Cloruro mercurico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cloruro mercurico
Mercury-dichloride-3D-vdW.png
Contenitore con cloruro mercurico
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare HgCl2
Massa molecolare (u) 271,50 g/mol
Aspetto solido bianco
Numero CAS [7487-94-7]
Numero EINECS 231-299-8
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 5,44 (20 °C)
Solubilità in acqua 74 g/l (20 °C)
Costante di solubilità a 298 K 1,45 × 10-18 
Temperatura di fusione 280 °C (553 K)
Temperatura di ebollizione 302 °C (575 K) (sublima)
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossicità acuta corrosivo pericoloso per l'ambiente tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 341 - 361 - 300 - 310 - 372 - 314 - 410
Consigli P 301+310 - 303+361+353 - 305+351+338 - 361 - 405 - 501 [1][2]

Il cloruro mercurico, conosciuto anche come sublimato corrosivo è il sale di mercurio (II) dell'acido cloridrico.

A temperatura ambiente si presenta come un solido bianco inodore. È un composto molto tossico, corrosivo, pericoloso per l'ambiente.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda del dicloruro di mercurio su IFA-GESTIS
  2. ^ Smaltire in accordo alle leggi vigenti.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]