Iveco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
IVECO
Logo
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori Borsa Italiana: CNHI
Fondazione 1975 a Torino
Sede principale Torino
Gruppo CNH Industrial
Persone chiave
Settore Mezzi di trasporto
Prodotti
  • Veicoli commerciali pesanti
  • Veicoli commerciali medi
  • Veicoli commerciali leggeri
  • Mezzi cava/cantiere
  • Veicoli speciali
  • Autobus urbani e interurbani
  • Veicoli antincendio
  • Veicoli da difesa
Fatturato Green Arrow Up.svg 9,6 miliardi di € (2011)
Utile netto 490 milioni di € (2011)
Dipendenti circa 25.000 (2011)
Note Compasso d'Oro Premio Compasso d'oro nel 1979
Sito web www.iveco.com
Iveco Stralis

Iveco (Industrial Vehicles Corporation, Corporazione per la produzione di Veicoli Industriali) è una società italiana con sede a Torino specializzata nella produzione di veicoli industriali e autobus, controllata al 100% dal Gruppo CNH Industrial. Progetta e costruisce veicoli commerciali leggeri, medi e pesanti, mezzi cava/cantiere, autobus urbani e interurbani e veicoli speciali per applicazioni quali l’antincendio, le missioni fuoristrada, la difesa e la protezione civile.[1] Il nome nasce nel 1975 dalla fusione di marchi italiani, francesi e tedeschi.[2] Ha impianti produttivi in Europa, Cina, Russia, Australia, Africa, Argentina, Brasile ed è presente in oltre 160 paesi, con circa 5.000 punti vendita e assistenza. La produzione mondiale si aggira intorno ai 150.000 veicoli commerciali l'anno con un fatturato di circa 10 miliardi di euro.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Iveco nasce il 1º gennaio 1975 dalla fusione di 5 diversi marchi: Fiat Veicoli Industriali (con sede a Torino, Italia), OM (Italia), Lancia Veicoli Speciali (Italia), Unic (Francia) e Magirus-Deutz (Germania)[3] per impulso dell'ingegnere bresciano Bruno Beccaria che ne sarà anche primo amministratore delegato.
Dopo la fusione, la neonata Iveco avvia un processo di razionalizzazione delle gamme di prodotto, degli stabilimenti di produzione e della rete commerciale, pur mantenendo i marchi originali. Negli anni tra il 1975 e il 1979 Iveco ha una gamma di 200 modelli di base e 600 versioni che vanno dalle 2,7 tonnellate di MTT di un veicolo leggero fino a superare le 40 tonnellate dei veicoli pesanti, oltre ad autobus e motori.[4][5]
Nel 1978 Iveco lancia il primo prodotto della gamma dei veicoli leggeri a marchio Iveco, il Daily.[6] Il prodotto nell’idea originale voleva essere un piccolo veicolo industriale, con caratteristiche di solidità strutturale e affidabilità.[7]
Nel 1980 Iveco costruisce il primo motore Diesel turbo per veicoli industriali pesanti.[8]
Negli anni ’80 la strategia aziendale è molto attenta alla promozione del proprio marchio e prendono il via le sponsorizzazioni di eventi sportivi, come le Olimpiadi di Mosca nel 1980, la Coppa Davis nel 1982, le spedizioni di Jaques Cousteau nel bacino dell’Amazzonia nel 1983 e il Raid Pigafetta, in cui il camion Iveco-Fiat 75 PC 4x4 compie per primo il periplo del mondo.[8] Vengono inoltre create tre nuove divisioni: motori Diesel, autobus e veicoli antincendio.[9]
Nel 1984 Iveco lancia il TurboStar, veicolo pesante stradale che diventa il best-seller italiano e un importante player sul mercato europeo, raggiungendo la quota di 50.000 unità venduta in 7 anni.[10]
Nel 1985 Iveco produce il primo motore Diesel leggero a iniezione diretta.[11]
Nel 1986 viene costituita la Iveco Ford Truck Ltd., una joint venture paritetica con Ford, alla quale sono affidate la produzione e la vendita dei maggiori veicoli della gamma Iveco e gamma Ford Cargo.[12]
A metà degli anni ‘80 Astra, che produce dumper e veicoli da cantiere e da cava con sede a Piacenza, entra nel gruppo Iveco.[13]
