Cloruro di benzalconio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cloruro di benzalconio
Cloruro di benzalconio sul fondo di una provetta
formula di struttura
Nome IUPAC
miscela di cloruri di alchil-benzil-dimetilammonio
Nomi alternativi
alchildimetilbenzilammonio cloruro

benzalconio cloruro

Caratteristiche generali
Aspetto solido giallo deliquescente
Numero CAS [63449-41-2]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,98
Solubilità in acqua 4000 g/l a 20 °C
Temperatura di fusione 29 - 34 °C (302 - 306 K)
Temperatura di ebollizione >140 °C (>413 K) decomposizione
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo pericoloso per l'ambiente irritante

pericolo

Frasi H 302 - 312 - 314 - 400
Consigli P 260 - 301+330+331 - 303+361+353 - 305+351+338 - 405 - 501 [1][2]

Il cloruro di benzalconio (o benzalconio cloruro) è una miscela di sali di ammonio quaternari, più esattamente è una miscela di cloruri di alchil-benzil-dimetilammonio, in cui il gruppo alchile varia dall'ottile (C8H17-) all'ottadecile (C18H37-).

A temperatura ambiente è un solido giallo chiaro deliquescente (fonde a bassa temperatura), molto solubile in acqua, in acetone e in etanolo, dall'odore aromatico intenso.

Trova impiego principalmente come battericida e spermicida in numerosi preparati destinati all'uso quotidiano: disinfettanti, colliri, collutori, creme spermicide.[3][4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del cloruro di benzalconio su IFA-GESTIS
  2. ^ Smaltire in accordo alle leggi vigenti.
  3. ^ Bialcol MED
  4. ^ Antoral Gola

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia