Lago d'Iseo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lago d'Iseo o Sebino
LagoIseo.jpg
Vista dall'alto del lago
Stato Italia Italia
Regione Lombardia Lombardia
Provincia Bergamo Bergamo
Brescia Brescia
Coordinate 45°43′00.01″N 10°05′00.02″E / 45.71667°N 10.08334°E45.71667; 10.08334Coordinate: 45°43′00.01″N 10°05′00.02″E / 45.71667°N 10.08334°E45.71667; 10.08334
Altitudine 185 m s.l.m.
Dimensioni
Superficie 65,3 km²
Profondità massima 251 m
Idrografia
Origine lago di escavazione glaciale
Immissari principali Oglio, Borlezza
Emissari principali Oglio
Isole Monte Isola, Isola di Loreto, Isola di San Paolo
Mappa di localizzazione: Italia
Lago d'Iseo o Sebino
Lake Iseo1.png

Il lago d'Iseo o Sebino (lac d'Izé in dialetto lombardo) è un bacino lacustre dell'Italia Settentrionale, situato in Lombardia.
Ha come principale immissario ed emissario il fiume Oglio. Ha una superficie di 65,3 km² e una profondità massima di 251 metri. È situato a 180 m di quota nelle Prealpi, posto in fondo alla Val Camonica; si incunea tra le province di Bergamo e di Brescia e ospita la più grande isola lacustre naturale dell'Italia nonché la più alta isola lacustre d'Europa: Monte Isola, cui fanno da satelliti a nord e a sud i due isolotti di Loreto e di San Paolo.

Geologia[modifica | modifica wikitesto]

Settanta milioni di anni fa la superficie del suolo era molto più in alto, perché sulle rocce, che oggi vediamo, giaceva una coltre di altre rocce, dello spessore di almeno 5000 m e più. Le montagne di allora avevano un andamento del tutto diverso da quello attuale e costituivano una serie di catene parallele, intervallate da profonde vallate.

Le rocce di cui sono costituite le montagne che contornano il lago d'Iseo si sono formate nell'era secondaria, tra i 230 e i 70 milioni di anni fa, a strati, per consolidamento delle fanghiglie che si erano depositate in un antico mare posto in una zona oggi corrispondente allo spazio tra l'Europa centrale e il centro dell'Africa. Successivamente queste rocce si sono spostate dove si trovano oggi, ma hanno continuato a contorcersi in mille modi, formando le più strane e le più complicate pieghe.

Breve storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi segni di vita umana sul lago d'Iseo sono alcuni ritrovamenti fatti a Sarnico di resti di palafitte che confermano una presenza preistorica, mentre al nord del lago d'Iseo, in Val Camonica erano attestati i Camuni. Dalle pianure salgono verso nord gli Etruschi e i Celti fino alla conquista romana. Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente, si susseguono le invasioni barbariche e varie dominazioni, tra cui quella longobarda. Nel 774 Carlo Magno occupa la Val Camonica e parte del lago d'Iseo, facendone donazione ai monaci di Tours. Nel 1161 Federico Barbarossa scende dalla Val Camonica e il 12 giugno espugna, saccheggia e incendia Iseo. La zona vivrà successivamente le lotte continue tra guelfi e ghibellini. Segue nel 1428 l'intervento della Repubblica di Venezia e la sua occupazione dell'intera zona del lago e della valle, a cui segue un periodo di pace fino al 1509. Nel 1797, con la fine della dominazione veneziana, la Val Camonica e Pisogne vengono assegnate al dipartimento del Serio ed unite a Bergamo. Ritorneranno poi a far parte della provincia di Brescia nel 1859, quando, sconfitte le truppe austriache a San Martino e a Solferino, il territorio viene riunito con il resto della Lombardia al regno di Sardegna, prima tappa dell'unità d'Italia.

Citazioni[modifica | modifica wikitesto]

(FR)

« Le petit lac d’Iseo n’a rien de grandiose dans son aspect ses abordes sont doux et frais comme une Egloghe de Virgile. »

(IT)

« Il piccolo lago d'Iseo non ha nulla di grandioso nell'aspetto e i suoi dintorni sono dolci e freschi come un'egloga di Virgilio. »

(George Sand, Lucrezia Floriani, trad.: Marcello Ricardi)

Il Lago d'Iseo oggi[modifica | modifica wikitesto]

Lago d'Iseo
Lago d'Iseo: Sulzano visto da Montisola
Lago d'Iseo: Le "Piramidi di erosione" di Zone
Il lago all'alba, in un giorno d'estate

La principale attività è il turismo: il lago d'Iseo, generalmente frequentato tutto l'anno, ha la sua stagione turistica da maggio a settembre, periodo in cui numerose sono le manifestazioni: regate veliche, concerti e serate danzanti. Vi si praticano diverse attività sportive: nuoto, del windsurfing, la pesca, attività subacquee e veliche, queste ultime favorite da venti regolari.

Il lago, essendo ricco di trote e di lucci, favorisce la pesca lacustre che è ancora attiva nei paesi rivieraschi. Sulle rive del lago si produce inoltre un ottimo olio di oliva, dotato di notevoli caratteristiche organolettiche.

L'industria è presente nei quattro centri principali del lago (Iseo, Sarnico, Pisogne e Lovere-Castro).

Lovere e Castro costituiscono il maggiore centro industriale del lago e sono quasi saldate fra di loro dal grosso impianto industriale della Lucchini Sidermeccanica, uno dei primi stabilimenti siderurgici italiani, costruito attorno al 1870. A Pisogne è attiva l'industria del legno e delle vernici. A Sarnico vi sono industrie seriche, meccaniche e di vernici; sono noti inoltre i suoi cantieri, per la costruzione di scafi da gara e da diporto. Ad Iseo e dintorni esistono industrie di filature di cotone e di coperte, mentre a Sulzano e a Monte Isola vengono prodotte reti da pesca e da caccia. Marone, infine, è sede della "Fabbrica mineraria Dolomite Franchi". A Tavernola Bergamasca opera dai primi anni del secolo scorso una cementeria facente parte del Gruppo Sacci di Roma.

La sponda orientale o bresciana[modifica | modifica wikitesto]

La sponda bresciana è molto varia: da una parte il lago e Monte Isola, dall'altra vigne, frutteti, olivi e fiori in basso, a cui seguono boschi di castagni e poi più in alto le arrotondate dorsali dei monti.

Il primo paese della sponda bresciana del lago è Paratico, seguito da Iseo, il centro turistico di maggiore importanza del lago, il cui territorio, occupa due terzi della lunghezza della sponda orientale con le sue frazioni: Clusane (rinomato per la specialità culinaria della "tinca al forno"), Covelo (dove si trova il "Bus del Quai", complesso di grotte e palestra di roccia per l'arrampicata sportiva) e Pilzone, con il promontorio di Montecolo e caratterizzato dal fico che cresce sul campanile della chiesa.

Successivamente si incontra Sulzano, paese di pescatori e approdo per i traghetti verso Monte Isola, e Sale Marasino, collocato sul fondo dell'anfiteatro naturale dei monti delle Almane, che conserva la Parrocchiale di San Zenone, altre antiche chiese nelle frazioni e alcuni importanti palazzi cinquecenteschi (tra cui Palazzo Giugni, con affreschi di Giovanni da Marone e di pittori della scuola del Romanino, e Villa Martinengo Villagana, che si affaccia sul lago dirimpetto a Monteisola ed è uno dei Palazzi storici più rilevanti dell'intero Sebino).

Ancora oltre si trova Marone centro industriale, da dove si diparte la strada verso il monte Guglielmo e arriva a Zone, dove si trova il caratteristico fenomeno delle "piramidi di erosione". Successivamente il paesaggio diventa più selvaggio, mentre strada e ferrovia sono nascoste in una serie di gallerie, fino a Pisogne, dove la sponda bresciana termina nel largo piano alluvionale dell'Oglio: nei pressi dell'abitato si trova una riproduzione in cemento del cavallo di Troia, che riproduce un originale di cartapesta, vincitore del locale Carnevale e distrutto da vandali.