Nel 1989 viene prodotto il primo motore Diesel con EGR per la riduzione delle emissioni inquinanti adatto per i veicoli commerciali, con cui viene equipaggiato il nuovo Daily lanciato nello stesso anno.[14]
Negli anni ’90 la gamma viene completamente rinnovata con i veicoli EuroCargo, EuroTech, EuroTrakker ed EuroStar.[12] Nel 1992 l’EuroCargo e nel 1993 l'EuroTech vengono nominati “Truck of the Year” e, per la prima volta, questo riconoscimento viene assegnato allo stesso costruttore per due anni consecutivi.[15]
Sempre negli anni ’90 acquisisce il controllo del 60% di Enasa, azienda che dal 1947 produce i veicoli industriali Pegaso.[12]
Nel 1991 viene acquisita l’inglese Seddon Atkinson, azienda che vanta una lunga tradizione nei veicoli speciali per il settore delle costruzioni e per la raccolta dei rifiuti.[16]
Nello stesso anno viene inaugurata la prima linea di montaggio del TurboDaily presso gli stabilimenti della Nanjing Motor Corporation in Cina.[17]
Nel 1992, Iveco rileva il principale costruttore di veicoli industriali australiano e costituisce la Ital, nominata prima Iveco International Trucks Australia e, nel 2001, Iveco Trucks Australia Limited.[16]
Nel 1995 Iveco firma un accordo con Yuejin Motor Corporation di Nanchino per la costituzione della joint venture Naveco destinata a produrre veicoli leggeri e motori Diesel. Intanto, la divisione veicoli antincendio sottoscrive un’intesa con il gruppo Sinopec per l’assemblaggio in Cina di veicoli speciali con estintori a schiuma.
Nel 1996 le attività antincendio in Germania vengono strutturate nella società Iveco Magirus Brandschutztechnik GmbH.[18] L’anno successivo le stesse attività sono rafforzate dall'ingresso della società austriaca Löhr, che prende il nome di Löhr Magirus.[19] Lo stabilimento italiano di Foggia taglia il traguardo dei 2,5 milioni di motori prodotti in 20 anni, e nel 1999 la produzione dei propulsori Diesel raggiunge il suo massimo storico: 405.000 unità.
Nel 1998 viene lanciato il Cursor 8, seguito l’anno successivo dal Cursor 10, il primo motore Diesel con turbina a geometria variabile per veicoli industriali pesanti.[18] Si celebra anche la ricorrenza del 125º anno di attività dalla presentazione della prima scala Magirus[20] e la consegna della 5.000a autoscala Magirus prodotta dal secondo dopoguerra.[18]
Nel 2003 Irisbus, nata come joint-venture con Renault, è totalmente acquisita da Iveco.[21]
Nel 2004 nasce il marchio Iveco Motors che riunisce le attività motoristiche e l’anno successivo, viene incorporato nella neo-nata società Fiat Powertrain Technologies. A fine 2004 diventa operativa l’intesa tra Iveco e la società cinese Saic (Shanghai Automotive Industry Corporation).[22]
Nel 2006 Iveco è sponsor delle Olimpiadi di Torino, con una flotta di oltre 1.200 autobus Iveco Irisbus.[23] L’anno successivo Iveco diventa sponsor degli All Blacks, la squadra neozelandese di Rugby.[24]
Nel 2009 Iveco comincia la sponsorizzazione del Moto GP come Trucks and Commercial Vehicle Supplier[25], che si affianca a quella storica della Scuderia Ferrari a cui Iveco fornisce i veicoli che trasportano le monoposto in tutte le gare del Campionato Mondiale di Formula 1.[26]
Il 1º gennaio 2011 nasce Fiat Industrial che comprende le società CNH, Iveco e FPT Industrial.[27] Nel mese di settembre dello stesso anno viene inaugurato a Torino il Fiat Industrial Village, un centro polivalente di Fiat Industrial, realizzato per vendere, assistere e presentare i prodotti dei marchi Iveco, New Holland e FPT Industrial.[28]
Il 15 gennaio 2012 Iveco vince la 33ª edizione del Rally Dakar con il team Petronas De Rooy e con l’olandese Gerard De Rooy, alla guida di un Iveco Powerstar. Alle spalle di De Rooy arrivano i piloti Stacey e Biasion alla guida di due Iveco Trakker Evolution 2, equipaggiati con un motore FPT Industrial C13, con più di 900 Cv.[29]

I Marchi[modifica | modifica sorgente]

Iveco[modifica | modifica sorgente]

Iveco è il marchio attraverso il quale sono commercializzati i veicoli di gamma leggera, media, e pesante. Fanno parte della gamma leggera il New Daily, da 2,8 t a 7,0 t e con trazione 4x4. Nella gamma media, Eurocargo è disponibile da 7t a 19t e trazioni 4x2 e 4x4. Stralis e Trakker, da 19 t a 72 t, rappresentano la gamma dei veicoli pesanti con versioni a due, tre, quattro assi a trazione parziale e totale.[30]

Iveco Bus[modifica | modifica sorgente]

Iveco Bus (precedentemente Irisbus e Iveco-Irisbus[31]) è il marchio specializzato in veicoli per il trasporto passeggeri dai minibus ai bus per il trasporto urbano ed extra-urbano, fino agli autobus da turismo.[32]

Iveco Astra[modifica | modifica sorgente]

Iveco Astra è il marchio dedicato ai veicoli fuori strada per l'edilizia e l'industria estrattiva. Produce veicoli pesanti stradali, fuoristrada e trattori pesanti per il trasporto su strada e veicoli logistici (anche blindati) per la difesa. La società, fondata nel 1946, fa parte di Iveco dal 1986.[33]

Magirus[modifica | modifica sorgente]

Magirus è il marchio dedicato ai veicoli antincendio e ai loro allestimenti. Inoltre Magirus produce autoscale, settore nel quale ricopre il ruolo di leader mondiale. Fu fondata nel 1864 da Conrad Magirus, capo pompiere a Ulma (Germania), che è anche l’inventore delle scale per i veicoli antincendio.[34]

Defence Vehicles[modifica | modifica sorgente]

Defence Vehicles è il marchio specializzato nella produzione e vendita di veicoli militari e da difesa. Ha sede a Bolzano, dove viene prodotto il Lince, uno dei veicoli più noti del marchio e utilizzato da molti eserciti europei e non.[35]

Iveco Capital[modifica | modifica sorgente]

Iveco Capital è la divisione finanziaria di Iveco che supporta i clienti nell'acquisto dei mezzi.[36]

Stabilimenti principali[modifica | modifica sorgente]

Veicoli
Motori
  • Stabilimento "Sofim", Foggia (Puglia, Italia), stabilimento principale Iveco Motors, produzione motori serie 8100 e HPI (serie S);[46][47][48][49]
  • Stabilimento "Comprensorio SPA", Torino (Piemonte, Italia), produzione di motori VECTOR (V) e Tector-NEF (N) e FSC (F);[50]
  • Stabilimento "8000", Torino (Piemonte, Italia), produzione di motori e gruppi elettrogeni della serie 8000;
  • Stabilimento di Pregnana Milanese (Lombardia, Italia), produzione di motori marini e industriali (S, N e C)

L'azienda ha tuttavia 24 stabilimenti in 11 paesi, su tutti e 5 i continenti e ha 6 centri ricerca.[51]

Joint Venture[modifica | modifica sorgente]

mercato cinese:

  • Naveco, specializzata in veicoli leggeri e medi[52]
  • Saic-Iveco Hongyan (SIH), specializzata in veicoli pesanti[53]
  • Saic-Iveco FPT Hongyan (SFH), specializzata in motori per veicoli pesanti[54]

I marchi nel passato[modifica | modifica sorgente]

Iveco Aifo[modifica | modifica sorgente]

È il marchio dedicato alla produzione di motori industriali e marini entrobordo. Aifo = Applicazioni Industriali Fiat-OM.

I dati di bilancio[modifica | modifica sorgente]

Nel 2011 Iveco ha avuto ricavi netti pari a 9,6 miliardi di Euro[55] con un incremento del 15,1% rispetto all'anno precedente[56]. L’utile di gestione ordinaria è stato pari a 490 milioni di Euro.[57]

Le consegne complessive di veicoli sono state pari a 153.384, in aumento del 18,3% rispetto al 2010.[56]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Anno Paese Prodotto Premio
2013 Stralis Hi-Way Truck of the Year 2013[58]
2012 Spagna New Daily Light Commercial Vehicle of the Year[59]
2012 Germania New Daily European Transport Sustainability Prize[60]
2011 Brasile “Top Ethanol” technology prize[61]
2010 Cina Genlyon Truck of the Year 2010[62]
2010 Italia “Prize of Prizes” for Innovation[63]
2009 Regno Unito Daily (alimentazione a gas) Green Van of the Year 2009 in the alternative fuel category at the Fleet Van Awards[64]
2009 Brasile Tector Truck of the Year 2010[65]
2008 Regno Unito Daily Best Light Truck 2008 in the Van Fleet World Honours[64]
2007 Spagna Daily Light Commercial Vehicle of the Year Award[64]
2007 Regno Unito Daily Best Light Truck 2007[64]
2007 Italia Performance Key Award[66]
2003 Stralis Truck of the Year 2003[58]
2000 Daily City Truck Range Van of the Year 2000[67]
1998 Australia Australian Truck of the Year 1998
1995 EuroClass HD International Coach of the Year[68]
1993 EuroTech Truck of the Year[69]
1992 EuroCargo Truck of the Year[69]

Modelli dal 1975[modifica | modifica sorgente]

Timeline dei vicoli prodotti da Iveco dal 1975
Massa Totale a Terra '70 '80 '90 2000 '10
5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 0 1
Fuoristrada Massif
Furgoni
e Leggeri
Daily I Daily II Daily III Daily IV
OM serie numerica (Turbo-)Zeta
Leggeri e
Medi
EuroCargo I Eurocargo II Eurocargo III
serie MK (Veicoli Vierer-Club)
Medi e
Pesanti
serie D
serie M e serie T, TurboTech, TurboStar EuroStar, EuroTech Stralis I Stralis II
Movimento terra serie P EuroTrakker Trakker I Trakker II
„Baubullen“, serie PA
In Iveco dal 1975 la fusione di Fiat Veicoli Commerciali, Lancia, OM, Unic e Magirus-Deutz. Colori della tabella:
modelli Magirus-Deutz modelli OM modelli Fiat Veicoli Commerciali modelli Santana modelli Iveco originali

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 19
  2. ^ Bonfiglioli Consulting: Il Lean Thinking dalla produzione alla progettazione. Pensare snello in ufficio tecnico per innovare la progettazione e diventare più competitivi. 5 casi italiani di successo, 2010: Milano – p. 103
  3. ^ Arthur Ingram: Trucks of the world highway, 1985: Blandford Press – p. 94
  4. ^ Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri
  5. ^ Raffaele Sanguineti, Carlo Felice Zampini Salazar: IVECO Story. The world of Transport, 1994
  6. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 103
  7. ^ Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri – p. 28 - 29
  8. ^ a b Raffaele Sanguineti, Carlo Felice Zampini Salazar: IVECO Story. The world of Transport, 1994 Norden Publishing House Ltd. – p. 188-193
  9. ^ Raffaele Sanguineti, Carlo Felice Zampini Salazar: IVECO Story. The world of Transport, 1994 Norden Publishing House Ltd. – p. 204
  10. ^ Raffaele Sanguineti, Carlo Felice Zampini Salazar: IVECO Story. The world of Transport, 1994 Norden Publishing House Ltd. – p. 202
  11. ^ Fiat Industrial Official website http://fiatindustrial.com/it-IT/group/history/iveco/Pagine/iveco_1985_1994.aspx
  12. ^ a b c John Carroll, Peter James Davies: The Complete Book of Tractor & Trucks, 2000 Lorenz Books – p. 408
  13. ^ Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri – p. 11
  14. ^ Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri – p. 128 - 129
  15. ^ Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri – p. 146 - 147
  16. ^ a b Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri – p. 10
  17. ^ Raffaele Sanguineti, Carlo Felice Zampini Salazar: IVECO Story. The world of Transport, 1994 Norden Publishing House Ltd. – p. 230
  18. ^ a b c Fiat Industrial Official website http://fiatindustrial.com/it-IT/group/history/iveco/Pagine/iveco_1995_2004.aspx
  19. ^ Massimo Condolo: IVECO 1975-2005, 2005 Fondazione Negri – p. 10
  20. ^ John Carroll, Peter James Davies: The Complete Book of Tractor & Trucks, 2000 Lorenz Books – p. 430
  21. ^ Petr Pavlinek: A Successful Transformation?: Restructuring of the Czech Automobile Industry, 2008: Springer – p. 151
  22. ^ http://www.fptindustrial.com/FPTPressReleases/IT-IT/2005-2008/SAIC_24luglio2006.pdf
  23. ^ http://www.fiatspa.com/en-US/media_center/FiatDocuments/2006/GENNAIO/01_12_2006_FIAT_E_LE_OLIMPIADI_comunicato_stampa.ing.pdf
  24. ^ Iveco & All Blacks, quando il gioco si fa duro - Motori - Repubblica.it
  25. ^ MotoGP Official site http://www.motogp.com/en/sponsors
  26. ^ Ferrari Official site http://www.ferrari.com/italian/formula1/partner/fornitori_ufficiali/Pages/fornitori-ufficiali.aspx
  27. ^ iat Industrial Official website http://fiatindustrial.com/it-IT/group/history/Pagine/la_storia.aspx
  28. ^ Fiat Industrial website http://www.fiatindustrial.com/it-IT/media_center/press_release/FiatDocuments/20110919_FIV_IT.pdf
  29. ^ Dakar Official Website http://www.dakar.com/dakar/2012/us/stage-14/rankings/overall-trucks.html
  30. ^ Sito Ufficiale Iveco www.iveco.com
  31. ^ Fiat Industrial: nasce il nuovo brand 'Iveco Bus'
  32. ^ Sito Ufficiale Iveco Bus
  33. ^ Sito Ufficiale Iveco Astra http://www.astraspa.com/
  34. ^ Sito Ufficiale Iveco Magirus http://www.iveco-magirus.de/
  35. ^ Army-technology.com website http://www.army-technology.com/contractors/vehicles/iveco/
  36. ^ Sito Ufficiale Iveco Capital http://www.iveco.com/ivecocapital/content/index_ivecocapital.html
  37. ^ suzzara, Iveco Daily. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  38. ^ Iveco investe 70 milioni a suzzara (lombardia). URL consultato l'8 febbraio 2014.
  39. ^ produzione Eurocargo a Brescia. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  40. ^ stralis hi way - truck of the year 2013. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  41. ^ prova stralis. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  42. ^ Iveco alla Dakar con il Trakker. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  43. ^ (EN) commissione secondaria Iveco Daily a Valladolid. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  44. ^ Lo stabilimento di Vittorio Veneto non è fra i 5 che chiudono nel 2013. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  45. ^ riferimenti stabilimento Astra di piacenza. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  46. ^ documentazione ref sofim. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  47. ^ motori diesel sofim. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  48. ^ nel 1998 la sofim festeggia la produzione di 2 milioni di motori. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  49. ^ nel 2013 fpt di foggia festeggia 6 milioni di motori. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  50. ^ mobilità sostenibile PSCL Iveco Torino. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  51. ^ iveco sedi impianti. URL consultato l'8 febbraio 2014.
  52. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p.99
  53. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 99
  54. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 111
  55. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 43
  56. ^ a b Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 66
  57. ^ Fiat Industrial 2011 Annual Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/investor_relations/financial_reports/bilanci/FiatDocuments/FI_Relazione_finanziaria_annuale_2011_FINALE_NIS_ENG.pdf - p. 67
  58. ^ a b Truck of the Year Official website http://www.truck-of-the-year.com/
  59. ^ Iveco Official website http://web.iveco.com/en-us/press-room/release/Pages/Dailypremi.aspx
  60. ^ Iveco
  61. ^ Fiat Industrial 2011 Sustainability Report http://www.fiatindustrial.com/en-US/sustainability/Documents/files/fi_eng_sostenibilita_sfogliabile_ott.pdf – p. 80
  62. ^ Truck of the Year Official Website http://www.truck-of-the-year.com/winners.html
  63. ^ Iveco
  64. ^ a b c d Bonfiglioli Consulting: Il Lean Thinking dalla produzione alla progettazione. Pensare snello in ufficio tecnico per innovare la progettazione e diventare più competitivi. 5 casi italiani di successo, 2010: Milano – p. 104
  65. ^ Iveco Official website http://web.iveco.com/en-us/press-room/release/Pages/IvecoTectorisBrazilian%E2%80%9CTruckoftheYear%E2%80%9D.aspx
  66. ^ Fiat Industrial Official website http://www.fiatindustrial.com/it-IT/group/awards/Documents/Fiatindustrial_Iveco_ITA.pdf
  67. ^ Van of the year website http://van-of-the-year.com/winners.html
  68. ^ Fiat Industrial Official website http://fiatindustrial.com/it-IT/group/history/iveco/Pagine/iveco_1985_1994.aspx
  69. ^ a b Truck of the Year website http://www.truck-of-the-year.com/winners.html

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]