Roberto Sosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Roberto Sosa
Roberto Carlos Sosa.jpg
Dati biografici
Nome Roberto Carlos Sosa
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 192 cm
Peso 94 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex Attaccante)
Ritirato 30 giugno 2011
Carriera
Giovanili
1990-1995 Gimnasia LP Gimnasia LP
Squadre di club1
1995-1998 Gimnasia LP Gimnasia LP 83 (37)
1998-2002 Udinese Udinese 104 (33)
2002 Boca Juniors Boca Juniors 7 (0)
2003 Gimnasia LP Gimnasia LP 15 (2)
2003-2004 Ascoli Ascoli 17 (4)
2004 Messina Messina 21 (5)
2004-2008 Napoli Napoli 116 (28)
2008-2010 Gimnasia LP Gimnasia LP 31 (2)
2010 Sanremese Sanremese 12 (3)
2011 Rapperswil-Jona Rapperswil-Jona 14 (0)
Carriera da allenatore
2014- Sorrento Sorrento
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 01 agosto 2014

Roberto Carlos Sosa (Santa Rosa, 24 gennaio 1975) è un ex calciatore e allenatore di calcio argentino con passaporto italiano, di ruolo attaccante. È stato opinionista di Sky Sport. Attualmente è l'allenatore del Sorrento.

È soprannominato El pampa.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Non dotato di una tecnica eccelsa, ma di una grande fisicità e di un fantastico stacco di testa. Inizialmente nel Napoli diventa anche rigorista, mettendo in mostra anche buone tecniche di tiratore.

Giocatore[modifica | modifica sorgente]

Gli esordi[modifica | modifica sorgente]

A 14 anni entra nella squadra argentina del Gimnasia La Plata, dove, dopo aver fatto tutta la trafila nelle giovanili, arriva in prima squadra nel 1995. Disputa 83 partite in campionato siglando ben 37 gol, di cui 28 tra Clausura e Apertura del 1997-1998, diventando quell'anno pezzo pregiato per i grandi club europei.

L'arrivo in Italia e la parentesi in Argentina[modifica | modifica sorgente]

Nell'estate del 1998 viene acquistato dall'Udinese, e nonostante le difficoltà della serie A Sosa si ambienta subito siglando ben 11 gol e numerosi assist al primo anno, e con il brasiliano Marcio Amoroso e Paolo Poggi permetterà alla squadra friulana la terza qualificazione consecutiva alla Coppa UEFA nello spareggio a Torino contro la Juventus.

Realizza 14 gol nella stagione 2000-2001, dopo i 6 dell'anno prima, ma nel 2002 gioca poco a causa di un infortunio, riuscendo però a siglare 2 importanti gol a fini della permanenza in serie A della squadra bianconera. Il 27 luglio 2002 l'Udinese conclude la trattativa con il Boca Juniors per il prestito di un anno agli argentini in cambio di settecentomila dollari, con diritto di riscatto del cartellino del giocatore. Gioca appena 7 partite senza mai andare a segno, così fa ritorno per la seconda volta al Gimnasia La Plata. I suoi 2 gol in 17 partite fanno risvegliare l'interesse dei dirigenti sportivi italiani e nella stagione 2003-2004 in B con l'Ascoli mette a segno 4 Gol in 17 partite. Passa in prestito al Messina dove segna, in sei mesi, 5 gol in 21 presenze. Insieme ad Arturo Di Napoli formerà una delle coppie più forti e complete del campionato cadetto che porterà i siciliani alla seconda promozione in Serie A.

A Napoli[modifica | modifica sorgente]

Nel settembre 2004 accetta con una scelta di vita, l'offerta del nuovo Napoli, costretto a ripartire dalla serie C1, che lo acquista dall'Udinese a titolo definitivo. Passerà alla storia come il primo calciatore tesserato dalla nuova società azzurra, ed anche per questo Sosa entra subito nelle grazie dei tifosi napoletani, che vedono in lui l'uomo della rinascita.

Realizzerà il suo primo gol in maglia azzurra, su rigore, nella gara Napoli-Chieti (1-2) del 31 ottobre 2004 ma non riuscirà a riportare subito in serie B la squadra azzurra nonostante i suoi 10 gol, di cui uno nella finale di ritorno dei play-off promozione contro l'Avellino. Ci riesce l'anno dopo, togliendosi la soddisfazione di essere l'ultimo calciatore nella storia del Napoli, a segnare un gol in campionato allo Stadio San Paolo con la maglia numero 10, quella che fu del suo idolo Maradona.

Nella stagione successiva in serie B, partito come riserva, conquista il posto da titolare a suon di gol decisivi che contribuiranno alla promozione degli azzurri in Serie A.

Il 2 settembre 2007, all'esordio in serie A con la maglia del Napoli, nella gara contro l'ex squadra dell'Udinese, raggiunge la 100ª presenza in azzurro siglando anche il gol del definitivo 0-5, rinunciando ad esultare per rispetto ai suoi ex tifosi.

Famosa la sua esultanza in cui espone una maglietta con l'immagine di Maradona e la scritta "Chi ama non dimentica, onore a chi ha fatto la storia del Napoli".

Il ritorno in Argentina[modifica | modifica sorgente]

Nella conferenza stampa successiva alla partita casalinga contro il Palermo del 30 marzo 2008 il d.g. del Napoli Marino annuncia l'intenzione del calciatore di tornare a fine anno in Argentina, ed a fine stagione il giocatore firma un biennale per il Gimnasia La Plata.

L'8 novembre 2008, dopo ben 11 presenze tra campo e panchina, il "Pampa" riesce a siglare il suo primo gol stagionale, durante la partita Velez - Gimnasia, terminata 2-0 per gli ospiti e nel quale Sosa ha contribuito con un gol (il primo dell'incontro) segnato a 8 minuti dall'inizio della gara. Questo gol è il 40º della sua carriera argentina. Ne seguirà un altro, e poi arriverà il digiuno, che prosegue (anche per problemi fisici e caratteriali) nel campionato successivo dove scenderà in campo solo 5 volte. A fine campionato, il Gimnasia non gli rinnova il contratto ed il calciatore si ritrova senza squadra.

Il secondo ritorno in Italia: alla Sanremese[modifica | modifica sorgente]

Il 21 agosto 2010 la Sanremese, squadra di Lega Pro Seconda Divisione, annuncia di aver trovato l'accordo per l'ingaggio del calciatore, subordinato all'espletamento delle visite mediche e all'apposizione della firma sul contratto[2]. L'argentino firma la sua prima rete con la maglia della Sanremese contro il Savona; la partita termina 3-2 a favore di quest'ultimi[3]. La sua avventura in biancoazzurro si conclude anzitempo: dopo aver collezionato 12 presenze e 3 reti con la maglia del club ligure, il 30 dicembre 2010 El Pampa rescinde consensualmente il proprio contratto[4].

La chiusura della carriera in Svizzera[modifica | modifica sorgente]

Dopo la parentesi ligure, firma un contratto con il Fussballclub Rapperswil-Jona, squadra della terza divisione svizzera. Gioca 14 partite nella seconda parte di stagione senza andare a segno, quindi si ritira dall'attività agonistica.

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Nella stagione 2011-2012 allena una squadra del settore giovanile della società "Fabio e Paolo Cannavaro" a Qualiano[5].
Il 1o agosto 2014 è ingaggiato come allenatore del Sorrento[6].

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Nazione Serie Pres. Reti
1995-1996 Gimnasia LP Gimnasia LP Argentina Argentina Primera División 9 5
1996-1997 Gimnasia LP Gimnasia LP Argentina Argentina Primera División 36 4
1997-1998 Gimnasia LP Gimnasia LP Argentina Argentina Primera División 38 28
1998-1999 Udinese Udinese Italia Italia Serie A 27 11
1999-2000 Udinese Udinese Italia Italia Serie A 30 6
2000-2001 Udinese Udinese Italia Italia Serie A 29 15
2001-2002 Udinese Udinese Italia Italia Serie A 15 2
2001-2002 Boca Juniors Boca Juniors Argentina Argentina Primera División 7 0
2002-2003 Gimnasia LP Gimnasia LP Argentina Argentina Primera División 15 2
2003-gen.2004 Ascoli Ascoli Italia Italia Serie B 17 4
gen-giu 2004 Messina Messina Italia Italia Serie B 21 5
2004-2005 Napoli Napoli Italia Italia Serie C1 25 10
2005-2006 Napoli Napoli Italia Italia Serie C1 31 6
2006-2007 Napoli Napoli Italia Italia Serie B 32 6
2007-2008 Napoli Napoli Italia Italia Serie A 28 6
2008-2009 Gimnasia LP Gimnasia LP Argentina Argentina Primera División 26 2
2009-2010 Gimnasia LP Gimnasia LP Argentina Argentina Primera División 5 0
2010 Sanremese Sanremese Italia Italia LP2D 12 3
2011 Rapperswil-Jona Rapperswil-Jona Svizzera Svizzera 1.Liga 14 0

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "El Pampa" Sosa e quel commento (molto poco) tecnico Tuttocagliari.net
  2. ^ Comunicato stampa N°18 – 2010/11, Sanremese Calcio.it, 21 agosto 2010.
  3. ^ Vittoria Biancardi, Esordio con gol del "Pampa" Sosa ma la Sanremese perde, Tutto Napoli.net, 5 settembre 2010.
  4. ^ Carlo Alessi, Calcio: Sanremese, Sosa ha rescisso il contratto, in arrivo 7 nuovi giocatori, Sanremo News.it, 30 dicembre 2010.
  5. ^ Fabio Cannavo, EL PAMPA - Sosa comincia la sua avventura da allenatore, calcionapoli24.it, 06 dicembre 2011. URL consultato il 1º agosto 2014.
  6. ^ Gianluca Del Gaudio, Che botto Sorrento! El Pampa Sosa è il nuovo allenatore, resport.it, 1º agosto 2014. URL consultato il 1º agosto 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]