La sponda occidentale o bergamasca[modifica | modifica wikitesto]

Anche la sponda bergamasca è molto variata. Da Sarnico a Predore esistono tratti di spiaggia, poi il panorama diventa selvaggio con rupi a strapiombo e speroni di roccia (spettacolari sono gli orridi o "bögn" di Castro e di Zorzino), che si susseguono interrotti unicamente dai piccoli delta formati dai torrenti delle valli laterali, dove si trovano i paesi rivieraschi. Solo qua e là, in brevi spazi ben soleggiati, appaiono viti e olivi (la Sbresa è la cultivar tipica) ; per il resto è tutta roccia nuda. Si susseguono gli abitati di Tavernola Bergamasca, Portirone (fraz. di Parzanica), Zu con il capoluogo Riva di Solto, Castro, Lovere. Alla confluenza del fiume Oglio nel lago, si trova Costa Volpino, seguito da Rogno, l'ultimo paese dell'alto sebino e il primo della Val Camonica.

Lago di iseo vista.jpg
Ingrandisci
Vista della sponda bergamasca del lago
PanoramaParzanica.jpg
Ingrandisci
Panorama del Lago d'Iseo dal Belvedere di Parzanica

Monte Isola[modifica | modifica wikitesto]

L'isola, sede dell'omonimo comune, è posta in mezzo al lago, ha una vegetazione tipicamente mediterranea, con fioriture di ginestre in primavera e di eriche in autunno.

È la più grande isola lacustre in Italia e culmina a 600 m s.l.m., con il Santuario della Madonna della Ceriola, posto a oltre 400 m sopra il livello del lago (che a sua volta è di 187 m sul livello del mare). Al santuario si può giungere a piedi da vari sentieri dal centro abitato di Cure (475 m s.l.m. circa), a sua volta accessibile sia a piedi, da sentieri sterrati da nord e da sud dell'isola, sia tramite servizi di bus-navetta.

Il versante occidentale dell'isola scende verso il lago con un dolce pendio, con frutteti e oliveti, mentre l'opposto versante orientale è molto erto e generalmente roccioso.

Vi è proibito l'accesso ai mezzi motorizzati, tranne quelli di pubblica utilità. L'accesso turistico all'isola è possibile tramite traghetti che partono da vari punti delle sponde bergamasca (Sarnico, Tavernola, Lovere) o bresciana (Iseo, Sulzano, Sale Marasino).

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Tra le specie ittiche autoctone è presente l'agone (Alosa agone).

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il lago d'Iseo può essere comodamente raggiunto dal capoluogo bresciano tramite la Ferrovia Brescia-Iseo-Edolo, gestita da Trenord, che collega la città di Brescia all'alta Val Camonica con un treno ogni ora, oppure dalla città di Rovato attraverso la ferrovia Rovato-Iseo.

Il lago d'Iseo è servito inoltre da una rete stradale che costeggia il lago e che è costituita dalle seguenti infrastrutture:

Vi è inoltre un servizio di traghetti ferrati che permette il collegamento con Monte Isola e tra i paesi che si trovano sulle rive del lago.

Flotta Navigazione Lago d'Iseo[modifica | modifica wikitesto]

Nord del Sebino da Montisola
Motonave Iseo, la più anziana della flotta, diretta a Tavernola
categoria nome anno di costruzione posti posti pranzo note
motonave Città di Brescia 1986 400 130 ---
motonave Città di Bergamo 1991 400 95 ---
motonave Monte Isola 1999 250 --- entrata in servizio gennaio 2000
motonave Sebino 1999 250 --- ---
motonave Lovere 1999 250 --- ---
motonave Costa Volpino 2002 250 50 entrato in servizio febbraio 2003
motonave Iseo 1910 220 --- rimodernata 1977
motonave Marone 2006 125 --- ---
motoscafo Ninfea 1955 110 --- ---
motoscafo Iris 1960 110 --- ---
motoscafo Gardenia 1955 110 --- rimodernata 1978
motoscafo La Naf 1988 110 --- ---
motoscafo Isola 1993 45 --- rimodernata 1978
motoscafo Libeccio 1981 45 --- entrato in servizio agosto 1982

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]