Cloruro di afnio(IV)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cloruro di afnio(IV)
Reticolo atomico
Nome IUPAC
Tetracloruro di afnio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare HfCl4
Massa molecolare (u) 320,30
Aspetto Solido bianco cristallino
Numero CAS [13499-05-3]
Numero EINECS 236-826-5
Proprietà chimico-fisiche
Solubilità in acqua decompone in ossicloruro di afnio
Temperatura di fusione 319 °C (592 K)
Temperatura di ebollizione 1461 °C (1734 K)
Tensione di vapore (Pa) a 463 K 1,0
Proprietà tossicologiche
LD50 (mg/kg) 2362 mg/kg (orale ratti)
500 mg (derma conigli)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
Corrosivo
Frasi R 34

Il cloruro di afnio è un composto inorganico avente formula molecolare HfCl4. Questo solido incolore è il precursore di molti composti organometallici. Ha proprietà di acido di Lewis e catalizzatore per alcune reazioni di alchilaze e di isomeria. L'afnio al centro della molecola è presente in natura in piccole quantità, associato con minerali di Zirconio come lo zircone, cirtolite e la baddeleite. Nei minerali è presente una percentuale di ossido di afnio HfO2 pari a[1]:

  • Zircone: 0,05-2,0%
  • Critolite: 5,5-17,0%
  • Baddeleite: 1,0-1,8%

L'afnio e lo zirconio sono estratti insieme dai minerali perché sono molto simili come proprietà chimico-fisiche.

Sintesi[modifica | modifica sorgente]

L'HfCl4 è prodotto facendo reagire CCl4 con HfO2 oppure facendo la clorurazione di una mistura di HfO2 e carbonio a circa 600 °C o di polvere di HfC

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Ivan Edgar Newnham. Purification of Hafnium Tetrachloride. U.S. patent 2,961,293 November 22, 1960.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia