Santiago Silva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santiago Silva
Dati biografici
Nome Santiago Martín Oliveira Silva
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 183 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Lanus Lanús
Carriera
Squadre di club1
1998 Central Espanol Central Español 13 (3)
1999-2000 River Plate Mont. River Plate Mont. 15 (7)
2001 Defensor Sporting Defensor Sporting 14 (8)
2001-2002 Chievo Chievo 0 (0)
2002 Corinthians Corinthians 1 (0)
2002 Nacional Nacional 7 (0)
2003 River Plate Mont. River Plate Mont.  ? (?)
2003-2004 Energie Cottbus Energie Cottbus 32 (9)
2004-2005 Beira-Mar Beira-Mar 30 (8)
2005 Newell's O. B. Newell's O. B. 14 (4)
2006 Central Espanol Central Español  ? (?)
2006-2007 Gimnasia LP Gimnasia LP 35 (14)
2007-2009 Velez Sarsfield Vélez Sarsfield 72 (30)
2009-2010 Banfield Banfield 35 (23)
2010-2011 Velez Sarsfield Vélez Sarsfield 32 (18)
2011-2012 Fiorentina Fiorentina 12 (1)
2012-2013 Boca Juniors Boca Juniors 38 (13)
2013- Lanus Lanús 33 (11)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 settembre 2013

Santiago Martín Oliveira Silva (Montevideo, 9 dicembre 1980) è un calciatore uruguaiano, attaccante del Lanus.

Possiede la cittadinanza argentina.[1]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

È un attaccante molto forte fisicamente (da qui deriva il suo soprannome El Tanque, in lingua italiana il carro armato).[2] Nelle ultime due stagioni giocate in Argentina si è messo in evidenza per le sue doti realizzative.[3]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Sudamerica e Chievo[modifica | modifica sorgente]

Inizia la sua carriera nel 1998 nelle file del Central Español, disputando 13 partite e segnando 3 gol.

Nel 1999 viene ceduto al River Plate di Montevideo. Qui gioca 15 partite e segna 7 gol.

Nel 2001 viene venduto al Defensor, non venendo mai utilizzato. Passa così in Italia al ChievoVerona, dove anche qui non gioca mai[1].

All'inizio del 2002 viene ceduto al Corinthians in Brasile dove gioca una sola partita in quasi un anno.

Torna in patria a fine anno al Nacional. Gioca 7 partite e vince il campionato.

Nel 2003 torna al River Plate di Montevideo.

Corinthians, esperienza europea e ritorno in Sudamerica[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate del 2003 viene ceduto in prestito alla squadra tedesca dell'Energie Cottbus, con cui disputa 32 presenze segnando 9 gol nella Bundesliga. Alle fine della stagione non viene riscattato e così nell'estate del 2004 emigra in Portogallo al Beira-Mar dove gioca 30 partite e segna 8 gol.

Nel 2005 si trasferisce in Argentina al Newell's, dove colleziona 14 presenze segnando 4 gol, per poi tornare al Central Español nel 2006.

In estate torna in Argentina venendo ingaggiato dal Gimnasia La Plata, con il quale disputa 35 presenze segnando 14 gol.

Nel 2007 viene ingaggiato dal Vélez Sársfield, dove gioca 33 partite e segna 9 gol.

Banfield e il ritorno al Velez[modifica | modifica sorgente]

Nel gennaio del 2009 passa in prestito al Banfield. Nel Clausura 2009 gioca 14 partite segnando 6 gol. Nell'Apertura 2009 gioca 18 volte e diventando capocannoniere con 14 gol porta il Banfield alla conquista del titolo nazionale con 41 punti. Nel gennaio 2010 ritorna al Vélez Sársfield con il quale diventa di nuovo capocannoniere con 11 gol al pari con Denis Stracqualursi sfiorando per due punti la vittoria finale del Apertura 2010 vinta dall'Estudiantes.

Nel 2011 si conferma protagonista sia nel Clausura che nella Coppa Libertadores. Con i suoi gol porta il Velez in semifinale, anche se in questo turno contro il Peñarol realizza la rete del 2-1 ma sbaglia un rigore che avrebbe portato gli argentini in finale contro il Santos FC.

Fiorentina[modifica | modifica sorgente]

Il 31 agosto 2011 viene acquistato dalla Fiorentina,[4] che ha pagato la clausola recissoria presente nel contratto con il Vélez Sársfield, pari a 1,7 milioni di euro,[5] firmando un contratto biennale[2] e tornando così in Italia dieci anni dopo la breve esperienza in Veneto.

L'esordio in Serie A è avvenuto l'11 settembre 2011 in Fiorentina-Bologna terminata 2-0, subentrando nel secondo tempo ad Alberto Gilardino. Mette a segno il suo primo ed unico gol in Serie A nella partita di campionato del 4 dicembre contro la Roma, segnando su calcio di rigore il 3-0 finale in favore dei toscani.

Boca Juniors[modifica | modifica sorgente]

Il 17 gennaio 2012, dopo poco più di quattro mesi dal suo arrivo a Firenze, viene ceduto al Boca Juniors,[6] per la stessa cifra con cui era stato pagato dai viola.[7] Esordisce il 4 febbraio, nella partita Boca - Velez finita per 3-1 a favore del Boca, facendo la rete del 3-0

Lanus[modifica | modifica sorgente]

Il 30 luglio 2013 si trasferisce al Lanus.

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Competizioni nazionali[modifica | modifica sorgente]

Banfield: Apertura 2009,
Nacional: 2002

Competizioni internazionali[modifica | modifica sorgente]

  •  Coppa Sudamericana: 1
2013

Individuale[modifica | modifica sorgente]

Apertura 2009 (14 gol), Apertura 2010 (11 gol)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Martin Mazur, Il Tanque uruguaiano che tenta l'Albiceleste in Extra Time, 17 maggio 2011, p. 9.
  2. ^ a b Santiago Silva: "Sono molto felice, Bati il mio idolo" Fiorentina.it
  3. ^ Durante: "Ecco chi è Santiago Silva, nuovo acquisto della Fiorentina" Tuttomercatoweb.com
  4. ^ Santiago Silva in viola in Viola Channel, 31 agosto 2011. URL consultato il 31 agosto 2011.
  5. ^ Ecco El Tanque! E Gulan libera il posto da extracomunitario violanews.com
  6. ^ SILVA AL BOCA JUNIORS violachannel.tv
  7. ^ SANTIAGO SILVA, Visite mediche in Argentina firenzeviola.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]