull'uso del sapone negli anni oscuri che seguirono la caduta di Roma, esistono notizie su fabbricanti di sapone (in latino saponarius ) in Europa a partire dal primo millennio.

La produzione del sapone, forse anche grazie ai Crociati che importarono le tecniche arabe, si andò affermando soprattutto in Spagna, Italia e Francia, nelle aree dove erano disponibili le piante marine dalle cui ceneri si ottiene la soda e l'olio d'oliva: materie prime con le quali si fabbrica un sapone di qualità molto superiore a quello fatto con grasso animale e con soda caustica.

L'Italia fu forse la prima a produrre questo tipo di saponi, duri e adatti all'igiene personale, in particolare Venezia, Genova e Savona; a proposito di quest'ultima è interessante notare l'assonanza con il francese savon (sapone).

Sapone di Castiglia[modifica | modifica sorgente]

In Spagna, nel Regno di Castiglia, si bolliva olio di oliva con la barilla, una cenere alcalina ottenuta bruciando l'erba kali (Salsola kali), si aggiungeva poi della salamoia al liquido bollente per far venire a galla il sapone separandolo dalle impurità e dalla liscivia.

Si produceva così un sapone bianco di alta qualità chiamato Sapone di Castiglia (Jabon de Castilla); per i farmacisti Sapo hispaniensis o Sapo castilliensis. Per gli anglossassoni Castile Soap è divenuto sinonimo di sapone di olio di oliva, duro e bianco.

Sapone di Marsiglia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sapone di Marsiglia.

Gran Bretagna[modifica | modifica sorgente]

I primi saponai inglesi di cui si ha notizia comparvero a Bristol nel XII secolo, ed erano ancora importanti all'epoca di Elisabetta I (1533-1603).

Producevano il “Bristol soap” nero e soffice e il più duro “Bristol grey soap”.

All'inizio utilizzavano grasso animale, più tardi l'importazione di oli vegetali come quello di palma, noce di cocco, oliva, semi di lino e semi di cotone, favorì la produzione di saponi che potevano meglio competere con il “Castile soap” d'importazione.

Nel 1633 il re Carlo I concesse ai saponai di Londra un monopolio quasi completo, dietro pagamento di una tassa; questa decisione causò malcontento, enorme danno ai saponifici di Bristol e un forte rialzo dei prezzi, ciononostante la tassazione rimase in varie forme fino al 1852 quando, in un crescendo di preoccupazione vittoriana per l'igiene, fu abolita da Gladstone nonostante la considerevole perdita per l'erario.

Dal XIX secolo ai giorni nostri[modifica | modifica sorgente]

Nel 1789 Nicolas Leblanc (17421803) scoprì come ottenere dal sale comune della soda di buona qualità, che da quel momento fu disponibile a basso prezzo e in grande quantità. Il procedimento Leblanc rimarrà in uso fino al 1870, quando verrà soppiantato dal metodo Solvay adottato ancora oggi.

Nel 1823 il chimico francese Michel Eugene Chevreul pubblica "Recherches chimiques sur les corps gras d'origine animale" nel quale spiega la reazione di saponificazione.

Queste conoscenze aprono la strada alla produzione di sapone su più ampia scala e a basso prezzo, di conseguenza attorno alla metà dell'Ottocento si ha un diffuso miglioramento dell'igiene personale, e l'abitudine di fare un bagno diviene comune.

Ma già all'inizio del XX secolo compaiono i primi detergenti sintetici che avrebbero soppiantato il sapone.

Nel 1903 Hermann Geissler e Hermann Bauer, due chimici tedeschi, inventarono il Persil (dal nome dei suoi principali componenti: perborato e silicati ), un sapone in polvere che fu commercializzato dalla società tedesca Henkel.

Fu poi la penuria di grassi durante la Prima guerra mondiale e di grassi e olio durante la Seconda guerra mondiale a spingere i ricercatori a cercare alternative. Il primo prodotto per il bucato totalmente sintetico apparve nel 1946, negli Stati Uniti.

A partire da qui sono stati sviluppati tutti i prodotti che conosciamo oggi, differenziati e specifici per ogni uso, alcuni addizionati di agenti antimicrobici (ad esempio il triclocarban), in continua evoluzione per ovviare ai problemi di inquinamento o tossicità che continuano a emergere con il passare del tempo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ David J. Anneken, Sabine Both, Ralf Christoph, Georg Fieg, Udo Steinberner, Alfred Westfechtel "Fatty Acids" in Ullmann's Encyclopedia of Industrial Chemistry 2006, Wiley-VCH, Weinheim. DOI: 10.1002/14356007.a10_245.pub2
  2. ^ Nell'Alto Medioevo non si andava, di norma, oltre i due lavacri completi annui che s'accompagnassero all'uso di sapone: a Natale e a Pasqua, come descritto da Fernand Braudel nel primo volume del suo Il capitalismo.
  3. ^ Il sapone degli antichi romani

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia