Germán Denis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Germán Denis
Germán Denis - SSC Neapel (2).jpg
Dati biografici
Nome Germán Gustavo Denis
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 182 cm
Peso 87 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Attaccante
Squadra Atalanta Atalanta
Carriera
Squadre di club1
1997-1999 Talleres (RE) Talleres (RE) 33 (25)
1999-2000 Quilmes Quilmes 4 (2)
2000-2002 Los Andes Los Andes 28 (18)
2002-2003 Cesena Cesena 29 (3)
2003-2005 Arsenal Sarandi Arsenal Sarandí 54 (13)
2005-2006 Colon Colón 36 (11)
2006-2008 Independiente Independiente 70 (37)
2008-2010 Napoli Napoli 63 (13)
2010-2011 Udinese Udinese 25 (4)
2011- Atalanta Atalanta 106 (44)
Nazionale
2007- Argentina Argentina 5 (0)
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014

Germán Gustavo Denis (Lomas de Zamora, 10 settembre 1981) è un calciatore argentino, attaccante dell'Atalanta.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

È sposato con Natalia da cui ha avuto quattro figli.[1] Nell'estate del 2010 è diventato cittadino comunitario, ottenendo il passaporto italiano.[2][3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Classico centravanti di peso, viene utilizzato perlopiù come prima punta. È capace di fare reparto da solo: sa difendere il pallone, aiutare la squadra ad avanzare e fornire assist ai compagni inoltre è abile nel gioco aereo come tiri al volo e colpi di testa.[4] In Argentina è stato soprannominato El Tanque (in italiano il carroarmato), per via della sua forza fisica che utilizza per avere la meglio sulle difese avversarie.[5]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

Denis fa il suo esordio nel calcio professionistico nel 1997 nel Talleres de Remedios de Escalada, squadra di cui è tifoso[senza fonte], nella Primera B Metropolitana, divisione regionale della terza serie argentina. Dopo due stagioni si trasferisce al Quilmes, dove realizza quattro presenze e due gol. Nel 2000 passa al Club Atlético Los Andes, in Primera División, che viene poi retrocesso in Primera B Nacional.

Dopo aver disputato la prima parte della stagione 2001-2002 nella seconda divisione argentina con i biancorossi di Lomas de Zamora, con la cui maglia realizza complessivamente 18 gol in 28 partite, nel gennaio 2002 si trasferisce al Cesena. Disputa due stagioni con la maglia della squadra romagnola. L'esperienza si chiude con 29 presenze e 3 gol all'attivo.

Il ritorno in patria[modifica | modifica sorgente]

Nel 2003 torna in patria, in prestito, nell'Arsenal de Sarandí di Jorge Burruchaga. Nella stagione successiva, 2004-2005, giocando in attacco insieme a Josè Luis Calderon, porta l'Arsenal de Sarandí a quota 30 punti nel torneo di Clausura 2005, il miglior risultato nella storia della piccola squadra argentina. L'Arsenal lo riscatta dal Cesena per 50.000 dollari, per rivenderlo subito al Colón, con cui mette a segno 11 gol in 36 partite.

Nel 2006 gli viene data l'opportunità di giocare per una grande squadra, quando Jorge Burruchaga, che lo aveva già allenato all'Arsenal de Sarandí, lo chiama all'Independiente. Dopo un primo anno in sordina, è nel torneo di Apertura 2007, sotto la guida del nuovo allenatore Pedro Troglio, che Denis si afferma definitivamente mettendo a segno 18 reti, superando così il precedente record di 17 reti messe a segno da José Luis Calderón nel Clausura 1999 e piazzandosi al secondo posto assoluto per il campionato argentino dopo i 20 gol realizzati da Martín Palermo nel torneo di Apertura 1998. Nel Clausura 2008 mette a segno 9 reti, per un totale di 27 gol stagionali.

Napoli[modifica | modifica sorgente]

Il 27 giugno 2008 il Napoli deposita in Lega il suo contratto,[6] e Denis diviene di fatto un giocatore azzurro. Il trasferimento viene ufficializzato il 30 giugno.[7] Il giocatore firma un contratto quinquennale, mentre il costo complessivo dell'operazione è stato pari a 8 milioni di euro. Il primo gol ufficiale in maglia azzurra arriva il 14 agosto 2008 nel secondo turno preliminare di Coppa UEFA contro gli albanesi del Vllaznia. Mette a segno la prima rete in Serie A il 28 settembre 2008 nel match in trasferta contro il Bologna, mentre il 29 ottobre 2008 mette a segno la sua prima tripletta con la maglia azzurra in Napoli-Reggina.

In seguito va in gol contro Siena, Lecce e Sampdoria, chiudendo la sua prima stagione in maglia azzurra con 8 reti in 34 presenze. Nel torneo successivo firma la prima rete alla decima giornata contro il Milan il 28 ottobre 2009 al San Paolo, siglando al 93' il gol del definitivo 2-2 dopo essere subentrato nel corso del match a Fabio Quagliarella.[8] Va poi in rete contro Parma, Sampdoria[9] e Roma. Dopo 2 mesi torna al gol a Verona contro il Chievo, nella gara che vede tornare il Napoli in Europa.[10]

Udinese[modifica | modifica sorgente]

Il 17 agosto 2010 viene ceduto in compartecipazione all'Udinese.[11] Segna il suo primo gol in maglia bianconera il 19 dicembre 2010 nella sconfitta per 2-3 dell'Udinese sul campo della Lazio, con un colpo di testa che vale il momentaneo 2-2. La seconda rete in campionato arriva il 9 gennaio 2011 a San Siro contro il Milan quando, proprio all'89º minuto, segna il momentaneo 4-3 per l'Udinese, partita che finirà 4-4. È il secondo gol nella carriera di Denis al Milan. El Tanque si ripete la settimana successiva a Genova contro il Genoa, portando i suoi sul definitivo 4-2 con un esterno destro dal limite dell'area. Il 19 gennaio realizza un altro gol a Marassi, questa volta ai danni della Sampdoria, in Coppa Italia: è sua la rete del momentaneo vantaggio friulano nei supplementari, ma poi è la Samp a passare ai quarti di finale dopo i calci di rigore.

Torna al gol 3 mesi dopo, il 17 aprile, al San Paolo proprio contro il Napoli, sua ex squadra, senza esultare: Denis segna il 2-0 friulano nella vittoria per 2-1. In campionato realizza 4 gol in 25 partite. Al termine della stagione i friulani ne acquisiscono per intero il cartellino.[12] Disputa l'intero ritiro precampionato con la squadra friulana ed esordisce il 24 agosto 2011 a nella partita di ritorno valida dei Play-off di Champions League persa 2-1 contro l'Arsenal. Il 25 agosto 2011 passa in prestito con diritto di riscatto all'Atalanta.[13]

Atalanta[modifica | modifica sorgente]

Esordisce con la nuova maglia in Genoa-Atalanta (2-2) della seconda giornata di campionato disputata l'11 settembre (la prima è stata rinviata), fornendo l'assist del momentaneo vantaggio a Maxi Moralez.[14] Il 18 settembre sigla la sua prima marcatura con l'Atalanta nel lunch match contro il Palermo (1-0).[15] Tre giorni dopo, realizza la sua prima doppietta con la maglia nerazzurra nel primo turno infrasettimanale del campionato, giocato in trasferta a Lecce.

Grazie ai suoi due gol la squadra vince e azzera la penalità che gli era stata inflitta in seguito alla vicenda calcioscommesse.[16] Il 20 novembre 2011, a Siena, sigla la sua seconda doppietta con la maglia dell'Atalanta, partita che finirà poi 2-2. Nella partita contro il Napoli sigla il momentaneo vantaggio, partita che poi finirà sul 1-1.[17] Il 27 febbraio 2012 mette a segno contro la Roma la sua prima tripletta (partita che si concluderà sul 4-1 per l'Atalanta); nella stessa partita Denis è autore anche dell'assist per il primo gol della sua squadra, siglato da Marilungo.[18] A fine stagione l'Atalanta comunica di aver esercitato il diritto di riscatto a titolo definitivo[19]. Il 2 settembre 2012 nella partita contro il Cagliari German sigla la sua prima rete in campionato. Grazie a questo gol realizzato allo stadio Is Arenas,nuova casa del Cagliari,segna il primo gol della storia dello stadio di Quartu Sant'Elena,alla sua prima apertura dopo l'indisponibilità dello Stadio Sant'Elia.

Mette a segno la sua seconda rete in campionato nella partita persa per 1-5 contro il Torino,siglando il momentaneo vantaggio della squadra lombarda. Segna una doppietta nella vittoriosa partita casalinga contro l'Inter per 3-2, segnandone uno dal dischetto. Sigla il suo quinto gol in campionato contro il Bologna allo Stadio Renato Dall'Ara, mettendo a segno il momentaneo pareggio della squadra nero-azzurra. Grazie a questo gol realizzato al Dall'Ara Denis raggiunge quota 150 gol in carriera. Apre le marcature nella partita casalinga contro il Parma vinta dalla squadra bergamasca per 2-1. Il 3 febbraio 2013 segna in trasferta il momentaneo 2-0 contro il Palermo, partita poi vinta 2-1. Il 17 febbraio 2013 segna il gol su rigore del momentaneo pareggio con il Torino, partita poi persa 2-1.

Il successivo 10 marzo segna una doppietta contro il Pescara a Bergamo, con un calcio di rigore ed un tiro al volo. Il 17 marzo segna il gol del momentaneo 2-2 contro il Napoli. Il 7 aprile una sua tripletta porta alla vittoria per 4-3 della squadra bergamasca contro l'Inter a San Siro: si tratta della prima tripletta in Serie A a San Siro di un giocatore dell'Atalanta (l'unica altra tripletta di un giocatore della squadra bergamasca nello stadio milanese era stata quella di Angelo Domenghini nella finale di Coppa Italia del 1963). Segna il suo primo gol nella stagione 2013-2014 in Parma-Atalanta (4-3), partita in cui segna il gol del momentaneo 4-2; nel successivo turno di campionato, il 29 settembre, mette a segno la sua prima doppietta stagionale in Atalanta-Udinese (2-0).

Il 23 marzo 2014 in Inter-Atalanta (1-2) ha giocato la sua centesima partita in carriera con la maglia dell'Atalanta.

Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Denis viene convocato per la prima volta nell'Argentina guidata da Alfio Basile in occasione della doppia sfida contro Cile e Venezuela, valida per le qualificazioni alla Coppa del Mondo FIFA 2010. Esordisce nel match contro i Vinotintos venezuelani, il 16 ottobre 2007, subentrando nella ripresa a Carlos Tévez.[20] Nel corso di un anno verrà scenderà in campo altre quattro volte, quasi sempre da sostituto. Il 2 ottobre 2011 a più di due anni di distanza dall'ultima presenza con l'Albiceleste, viene convocato per la prima volta dal selezionatore Alejandro Sabella in vista delle partite contro Cile e Venezuela valide per le qualificazioni ai Mondiali 2014.[21]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 18 maggio 2014.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1997-1998 Argentina Talleres (RE) BM 18 12 - - - - - - - - - 18 12
1998-1999 BM 15 13 - - - - - - - - - 15 13
Totale Talleres (RE) 33 25 - - - - - - 33 25
1999-2000 Argentina Quilmes BN 4 2 - - - - - - - - - 4 2
2000-2001 Argentina Los Andes PD 10 2 - - - - - - - - - 10 2
2001-gen. 2002 BN 18 16 - - - - - - - - - 18 16
Totale Los Andes 28 18 - - - - - - 28 18
gen.-giu. 2002 Italia Cesena C1 10 1 CI-C - - - - - - - - 10 1
2002-2003 C1 19 2 CI-C  ?  ? - - - - - - 19+ 2+
Totale Cesena 29 3 0+ 0+ - - - - 29+ 3+
2003-2004 Argentina Arsenal PD 17 5 - - - - - - - - - 17 5
2004-2005 PD 37 8 - - - CS 6 0 - - - 43 8
Totale Arsenal 54 13 - - 6 0 - - 60 13
2005-2006 Argentina Colón PD 36 11 - - - - - - - - - 36 11
2006-2007 Argentina Independiente PD 34 10 - - - - - - - - - 34 10
2007-2008 PD 36 27 - - - - - - - - - 36 27
Totale Independiente 70 37 - - - - - - 70 37
2008-2009 Italia Napoli A 34 8 CI 1 0 Int+CU 2+4 0+2 - - - 41 10
2009-2010 A 29 5 CI 2 0 - - - - - - 31 5
Totale Napoli 63 13 3 0 6 2 - - 72 15
2010-2011 Italia Udinese A 25 4 CI 2 1 - - - - - - 27 5
ago. 2011 A - - CI - - UCL+UEL 1[22]+0 0 - - - 1 0
Totale Udinese 25 4 2 1 1 0 - - 28 5
ago. 2011-2012 Italia Atalanta A 33 16 CI - - - - - - - - 33 16
2012-2013 A 36 15 CI 2 0 - - - - - - 38 15
2013-2014 A 37 13 CI 1 0 - - - - - - 38 13
Totale Atalanta 106 44 3 0 - - - - 109 44
Totale carriera 447 168 8 1 13 2 - - 468 172

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica sorgente]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Argentina Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16/10/2007 Maracaibo Venezuela Venezuela 0 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
17/11/2007 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2010 -
20/08/2008 Minsk Bielorussia Bielorussia 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole -
10/09/2008 Lima Perù Perù 1 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2010 -
19/11/2008 Glasgow Scozia Scozia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole -
Totale Presenze 5 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Individuali[modifica | modifica sorgente]

Independiente: Apertura 2007 - 18 gol

Note[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]