Cloruro di cobalto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cloruro di cobalto
Cloruro di cobalto esaidrato
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CoCl2
Massa molecolare (u) 129,84
165,87 (diidrato)
237,93 (esaidrato)
Aspetto cristalli blu
viola (diidrato)
rossi (esaidrato)
Numero CAS [7646-79-9]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 3,356
2,477 (diidrato)
1,924 (esaidrato)
Solubilità in acqua 43,6 g/L (0 °C)
Temperatura di fusione 735 °C (1008 K)
140 °C (413 K, monoidrato)
100 °C (373 K, diidrato)
86 °C (359 K, esaidrato)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta pericoloso per l'ambiente tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 350i - 341 - 360f - 302 - 334 - 317 - 410
Consigli P 201 - 281 - 273 - 308+313 - 304+340 [1]

Il cloruro di cobalto è il sale di cobalto(II) dell'acido cloridrico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido rosa inodore. Per riscaldamento subisce una parziale disidratazione assumendo un colore blu-violetto. È un composto cancerogeno, nocivo, allergenico, pericoloso per l'ambiente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del cloruro di cobalto su IFA-GESTIS

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]